Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Serie A Bologna, Mihajlovic: «Salvi? Non ancora, bisogna battere il Milan»
© FOTO SCHICCHI
Bologna
0

Serie A Bologna, Mihajlovic: «Salvi? Non ancora, bisogna battere il Milan»

Il tecnico serbo: «Non parlo del mio futuro. La squadra non è così scarsa come si credeva, il merito è di Bigon»

BOLOGNA - Tre punti pesantissimi, quelli conquistati dal Bologna di Sinisa Mihajlovic contro l'Empoli, che ora viene ricacciato indietro per la gioia dei tifosi felsinei: "Non siamo salvi, ma diciamo che siamo a +9 perché abbiamo fatto meglio nello scontro diretto. Se lunedì vinciamo a Milano siamo salvi. Sono contento, nessuno due mesi e mezzo fa immaginava questo. Ora dobbiamo continuare così, non ci rilassiamo e cerchiamo di prendere più punti possibili". Sinisa non si sbottona sulla salvezza: "Ripeto quello che dico da due settimane, io non parlo del futuro. Il mio futuro è la prossima partita. Sono venuto qua per fare bene e salvare il Bologna, sono contento per i tifosi, i ragazzi e la società. Oggi lo stadio era pieno e anche i nostri tifosi iniziano a divertirsi, è una soddisfazione che posso prendermi. Prima la salvezza, poi ci si parla e capiremo poi meglio. Finché non ci salviamo rimaniamo con i piedi per terra. Da martedì saremo concentrati sul Milan e cercheremo di fare il meglio".

Mihajlovic: "Contro l'Empoli non sarà decisiva"

GRAZIE A BIGON - Ora sembra che la squadra rossoblu sia da Europa: "Mi piace sottolineare questo e sono contento per Bigon perché è stato messo in dubbio il suo lavoro. Questa squadra non è cosi scarsa come sembrava e i meriti vanno dati anche a lui. La squadra non era da retrocessione e poteva dare di più. In nove giornate siamo i primi in classifica, sicuramente nessuno se lo aspettava. Nemmeno io. I ragazzi hanno sempre creduto in quello che facevano. Sono maturati sia dal punto di vista individuale che collettivo. Noi cercheremo sempre di lavorare e mettere input sulle cose nostre. Noi pensiamo all'80% a quello che facciamo. Abbiamo sempre giocato bene e per vincere, anche contro le squadre superiori. A Roma meritavamo nettamente di vincere, abbiamo perso, con la Juve anche. Noi cerchiamo sempre di imporre il nostro gioco per vincere, no per non perdere".

Tutte le notizie di Bologna

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

In edicola