Incidenti auto, lo studio: casalinghe spericolate

I dati emergono da VertiMovers, l’Osservatorio mensile sulla mobilità nel nostro Paese della compagnia assicurativa Verti, che segnala per le casalinghe un indice di sinistri pari al 4,6%
Incidenti auto, lo studio: casalinghe spericolate
Tagsincidenti autocasalimghevertimovers

Milioni e milioni di automobilisti percorrono ogni giorno centinaia di chilometri sulle strade italiane. Ognuno di loro, ovviamente, lo fa con abilità al volante personalissime e diversificate che in maniera più o meno incisiva vanno a gravare di conseguenza sulle performance di guida.

A tal proposito, dunque, VertiMovers - Osservatorio mensile sulla mobilità nel nostro Paese della compagnia assicurativa Verti – ha stilato un report sull’andamento della mobilità nel nostro paese e sulle relative categorie alle quali appartengono i guidatori italiani più virtuosi e quelli più spericolati.

Andiamo a scoprirli insieme.

Scadenza patente: prorogata la validità fino al 2022 con lo stato di emergenza

Podio "spericolati": Millennials vs. Casalinghe vs. Ecclesiastici 

Indifferentemente dal genere, secondo VertiMovers, la frequenza di sinistri per i cosiddetti driver lover è del 3,3%. Se, però, per le donne il dato si riferisce alla fascia d’età 35-39 anni, per gli uomini la cautela è sinonimo di maggiore età, visto che il dato si riferisce alla “classe” 45-49 anni. Va da se, quindi, che gli adulti - in generale quelli compresi dai 35 ai 54 anni - si confermano come gli automobilisti più abili.

Discorso assai diverso per i ragazzi e le ragazze della cosiddetta Generazione Z, con età compresa tra i 18 e i 24 anni e per gli anziani over75. La situazione emersa dalla ricerca, infatti, stabilisce per i primi un tasso di sinistri del 7,6% e per i secondi un buon 5,1%. Seguono a ruota i trentenni, o Millennials, il cui tasso di sinistri si attesta al 4,9%.

Dulcis in fundo, tra le categorie professionali, la ricerca dell’Osservatorio fa emergere un dato alquanto bizzarro. Con un indice di sinistri pari al 4,6%, infatti, tra gli automobilisti più “spericolati” troviamo le casalinghe tra i 45 e i 49 anni di età. Un dato, questo, che mette la categoria quasi alla pari dei già citati Millennials e degli ecclesiastici (5,51%).

I più bravi al volante

Tra le categorie più virtuose al volante, conclude VertiMovers, troviamo poi i dipendenti pubblici (3,35%), gli operai (con il 3,4%) e le insegnanti (3,7%).

"Negli anni l’auto ha assunto un ruolo sempre più importante nelle nostre vite: ha ridefinito i nostri tempi e spazi, entrando di diritto nella nostra routine” – ha dichiarato Marco Buccigrossi, Direct Business Director di Verti. "Con la ripresa della normalità, gli italiani sono tornati a circolare in città e sulle strade a grande percorrenza, ognuno con le proprie caratteristiche, come emerge dal nostro Osservatorio. La diversità, in generale e in questo caso al volante, è sempre una ricchezza: il nostro invito è sempre quello di dosare il proprio stile di guida e il proprio carattere con una giusta quantità di prudenza”.

Via al Cashback pedaggi, ma Assoutenti denuncia troppe criticità

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti