Nella giornata dei tie break Castellana allunga

Cinque partite su sei al quinto set. Pugliesi vittoriosi su Lagonegro approfittano della sconfitta di Bergamo nel derby di Cantù, brillano le piemontesi. Unica vittoria da tre punti quella di Reggio Emilia sul campo di Ortona
Nella giornata dei tie break Castellana allunga© Legavolley
34 min
TagsBccAgnelli Tipiesse

ROMA- La 10a giornata è la serata dei tie break. Ben cinque sfide su sei si sono concluse in volata. Perde un punto in casa la capolista BCC Castellana Grotte che deve cedere due set ad una brillante Cave Del Sole Lagonegro. Non riesce a sfruttare l’occasione per avvicinarsi alla vetta l’Agnelli Tipiesse Bergamo che si arrende al quinto nel derby con la Pool Libertas Cantù. Cade a sorpresa anche l’ HRK Diana Group Motta al cospetto di una Synergy Mondovì che ha saputo trovare gioco e motivazioni. Vittoria sofferta ma meritata della BAM Acqua S.Bernardo Cuneo contro l’Emma Villas Aubay Siena al termine di un match molto combattuto. Successo al quinto anche per la Gruppo Consoli McDonald's Brescia che piega, dopo un tie break ad alta tensione la Delta Group Porto Viro. La Conad Reggio Emilia è l’unica squadra che nella giornata conquista l’intera posta vincendo sul campo di Sieco Service Ortona sempre più sola all’ultimo posto.

TUTTE LE SFIDE-

POOL LIBERTAS CANTÙ – AGNELLI TIPIESSE BERGAMO-

Quinto tie-break, secondo consecutivo, per il Pool Libertas Cantù. E per la seconda volta di fila sono i canturini ad avere la meglio, questa volta tra le mura amiche del PalaFrancescucci contro la corazzata Agnelli Tipiesse Bergamo.

Coach Matteo Battocchio conferma la formazione delle ultime partite, con Manuel Coscione al palleggio, Matheus Motzo opposto, Tino Hanži? e Felice Sette schiacciatori, Riccardo Copelli e Federico Mazza centrali, e Riccardo Bortolini libero. Coach Gianluca Graziosi risponde con Juan Ignacio Finoli in regia, Williams Padura Diaz opposto, Marco Pierotti e Jernej Terpin in banda, Antonio Cargioli e Jacopo Larizza al centro, e Francesco D’Amico libero.

Nel primo set partenza a razzo di Terpin, che con 3 punti consecutivi lancia i suoi 0-4 e convince Coach Battocchio a fermare il gioco. Al rientro in campo, alcuni errori della Agnelli Tipiesse aiutano il Pool Libertas a ribaltare la situazione, ed è il turno di Coach Graziosi di chiamare time-out (10-8). Motzo e Hanzic permettono a Cantù di allungare (12-9). Con Larizza e Padura Diaz i bergamaschi tornano sotto (15-14), ma l’ex di turno Sette li ricaccia indietro, e Coach Graziosi vuole parlarci su (20-15). Al rientro in campo il cambiopalla dei padroni di casa funziona alla perfezione, e una battuta in rete di Terpin consegna il parziale ai canturini (25-19).

Partenza a razzo anche nel secondo set per Terpin (1-4). Il Pool Libertas torna sotto con un ace di Sette (6-7), ma un errore di Hanzic convince Coach Battocchio a fermare il gioco (6-10). Al rientro in campo la Agnelli Tipiesse continua a macinare gioco, e allunga con un ace di Larizza (9-17) e un errore in attacco di Sette (11-20). Cantù, però, non molla e riesce a tornare sotto, convincendo Coach Graziosi a fermare il gioco (18-21). Al rientro in campo i bergamaschi tengono bene in cambiopalla e chiudono con un attacco out di Motzo (19-25).

Il terzo set inizia a strappi (0-2, 5-3, 7-5, 9-7) con nessuna delle due squadre che riesce a lasciare l’avversaria a più di due punti di distanza. Il Pool Libertas prova l’allungo grazie ad un errore in attacco di Pierotti (14-11), ma Larizza riporta sotto i suoi (14-13). Altro allungo canturino con Motzo e Sette, e Coach Graziosi ferma il gioco (17-14). Al rientro in campo va in battuta Sette e la distanza tra le due squadre aumenta (20-15). Bergamo le prova tutte per rientrare, ma Cantù risponde colpo su colpo, e Coach Graziosi chiama il suo secondo time-out (22-17). Si torna a giocare, e due errori canturini convincono Coach Battocchio a fermare tutto (22-19). Al rientro in campo i padroni di casa tengono in cambiopalla, e una battuta in rete di Padura Diaz gli consegna il parziale (25-21).

