Diogo Dalot, salgono a 431 i milioni spesi da Mourinho nel Manchester United
calcio
0

Diogo Dalot, salgono a 431 i milioni spesi da Mourinho nel Manchester United

Terzino destro, 19 anni, rivelazione nel Porto di Sergio Conceiçao. E' costato 22 milioni di euro, come previsto dalla clausola di rescissione. Il portoghese ha firmato un contratto fino al 2023.

ROMA - Quasi mezzo miliardo di euro: ecco la somma che emerge dai bilanci del Manchester United. Sono 431 i milioni di euro spesi sul mercato dai Red Devils da quando José Mourinho è stato ingaggiato nell’estate del 2016. Ottantadue sono stati investiti nelle ultime ore: sessanta per il brasiliano Fred, centrocampista della Seleçao, scoperto dall’Internacional di Porto Alegre e portato in Europa dallo Shakhtar Donetsk. Altri ventidue sono finiti sul conto in banca del Porto per il terzino destro Diogo Dalot, annunciato qualche ora fa dal Manchester United con un tweet: «A big welcome», un grande benvenuto, tradotto dal club anche in portoghese («bem-vindo») e arricchito dalle prime foto e da un video del giovane difensore con la maglia dei Red Devils. 

L’AFFARE - Dalot è il decimo acquisto della gestione Mourinho, che ha regalato ai tifosi di Old Trafford tre trofei in ventidue mesi: una Europa League, una Coppa di Lega e una Community Shield. Sul mercato ha speso 185 milioni nel 2016, 164 nel 2017 e 82 finora. José Diogo Dalot Teixeira, questo il suo nome completo, ha diciannove anni, è nato a Braga il 18 marzo del 1999 e ha appena vinto il campionato con il Porto di Sergio Conceiçao. Ha firmato un contratto fino al 2023 e il Manchester United ha inserito nell’accordo l’opzione di poterlo prolungare per un’altra stagione. 

I NUMERI - Sei presenze e due assist in “Primeira Liga” con il Porto, che non conquistava il titolo da cinque anni. Una partita da titolare in Champions contro il Liverpool (0-0), nel ritorno degli ottavi di finale. Il Manchester United ha versato al Porto i ventidue milioni della clausola di rescissione. E’ alto un metro e 83, pesa 75 chili, Mourinho lo ha visto giocare anche nella nazionale Under 21 e in passato lo aveva studiato nella Youth League. E’ cresciuto nel settore giovanile del Porto, ma ha cominciato l’avventura nella scuola-calcio di una piccola società che si chiama “O Fintas”, a Gualtar, in provincia di Braga: buona tecnica, scatto, progressione, assist, cross, personalità.

L’IDENTIKIT - João Cancelo e Dani Alves sono i suoi modelli. Ha fatto due esperienze in prestito al Dragon Force e al Padroense. E’ un terzino abituato a giocare in una difesa a quattro, però ha le caratteristiche per fare l’esterno anche in un centrocampo a cinque. Il primo tecnico a farlo allenare con la squadra maggiore del Porto era stato nel 2016 Julen Lopeteguei, attuale ct della Spagna.

Vedi tutte le news di Talent scout

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti