MotoGp, Mir sull'addio di Suzuki: "Non ce lo meritavamo, abbiamo dato tutto"

I piloti Suzuki parlano per la prima volta dopo il comunicato della casa di Hamamatsu. Rins: "È stato un momento drammatico"
MotoGp, Mir sull'addio di Suzuki: "Non ce lo meritavamo, abbiamo dato tutto"© EPA
TagsMotogprinsmir

ROMA - L'addio della Suzuki alla scuote la MotoGp. Joan Mir e Alex Rins sono stati raggiunti dai microfoni ufficiali del Motomondiale e hanno detto la loro sulla decisione della casa giapponese di lasciare il paddock a fine stagione. Il campione del mondo 2020 è stato colto di sorpresa: "È una situazione in cui nessuno vorrebbe essere. Abbiamo dato tutto per questo marchio e alla fine della stagione sarà tutto finito. Non è dura solo per me, ma anche per il team. Non ci meritiamo tutto questo, nessuno lo merita. Sono ufficialmente sul mercato e presto ci saranno novità. È stato inaspettato: stavamo trattando il rinnovo. La Honda? Il mio agente parlerà con tutti i team".

Le parole di Rins

Anche Alex Rins ha parlato dell'addio di Suzuki e del suo futuro: "Sono stati giorni impegnativi. Ci hanno avvisato durante Jerez, nessuno se lo aspettava. È stato molto drammatico. Ora vediamo che succederà ma siamo concentrati nel concludere al meglio la stagione. Al momento il mio manager non sta parlando con nessun team, è appena arrivato qui. Sentiamo la pressione di dover trovare una sella, ma siamo focalizzati sul 2022", ha infatti concluso il 26enne di Barcellona.

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti