Bergamo fugge, cadono Taranto e Cuneo

La capolista supera in casa Santa Croce ed approfitta delle contemporanee battute d'arresto delle inseguitrici che escono sconfitte rispettivamente da Mondovì e Reggio Emilia. Vittorie anche per Castellana Grotte e Cantù
Bergamo fugge, cadono Taranto e Cuneo© Legavolley

ROMA- In A2 Maschile l’Agnelli Tipiesse Bergamo, superando in casa la Kemas Lamipel Santa Croce, scava un solco di dieci punti sulle inseguitrici approfittando delle sconfitte della Prisma Taranto, sul terreno di una sempre più convincente Synergy Mondovì, e della Bam Acqua S.Bernardo Cuneo caduta a Reggio Emilia. Nelle altre due gare fanno festa la BCC Castellana Grotte, vittoriosa sulla Gruppo Consoli Brescia, e la Pool Libertas Cantù, che nella sfida fra cenerentole batte la Cave Del Sole Lagonegro.

TUTTE LE SFIDE-

BCC CASTELLANA GROTTE-GRUPPO CONSOLI CENTRALE DEL LATTE BRESCIA-

Meglio in battuta, meglio in attacco, più precisa in ricezione, più solida a muro. Vittoria netta per la Bcc Castellana Grotte nella 15esima giornata del campionato nazionale serie A2 Credem Banca di pallavolo maschile: 3-0 (25-20, 25-23, 25-23) il risultato sul tabellino finale nella sfida con la Gruppo Consoli Centrale del Latte Brescia. Percentuali e statistiche convincenti per un Castellana che raccoglie la sua quinta vittoria consecutiva in casa, numeri eloquenti per un Brescia che paga forse eccessivamente l’assenza di Cisolla.

Roberto Cazzaniga top scorer con 13 punti per una Bcc che fa segnare anche 8 muri (3 di Patriarca) e 5 ace (tre di Ottaviani) di squadra. Carmelo Gitto chiude con il 78% in attacco, Ottaviani va 11 volte a referto (9 Gitto, 9 Rosso, 8 Patriarca). Ottima la prova di capitan Garnica, agevolato anche da una ricezione al 64% di positività (addirittura al 75% nel primo set). Galliani e Bisi con 13 punti a testa le note più positive per Brescia.

Gulinelli conferma la Bcc Castellana delle ultime uscite: Garnica in regia, Cazzaniga sulla sua diagonale, Rosso e Ottaviani da martelli, Patriarca e Gitto al centro, De Santis libero. Brescia risponde con Tiberti palleggiatore, Bisi opposto, Galliani e Bergoli schiacciatori, Esposito e Candeli centrali, Franzoni libero.

Parte bene Castellana: ace di Ottaviani e muro di Cazzaniga per il 4-2. Brescia tiene subito: muro di Tiberti e primo tempo di Candeli per il 7-7. Bisi chiude uno scambio infinito (10-10), Patriarca chiude il tap in su ricezione lunga di Brescia (12-10). Gitto strappa ancora per la Bcc: 15-11 prima e 19-13 poi, sempre in primo tempo. De Santis difende, ancora il 7 gialloblù a inchiodare il 20-15. Garnica di prima (21-16) e Patriarca a muro spingono Castellana, Ottaviani è ancora bravo in battuta: 22-18. Patriarca e Gitto chiudono il 25-20.

Meglio Brescia in avvio di secondo, complice qualche errore di troppo della Bcc: 3-7. Gulinelli se ne accorge e chiama subito tempo. Insiste Brescia con Galliani (4-10), due di Cazzaniga e il muro di Ottaviani per spezzare il break: 7-11. Cazzaniga e Bisi si sfidano per un paio di scambi (11-14), il muro di Gitto e il pallonetto di Rosso per completare il sorpasso a metà set: 16-15. Galliani scuote Brescia (17-18 prima e 19-20 poi), Cazzaniga riporta in ritmo Castellana (19-19 prima e 21-20 poi). Il finale è in bilico, lo stravolge un altro ace di Ottaviani per il 23-21. Galliani annulla il primo set ball (24-23), tocca di nuovo a Gitto chiudere il 25-23.

Galliani trascina Brescia in avvio: tre di fila per l’1-3. Dopo il time out di Gulinelli, ancora l’11 di Brescia, questa volta in block out: 2-7. Cazzaniga torna a referto di prepotenza: due ace e uno splendido pallonetto per l’8-8. Accelera Castellana a metà set: Gitto e Ottaviani per il 13-11, Patriarca a muro e Rosso dalla pipe per il 16-11. Brescia sbanda: tre errori di fila per il 20-15. Da Ottaviani lo sprint per il finale (21-17), da Patriarca il punto per cinque match ball (24-19). Galliani e Bisi eliminano i primi quattro, Rosso in diagonale piazza il 25-23.

IL TABELLINO-

BCC CASTELLANA GROTTE – GRUPPO CONSOLI CENTRALE DEL LATTE BRESCIA 3-0 (25-20,25-23, 25-23)

BCC CASTELLANA GROTTE: Garnica 1, Ottaviani 11, Patriarca 8, Cazzaniga 13, Rosso 9, Gitto 9, De Santis (L), Dall’Agnol, Zonta. ne Indellicati, Palmisano, Erati.All. Gulinelli

GRUPPO CONSOLI BRESCIA: Tiberti, Galliani 13, Candeli 5, Bisi 13, Bergoli 2, Esposito 7, Franzoni (L), Tasholli, Orlando, Cogliati. ne Crosatti (L), Tonoli, Ghirardi. All. Zambonardi

Arbitri: Autuori, Pasciari

NOTE: DIRATA 25’ 23’ 25’ TOT: 73’

AGNELLI TIPIESSE BERGAMO-KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE-

La prima delle due gare in programma con Santa Croce finisce per 3-0 (25-12, 25-22, 25-20) a favore dei padroni di casa, che sovrastano l’avversario imponendo il proprio gioco in tutti e tre i parziali, nonostante l’ottima reazione dei toscani con Colli e Sousa che rispondono ai colpi degli inarrestabili rossoblù. I toscani si scaldano sul finale del terzo set, dopo due parziali in cui il gioco bergamasco ha fatto il bello e cattivo tempo con un Santangelo scatenato e Finoli che si supera nei virtuosismi servendo palloni velocissimi e imprevedibili. Sul finale poi le astuzie di Pierotti regalano il vantaggio che proseguirà fino alla fine. Superiori in attacco con il 58%, i rossoblù si impongono anche a muro con 8 muri contro i 4 di Santa Croce.

Montagnani schiera Acquarone-Sousa in diagonale, Colli-Di Silvestre in banda, Festi- Copelli al centro, libero Di Silvestre

Agnelli Tipiesse comincia con Finoli-Santangelo i diagonale, Pierotti-Terpin in banda, Cargioli-Milesi al centro, D’Amico libero

Primo vantaggio per Bergamo con un buon turno di battuta di Milesi, 5-1, poi Cargioli con due attacchi potenti si porta sull’8-3. Milesi firma il 12-4.  Spettacolare attacco di Santangelo per il 14-5. Muro di Finoli su Di Silvesstre per il 17-6. Copelli ottiene il 9 punto ma di Cargioli il 20-9. tanti errori nelle fila di Santa Croce portano al 24-12, chiude Santangelo 25-12.

Nel secondo parziale c’è più equilibrio, si mantiene un punto a punto nella prima fase del set, con un paio di magie di Finoli in intesa con Cargioli. Il muro di Santa Croce si sistema e mura Terpin e successivamente Cargioli, ma Bergamo si mantiene sempre in vantaggio 13-11. Festi si tiene sempre attaccato a Bergamo con il 18-17, ma Terpin riallunga con un bell’attacco tra le braccia del muro toscano 20-17. Santa Croce si riavvicina con due muri, ma Terpin riporta sopra con una bella pipe 22-21, poi Milesi mura Copelli 23-21. Sousa tira out 24-21, chiude Santangelo 25-22

Il terzo parziale parte ancora all’insegna dell’equilibrio con Santa Croce che si porta avanti 7-8. Scambi lunghissimi in questo parziale 11-10. E’ con Pierotti che Bergamo esce dalla parità portandosi avanti 17-15 con un pallonetto e poi un bellissimo attacco in diagonale per il 18-15. Santangelo porta il 20-18, l’errore di Di SIvestre porta al 23-19.  Santangelo firma il 24-19.Chiude Terpin 25-20.

I PROTAGONISTI-

Juan Finoli (Agnelli Tipiesse Bergamo)- « Non è facile trovare le motivazioni per vincere ancora dopo 14 vittorie consecutive, ma queste si trovano sempre in palestra pensando al futuro, sappiamo che al termine di queste partite di andata si azzererà tutto per la seconda parte del campionato, la classifica ci dà fiducia, ma poi sarà tutto nuovo e sarà la cosa più importante del campionato ».

IL TABELLINO-

AGNELLI TIPIESSE BERGAMO-KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE 3-0 (25-12, 25-22, 25-20)

AGNELLI TIPIESSE BERGAMO: Milesi 4, Mancin,  D’Amico, Cargioli 6, Santangelo 12, Finoli 1, Terpin 16, Pierotti 8, N.E Ceccato, Sormani, Rota, Umek, Signorelli All. Graziosi

KEMAS LAMIPEL SANTA CROCE: Copelli 5, Sorgente, Sousa 7, Colli 9, Di Marco 1, Acquarone, Di Silvestre, ProsperiFesti 6, Cappelletti, N.E. Caproni, Sposato, Robbiati All. Montagnani

Arbitri: Armandola, Bassan

CONAD REGGIO EMILIA – BANCA ALPI MARITTIME ACQUA S.BERNARDO CUNEO-

Colpo a sorpresa della Conad Reggio Emilia che dopo la sconfitta di Taranto ritorna alla vittoria superando 3-1 la BAM Acqua San Bernardo Cuneo, terza forza del campionato, in un match di enorme importanza per entrambe le formazioni che si giocavano dei punti davvero pesanti. I ragazzi di Coach Mastrangelo iniziano la partita nella migliore delle maniere, con pochissimi errori gratuiti in un set molto teso sin dal primo pallone.
Con il recupero del libero Morgese, fermato da un piccolo problema fisico a Taranto, il capitano Andrea Ippolito torna nel suo ruolo di schiacciatore.
Reggio, grazie ad un buon inizio set, cerca subito di prendere il largo sfruttando gli attacchi dell’opposto Bellei.
Una Cuneo estremamente concentrata però annulla il mini parziale dei Reggiani arrivando al primo timeout sul punteggio di (7-8).

La squadra di coach Serniotti si dimostra un cliente molto scomodo e in grado di sfruttare alla perfezione le imprecisioni dei propri avversari.
L’opposto Wagner porta i suoi sul +3 (11-14) con una serie di ottime battute e un potente attacco in diagonale.
Reggio prova a risalire in un set molto combattuto grazie ad alcune ottime giocate dello schiacciatore Ippolito che prova a guidare la rimonta Conad.
È la formazione ospite però a dimostrarsi in controllo del set, sfruttando perfettamente l’asse Pistolesi/Wagner che mette in grave difficoltà la ricezione dei ragazzi di coach Mastrangelo.

È però un break guidato dallo schiacciatore Loglisci in battuta a ridurre lo svantaggio di Reggio che impatta Cuneo sul (17-17) e si riporta prepotentemente nel parziale.
Dopo una azione lunga e combattuta è un videocheck molto discusso a dare nuovamente il vantaggio a Cuneo interrompendo la serie di battute di un ottimo Loglisci.

Il match prosegue con le squadre in perfetta parità, con entrambe le formazioni che si scambiano bordate sia in battuta che in attacco.
L’ultimo timeout vede Reggio avanti con il punteggio di (21-20) con la squadra di casa che non riesce però ad assestare la spallata decisiva a questo parziale molto divertente e combattuto.
Cuneo infatti ricuce nuovamente lo svantaggio sfruttando le battute di Wagner e fissando il punteggio sul 23-23.

Reggio si affida a Bellei che segna il 24esimo punto del set per i Reggiani che chiudono poi il parziale con il punteggio di 25-23.

Secondo set che inizia con in maniera molto diversa per entrambe le formazioni.
rispetto al primo parziale infatti entrambe le squadre commettono una serie di errori gratuiti fra battute e ricezioni imprecise che rendono il set molto combattuto ma non bellissimo da un punto di vista strettamente tecnico.
Una Reggio molto combattiva riesce a rimanere nel parziale grazie al solito grande apporto del capitano Ippolito, sempre ben imboccato dalle precise alzate di Pinelli.
Un primo tempo di Scopelliti riporta Conad sul -1 (12-13).
Lo schiacciatore Maiocchi, subentrato a Loglisci, con due punti consecutivi rimette Reggio al comando (14-13) costringendo coach Serniotti al Timeout.
Un errore di formazione da parte di Cuneo regala il diciassettesimo punto a Conad (17-16) che però non è brava a concretizzare il vantaggio e viene nuovamente raggiunta.
Set che prosegue in perfetta parità grazie ad alcuni errori gratuiti di entrambe le formazioni, a testimonianza dell’importanza del match.
Parità che viene interrotta da due punti consecutivi di Ippolito, sempre pronto e attento, che con un attacco e un muro tetto su Wagner porta Reggio sul momentaneo +1 (21-20).
Cuneo però, trascinata dalla potenza di Wagner in battuta strappa un importantissimo break di 4 punti che porta la formazione ospite sul +2 (21-23).
Reggio si dimostra una squadra molto preparata e difficile da affrontare e risponde, nel momento di massima difficoltà, occorre due punti di Ippolito che con un mani fuori e un Ace riporta il set in parità (23-23).
Un errore di Preti manda il set ai vantaggi con le formazioni sul punteggio di 24-24.
Chiozzo con un mani out manda la propria formazione in vantaggio ed è proprio Cuneo a chiudere il set con il punteggio di 24-26 grazie all’ennesimo potente attacco di Wagner.

Terzo set che inizia con entrambe le squadre estremamente decise e determinate.
Reggio sembra iniziare con il piglio giusto con due punti consecutivi di Bellei che inizia il parziale con due potenti schiacciate in diagonale.
Cuneo è brava a non lasciar scappare la formazione di casa, affidandosi agli schiacciatori Tiozzo e Codarin che limano il vantaggio iniziale accumulato da Conad e che riportano subito il parziale in parità (5-5).
Due grandi giocate di Maiocchi portano Reggio nuovamente in vantaggio e mandano Bellei in battuta sul (7-5).
Conad mantiene in maniera convincente il pallino del gioco ed è molto cinica nello sfruttare alcune indecisioni di Cuneo che vede lentamente scappare i Reggiani sul +4 (11-7).
Il centrale ospite Sighinolfi con due buone battute accorcia parzialmente lo svantaggio per i suoi che vengono però puniti da un diagonale lungo di Bellei che riporta Reggio a tre lunghezze di vantaggio (13-10).
Cuneo, nonostante le grandi qualità dei propri giocatori, fatica a trovare continuità soprattutto al servizio commettendo molti errori, sicuramente ben accetti dalla formazione di casa, che vede il proprio vantaggio aumentare senza dover impensierire gli avversari.
Una grande battuta di Maiocchi costringe coach Serniotti al Timeout con i suoi in svantaggio di cinque lunghezze e con il set fortemente indirizzato a favore di Reggio (19-14).
Cuneo prova a cambiare le sorti del set inserendo il giovane Bonola che con due ottimi turni in battuta riduce a quattro i punti di svantaggio per Cuneo (21-17).
Dopo due turni di battuta di Wagner è il solito Maiocchi a mettere a terra il punto numero 23 per la formazione di casa che, sfruttando un errore di Codarin in attacco arriva al primo set point di questo terzo parziale sul momentaneo +4 chiudendo poi il parziale con autorità con il punteggio di 25-20.

Quarto e decisivo set che inizia con
Reggio che scivola su alcune imprecisioni vedendo così Cuneo scappare nel punteggio (3-6) con molti errori da parte di Reggio.
È il centrale Mattei a guidare il tentativo di rimonta per Conad con due ottime azioni in attacco che riportano la squadra di casa sul -2 (6-8).
Un errore di formazione fischiato a Conad e molto contestato porta ad un cartellino rosso per Maiocchi, reo di aver protestato troppo con il secondo arbitro autore della chiamata e lancia Cuneo sul +4 (7-11).
È l’opposto Reggiano Bellei a prendersi le responsabilità in questo momento così delicato ed è proprio grazie a due suoi punti consecutivi che Reggio ricuce parzialmente lo svantaggio riportandosi a contatto con la squadra avversaria (9-11).

Un Ace di Ippolito e una bordata del solito
Bellei riportano il set in perfetta parità (12-12) e confermano quanto visto sino a questo momento nella stagione, ovvero che la squadra di coach Mastrangelo è una formazione molto combattiva e complicata da affrontare.
Una serie di errori da parte di entrambe le formazioni fanno si che il parziale continui in parità senza che nessuna delle due squadre riesca ad assicurarsi il definitivo vantaggio.
Un muro e un preciso attacco di Mattei fissa nuovamente il punteggio sulla perfetta parità (16-16).
Sono però un muro tetto di Mattei e due  fantastici mani out del trascinatore Ippolito a regalare il primo mini break a Conad che stacca Cuneo e si porta in vantaggio di due lunghezze (19-17).
Morgese con una difesa in tuffo sventa il tentativo di recupero per Cuneo che si ritrova nuovamente in svantaggio di tre punti (21-18).
Due errori in battuta portano Reggio sul 24-20 e consegnano a Maiocchi il primo match point del match che chiude il match con un Ace fissando il risultato finale sul 25-20 e chiudendo la partita con il punteggio di 3 a 1

IL TABELLINO-

CONAD REGGIO EMILIA – BANCA ALPI MARITTIME ACQUA S.BERNARDO CUNEO 3-1 (25-23, 24-26, 25-20, 25-20)

CONAD REGGIO EMILIA: Pinelli 0, Ippolito 18, Scopelliti 9, Bellei 18, Loglisci 2, Mattei 9, Morgese (L), Maiocchi 11. N.E. Sesto, Suraci, Ristic, Catellani. All. Mastrangelo.

BANCA ALPI MARITTIME ACQUA S.BERNARDO CUNEO: Pistolesi 4, Tiozzo 8, Sighinolfi 5, Pereira Da Silva 15, Preti 11, Codarin 12, Chiapello (L), Bisotto 0, Catania (L), Bonola 2, Galaverna 2. N.E. Gonzi, D’Amato. All. Serniotti.

ARBITRI: Rossi, Traversa.

NOTE – durata set: 32′, 29′, 27′, 27′; tot: 115′.

POOL LIBERTAS CANTÙ – CAVE DEL SOLE GEOMEDICAL LAGONEGRO-

643 giorni. Tanto è passato dall’ultima vittoria canturina in casa (22 aprile 2019, gara-2 delle semifinali dei Play Off Promozione Credem Banca contro Olimpia Bergamo). Il PalaFrancescucci può finalmente festeggiare i canturini, che nella sfida contro la Cave del Sole Geomedical Lagonegro si impongono per 3-1 con ottime prove da parte di Motzo e Mazza. Primo set sottotono per i canturini, che reagiscono, rimontano e portano casa il bottino pieno.

Coach Matteo Battocchio parte con Robert Viiber al palleggio, Matheus Motzo opposto, Romolo Mariano e Matteo Bertoli schiacciatori, Dario Monguzzi e Federico Mazza centrali, e Luca Butti libero. Coach Lorenzo Tubertini risponde con Nicola Salsi in regia, Igor Tiurin opposto, Tiziano Mazzone e Fedrico Marretta in banda, Vincenzo Spadavecchia e Graziano Maccarone al centro, e Marco Santucci libero.

Nel primo set la Cave del Sole Geomedical parte molto forte con Marretta e Tiurin, ma è il turno al servizio di Mazzone a scavare il solco decisivo: un maxi-parziale di 0-7 costringe infatti Coach Battocchio a chiamare entrambi i time-out a sua disposizione (2-10). Il Pool Libertas fatica a trovare il ritmo giusto di gioco, e ai lucani basta gestire il vantaggio per chiudere con un attacco out di Motzo non toccato dal muro (15-25).

Il secondo set inizia sulla falsariga del primo, con Mazzone che guida i suoi avanti 2-7, costringendo Coach Battocchio a fermare il gioco. Al rientro in campo è un altro Pool Libertas: reagisce immediatamente, e, grazie al turno in battuta del Capitano Monguzzi ribalta la situazione (8-7). Un ace di Viiber (13-11), un muro di Mariano su Tiurin (15-12), e un pallonetto di Motzo che cade in mezzo al campo costringono Coach Tubertini a chiamare il suo secondo time-out (17-14). Viiber mura Marretta per il +5 canturino (19-15), ma la Cave del Sole Geomedical si riprende e torna sotto, con Coach Battocchio che vuole parlarci su (21-20). Il finale è punto a punto, ma i canturini riescono a difendere il break di vantaggio e a chiudere con Motzo (25-23).

Nel terzo set la Cave del Sole Geomedical scappa subito avanti trascinata da uno scatenato Tiurin (0-3). Motzo e Mariano, però, riscattano subito il Pool Libertas, che recupera e sorpassa, costringendo Coach Tubertini a fermare il gioco (5-3). Salsi mura Mariano ed è parità a quota 6. Motzo picchia da zona 1, ed è di nuovo +3 (9-6). Un ace di Mariano, e Coach Tubertini chiama il suo secondo time-out (11-7). L’ingresso di Vedovotto per Marretta sembra scuotere i lucani, che tornano sotto (12-10), ma i canturini ri-allungano (15-10). Due ace consecutivi di Spadavecchia, ed è il turno di Coach Battocchio di fermare il gioco (15-13). Bertoli continua a martellare, e Cantù si riporta a +5 (18-13). Motzo segna il +6 (20-14) e il +8 (24-16), ma è Bertoli a siglare il 25-17 che chiude il parziale.

Il terzo set inizia con un Motzo infermabile: suoi i tre attacchi e i due ace che permettono al Pool Libertas di andare 6-2, costringendo Coach Tubertini a fermare il gioco. La Cave del Sole Geomedical prova a tornare sotto (9-7), ma Mariano rilancia l’azione canturina (12-7). Un pallonetto dello schiacciatore bergamasco cade in mezzo al campo avversario, e Coach Tubertini chiama il suo secondo time-out (14-8). Al rientro in campo Lagonegro si riavvicina (14-11), ma si lotta palla su palla. Bertoli e Motzo continuano a martellare, e il divario tra le squadre si allarga (22-16). E’ l’opposto sardo a mettere a terra la palla della vittoria (25-17).

I PROTAGONISTI-

Matteo Battocchio (Allenatore Pool Libertas Cantù)- « Credo che più che brutto, il primo set sia stato tanto dovuto a quello che abbiamo passato negli ultimi mesi. In questo momento siamo anche alla ricerca della fiducia. Siamo stati molto bravi a reagire, anche se non abbiamo ancora giocato una buona pallavolo, però siamo stati molto bravi a stare in partita. Da un certo punto di vista, sono stato un po’ un ‘cattivo’ allenatore: ho posto troppo l’attenzione su alcune situazioni in cui eravamo carenti a discapito delle nostre certezze in fase cambiopalla, e questa cosa nel primo set l’abbiamo pagata. Credo che la responsabilità di questo set sia principalmente mia. I ragazzi sono stati molto bravi, e sono molto contento per loro perché se lo meritano ».

IL TABELLINO-

POOL LIBERTAS CANTÙ – CAVE DEL SOLE GEOMEDICAL LAGONEGRO 3-1 (15-25, 25-23, 25-17, 25-17) –

POOL LIBERTAS CANTÙ: Viiber 5, Bertoli 8, Monguzzi 6, Motzo 27, Mariano 10, Mazza 14, Picchio (L), Galliani 0, Regattieri 0, Butti (L). N.E. Corti, Malvestiti, Gianotti, Pellegrinelli. All. Battocchio.

CAVE DEL SOLE GEOMEDICAL LAGONEGRO: Salsi 1, Marretta 12, Spadavecchia 8, Tiurin 22, Mazzone 13, Maccarone 6, Russo (L), Molinari 0, Santucci (L), Bellucci 0, Vedovotto 2, Scuffia 0. N.E. Battaglia. All. Tubertini.

ARBITRI: Selmi, Brunelli.

NOTE – durata set: 23′, 33′, 25′, 28′; tot: 109′.

SYNERGY MONDOVÌ – PRISMA TARANTO-

Una sorprendente e sempre più convincente Sinergy Mondovì impone lo stop per 3-0 alla Prisma Taranto, seconda forza del campionato al termine di una prova convincente che non ha mai messo il risultato in discussione.

Barbiero parte con Milano in palleggio, Paoletti opposto, Ferrini-Borgogno schiacciatori, Marra e Bussolari centrali con Pochini libero. Costretto a fare a meno di Goi (stiramento) e di Fiore (affaticamento muscolare), coach Di Pinto è costretto a rivedere il sestetto iniziale: prima presenza da titolare per Cominetti che, insieme a Gironi, viene schierato in campo da schiacciatore. Rimane in regia Coscione, Padura Diaz opposto, Di Martino-Alletti centrali e Hoffer libero.

Il set si apre con un errore in battuta di Padura Diaz e un attacco dell’opposto italo-cubano murato da Ferrini. I monregalesi provano, sin dai primi punti, ad imporre il proprio gioco (7-5). Cominetti entra bene in partita e permette a Taranto di rimanere col fiato sul collo dei piemontesi (14-14). Borgogno e Paoletti, però, trascinano la squadra di coach Barbiero nel momento clou, chiudendo i conti sul 25-19.

Mondovì parte bene anche nel secondo set, al cospetto di una Prisma in difficoltà: un break di 7-3 costringe subito Di Pinto al time-out, per riordinare le idee alla sua squadra. La sospensione, però, non porta gli effetti sperati: i rossoblù sono molto fallosi e faticano in attacco, specie con Padura Diaz, che viene chiuso bene a muro dai monregalesi. Mondovì vola sul +5 (16-11); gli ionici riducono lo svantaggio fino al -1 (19-18) ma non riescono ad effettuare la rimonta. Ancora Paoletti mette in difficoltà la squadra tarantina, conducendo i padroni di casa sul 2-0 (25-21).

Di Pinto prova a cambiare le carte in tavola nel terzo set, sostituendo Alletti con Presta. Mondovì parte decisa anche nel terzo parziale ma Taranto prova a rimanere aggrappata al match (8-8). Il set è più equilibrato: i monregalesi provano a creare lo strappo sul 13-10 e sul 18-15, con Di Pinto che chiede time-out. Gli uomini di Barbiero si portano sul +5 (20-15); la Prisma, con Di Martino e Presta, si riporta sul -2 (22-20) costringendo i piemontesi alla sospensione. Gironi porta Taranto sul -1 ma Mondovì si affida, ancora una volta, a Paoletti che non tradisce: un suo ace chiude il match (25-22).

IL TABELLINO-

SYNERGY MONDOVÌ – PRISMA TARANTO 3-0 (25-19, 25-21, 25-22)

SYNERGY MONDOVÌ: Milano 2, Borgogno 11, Bussolari 3, Paoletti 18, Ferrini 12, Marra 3, Fenoglio (L), Pochini (L). N.E. Putini, Camperi, Bosio. All. Barbiero.

PRISMA TARANTO: Coscione 1, Cominetti 16, Di Martino 7, Padura Diaz 10, Gironi 10, Alletti 1, Goi (L), Hoffer (L), Persoglia 0, Cottarelli 0, Presta 6. N.E. Fiore, Cascio, Pagano. All. Di Pinto.

ARBITRI: Pristera’, Santoro.

NOTE – durata set: 21′, 26′, 26′; tot: 73′.

I RISULTATI-

Synergy Mondovì-Prisma Taranto 3-0 (25-19, 25-21, 25-22);

Emma Villas Aubay Siena-Sieco Service Ortona 3-0 (25-15, 25-19, 25-22) Giocata ieri;

Agnelli Tipiesse Bergamo-Kemas Lamipel Santa Croce 3-0 (25-12, 25-22, 25-20);

BCC Castellana Grotte-Gruppo Consoli Centrale del Latte Brescia 3-0 (25-20, 25-23, 25-23);

Pool Libertas Cantù-Cave del Sole Geomedical Lagonegro 3-1 (15-25, 25-23, 25-17, 25-17);

Conad Reggio Emilia-BAM Acqua S.Bernardo Cuneo 3-1 (25-23, 24-26, 25-20, 25-20)

LA CLASSIFICA-

Agnelli Tipiesse Bergamo 41, Prisma Taranto 31, BAM Acqua S.Bernardo Cuneo 25, Emma Villas Aubay Siena 24, Conad Reggio Emilia 22, Gruppo Consoli Centrale del Latte Brescia 20, Sieco Service Ortona 19, BCC Castellana Grotte 19, Synergy Mondovì 16, Kemas Lamipel Santa Croce 14, Pool Libertas Cantù 12, Cave del Sole Geomedical Lagonegro 6.

Note: 1 Incontro in meno: Agnelli Tipiesse Bergamo, Conad Reggio Emilia, Pool Libertas Cantù, Cave del Sole Geomedical Lagonegro; 3 Incontri in meno: Sieco Service Ortona; 2 Incontri in meno: BCC Castellana Grotte; 5 Incontri in meno: Kemas Lamipel Santa Croce;

IL PROSSIMO TURNO- 07/02/2021 Ore: 18.00

Gruppo Consoli Centrale del Latte Brescia-Emma Villas Aubay Siena Si gioca il 03/02/2021 ore 18.00;

Cave del Sole Geomedical Lagonegro-BCC Castellana Grotte Ore 19:00;

BAM Acqua S.Bernardo Cuneo-Sieco Service Ortona 06/02/2021 ore 18.00;

Prisma Taranto-Agnelli Tipiesse Bergamo Ore 17.00;

Kemas Lamipel Santa Croce-Synergy Mondovì;

Pool Libertas Cantù-Conad Reggio Emilia Ore 19.00

 

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti