Cagliari, mercato tra Nainggolan e prestiti

Per il patron Giulini oggi sono scarse le probabilità che il Ninja rimanga. Ma se ci saranno spiragli la trattativa partirà
Nainggolan: 3 pali/traverse© LAPRESSE

CAGLIARI«Sarà un mercato povero, fatto per lo più di scambi». Il presidente Tommaso Giulini lo ha detto qualche giorno fa e la sensazione è che, con tutte le difficoltà che tengono ancora appeso ad un filo il campionato, non sia andato molto lontano dalla realtà. E il clima generale interesserà anche il suo Cagliari visto che dopo i grandi investimenti fatti tra l’estate scorsa e l’arrivo di Gaston Pereiro a gennaio, il patron rossoblù ha già impegnato parecchie risorse con il grande rischio di averlo fatto quasi invano. Non solo alla luce di quanto è accaduto in Italia negli ultimi mesi, ma anche per l’andamento di una squadra che, dopo una partenza da applausi, si è un po’ smarrita, rischiando di vanificare sforzi e investimenti fatti a inizio stagione. Perdere troppe posizioni (sempre che si riprenda a giocare) significherebbe dare un colpo pesante alle casse sociali per i mancati introiti in vista del prossimo torneo e per questo le scelte saranno attente e votate al risparmio.

Serie A, solo pochi club non vogliono giocare: tutte le posizioni
Guarda la gallery
Serie A, solo pochi club non vogliono giocare: tutte le posizioni

Al lavoro

Normale che il presidente Giulini e i suoi collaboratori siano già al lavoro, pur in questo clima di grande incertezza, per iniziare ad abbozzare il Cagliari del futuro che sembra non poter prescindere dal suo leader, Radja Nainggolan. Arrivato in prestito gratuito l’estate scorsa, per convincere l’Inter a lasciarlo nell’Isola è necessario superare lo scoglio del costo del cartellino, tra i 15 e i 20 milioni di euro, oltre ad un ingaggio che sfiora i 4 milioni di euro a stagione. Se ci sono da fare sacrifici, il sodalizio rossoblù ci proverà ma l’incognita è grande e accompagnerà tutte le trattative, così come paventato dallo stesso Giulini qualche giorno fa. In casa rossoblù arriveranno i quasi 25 milioni di euro per l’ultima tranche del costo di Barella, ma serviranno per le altre operazioni ancora aperte (Nandez, Rog e Simeone) e difficilmente, senza un sensibile sconto, si potrà arrivare alla fumata bianca.

Leggi l'articolo completo nell'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio

Il Cagliari rinuncia a un mese di stipendio
Guarda il video
Il Cagliari rinuncia a un mese di stipendio

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti