Tennis
0

I tornei ATP si fermano: sei settimane di stop per l'emergenza coronavirus

Anche il tennis conferma la sospesione dell'attività a causa dei crescenti problemi di salute e sicurezza derivanti dallo scoppio globale di Covid-19. Cancellati i tornei di Miami, Barcellona e Montecarlo

I tornei ATP si fermano: sei settimane di stop per l'emergenza coronavirus
© EPA

ROMA - L'ATP ha annunciato una sospensione di sei settimane del tour di tennis professionale maschile a causa di crescenti problemi di salute e sicurezza derivanti dallo scoppio globale dell'emergenza coronavirus. La sospensione significa che non si terranno tutti gli eventi ATP Tour e ATP Challenger Tour programmati fino alla settimana del 20 aprile compresa. Dopo la cancellazione del torneo di Indian Wells, gli eventi ATP Tour interessati sono il Miami Open, il torneo di Houston, il Grand Prix Hassan II a Marrakech, il Rolex Monte-Carlo Masters, l'Open Banc Sabadell di Barcellona e l'Ungherese Open di Budapest. Come si legge dal comunicato ufficiale dell'Atp: "La sospensione di sei settimane arriva sulla scia della dichiarazione dell'Organizzazione mondiale della sanità che ha dichiarato il COVID-19 una pandemia globale e la restrizione di viaggio di 30 giorni annunciata dagli Stati Uniti per cittadini stranieri provenienti da 26 paesi europei. La sospensione segue numerosi ordini del governo locale su restrizioni, divieti o cancellazioni di raduni o eventi pubblici. L'ATP ha monitorato da vicino la situazione in rapida evoluzione relativa a COVID-19, consultando esperti medici e consulenti di viaggio e consultando tutte le autorità locali di regolamentazione, e verificherà costantemente la fattibilità degli eventi successivi nel calendario".

Gaudenzi: "Azione necessaria per proteggere la salute di tutti"

Il presidente ATP, Andrea Gaudenzi, ha dichiarato: "Questa non è una decisione presa alla leggera e rappresenta una grande perdita per i nostri tornei, giocatori e fan in tutto il mondo. Tuttavia riteniamo che questa sia l'azione responsabile necessaria in questo momento al fine di proteggere la salute e la sicurezza dei nostri giocatori, del personale, della più ampia comunità di tennis e della salute pubblica in generale di fronte a questa pandemia globale. La natura mondiale del nostro sport e i viaggi internazionali richiesti presentano rischi e sfide significativi nelle circostanze odierne, così come le direttive sempre più restrittive emanate dalle autorità locali. Continuiamo a monitorarlo quotidianamente e non vediamo l'ora che il Tour riprenda quando la situazione migliora. Nel frattempo, i nostri pensieri e auguri sono con tutti quelli che sono stati colpiti dal virus". La sospensione degli eventi ATP si svolge con effetto immediato, il che significa che i tornei ATP Challenger di questa settimana a Nur-Sultan, Kazakistan e Potchefstroom, Sudafrica, non possono essere completati.

Coronavirus: Pennetta e Fognini si fermano facendo le pulizie

Tutte le notizie di Tennis

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti