Volkswagen Polo, svelato il restyling

Il Marchio tedesco presenta la versione aggiornata dell'ultima generazione della piccola di casa, il cui stile si ispira alla Golf
Volkswagen Polo, svelato il restyling
TagsVolkswagen PoloRestyling

Prima il teaser che ne annunciava il rinnovamento, poi la presentazione. Se i primi dettagli ci avevano fatto pensare che lo stile della nuova Volkswagen Polo andasse verso la direzione della Golf, al momento dello svelamento ci siamo resi conto che non si è certo trattato di un lavoro di "cosmesi", come spesso accade per i restyling.

Ad esempio, la lunghezza è sì rimasta invariata a 4,05 metri, come pure la larghezza di 1,75 e l'altezza di 1,44, ma la vettura nella vista laterale mostra uno slancio maggiore, ciò è dovuto agli sbalzi ridotti in seguito a un aumento del passo che sale a 2,564 metri da 2,469.

Sempre in tema di look che ha riflessi sui contenuti tecnici, va ricordato che in un frontale ampiamente rivisto, abbiamo un'esile fascia luminosa a LED che fa da collegamento tra i nuovi gruppi ottici a LED, di serie su tutta la gamma, che a richiesta possono essere anche con tecnologia a matrice di LED. L'evoluzione stilistica ha riguardato, ovviamente, anche la parte posteriore che richiama anch'essa la Golf.

Volkswagen Polo: il restyling 2021
Guarda la gallery
Volkswagen Polo: il restyling 2021

Innalzamento dei contenuti

Nella ridefinizione della gamma, che prevede, oltre alla versione di accesso, Life, Style, ed R-Line, si nota che l'innalzamento dei contenuti ha fornito una buona dotazione già all'entry level che dispone, ad esempio, di digital cockpit da 8" e infotainment con monitor da 6,5". Mentre, salendo nella gamma troviamo: il digital cockpit da 10"25, l'infotainment, basato sul software MIB3, con il monitor da 8", con compatibilità Appla Car Play e Android Auto.

Assistenza alla guida di livello 2

L'evoluzione dei contenuti tecnici ha portato a proporre, a richiesta, pacchetti come il Travel Assist che offre, tra l'altro, cruise control predittivo e adattivo, il mantenimento attivo della corsia e la frenata d'emergenza. La Polo garantisce così un'assistenza alla guida di livello 2, fatto inusuale per una vettura di questo segmento.

Metano e presto GTI

Escono dal listino i propulsori a gasolio, mentre si continua a puntare sull'alimentazione a gas naturale, sono state inoltre escluse forme di elettrificazione, incluso il semplice mild-hybrid. Così l'offerta motoristica per il lancio prevede il tre cilindri di 1.0 litro con potenze di 80 cv (aspirato), 95 e 110, questi ultimi turbo. Il cambio DSG a doppia frizione con 7 rapporti è disponibile come optional per la 95 cv, mentre è di serie sulla 110. Abbiamo inoltre la TGI, alimentata a metano, che dispone di una potenza di 90 cv. In una fase successiva, arriverà una GTI con circa 200 cv.

Aspettando settembre

Per vedere le prime consegne si dovrà attendere la fine dell'estate, in stand-by è anche il listino ufficiale. Va però detto che, dal tono con cui nella conferenza di presentazione è stato sottolineato che il prezzo di partenza in Germania sarà di 16.000 euro, c'è da aspettarsi un listino... aggressivo, specie se si pensa che l'attuale gamma ha un'entry level proposta a 18.250 euro.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti