Bologna, Mihajlovic: "Palacio? Fossero tutti come lui..."

Il tecnico: "A volte fa bene, altre meno, ma non sbaglia mai atteggiamento. Crotone? Se andiamo sicuri di vincere perdiamo"
Bologna, Mihajlovic: "Palacio? Fossero tutti come lui..."© ANSA
TagsMihajlovicPalacioOrsolini

BOLOGNA - "Guardare dietro? Sì, l'obiettivo resta la salvezza. Una volta salvi vediamo cosa potremo fare". Lo ha dichiarato Sinisa Mihajlovic, allenatore del Bologna, in vista del prossimo impegno del campionato, contro il Crotone: "Mi interessa prima la prestazione, poi il risultato. Nelle gare negative è mancato l'atteggiamento mentale e io batto su questo. Abbiamo identità e principi che vanno accompagnati da un atteggiamento mentale alto, o sappiamo cosa succede. Crotone? E' nella nostra situazione di due anni fa: se andiamo sicuri di vincere perdiamo. Ora con Cosmi sarà battaglia e ci dovremo far trovare pronti. Giocano bene, hanno giocatori che possono metterci in difficoltà e un attaccante come Simy che ha fatto 12 gol in una squadra che ha 15 punti. Vuol dire che ha la stessa importanza che ha Lukaku per l'Inter. Non li dobbiamo sottovalutare. Poi se hanno 15 punti ci saranno dei motivi, ma noi non dobbiamo sbagliare atteggiamento. Derby tra chi si arrabbia di più con Cosmi? Perché io mi arrabbio? Mi arrabbio quando c'è da arrabbiarsi. Poi non so il suo atteggiamento".

Bologna show contro la Sampdoria: Ranieri è battuto
Guarda la gallery
Bologna show contro la Sampdoria: Ranieri è battuto

Salto di qualità

"Per il salto di qualità serve continuità: non fare un passo avanti e due indietro: non abbiamo mai vinto due gare di fila quest'anno, arriverà una prima volta. Le prestazioni arrivano solo con l'atteggiamento giusto. Quando c'è una grande prestazione, un atteggiamento mentale alto, viene anche il risultato. Non ho mai chiesto di vincere: voglio che i giocatori siano concentrati su atteggiamento e prestazione: senza non puoi vincere. Palacio? Lui non sbaglia mai atteggiamento. Fossero tutti come lui... a volte fa meglio o peggio, ma l'atteggiamento è sempre giusto. 

Soriano, Orsolini e la Nazionale

"Soriano, Orsolini e la Nazionale? Dovete chidere a Mancini. Vorrei che in Nazionale ci andassero tutti i miei, vorrebbe dire che stanno facendo bene. Soriano se lo meriterebbe per la continuità. Orsolini ha un po' di alti e bassi, si deve dare una svegliata per andare in Nazionale. Cosa accarà ai giovani nel prossimo mercato? E' una domanda da fare alla società, io alleno i giocatori che la società mi mette a disposizione, cerco di farli crescere, è il mio lavoro e lo trovo stimolante. Penso alla partita di domani e a quelle che restano. Svanberg? Ha ottime qualità, dopo tre anni è iniziato a sbocciare. Spero che possa migliorare sempre più, tre anni fa non c'era continuità. E' un processo che ha bisogno di tempo, alcuni crescono prima, altri dopo".

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti