Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Bologna, Mihajlovic:
© ANSA
Bologna
0

Bologna, Mihajlovic: "Futuro? Presto parlerò con la società"

Il tecnico: "Decideremo insieme con tranquillità e lucidità il da farsi"

BOLOGNA - "Un voto al mio percorso a Bologna? Prendere una squadra con un piede in B a fine gennaio e raggiungere la salvezza a metà gennaio, vincendo sette partite di fila e battendo il Napoli è sicuramente un capolavoro. Ora siamo decimi e speriamo di esserlo anche dopo le gare di domani. Siamo cresciuti partita dopo partita". Il tecnico del Bologna, Sinisa Mihajlovic, commenta così il campionato dopo il successo del Napoli: "Fa piacere a un allenatore quando il pubblico lo acclama, ma so anche che le cose posso cambiare rapidamente: bastano due partite, nel calcio non c'è riconoscenza, il mestiere è legato ai risultati. Io resto sempre lucido, è una bella cosa e ho ripagato il debito di 10 anni fa. Domani parlerò con la società, decideremo insieme con tranquillità e lucidità il da farsi. Abbiamo rimandato tutto a fine campionato, ora possiamo parlare con serenità. Anche quando vincevo non andavo sotto la curva, poi è giusto che i meriti se li prendano i giocatori. Al mio arrivo ho cercato di trasmettere alla squadra quello che voglio: cercare sempre di vincere, non per non perdere. La partita di Milano con l'Inter ci ha aiutati molto, il gruppo è cresciuto e ha preso consapevolezza dei mezzi., Hanno avuto fiducia, voglia di riscattare un brutto avvio di campionato, tirando fuori orgoglio e le qualità. La vittoria è del gruppo. Io ho sempre detto che la squadra è stata allenata bene, ma forse avevano poca intensità. Inizialmente abbiamo lavorato soprattutto su quello. All'inizio bbiamo avuto diversi infortuni, ma era normale. La squadra stava bene fisicamente e questo era anche merito di Inzaghi”.

Tutte le notizie di Bologna

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

In edicola