Saelemaekers, la carta in più del Milan

Esterno di centrocampo o terzino nel 4-4-2 di Pioli, 20 anni, quarto belga nella storia dei rossoneri: dal settore giovanile dell’Anderlecht all’esordio in Serie A contro il Verona.
Saelemaekers, la carta in più del Milan© LAPRESSE
Stefano Chioffi

ROMA - Ha preso un taxi e ha raggiunto l’aeroporto di Bruxelles, aveva già in tasca il biglietto per Linate, aspettava solo che il Milan definisse gli ultimi dettagli del passaggio di Suso al Siviglia. Tra prestito e obbligo di riscatto, Alexis Saelemaekers è costato sette milioni al club controllato da Paul Singer e dalla sua Elliott Management Corporation: ha vent’anni, è il quarto belga nella storia del Milan, il più famoso è stato il terzino Eric Gerets, preso nel 1983 dal presidente Giussy Farina e considerato uno dei leader della nazionale del ct Guy Thys che nel 1980 sfiorò la conquista dell’Europeo, perdendo la finale con la Germania Ovest di Hansi Müller, Bernd Schuster, Karl-Heinz Rummenigge e Horst Hrubesch. Il primo, invece, risale addirittura al 1910: si chiamava Louis Von Hege e il Milano lo aveva ingaggiato dal Royal Union Saint-Gilloise. Un belga, in maglia rossonera, mancava dal 2000: solo una presenza in A per Drazen Brncic, un mediano che però sarebbe entrato qualche mese più tardi nell’operazione legata all’arrivo di Andrea Pirlo dall’Inter, in un gioco di incastri legato a un ambiente del calcio che cominciava a scoprire la fonte delle plusvalenze.

LE SOLUZIONI - Saelemaekers è un centrocampista di fascia destra: non è un’ala pura, pochi ricami e tanta sostanza sulla fascia, corsa ed equilibrio, è in grado di adattarsi anche al ruolo di difensore esterno, sfruttando la sua abilità nella lettura di ogni situazione a livello tattico. La sua specialità sono i cross, si ispira a Thomas Meunier, terzino belga del Paris Saint Germain. Il Milan lo studiava da quasi un anno, è stato scelto da Zvonimir Boban: Alexis Saelemaekers è cresciuto nell’Anderlecht, è nato a Berchen-Sainte-Agathe il 27 giugno del 1999, è alto un metro e 80, ha debuttato subito in serie A giocando tredici minuti contro il Verona (1-1). Pioli lo considera la prima alternativa a Samu Castillejo, rispolverato dal tecnico dopo l’arrivo di Ibrahimovic e la decisione di passare al 4-4-2, e una valida soluzione come vice di Calabria.

DUE GOL - Saelemaekers è uno dei talenti del Belgio Under 21, guidato da Johan Walem, ex play dell’Udinese e del Torino. Si è fatto apprezzare dal Milan nonostante la deludente stagione dell’Anderlecht, ottavo in classifica e impegnato in una complicata ricostruzione, affidata prima a Vincent Kompany, scelto come allenatore-giocatore in coppia con Simon Davies, e poi a Frank Vercauteren, con l’ex City riportato a tempo pieno al centro della difesa. Sedici presenze, due gol (allo Standard Liegi e al Cercle Bruges) e due assist nella Jupiler Pro League, cominciata un po’ ai margini con Kompany, anche a causa di un problema muscolare. Ma il feeling con Vercauteren, che alla fine di gennaio ha scommesso sul riscatto dell'ex juventino Marko Pjaca (arrivato in prestito), è scattato in modo più naturale. L’ambizione non gli manca e nel Milan ha già trovato il suo nuovo maestro: Ibrahimovic.

Mister Calcio Cup europei

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti