Schumacher, la Jordan 191 dell'esordio a Spa è in vendita all'asta

La vettura su cui il Kaiser disputò prove, qualifiche e inizio gara del GP del Belgio 1991 è in vendita su Speedmaster Cars a un prezzo da capogiro
Schumacher, la Jordan 191 dell'esordio a Spa è in vendita all'asta
3 min
TagsMichael SchumacherJordanF1

"Basterà" spendere 1,25 milioni di sterline, ovvero poco meno di 1,45 milioni di euro, per portarsi a casa la prima auto di Michael Schumacher. No, non stiamo parlando di una vettura di serie, bensì della sua prima monoposto di F1, la Jordan 191 del team 7Up, con cui disputò il GP del Belgio 1991, debuttando nel mondo del Circus. La macchina è infatti all'asta da Speedmaster Cars.

All'asta la prima Jordan di Michael Schumacher
Guarda la gallery
All'asta la prima Jordan di Michael Schumacher

A Spa l'inizio della leggenda

La storia è celeberrima, tra gli appassionati di F1. Bertrand Gachot, pilota belga della Jordan, che si fa arrestare a Londra dopo un alterco con un tassista, la scuderia irlandese che si ritrova senza una figura da affiancare ad Andrea De Cesaris e che paga 150mila dollari la Mercedes per farsi dare "in prestito" un giovane pilota di Kerpen, abilissimo nei prototipi, che ancora non sapeva sarebbe diventato un giorno un 7 volte campione del mondo.

Per il Belgio, la scuderia aveva preparato 3 telai, il numero 4, il 5 e il 6. La carriera di Michael Schumacher ebbe così inizio sullo chassis n.5 e con il numero 32 sulla livrea color verde e blu, considerata da molti fan e addetti ai lavori una delle più belle della storia della F1. Su quella monoposto ottenne un tempo migliore di De Cesaris nelle prove libere, così veloce da spingere il pilota italiano a scartare la sua vettura, quella preprarata sullo chassis 6 convinto avesse problemi, e farsi allestire per la gara il telaio n.4, deputato all'inizio come riserva. Ma era una questione di piede, non di macchina... Perché a causa di una perdita d'acqua, Schumacher proseguì poi sul n.6 e concluse le FP1 su quella monoposto scartata da De Cesaris davanti al pilota italiano, all'epoca considerato uno specialista di Spa. La prestazione del giovane di Kerpen fu strabiliante anche in qualifica: settimo tempo, con De Cesaris 11esimo. Peccato che in gara fu costretto a ritirarsi dopo pochi metri a causa di un guasto alla frizione. Ma a Spa la leggenda era già cominciata.

In ottime condizioni

La 191 telaio numero 6 appartiene attualmente a James Hanson. Si presenta in ottime condizioni, con la sua livrea 7Up e il suo V8 Ford Cosworth. Per i (facoltosi) potenziali proprietari, è tempo di scaldare i motori e prepararsi a una sfida a colpi di rilanci.

F1 2020, alla guida di tutte le monoposto iridate di Schumi VIDEO

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti