Olimpiadi

Vedi Tutte
Olimpiadi

Grand'Italia: le 28 medaglie di Rio valgono più delle 28 di Pechino e Londra

Grand'Italia: le 28 medaglie di Rio valgono più delle 28 di Pechino e Londra
© LaPresse

Dire no a Roma 2024 sarebbe un autogol incredibile

di Xavier Jacobelli

domenica 21 agosto 2016 22:36

Adesso che i Giochi della trentunesima Olimpiade sono finiti, è il tempo di celebrare l'Italia, nona nel medagliere, davanti anche al Brasile padrone di casa, soltanto tredicesimo. Otto ori, 12 argenti e 8 bronzi: 28 medaglie, tante quante a Pechino 2008 e a Londra 2012, cui si aggiungono 10 quarti posti e i podi negati a Tamberi, per infortunio e a Schwazer per una squalifica invereconda e scandalosa, alla base dello storico zero dell'atletica che da 60 anni non andava così male. Rispetto alle precedenti due edizioni, l'Italia ha collezionato un maggior numero di argenti (11) e tutto questo nonostante la frattura della clavicola di Nibali; la delusione patita da Federica Pellegrini, Arianna Errigo, Clemente Russo; il bronzo sfumato per un nonnulla da Vanessa Ferrari e dalle ragazze della ritmica.

Se i Giochi sono stati amari per la scherma, sono stati trionfali per il nuoto (straordinari il Settebello e il Setterosa), per non dire del tiro a segno e del tiro a volo (7 medaglie, di cui 4 d'oro, la metà esatta del bottino totale); dell'Italvolley che ha perso sì la terza finale olimpica, ma dal '96 si piazza sistematicamente fra le prime quattro. C'è dell'altro, c'è il fenomeno Paltrinieri; c'è lo storico argento del beach volley, per non dire di Basile, uomo copertina del judo; di Garozzo e Rossetti, su su sino a Campriani che, dicono gli esperti, se deciderà di gareggiare anche a Tokyo non avrà rivali. E magari anche a Roma 2024, anche se dicono che in Campidoglio spiri sempre più forte il vento del no alla candidatura italiana. Sarebbe un autogol incredibile, un vero schiaffo alla Grand'Italia di Rio.

Articoli correlati

Commenti