Il Pentathlon taglia l'equitazione: scoppia la protesta degli atleti

La decisione di eliminare la disciplina dalle Olimpiadi del 2028 non è stata accolta bene: ecco cosa sta accadendo
Il Pentathlon taglia l'equitazione: scoppia la protesta degli atleti© EPA
3 min
TagsOlimpiadiPentathlonEquitazione

ROMA - Una decisione clamorosa, che ha subito scatenato la protesta. A partire dalle Olimpiadi di Los Angeles 2028 l'equitazione, disciplina voluta da De Coubertin nel 1912 quando fondò questa specialità "per mostrare l'atleta totale", non farà parte del programma del Pentathlon. Oltre 650 atleti hanno chiesto le dimissioni del consiglio direttivo dell'organo di governo internazionale dello sport (Uipm), dichiarandosi "scioccati" dalla decisione di estromettere . Questo quanto riportato dal sito 'insidethegames', che ha elencato anche i nomi dei 667 firmatari della lettera di protesta, tra cui i campioni di Tokyo 2020, i britannici Joseph Choong e Kate French, la medaglia d'oro della Repubblica Ceca a Londra 2012 David Svoboda, la medaglia di bronzo a Sydney 2000 Kate Allenby della Gran Bretagna e il campione del mondo nel 1990 a Lahti, l'azzurro Gianluca Tiberti.

Pentathlon, fuori l'equitazione: la protesta

"Senza consultare i suoi atleti e le federazioni affiliate, il presidente dell'Uipm, Klaus Schormann, e il comitato esecutivo hanno minato 109 anni di pentathlon moderno, disciplina che comprende anche corsa, tiro, nuoto e scherma. Il Consiglio afferma di rispondere alle pressioni del Comitato olimpico internazionale. Siamo tutti consapevoli delle sfide che il pentathlon moderno deve affrontare ma dobbiamo guardare sempre al futuro e far andare avanti il nostro sport. Per questo le azioni dell'attuale presidente e del comitato esecutivo mostrano che abbiamo bisogno di un nuovo consiglio in grado di pianificare gli interessi a lungo termine dello sport, difendere i suoi atleti e proteggere il suo posto nei Giochi olimpici". Questa la lettera diffusa online, con l'Uipm che ha annunciato giovedì scorso di aver aperto una consultazione per trovare una disciplina sostituiva dell'equitazione, che potrebbe essere il ciclismo. La decisione è maturata anche dopo le scene riprese dalle telecamere alle Olimpiadi di Tokyo 2020, quando l'allenatrice tedesca Kim Raisner (poi squalificata) aveva colpito con dei pugni il cavallo che stava disobbedendo agli ordini di Annika Schleu, una delle favorite, impuntandosi e facendo sfumare il sogno di una medaglia. Il cavallo è sconosciuto e viene assegnato agli atleti appena venti minuti prima della gara, a volte troppo poco per familiarizzare. 

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti