Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

C'è Saputo per blindare Mihajlovic
© LAPRESSE
Bologna
0

C'è Saputo per blindare Mihajlovic

Il presidente del Bologna è in città: martedì vuole tornare in Canada con il sì del tecnico al prolungamento contrattuale

BOLOGNA - L’opera di convincimento di Joey Saputo nei confronti di Sinisa Mihajlovic è cominciata ieri all’ora di pranzo, poi è continuata nel pomeriggio quando tra il proprietario del Bologna e l’allenatore che gli ha consentito di evitare un mezzo disastro economico e anche l’umiliazione di una caduta in serie B c’è stato il primo faccia a faccia. Sufficientemente informale a dire la verità, perché l’incontro che può decidere l’eventuale permanenza di Sinisa a Bologna è programmato dopo la partita di domani notte contro il Napoli, precisamente domenica sera. Al termine della grigliatona di fine campionato a Casteldebole i due cominceranno a fare sul serio. 

Saputo è sbarcato al Marconi con moglie e figli attorno alle 10,30 e dopo un salto nel solito albergo del centro storico si è presentato a Casteldebole, dove lo stavano aspettando Luca Bergamini, Claudio Fenucci, Riccardo Bigon e Marco Di Vaio. Successivamente è arrivato (appunto) anche lo stesso Sinisa. Ora, che Mihajlovic sia tentato dalla voglia di restare a Bologna è sicuro, credeteci, con il cuore avrebbe già detto sì a Saputo, ma non vuole commettere questo errore e di conseguenza vorrà valutare bene sia quella che sarà la proposta tecnica e di contratto che gli garantirà il Bologna che quelle delle altre società. Ciò che Sinisa chiede al Bologna per farsi eventualmente convincere a rimanere a Casteldebole è diventato con il tempo un ritornello. Primo punto: la costruzione di una squadra che possa essere competitiva per agguantare un posto in Europa. Che in termini economici significa investimenti per una cinquantina di milioni di euro e acquisti assolutamente da non sbagliare. 

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO SULL'EDIZIONE ODIERNA DEL CORRIERE DELLO SPORT

Mihajlovic: "Ero certo ci saremmo salvati"

Tutte le notizie di Bologna

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

In edicola