A inizio quarto set il Pool Libertas prova subito a scappare via (5-3), ma la Agnelli Tipiesse impatta a quota 6. Copelli attacca out, Bergamo allunga e Coach Battocchio ferma tutto (8-10). Al rientro in campo Copelli e Motzo rimettono il punteggio in parità a quota 10. Pierotti e Padura Diaz, e torna il vantaggio esterno (11-13). Cantù lotta palla su palla, e Hanzic e Copelli rimettono tutto in parità a quota 17. Ace di Hanzic e Coach Graziosi chiama time-out (19-18). Due punti consecutivi di Terpin riportano il pallino del gioco dalla parte degli orobici, e Coach Battocchio vuole parlarci su (21-22). Al rientro in campo un attacco out da parte di Motzo consegna il doppio vantaggio agli ospiti (21-23), che riescono a mantenerlo fino alla fine, mandando il match al tie-break con un ace di Ceccato (22-25).

A inizio quinto e decisivo set il Pool Libertas prova a scappare con Copelli e Hanzic (4-1), ma un muro di Larizza sullo schiacciatore croato riporta sotto i suoi (4-3). Cantù prova nuovamente ad allungare (6-3), ma un errore in attacco di Motzo rimette tutto in parità a quota 7. L’opposto sardo si fa perdonare con il muro su Terpin che convince Coach Graziosi a fermare il gioco (10-8). Sempre Motzo mette a terra la palla vagante del +3 interno, con Coach Graziosi a chiamare il suo secondo time-out (12-9). Al rientro in campo Copelli mura Padura Diaz, e una battuta in rete di Terpin consegna set e match ai padroni di casa (15-11).

I PROTAGONISTI-

Matteo Battocchio (Allenatore Pool Libertas Cantù)- « Quest’anno di tie-break ne abbiamo fatti cinque su nove partite giocate, contro Cuneo, Santa Croce, Motta di Livenza, Mondovì e ora Bergamo. Questo perché siamo una squadra che lotta, e per questo devo fare tanti complimenti ai ragazzi perché hanno veramente lottato, non si sono persi d’animo quando erano sotto, sono riusciti a mantenere la calma, hanno fatto quello step mentale che è stato importante, come perdere nel quarto set e riuscire a riazzerare e ripartire forte nel quinto. Siamo una squadra che non molla, cerchiamo di gettare il cuore oltre l’ostacolo, anche se facciamo ancora qualche errore di gioventù o di voglia di fare bene, ma meglio che ci siano che non ci siano ».

Gianluca Graziosi (Allenatore Agnelli Tipiesse Bergamo)- « Mi assumo le responsabilità perché quando andiamo in difficoltà c’è poca capacità di ragionare e di pensare per trovare la strada giusta per vincere la partita. Durante la settimana non ci siamo riuscendo e questa è la conseguenza ».

IL TABELLINO-

POOL LIBERTAS CANTÙ – AGNELLI TIPIESSE BERGAMO 3-2 (25-19, 19-25, 25-21, 22-25, 15-11)

POOL LIBERTAS CANTÙ: Coscione 2, Sette 14, Mazza 8, Motzo 17, Hanzic 19, Copelli 17, Princi 0, Bortolini (L), Pietroni 0, Salvador 0. N.E. Trovò. All. Battocchio.

AGNELLI TIPIESSE BERGAMO: Finoli 0, Terpin 19, Larizza 13, Padura Diaz 19, Pierotti 14, Cargioli 1, Abosinetti (L), D’Amico (L), Ceccato 1, Cioffi 2. N.E. De Luca, Baldi, Mancin. All. Graziosi. ARBITRI: Venturi, Cavalieri. NOTE – durata set: 25′, 29′, 27′, 28′, 16′; tot: 125′.

HRK DIANA GROUP MOTTA – SYNERGY MONDOVÌ-

Un VBC strepitoso vince meritissimanente la sua prima partita in trasferta, nella
decima giornata del Girone di Andata del Campionato di Serie A2 Credem Banca
disputata al Palazzetto dello sport di Caorle, piegando la resistenza della compagine HRK Diana Group di Motta di Livenza, formazione neo promossa e terza in graduatoria, allenata dall’esperto Pino Lorizio e nelle cui fila militano tre ex giocatori monregalesi come l’ottimo Cattaneo, Biglino e Lolglisci, non della partita in quanto infortunato.

Coach Lorizio deve ricorrere a: Alberini e Matheus sulla diagonale principe, Saibene e Cattaneo in banda, Luisetto e Biglino sono i centrali, Battista libero.

Coach Denora decide di schierare: Lusetti in regia e Arinze opposto, Catena e Ceban in post 3, Mazzon e Boscaini le bande, Raffa libero.

Nel primo set il VBC Synergy Mondovi’ ha commesso troppi errori punto, e quando si è avvicinata agli avversari più volte a sole due lunghezze nel punteggio, ha perduto qualche occasione in fase break per avvicinarsi ancora, fino al 25-22 per la compagine trevigiana.
Ingresso di Camperi in battuta in tutti i parziali, così come Fenoglio, entrato in battuta nel primo ed a rinforzare la seconda linea nel quinto, e di Cianciotta fino al termine del parziale di apertura.
Il secondo set ha visto i nostri ragazzi partire meglio, arrivare fino 4 punti di vantaggio fino al 12-8 a favore, poi è mancata la successiva e necessaria continuità, Motta di Livenza ha chiuso il secondo parziale con il punteggio di 25-20.
Dal terzo set, inizia la puntuale reazione di un trasformato e concreto VBC Synergy Mondovì, cresciuto in battuta e soprattutto a muro, e con un positivo Meschiari in campo dall’inizio. Sotto 10-8, i monregalesi si sono portati sul 14-10 e si sono aggiudicati il parziale per 25-23.
Una squadra così galvanizzata e con il sestetto così confermato inizia, prosegue e termina a proprio favore un quarto set grandioso, fino al vittorioso 25-20 finale con tutti ifondamentali in assoluto spolvero.
Il tie break rimarrà a lungo scolpito nella memoria degli appassionati. Subito 3-per noi, 8-5al cambio campo, il punto del 14 di Meschiari in attacco di sinistro, il 15-11 finale con il tripudio nella nostra metà campo.
A fianco dello strepitoso opposto, il carisma di capitan Boscaini, la calamita di Raffa,l’estro di Lusetti, la concretezza di Ceban e Catena, l’affidabilità di Mazzon che ha iniziato la partita e di un motivatissimo Meschiari che l’ha proseguita, Camperi, Fenoglio e Cianciotta prontissimi ad entrare in campo, Gecchele sempre attento comunque ad ogni evenienza, Francesco Denora ed il suo staff lucidissimi nella conduzione tecnica, tattica, nei suggerimenti durante i time out e nella gestione dei Video Check.

IL TABELLINO-

HRK DIANA GROUP MOTTA – SYNERGY MONDOVÌ 2-3 (25-22, 25-20, 23-25, 21-25, 11-15)

HRK DIANA GROUP MOTTA: Alberini 6, Cattaneo 18, Luisetto 8, Secco Costa 15, Saibene 16, Biglino 10, Zaccaria (L), Battista (L), Pugliatti 1, Ferrato 0, Acuti 4. N.E. Loglisci, Morchio. All. Lorizio.

SYNERGY MONDOVÌ: Lusetti 3, Boscaini 7, Ceban 4, Arinze Kelvin 31, Mazzon 7, Catena 9, Raffa (L), Meschiari 14, Cianciotta 1, Camperi 0, Fenoglio 0. N.E. Gecchele. All. Denora.

ARBITRI: Clemente, Giglio.

NOTE – durata set: 33′, 31′, 31′, 30′, 20′; tot: 145′.

BCC CASTELLANA GROTTE – CAVE DEL SOLE LAGONEGRO-

La Bcc Castellana Grotte batte al tie break la Cave del Sole Lagonegro nella decima giornata del campionato nazionale serie A2 Credem Banca di pallavolo maschile: finisce 3-2 (25-15, 23-25, 25-16, 25-27, 15-13) al Pala Grotte con la formazione allenata da Flavio Gulinelli che vince la sua quinta gara su cinque in casa (mantenendo così salda la sua imbattibilità interna) e conquista il quarto successo consecutivo.

Perdono un punto sul gommato di casa i gialloblù, ma ne guadagnano uno in classifica considerati i risultati in arrivo dagli altri campi: ora il vantaggio sulla prima inseguitrice è di 4 punti (con Bergamo fermato a Cantù e Motta battuta in casa da Mondovì).

Meritata nel complesso la vittoria della Bcc Castellana migliore a muro, nelle percentuali di attacco e in quelle di ricezione, con meno errori gratuiti. Lagonegro brava a reagire mentalmente dopo il primo e il terzo set ed a tenere nel quarto.

Theo Lopes è il top scorer di serata con 29 punti. In evidenza anche i 4 muri di Luca Presta (sui 13 totali per Castellana) e gli 11 aces di squadra della Bcc.

Gulinelli ritrova Andrea Truocchio al centro, subito titolare dopo i problemi gastrointestinali che lo hanno fermato a Siena, e Alessio Fiore, inizialmente solo dalla panchina, e presenta il resto del Castellana con Izzo al palleggio, Theo opposto, Tiozzo e Borgogno martelli, Presta centrale e Toscani libero. Out solo Zanettin. Barbiero schiera, invece, Lagonegro con Pistolesi in regia, Argenta opposto, Milan e Di Silvestre martelli, Bonola e Maziarz centrali, Hoffer libero.

Subito in partita Truocchio (muro, primo tempo e mezzo ace) e Presta (tap in e muro) per il 5-2. Lagonegro risponde con due di Argenta e tre di Milan: 8-8. La Bcc allunga di nuovo: doppio ace di Borgogno (13-9). I lucani faticano in ricezione: Theo sfonda per il 15-10. Toscani brilla in difesa: muro di Presta per il 17-11. L’ace di Izzo è pesantissimo (18-11), poi Theo passa due volte per il 20-13. Borgogno e un turno in battuta violentissimo di Theo (due ace) nel finale tutto gialloblù: 23-14. Di nuovo Borgogno per il 25-15.

Lagonegro riparte meglio nel secondo set. Primo break firmato Milan per il 6-9. Gulinelli chiama tempo, la Cave del Sole resta davanti: 9-12. Due di Theo e ace di Tiozzo per accorciare (12-13), quattro in fila di Maziarz per il nuovo break: 13-17. Gulinelli chiama un altro tempo, Castellana avvia con Truocchio e Borgogno una rimonta che non si concretizzerà: 16-18. Tre di Tiozzo per il 19-21. L’ace di Capelli (21-22) è l’ultimo assalto Bcc. Lagonegro resiste e non si ferma più, complice anche tre errori in fila dalla battuta per Castellana: Milan firma il 23-25.

Avvio di terzo set a strappi, ma in equilibrio: 5-5. Capelli per Borgogno è la scelta di Gulinelli. Due di Theo e due muri di Presta per il primo allungo Bcc: 9-6. Izzo trova l’ace e Castellana prova a dare ritmo: 12-7. Lagonegro sembra perdersi in qualche ingenuità di troppo, Capelli e l’ace di Presta per il 16-9. Bonola tiene in corsa i lucani (18-12), ma ancora Capelli (con l’ace) e Tiozzo portano avanti la Bcc: 21-13. Il finale è di Theo: due per il 25-16.

Tre errori gialloblù aprono il quarto set (0-4), Gulinelli ferma tutto. Lagonegro non rallenta, anzi allunga: 2-8 con l’ace di Maziarz. Santambrogio e Borgogno sono le carte dalla panca, due del 15 per scuotersi: 6-11. Due di Presta per provarci (9-13), ma Castellana resta troppo fallosa, anche e soprattutto in battuta. Lucidissima, invece, la Cave del Sole: muro di Bonola (10-16) e Di Silvestre due volte in block out (12-20). La coppia arbitrale nega un check a Gulinelli sull’ace del 12-21. Errore che ha, però, l’effetto di accendere Castellana: Theo per il 13-21, Tiozzo per il 17-21 e per il 19-22 con l’ace. Tuona il Pala Grotte, Di Silvestre in block out per il 20-24, ma la Bcc non si ferma. Theo annulla cinque palle set (25-25), ma quella che sarebbe stata una rimonta epica si stoppa proprio per due errori gialloblù: 25-27.

Avvio teso nel terzo tie break stagionale per la Bcc: 2-3 con la parallela di Argenta, 5-3 con due di Tiozzo. Lo stesso Argenta pesta in battuta: cambio campo sull’8-6. Il doppio ace di Di Silvestre per il sorpasso (8-9), l’ace di Presta per controsorpasso (10-9). In mezzo ad una serie di errori in battuta, ci sono Theo (12-11) e Argenta (12-13) in block out. Il muro di Izzo accende il primo match ball della partita: 14-13. Ed è sufficiente: la chiude Theo con il 15-13.

IL TABELLINO-

BCC CASTELLANA GROTTE – CAVE DEL SOLE LAGONEGRO 3-2 (25-15, 23-25, 25-16, 25-27, 15-13)

BCC CASTELLANA GROTTE: Izzo 5, Tiozzo 14, Presta 10, Lopes Nery 29, Borgogno 10, Truocchio 9, Toscani (L), Santambrogio 0, Capelli 6, De Santis 0. N.E. Arienti, Fiore. All. Gulinelli.

CAVE DEL SOLE LAGONEGRO: Pistolesi 1, Milan 13, Bonola 13, Argenta 19, Di Silvestre 11, Maziarz 8, Biasotto (L), Hoffer (L), Armenante 0, El Moudden 1, Zivojinovic 0. N.E. Marini, Beghelli. All. Barbiero.

ARBITRI: De Simeis, Palumbo.

NOTE – durata set: 20′, 28′, 24′, 37′, 21′; tot: 130′.

BANCA ALPI MARITTIME ACQUA S.BERNARDO CUNEO – EMMA VILLAS AUBAY SIENA-

Come da pronostico si è rivelato un match combattuto dal primo all’ultimo dei 142 minuti di gioco, quello tra Cuneo e Siena. Un tie-break al cardiopalma è poi stato chiuso dal capitano cuneese Iacopo Botto, non a caso MVP di serata. Una vittoria che fa bene alla squadra e al morale in vista della trasferta a Lagonegro tra appena quattro giorni. I ragazzi di coach Serniotti volevano vincere e hanno lottato finché hanno raggiunto l’obiettivo.

Lo starting six di Cuneo: Pedron palleggio, Wagner opposto, Sighinolfi e Codarin centro, Botto e Preti schiacciatori; Bisotto (L).
Coach Montagnani schiera: Pinelli palleggio, Onwuelo opposto, Mattei e Rossi centro, Ottaviani e Kuznetsov schiacciatori; Sorgente (L).

Si parte subito con il muro di Codarin su Onwuelo dopo il servizio di Sighinolfi (1-0). Bene i padroni di casa che conducono il gioco. Primo videocheck di serata sul 7-5 che cambia il verdetto arbitrale e manda Pedron dai nove metri. Coach Montagnani prova a spezzare il ritmo cuneese chiamando il time out sull’11-7. Due muri consecutivi per Cuneo che vola a +6 (13-7). La P1 senese vede un recupero parziale che porta al primo time out per i biancoblù (13-11). Ed è proprio un muro, questa volta di Preti, ad interrompere il turno al servizio di Pinelli (14-11). Siena un po’ alla volta si fa sotto, fino alla parità al 18°. Entra Tallone per Botto in seconda linea, mentre tra le fila senesi fa il suo ingresso Parodi per Kuznetsov; quest’ultimo rientra sul ventuno pari e poco dopo anche Ottaviani uscito precedentemente per Panciocco. Procede punto a punto, sul 23-22 entra Filippi per Pedron, ma la panchina ospite chiama tempo. Sul 23-23 cambio per entrambe le compagini alla regia con dentro Pedron e Ciulli. Onwuelo sbaglia il servizio ed è set ball per Cuneo che vede Codarin dai nove metri. Kuznetsov lo annulla con un attacco in diagonale e conquista il turno al servizio, che vale un ace ed è 24-24 al palasport di Cuneo. Coach Serniotti non indugia e chiama l’ultimo tempo discrezionale a sua disposizione. Si torna in campo ed è proprio un ace al servizio del russo a chiudere il primo set 24-26.

Parte avanti Siena, ma i padroni di casa con una spinta di pancia recuperano e superano (6-3) con un’ottima intesa della diagonale Pedron-Wagner, che manda Preti al servizio che mette in difficoltà i senesi e rimedia un ace. Acceso il confronto sul taraflex cuneese. Capitan Iacopo Botto sugli scudi in attacco con pipe sentenziali che portano al time out per Siena sull’11-7. Al rientro ancora Sighinolfi al servizio. Doppio cambio palla ed è l’opposto brasiliano ad andare al servizio, che mette in difficoltà la ricezione, può rigiocare Cuneo e Botto con rabbia in pipe scarica un attacco che lascia il solco (13-9). Anche Wagner trova l’ace. Si percepisce la tensione in campo. Siena rosicchia e sul 15-13 coach Serniotti chiama il time out. Al rientro Onwuelo al servizio, ma l’esperienza di Iacopo Botto in attacco conquista il cambio palla e manda Codarin dai nove metri. Degni di nota i monsterblock di Botto e Sighinolfi che portano al 19-14. Coach Montagnani chiede il videocheck per un’eventuale invasione e l’occhio elettronico gli dà ragione (18-15). Ottima intesa tra Pedron e Sighinolfi prima e con Preti dopo, che portano al +5 cuneese e al secondo time out per Siena (20-15). Altro videocheck questa volta di coach Serniotti che ravvisa l’ace di Wagner del 23-17. Entra Filippi per Pedron. Il primo tempo di Codarin vale il set ball 24-18 che manda Preti dai nove metri ed è il Capitano di Cuneo, Iacopo Botto, a chiudere con una parallela senza se e senza ma con il parziale di 25-18 un set dominato dai padroni di casa.

Partenza sprint per Siena, sul 2-5 entra Tallone per Preti, ma viene anche lui subito murato da Onwuelo ed è time out per Cuneo (2-6). Provvidenziale il turno al servizio di Wagner che un punto alla volta vedono i cuneesi arrivare a -1 (6-7) ed è time out per Siena. Doppio cambio palla, Tallone dai nove metri e poi il muro di Codarin sul collega di ruolo Rossi, vale l’8 pari. Intuitivo Pedron che salta alto fingendo un’apertura, ma poi si gira e va a segno con un tocco di seconda e si aggiudica anche il turno al servizio (11-11). Passa avanti Siena, ma i cuneesi restano incollati. Sul 18-19 entra Filippi per Pedron, al servizio Tallone. Un monsterblock di Codarin su Ottaviani ed è parità al 19°. Rientra Pedron, poi un infortunio lieve per Pinelli, che esce all’azione successiva giusto il tempo di una spruzzata di ghiaccio spray (21-21). Il monsterblock di Sighinolfi su Ottaviani porta avanti Cuneo (22-21) e coach Montagnani chiama il time out. Cambio palla ed è proprio Pinelli ad andare al servizio e portare al 24-22, ma Botto non ci sta e con un lungolinea si rifà sotto e conquista il diritto ad andare dai nove metri, dove poco dopo tutta la curva e il palazzetto lo sostengono per l’ace del 25-24. Doppio cambio palla ed è Sighinolfi ad andare alla battuta e Tallone chiude in volo sul 27-25. Finale al cardiopalma al palasport di Cuneo.

Anche il quarto set vede le due squadre partire subito agguerrite, che infuocano i circa 900 presenti al palazzetto, nonostante la neve che scende copiosa fin dal mattino su Cuneo. Una miglior prestazione al servizio dei senesi gli permette di fare diversi break e portarsi avanti. Un po’ di nervosismo nel campo cuneese anche a seguito di una decisione arbitrale discutibile e Serniotti chiama il time out sul 14-19. Tallone e Wagner recuperano con Sighinolfi al servizio e anche coach Montagnani richiama i suoi sul 17-20. Mattei e Codarin dan spettacolo, Siena fallosa al servizio e sul 21-23 entra Preti per Botto. Dai nove metri Codarin e un signor monsterblock di Pedron su Kuznetsov (22-23). Invasione a rete ed è set ball per Siena, ma lo annullano loro al servizio prima e poi con l’attacco chiamato out, ma Coach Montagnani chiama il tocco del muro, e c’è. Il set si chiude 23-25 ed è tie-break.

Anche l’ultima frazione non delude ed è un gioco punto a punto con grande coinvolgimento da parte del pubblico. Cuneo avanti, poi Siena si porta a -1 (5-4), ma Codarin vuole il punto e lo trova, andando poi al servizio e segnando il suo primo ace di serata e inducendo al time out coach Montagnani (7-4). Due muri per Siena, poi Botto trova spazio in mezzo al muro senese ed è cambio campo (8-6). Cambio palla ed entra in campo Kuznetsov per Ottaviani. Mani out di Wagner e Siena ripete il cambio appena fatto (9-7). Out proprio per Ottaviani che sul 10-8 manda Sighinolfi dai nove metri. Uno scambio di errori ed è Wagner a dirigersi alla battuta (11-9), ma Panciocco picchia forte sul muro cuneese e manda Onwuelo al servizio. Sull’11 pari coach Serniotti interrompe  il ritmo senese e rifiata i suoi. Sull’11-12 entra Preti per Tallone e c’è il cambio al servizio per Siena. Il primo tempo di Codarin manda Preti al servizio, rientra Pinelli per gli ospiti e c’è Filippi alla regia cuneese (12-12). Onwuelo attacca out ed è match ball che chiude Botto 15-13.

MVP di serata proprio il capitano cuneese, Iacopo Botto, con 24 punti e un match sugli scudi.

I PROTAGONISTI-

Roberto Serniotti (Allenatore Banca Alpi Marittime Acqua S.Bernardo Cuneo)- « Sinceramente ero sicuro che oggi saremmo scesi in campo col cuore, il gruppo voleva fare una bella partita, essere presenti e non mollare; non eravamo soddisfatti delle ultime due partite e questa è stata la risposta migliore».

Fabio Mechini (Direttore Sportivo Emma Villas Aubay Siena)- « C’è in noi grande rammarico al termine di questo incontro dato che abbiamo avuto i palloni per chiudere e vincere il match ma non siamo riusciti a sfruttarli e a finalizzarli. Il tutto contro una buonissima squadra come Cuneo. Il periodo che stiamo attraversando non è dei migliori e in questa circostanza avremmo dovuto essere più lucidi nei frangenti chiave della sfida. Stiamo crescendo, sì, è normale, ma dobbiamo lavorare sempre più intensamente e non ci dobbiamo accontentare del punto preso a Cuneo. La squadra complessivamente ha giocato, ci ha creduto, ma pure in questa occasione ha evidenziato alcune lacune. Eravamo senza Parodi, che ha avuto un problemino fisico prima dell’incontro. Però per come eravamo riusciti a far andare le cose in campo si poteva portare a casa qualcosa di più ».

IL TABELLINO-

BANCA ALPI MARITTIME ACQUA S.BERNARDO CUNEO – EMMA VILLAS AUBAY SIENA 3-2 (24-26, 25-18, 27-25, 23-25, 15-13)

BANCA ALPI MARITTIME ACQUA S.BERNARDO CUNEO: Pedron 3, Botto 24, Sighinolfi 6, Pereira Da Silva 26, Preti 7, Codarin 15, Lilli (L), Tallone 6, Filippi 0, Bisotto (L), Vergnaghi 0. N.E. Rainero, Cardona Abreu. All. Serniotti.

EMMA VILLAS AUBAY SIENA: Pinelli 2, Ottaviani 15, Mattei 10, Onwuelo 22, Kuznetsov 16, Rossi 6, Tupone (L), Sorgente (L), Ciulli 0, Panciocco 8, Parodi 0. N.E. Agrusti, Iannaccone. All. Montagnani.

ARBITRI: Pristera’, Rossi.

NOTE – durata set: 34′, 28′, 32′, 28′, 20′; tot: 142′.

GRUPPO CONSOLI MCDONALD’S BRESCIA – DELTA GROUP PORTO VIRO-

La Gruppo Consoli McDonald’s Centrale fa e disfa: parte bene e poi subisce, arrivando al tie break dopo un quarto set che toglie certezze. Il quinto parziale è un saliscendi di emozioni, con due match ball annullati e il gusto finale della conquista. Per la formazione lombarda.

Dopo il minuto di silenzio dedicato ad Aldo Rebecchi, grande amico dell’Atlantide scomparso in settimana, Brescia scende in campo e lo fa senza Cisolla, fermato da una contusione alla caviglia – per fortuna lieve – rimediata a Lagonegro. Il primo parziale non mostra una squadra che domina, ma che amministra, subendo solo qualche errore al servizio di troppo. Il muro ospite cresce e i Tucani faticano sul cambio palla, pagano le imprecisioni a rete e lasciano spazio a Bellei e compagni, che non fanno sconti. Cambia l’efficacia al servizio nel terzo e Brescia dilaga, poi il black out ad inizio quarto set complica la vita dei biancazzurri, che affrontano il tie break e tutti suoi cambi di fronte senza arretrare e conquistano ai vantaggi due punti importantissimi.

I PROTAGONISTI-

Roberto Zambonardi (Allenatore Gruppo Consoli Brescia)- « Nonostante la tensione, abbiamo ottenuto quel che volevamo, fare punti. Il valore di questo gruppo è un altro e uscirà alla distanza ».

Francesco Tardioli (Allenatore Delta Group Porto Viro)- « Il punto è giusto, abbiamo giocato male un set noi e un set loro, un set noi e un set loro, paradossalmente il tie-break è il momento in cui ci siamo espressi meglio ma non siamo riusciti a chiuderlo per un episodio. C’è rammarico perché potevamo vincere e offrire una prestazione migliore, ma comunque muoviamo la classifica. È un episodio che fa parte del nostro cammino, dobbiamo riconoscere che Brescia è una squadra con ottimi elementi e che in casa fa sempre molto bene, facciamo i complimenti a loro e ora pensiamo alla sfida di domenica con Castellana ».

IL TABELLINO-

GRUPPO CONSOLI MCDONALD’S BRESCIA – DELTA GROUP PORTO VIRO 3-2 (25-18, 20-25, 25-13, 16-25, 20-18)

GRUPPO CONSOLI MCDONALD’S BRESCIA: Tiberti 2, Galliani 23, Patriarca 11, Giannotti 13, Mazzone 17, Esposito 9, Togni (L), Crosatti (L), Franzoni (L), Neubert 0. N.E. Ventura, Cisolla, Orazi, Seveglievich. All. Zambonardi.

DELTA GROUP PORTO VIRO: Fabroni 2, Vedovotto 7, Barone 14, Bellei 23, Mariano 13, O’Dea 12, Penzo (L), Gasparini 2, Lamprecht (L), Zorzi 0, Marzolla 0. N.E. Romagnoli, Pol. All. Tardioli.

ARBITRI: Armandola, Piperata.

NOTE – durata set: 26′, 27′, 24′, 23′, 26′; tot: 126′.

SIECO SERVICE ORTONA – CONAD REGGIO EMILIA-

La Conad Volley Tricolore centra, sul campo del fanalino di coda Sieco Service Ortona un successo da tre punti che permette alla squadra di Mastrangelo di issarsi al terzo posto della classifica. La partita, nonostante le difficoltà tecniche dei padroni di casa è stata accesa e combattuta per tutti e quattro i set.

Ortona parte subito forte nel primo set, con al servizio Pessoa mette a segno un ace che vale il 4-1, coach Mastrangelo dopo un solo altro punto a favore degli avversari decide di chiamare time out. Held arrivato al suo turno di battuta contraccambia l’ace subito precedentemente (5-3), la Sieco Service Ortona però reagisce e tenta il riallungo con ottimi attacchi di Pessoa (11-6), Nicola Sesto poi con un muro riaccende gli animi e manda al servizio Mian che mette a segno nuovamente un ace portando i reggiani al meno due (11-9). La Conad Volley Tricolore segna il pareggio con un attacco punto di Mian da posto quattro sul 17-17 ed è sempre lui a segnare il sorpasso del 21-22, con un muro di Sesto e un attacco di Held si chiude in set a favore degli ospiti (23-25).

Nel secondo set la Conad Volley Tricolore cerca di scappare via e un muro di Garnica fa segnare al tabellino lo 0-4, sul punteggio di 1-6 poi coach Lanci chiede un time out vedendo i suoi ragazzi in difficoltà. Conad Reggio Emilia però continua a mantenere il distacco creato e con una parallela di Mian le squadre si apprestano sul 5-11, la Sieco Service Impavida Pallavolo Ortona non molla e si riavvicina, di conseguenza coach Mastrangelo sul punteggio di 9-11 decide di chiamare un time out. Zamagni dalla linea dei nove metri conquista un ace che vale il più quattro sugli avversari (12-16), con Ortona che si riavvicina i reggiani fanno di tutto per chiudere il set e dopo un muro di Held coach Lanci chiama il secondo time out a disposizione sul punteggio di 15-20. Prima è il servizio di Catellani a mettere in difficoltà la ricezione di Ortona e poi è Cominetti a chiudere il set (19-25).

Cominetti nell’avvio di terzo set regala non uno ma ben due ace ai suoi compagni sul punteggio di 4-5 e sul 4-7, la Sieco Service Impavida Pallavolo Ortona però reagisce e con Santangelo al servizio recupera e sorpassa gli ospiti portando coach Mastrangelo al time out, time out che subito da i suoi frutti con un punto di Mian che riporta le squadre in parità (8-8). Sesto porta a casa l’ennesimo muro che vale il meno uno dagli avversari (11-10), le squadre giocano il terzo set punto a punto conquistando più volte la parità (17-17), Cantagalli entrato in corsa durante il set con un pallonetto conquista il meno uno dagli avversari sul punteggio di 20-19. Ortona allunga nuovamente e conquista ben 4 set point, Zamagni con un muro porta gli avversari al time out (24-21) ma questo non basta a portare a casa il set che si conclude 25-22 per gli abruzzesi.

Il quarto set parte con le squadre determinate a darsi battaglia sin da subito, la difesa di Ortona non riesce a tenere l’attacco di Held (3-5), Cappelletti trova il pareggio per i suoi compagni di squadra sul punteggio di 8-8. Il Conad Volley Tricolore sembra ripartire e durante il turno al servizio di Cominetti viene conquistato un altro ace, mentre un Garnica infuocato con un pallone di seconda intenzione schiaccia trovando il punto (9-13), gli ospiti reggiani presto conquistano un vantaggio di ben sette punti sui padroni di casa arrivando sino al punteggio di 10-17. Mian si conferma un elemento pericoloso al servizio per gli avversari segnando l’ennesimo ace che vale il 13-20. Cantagalli con un attacco dalla seconda linea conquista il ventitreesimo punto mentre, a chiudere la partita, dopo un time out richiesto dalla panchina reggiana, ci pensa un errore in battuta avversario (18-25).

IL TABELLINO-

SIECO SERVICE ORTONA – CONAD REGGIO EMILIA 1-3 (23-25, 19-25, 25-22, 18-25)

SIECO SERVICE ORTONA: Piazza 1, Pessoa 15, Fabi 4, Santangelo 13, De Paola 3, Elia 5, Benedicendi (L), Fusco (L), Cappelletti 10, Di Silvestre 0, Molinari 1. N.E. Del Fra, Bulfon. All. Lanci.

CONAD REGGIO EMILIA: Garnica 7, Held 14, Sesto 9, Mian 18, Cominetti 11, Zamagni 11, Morgese (L), Catellani 0, Cagni (L), Cantagalli 5, Marretta 0. N.E. Scopelliti, Suraci. All. Mastrangelo.

ARBITRI: Feriozzi, Mattei.

NOTE – durata set: 28′, 27′, 30′, 23′; tot: 108′.

I RISULTATI-

BAM Acqua S.Bernardo Cuneo-Emma Villas Aubay Siena 3-2 (24-26, 25-18, 27-25, 23-25, 15-13);

Sieco Service Ortona-Conad Reggio Emilia 1-3 (23-25, 19-25, 25-22, 18-25) Ore 19:00;

Gruppo Consoli McDonald's Brescia-Delta Group Porto Viro 3-2 (25-18, 20-25, 25-13, 16-25, 20-18);

BCC Castellana Grotte-Cave Del Sole Lagonegro 3-2 (25-15, 23-25, 25-16, 25-27, 15-13);

Pool Libertas Cantù-Agnelli Tipiesse Bergamo 3-2 (25-19, 19-25, 25-21, 22-25, 15-11);

HRK Diana Group Motta-Synergy Mondovì 2-3 (25-22, 25-20, 23-25, 21-25, 11-15)

Ha riposato: Kemas Lamipel Santa Croce

LA CLASSIFICA-

BCC Castellana Grotte 23, Agnelli Tipiesse Bergamo 19, Conad Reggio Emilia 17, HRK Diana Group Motta 17, Pool Libertas Cantù 17, BAM Acqua S.Bernardo Cuneo 15, Cave Del Sole Lagonegro 15, Kemas Lamipel Santa Croce 15, Delta Group Porto Viro 13, Gruppo Consoli McDonald's Brescia 11, Emma Villas Aubay Siena 10, Synergy Mondovì 6, Sieco Service Ortona 2.

Note: 1 Incontro in più: BCC Castellana Grotte, Cave Del Sole Lagonegro, Emma Villas Aubay Siena;

IL PROSSIMO TURNO- 12/12/2021 Ore: 18.00-

Agnelli Tipiesse Bergamo-HRK Diana Group Motta;

Conad Reggio Emilia-Pool Libertas Cantù Ore 15.00;

Kemas Lamipel Santa Croce-Sieco Service Ortona Ore 16.00;

Synergy Mondovì-Gruppo Consoli McDonald's Brescia;

Cave Del Sole Lagonegro-BAM Acqua S.Bernardo Cuneo;

Delta Group Porto Viro-BCC Castellana Grotte

Riposa: Emma Villas Aubay Siena


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti