Ferrari, Sainz sogna il titolo. E Binotto lo sveglia

Lo spagnolo ossessionato dal successo che non arriva. Carlos: "Voglio vincere ogni gara", Il capo della Ferrari: "Contiamo su di lui per la classifica costruttori"
Ferrari, Sainz sogna il titolo. E Binotto lo sveglia© EPA
4 min
Fulvio Solms

«Il tuo giorno arriverà». Con questo messaggio ad accompagnare l’immagine di Hamilton che abbraccia Sainz subito dopo il GP del Canada, la Mercedes ha voluto consolare Carlos della vittoria mancata. Perché proprio così è andata: oltre alla sesta vittoria di Verstappen, Montreal ha mandato in scena una surreale contraddizione tra Carlitos nero per il secondo posto e Lewis entusiasta per il terzo. Questione di prospettiva. Nelle successive interviste, poi, Sainz s’è mostrato scuro in volto: un atteggiamento anche giusto per un pilota che è perennemente insoddisfatto di sé stesso e alza di continuo l’asticella da saltare, ma poi le sue parole hanno mostrato uno stato d’animo carico di insidie.

Ossessione

A Carlos i secondi posti pesano tremendamente perché li vive come vittorie mancate. Ne ha messi in fila cinque, due dei quali – Monza 2020, vinta da Gasly, e questo di Montreal – gli bruciano oltre misura. Il rischio, a questo punto, è che non aver ancora vinto (non gli succede da quasi tremila giorni: ultima volta il 28 settembre 2014 in Formula Renault 3.5 Series) possa trasformarsi per lui in un’ossessione capace di produrre solo tossine. Quando invece gli servirebbero endorfine.  «Ricordo che succedeva anche a me – ricordava di recente suo padre – Mi sembrava di non poter vincere, poi arrivò la prima volta, mi resi conto di saperlo fare e mi sbloccai». Lo stesso Carlos senior, fenomeno dei rally e in versione attempata nei raid desertici, ci ha spiegato: «Di Carlitos dicono sempre che sia un grande lavoratore, ma sembra quasi che con questa osservazione vogliano negargli il talento. Lo facevano anche con me, quando pareva che non volessero riconoscermi delle doti naturali». Senior, insomma, ci mette la faccia e in questa eguaglianza lui-come-me vorrebbe garantire per le qualità del figlio.
 
Nel dopo GP in Canada, intervistato, Carlitos ha pronunciato la parola «vincere» più di quanto non faccia normalmente Ibrahimovic. E quando davanti al microfono di Sky, con riferimento al secondo posto, gli è stato detto “Dai, è una bella sensazione...”, apriti cielo.  «Noooo, volevo vincere. Mi sento un po’ meglio ma voglio la vittoria, la sento vicina. Ho provato di tutto per prendere Verstappen. Io quella vittoria la voglio più di tutti i tifosi a casa».

Domanda scivolosa

Poi è arrivata una domanda scivolosa, parente stretta del “sei disposto ad aiutare Leclerc?”. Non era quella ma “Credi nel Mondiale per la Ferrari?“ 
«Ci credo per la Ferrari, per Charles e per me». Poi, un supplemento di chiarezza: «Due settimane fa, quando vi ho detto che ragionerò gara per gara, si è capito che io non lotti per il Mondiale. Ma si è capito male. Ragionerò gara per gara perché io ogni gara voglio vincerla, e se questo mi porterà al Mondiale andrà benissimo. Può darsi che aiuterò Charles e la Ferrari, ma so che vincere ogni corsa porta al Mondiale. E’ questo che voglio fare».  Perdonate le ripetizioni, ma insomma: vincere, vincere, vincere; Mondiale, Mondiale, Mondiale. Da questo loop non s’esce. Mattia Binotto gli ha risposto con messaggi piuttosto chiari. Sulla ragione per cui non ce l'ha fatta: «E’ un po’ un peccato perché ne avevamo di più, credo che Carlos abbia pagato la qualifica». Sulle sue aspettative con vista sul titolo: «Sta migliorando e mi fa piacere poter contare su di lui per la corsa nel campionato costruttori». Tutto serve oggi, in Ferrari, tranne due piloti che si rubino punti a vicenda. 

 

Commenti