Ninga, che scalata: il Montpellier e la Top 11 di “France Football” partendo dal calcio di strada

E' un centravanti, ha 23 anni, è nato nella Repubblica del Ciad, ma il club francese lo ha scoperto in Gabon nel 2015. Il Montpellier lo ha acquistato per 75.000 euro: Ninga ha segnato sette gol nello scorso campionato francese e nell'ultimo turno di Ligue 1 ha realizzato una tripletta contro il Dijon.
Ninga, che scalata: il Montpellier e la Top 11 di “France Football” partendo dal calcio di strada
Stefano Chioffi

ROMA - E’ un figlio del calcio di strada, ha cominciato a giocare sull’asfalto, a N’Djamena, capitale della Repubblica del Ciad, Africa centrale, lingua francese e araba. Casimir Rodrigue Ninga può diventare il nuovo affare del Montpellier, che lo ha preso nel 2015 spendendo 75.000 euro. E’ un centravanti, gioca in Ligue 1 e nell’ultimo turno di campionato ha realizzato una tripletta contro il Dijon. Ha ventitré anni, sogna una carriera alla Drogba ed è emigrato presto da casa sua, da N’Djamena. Famiglia numerosa, cinque fratelli e tre sorelle. Partite infinite, nel suo quartiere, fino a quell’incrocio fortunato con un dirigente che lo aveva portato al Renaissance, club di N’Djamena: era il 2011. Talento ruvido, da sgrezzare, Ninga. E poi nel 2013 un biglietto aereo per il Gabon: un contratto firmato con il Mangasport, due scudetti vinti, il titolo di capocannoniere del campionato nel 2015 con dieci gol. Lo cercava il Laval, serie B francese. Ma i suoi dvd erano anche sulla scrivania di Louis Nicollin, presidente del Montpellier, che decise di chiudere la trattativa. 

LA STORIA - Ninga supera subito l’esame, comincia a giocare dal 18 ottobre del 2015, quando l’allenatore Rolland Courbis lo fa esordire in Ligue 1 sul campo del Bordeaux (0-0): 59 minuti al posto dell’infortunato Joris Marveaux. Sette gol e quattro assist in ventisei presenze: si sblocca alla seconda partita contro il Bastia (2-0, 24 ottobre), timbra due doppiette nelle sfide con l’Olympique Lione e l’Olympique Marsiglia. Destro naturale, prima o seconda punta, oppure esterno nel 4-2-3-1, continua a essere protagonista anche dopo l’arrivo in panchina di Frederic Hantz. E’ alto un metro e 84, pesa 75 chili, è un destro naturale, ha firmato un contratto fino al 30 giugno del 2020. 

DIECI GOL IN LIGUE 1 - Potente e veloce. Dieci gol in poco più di un anno: tre in questo campionato (otto presenze, 426 minuti in campo, due cartellini gialli). In Francia ha sempre segnato su azione. Indossa la maglia numero 29, ha trovato un’intesa perfetta con il trequartista algerino Ryad Boudebouz, classe 1990, seguito in passato dal Milan e dall’Inter. E’ nato il 17 maggio del 1993, è titolare della nazionale del Ciad: diciotto gare e cinque reti. “France Football” lo ha inserito qualche giorno fa nella formazione ideale dell’ottava giornata, accanto a Edinson Cavani, stella del Paris Saint Germain, autore di una doppietta contro il Bordeaux e capocannoniere della Ligue 1 con otto gol.

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti