/

Gare

Braccio teso sul podio, Severiukhin si scusa: "Mai sostenuto il nazismo, pronto a pagare"

Il giovane russo, che gareggiava sotto la bandiera italiana, afferma: "Mi hanno detto di colpirmi il petto per mostrare gratitudine"