SBK, Rea: "Per il titolo ci saremo, calendario a noi favorevole"

Nella prossima stagione di Superbike il sei volte campione del mondo proverà a riprendersi il titolo, vinto da Razgatlioglu
SBK, Rea: "Per il titolo ci saremo, calendario a noi favorevole"© Getty Images
TagsSbkreaRazgatlioglu

ROMA - Un impero durato dal 2015 al 2020, poi Jonathan Rea si è dovuto arrendere. La corona da campione del mondo in Superbike è infatti ora di Toprak Razgatlioglu, pilota turco, capace di interrompere le sei vittorie consecutive del nordirlandese classe 1987. Ora però che la stagione 2022 si avvicina, Rea prova a cancellare la lavagna, con l'incognita Covid sempre dietro l'angolo: "L'anno scorso - ha detto il pilota della Kawasaki al giornale inglese News Letter - ci sono state anomalie all'inizio e verso il finale. Il calendario sembrerebbe favorevole per noi e sono lieto di questo: a Jerez e Navarra (GP fuori dalla WorldSBK 2022, ndr) non ho mai brillato. Se faccio quello che so, allora per il titolo ci saremo anche noi". 

Duello in frenata

Lo stile di guida portato da Toprak Razgatlioglu, 26 anni, ha stupito lo stesso Jonathan Rea, chiamato ora alle contromisure: "Ho osservato le sue manovre a lungo e viene fuori che fa cose con la moto che io non riesco ancora a fare. Come frenare e curvare con la ruota posteriore sollevata". Il turco sembra poi avere una marcia in più anche sul rettilineo, merito soprattutto della Yamaha. Una velocità massima che però in Kawasaki è spesso difficile da sviluppare: "La potenza non si può trovare così, magicamente. Ci stiamo lavorando già in questi test invernali, ma ci sono tante aree in cui possiamo migliorare", ha concluso Rea.

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti