Corriere dello Sport

Talent scout

Vedi Tutte
Talent scout

Doucouré, il Rennes dice no alle offerte della Premier

Doucouré, il Rennes dice no alle offerte della Premier

E' una mezzala, ha ventidue anni, ha giocato nella nazionale francese Under 21 e nelle ultime ore di mercato il Watford della famiglia Pozzo aveva messo sul tavolo sette milioni di sterline per portarlo in Inghilterra. Nel suo ruolo è uno dei giovani emergenti in Ligue 1.

 Stefano Chioffi

lunedì 14 settembre 2015 21:28

ROMA - Il Rennes ha rifiutato sette milioni di sterline: l’offerta del Watford, club inglese di proprietà della famiglia Pozzo, era arrivata nelle ultime ore di mercato. La risposta è stata negativa perché un po’ tutti, dal presidente René Ruello all’allenatore Philippe Montanier, sono convinti che il prezzo del cartellino di Abdoulaye Doucouré, ventidue anni, centrocampista, passaporto francese e origini maliane, sia destinato a moltiplicarsi nei prossimi mesi. E’ una mezzala, ha sfiorato il trasferimento in Premier League e viene seguito da tempo dagli osservatori di Giampaolo e Gino Pozzo, che controllano anche l’Udinese e il Granada. 

L’UNDER 21 - Forza atletica, corsa, resistenza: Doucouré cattura tanti palloni e li distribuisce con personalità. E’ stato nel giro della nazionale Under 21, ora è nella lista dei talenti che vengono studiati dal ct Didier Deschamps. E’ già pronto per il salto di qualità: il Watford aveva fiutato l’affare, ma il Rennes ha chiuso la porta. Tutto rinviato alla prossima estate. Completo e moderno: Doucouré si fa largo, tampona e costruisce, copre e si inserisce, ha segnato tre gol nello scorso campionato e ha firmato sei assist. Piace al Watford, al Crystal Palace e all’Aston Villa. E’ uno dei giovani leader del Rennes, che può contare anche su un altro talento in costante ascesa, l’attaccante esterno Paul-Georges Ntep, mancino, classe 1992, nato in Camerun ma cresciuto in Francia e già convocato da Deschamps. 

L’EXPLOIT - Il Rennes è secondo in classifica, dopo cinque giornate. Dodici punti, quattro vittorie consecutive (Montpellier, Olympique Lione, Tolosa, Nantes) e una sconfitta al debutto contro il Bastia (1-2). Montanier è un ex portiere ed è uno dei tecnici più stimati in Ligue 1. Ha lavorato in passato anche sulla panchina della Real Sociedad, ha cinquant’anni e ha disegnato il Rennes con un 4-3-3 che diventa un 4-5-1 in copertura. Applicazione e sacrificio: il Rennes è compatto, si muove con ordine, ha realizzato nove gol e ne ha subiti quattro. Ha un punto in meno del Psg, che è stato fermato in casa - nell’ultimo turno - dal Bordeaux (2-2). Montanier è arrivato al Rennes nel 2013 e ha svolto un ruolo decisivo per la scalata di Doucouré, che ha iniziato la carriera nelle giovanili del Les Mureaux e si è legato poi a tredici anni al club rossonero, scoperto da Mickaël Pellen.

LA SCHEDA - Sessantuno presenze e dieci gol in campionato, quarantanove gare da titolare, dodici sostituzioni fatte. In questa stagione, Doucouré ha giocato due partite ed è rientrato da un infortunio domenica scorsa in occasione della vittoria per 2-0 contro il Nantes, firmata da Paul-Georges Ntep, velocissimo in contropiede, e dal centravanti Giovanni Sio, ventisei anni. Indossa la maglia numero otto, può fare la mezzala destra in un centrocampo a tre oppure il mediano-regista davanti alla difesa. E’ nato il primo gennaio del 1993 a Meulan-en-Yvelines, è alto un metro e 82, pesa 69 chili e contro il Nantes ha costruito il gol di Sio. Ha debuttato in Ligue 1 il 27 aprile del 2013: a lanciarlo fu l’allenatore Frederic Antonetti nella gara vinta in trasferta per 2-0 contro il Brest. Nelle giovanili del Rennes è stato seguito dai tecnici Franck Haise e Regis Le Bris. Ha sottoscritto a diciotto anni il suo primo contratto da professionista dopo aver superato un infortunio ai legamenti crociati. Ha un accordo con il Rennes fino al 30 giugno del 2017, ma i dirigenti gli hanno già proposto il rinnovo.

Per Approfondire

Commenti