Intervista al "Re del Betting", Riccardo Galli si racconta

Appassionato di sport, professionista competente. Conosciamo meglio il Tipster che da anni mette a disposizione la sua professionalità per la Community che lo segue
Intervista al "Re del Betting", Riccardo Galli si racconta© LAPRESSE
4 min

Da sempre appassionato di sport, Riccardo Galli è uno dei più apprezzati Tipster noto a tutti come “Il Re del Betting”. Conosciamolo meglio attraverso la sua "viva voce".

Ciao Riccardo, raccontaci come hai mosso i tuoi primi passi nel mondo dello sport e come poi hai avviato la professione di “Tipster”

Ciao a tutti! L’amore per lo sport e soprattutto per il calcio inizia per me da bambino, ero uno di quelli che usciva con il pallone in mano e lo trovavi in strada a giocare tra sanpietrini e porte attrezzate con cappotti o borse di scuola.
La mia passione però non è mai tramontata, già in tenera età grazie a mio padre ho frequentato stadi dagli anni 80’ in poi e mi sono goduto a pieno gli anni del grande calcio (e del grande tifo) con qualche ricordo di grandi campioni come Bruno Conti, Maradona, Van Basten. Seguivo anche tennis e basket americano (NBA).
Un’altra mia passione sportiva è legata all’ippica, grazie soprattutto ai ricordi che ho con mio nonno quando ero bambino e andavamo all’ippodromo insieme.
Il mio vero contatto lavorativo con il mondo dello sport avvenne quando diventai giornalista sportivo (pubblicista) ed iniziai a seguire tutto il calcio locale dilettantistico nel Lazio.
Ho iniziato a scrivere per varie testate sportive seguendo le gare sui campi di calcio.
Dopo un paio di anni sono arrivato ad avere una trasmissione tutta mia sul calcio locale in radio e questa nuova professione radiofonica mi ha portato (tra fine anni 90’ inizio anni 2000) a fare le radiocronache allo stadio Olimpico di Roma.
Qui ho avuto la fortuna di conoscere tantissimi campioni dello sport e partecipare alle conferenze stampa degli stessi.
Devo ammettere che anche in quel periodo lavorativo ho sempre avuto la passione per i pronostici, e con gli ottimi risultati conseguiti ho deciso di intraprendere la professione di “Tipster”. Una scelta coraggiosa ma che si è rivelata vincente.

Come è nata la scelta del nome “Il Re del Betting” e cosa ti differenzia dagli altri Tipster?
Il nome “Il Re del Betting” mi venne dato dalle tantissime persone che mi seguivano agli inizi degli anni 2000 quando sono stato uno dei primi a parlare di pronostici sportivi per puro divertimento.
In quel momento è nata la mia professione di “Tipster”, con i miei followers che ormai sono con me da più di 10 anni e continuano a seguirmi con reciproca soddisfazione.
Io a differenza di alcuni non mi sono mai permesso di garantire vincite a nessuno anche avendo risultati certificati da moltissimi anni. Un bravo Tipster per me deve garantire serietà e non omettere i risultati, anche quelli negativi. Inoltre deve saper motivare ogni pronostico fatto, poi sarà la gente a scegliere chi meglio crede.

Quali sono i tuoi progetti e ambizioni per il futuro?
Il mio progetto per il futuro è quello di far entrare sempre più persone nella mia Community e offrire loro divertimento, serenità con risultati soddisfacenti come faccio ormai da anni sui miei Canali. Sogni personali non ne ho, sono una persona che vive alla giornata e apprezza tutto quello che onestamente riesce a costruirsi con questa professione. La speranza personale invece è quella di non far mancare mai nulla ai miei tre splendidi figli che amo tantissimo, Francesco di 7 anni, ed i miei due gemellini Lucrezia Romana e Lorenzo arrivati da ormai un anno e mezzo. Desidero dare loro tutto il mio amore possibile, essere per loro speciale ed avere la loro stima per sempre.

Potete trovare Riccardo Galli, alias il Re del Betting, sui seguenti canali social:

Facebook: riccardo galli il re del betting

Instagram: ilredelbettingriccardogalli

Telegram: ILREDELBETTINGriccardogalli


Oppure, al numero Whatsapp 3501379748 per avere un contatto diretto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti