PanDakar, il pandino ce l'ha fatta, vincendo la sua Dakar

Nonostante le difficoltà e i guasti, Verzeletti e Cabini hanno portato a termine l'impresa, correndo i 9 mila km della Dakar 2017
PanDakar, il pandino ha completato la Dakar 2017
1 min

ROMA - In questo caso era ovviamente impossibile che Davide battesse Golia. Tutti sapevano già da prima di partire che una Panda non avrebbe mai potuto tenere il passo delle Peugeot 3008 DKR o delle Toyota Hilux, pilotate da campioni come il vincitore Stephane Peterhansel. La vittoria era arrivare al traguardo e la missione è stata compiuta con successo, nonostante mille difficoltà e la rottura del cambio e di un giunto. 

PanDakar, il pandino ha completato la Dakar 2017
Guarda la gallery
PanDakar, il pandino ha completato la Dakar 2017

Giulio Verzeletti, pilota con all'attivo 15 Dakar tra moto, auto e camion, e Antonio Cabini, ben 20 Dakar all'attivo, sono arrivati a Buenos Aires pagando un ritardo di oltre 77 ore da Peterhansel, ma aver superato le 12 tappe, attraversando Paraguay, Bolivia (dove hanno troavto un meteo proibitivo) e Argentina percorrendo 9.000 km, è comunque un'impresa memorabile. Riuscita grazie al preziosissimo contributo di Nicola Montecchio che ha curato con successo l'intero aspetto motoristico, in particolare quello legato alle elevate altitudini raggiunte e percorse durante l'intero raid, modificando il motore Fiat Multijet 2.0 da 180 cavalli per lavorare efficientemente anche con carenza di ossigeno.  
 
 

 

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti