Fering Pioneer, autonomia da record: 7000 km per il pick-up elettrico

Un motogeneratore alimentato a biodiesel in aggiunta ai 4 motori elettrici: ecco la trovata dell’ex ingegnere di McLaren e Ferrari Ben Scott-Geddes
Fering Pioneer, autonomia da record: 7000 km per il pick-up elettrico
TagsFering PioneerBen Scott Geddespick up

Si chiama Fering Pioneer, è una sorta di Hummer elettrico con l'aspetto da “veicolo militare” offroad ma dal cuore verde ed è stato realizzato (con progetto iniziato nel primo lockdown 2020) da Ben Scott-Geddes, ex ingegnere di McLaren, Caparo e Ferrari e fondatore del marchio inglese Fering Technologies. A spingere il veicolo dei motori elettrici a cui è stato aggiunto un piccolo motogeneratore alimentato a biodiesel che porta l’autonomia da 80 e 7.000 km. Della serie come risolvere il problema dell’autonomia per gli scettici delle auto a zero emissioni.

Bosch, tram più sicuri col nuovo sistema di assistenza alla guida

Range extender

Come portare l’autonomia così lontano? Dall’alto della sua esperienza, Ben Scott-Geddes ha progettato un powertrain formato da 4 motori elettrici alimentati da batterie al litio-ossido di titanato e collegati ai semiassi, la cui coppia complessiva è di 600 Nm. Ha poi aggiunto, come accennavamo qualche riga più su, un motogeneratore alimentato a biodiesel da 800 cc e 95 CV con la precisa funzione di range extender. Ma ci sono altre soluzioni a cui l’ex ingegnere Ferrari e McLaren sta pensando, come generatori capaci di funzionare con altri combustibili (l'etanolo o l’idrogeno su tutti).

Per l'offroad

Le misure sono quelle di un pick-up, lungo 5,5 metri e largo 2, ideali per muoversi fuoristrada. Fering Pioneer, infatti, è pensato soprattutto per i terreni difficili, dalle esplorazioni ai servizi d’emergenza, ed è per questo che presenta un assetto regolabile, un’altezza dal suolo di 80 cm e una capacità di guado di 1,4 metri. Per un totale di appena 1.500 kg a vuoto (in altre parole, il peso di una compatta). Per quanto riguarda la carrozzeria, quella di questo speciale pick-up elettrico è stata realizzata con un tessuto molto resistente e simile a quello utilizzato per gli scarponi da trekking. Perché questa scelta? Un tessuto del genere garantisce sia un maggiore isolamento termico che molti vantaggi in termini di costi di riparazione.

Quando lo vedremo? L’obiettivo di produzione è verso la fine del 2022, dopo tutti i collaudi dei prototipi, e con le consegne ai primi cliente subito a seguire. E il prezzo? Si parla di una cifra intorno ai 175mila euro.

FERCAM, arriva a Roma la prima motrice a metano da 72 quintali

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti