Volley: Champions League, sabato la sfida Trento-Civitanova

Nella Final Four di Cracovia le due formazioni italiane si affrontano nella seconda semifinale (ore 19.30). Zenit Kazan-Asseco Resovia in campo alle 16.30 nell'altra partita che vale la finale
Volley: Champions League, sabato la sfida Trento-Civitanova
14 min
TagsChampions LeagueCracoviaFinal Four

CRACOVIA (POLONIA)– Solo tre giorni al countdown che porterà al principale evento europeo della stagione con la Final Four della 2016 DenizBank Champions League di scena sabato 16 e domenica 17 aprile nell’imponente Tauron Arena di Kraków, in Polonia. La prima Coppa Europea per importanza, giunta alle battute finali della sua 57esima edizione (tenendo nel computo anche le stagioni in cui aveva il nome di Coppa Campioni) acquista ancora più importanza nel panorama pallavolistico italiano in quanto nella due giorni che consegna il trofeo torna ad essere rappresentata anche la nostra bandiera dopo tre stagioni. L’ultima squadra italiana ad un passo dal titolo fu la Bre Lannutti Cuneo guidata da coach Roberto Piazza giunta sino alla Finalissima nel 2013, poi persa nonostante un’epica battaglia al tie break contro la russa Lokomotiv Novosibirsk.

La ribalta europea ha una rilevanza italiana ancor più accentuata se si considera che su quattro squadre Semifinaliste (la prima Semifinale è tra i Campioni in carica dello Zenit Kazan e la padrona di casa Asseco Resovia Rzeszow), due di esse portano avanti il tricolore e saranno avversarie nella seconda Semifinale: Trentino Diatec e Cucine Lube Civitanova, come già accadde nell’edizione 2008-09, dove Trento ebbe la meglio sulla Lube vincendo infine il primo storico trofeo. La storia più recente della competizione racconta di altri derby italiani in Semifinale, tra i quali spiccano ad esempio nel 2007-08, la Semifinale tra Piacenza e Treviso, che vide prevalere gli emiliani sconfitti poi in Finale al tie break contro Kazan; quella del 1995-96 in Coppa Campioni tra Modena e Treviso, con vittoria finale del trofeo per gli emiliani al PalaDozza di Bologna, e quella del 1990-91 quando si incontrarono le storiche Modena e Parma, con i parmigiani in Finale (sconfitti poi da Mosca). Nel 2000-01, invece, la regola consentiva di avere due Club connazionali in Semifinali “separate”, Roma e Treviso, come nel 1996-97 Treviso e Modena.

Trentino Diatec, che cerca il quarto sigillo dopo quelli del 2009, 2010 e 2011, e Cucine Lube Civitanova che vuole bissare la vittoria del 2002, sono state bellissime in questa cavalcata europea con qualificazione alla Final Four ottenuta grazie alle due vittorie in trasferta nella gara di ritorno dei PlayOffs 6, rispettivamente contro la russa Belogorie Belgorod e la turca Halkbank Ankara. Ora si accingono ad affrontare l’ultimo e complicato atto della manifestazione con l’obbligo di mettere da parte i malumori per la situazione pericolosa che va delineandosi nella corsa Scudetto, dopo le doppie sconfitte subite per parte nelle prime due gare di Semifinale da DHL Modena e Sir Safety Conad Perugia. Regna sostanzialmente l’equilibrio tra le due formazioni che in Campionato quest’anno si sono affrontate tre volte con una vittoria a testa in Regular Season, ed una vittoria per Trento in Semifinale Del Monte® Coppa Italia al tie break. Idem nei precedenti in Champions, dove però alla fine è sempre stata Trento a passare il turno ai danni della Lube. Le due formazioni, che avranno al seguito l’apporto di tantissimi tifosi in partenza sia in aereo che in pullman messi a disposizione dalle Società, si affronteranno alle ore 19.30 nel secondo match in programma sabato 16 aprile (diretta Fox Sports Plus) in un derby che ha già il sapore di Finale. L’ouverture alle 16.30 con la prima sfida di Semifinale (differita Fox Sports Plus alle 10.45 di domenica) che vedrà opposte la detentrice del titolo, la russa Zenit Kazan (prima classificata nella fase a gironi nel Pool D a sette punti dall’Halkbank Ankara e qualificata dopo aver superato il Gdansk di Anastasi nei PlayOffs 12 e il Belchatow nei PlayOffs 6), e la squadra organizzatrice della Final Four di Krakow la polacca Asseco Resovia Rzeszow (ferma quindi ai box dal termine del League Round, chiuso da capolista nel Pool G).

Domenica 17 aprile spazio alle Finali per il 3°/4° posto alle 14.45 (diretta Fox Sports Plus) e la Finalissima a seguire alle 18.00 (diretta Fox Sports Plus) con una squadra italiana che certamente potrà ambire a riportare il titolo in Patria, assente dal 2011, anno del terzo trofeo consecutivo di Trento.

LA STORIA DELLE ITALIANE IN CHAMPIONS LEAGUE-

TRENTINO DIATEC- Sarà la quinta partecipazione alla Final Four di Champions League su sette edizioni disputate ed arriva a quattro anni di distanza dall’ultima volta (nel 2012 con Semifinale persa contro Zenit Kazan), anno che ha chiuso di fatto un iter durato quattro edizioni, fra il 2009 e 2012, e coronato da ben tre trofei consecutivi: a Praga nel 2009 vittoria contro l’Iraklis Thessaloniki, a Lodz nel 2010 vittoria contro la Dinamo Moscow e a Bolzano nel 2011 l’ultimo successo contro lo Zenit Kazan. Meno fortunate le due partecipazioni più recenti: nell’edizione 2013 l’eliminazione arrivò al Golden Set nei PlayOffs 12 per mano della Dinamo Moscow mentre in quella successiva (2014) la corsa si fermò ai PlayOffs 6 per opera del Belogorie Belgorod. Sulla panchina di allora e di oggi sempre il tecnico Radostin Stoytchev.

Il percorso della Trentino Diatec nella stagione 2015-16- primo posto finale in solitaria nel Pool C per i trentini, che hanno chiuso la classifica con due punti di vantaggio sulla francese Tours, unica formazione capace di batterli nel girone preliminare in occasione del match giocato in Francia. Superati senza troppi patemi i PlayOffs 12, dove i ragazzi di Radostin Stoytchev hanno inflitto due sconfitte ai belgi del Volley Asse-Lennik, è stata la fase dei PlayOffs 6 quella ad apparire più impervia sulla carta. Ma la Trentino Diatec, nonostante le pesanti assenze di Lanza e Djuric per infortunio, è riuscita a conquistare il pass per le Semifinali in Polonia superando la temibile formazione russa del Belogorie Belgorod non solo con un sonoro 3-0 casalingo, ma espugnando anche il campo straniero al tie break nel match di ritorno, vendicando così l’estromissione dalla Champions compiuta proprio dai russi ai danni di Trento nei PlayOffs 6 dalla competizione 2013-14 (poi vinta dal Belgorod).

CUCINE LUBE CIVITANOVA- È alla quarta partecipazione alla Final Four di Champions League su dieci edizioni disputate, di cui cinque consecutive. Uno il trofeo posto nella bacheca marchigiana: quello vinto ad Opole nel 2002, in Polonia, all’esordio assoluto nella competizione, dove tra le fila biancorosse della storica vittoria contro Olympiakos Piraeus, brillava già il nome di Ivan Miljkovic. Dopo quel successo i migliori risultati conseguiti nella massima competizione europea sono stati due piazzamenti al quarto posto: nel 2007 (Finale 3°/4° posto persa contro Dinamo Moscow) e nel 2009 (Finale 3°/4° posto persa contro Iskra Odintsovo) quando la Lube incontrò in Semifinale proprio Trento, che la eliminò dalla corsa verso la Finale per 3-0. Da allora (tranne la mancata partecipazione nella stagione 2010-11 che vide il trionfo marchigiano in Challenge Cup) i biancorossi sono usciti tre volte nella fase dei PlayOffs 12 (2009-10 dal Bled, 2013-14 da Piacenza e 2014-15 da Belchatow) e 2 volte ai PlayOffs 6 (2012-13 da Cuneo e 2011-12 da Trento).

Il percorso della Cucine Lube Civitanova nella stagione 2015-16- dopo aver dominato nel Pool E, chiuso con solo una sconfitta in Belgio contro il Knack Roeselare, ininfluente per la conservazione del primato in classifica, i cucinieri hanno poi superato brillantemente il doppio turno a eliminazione diretta nei Play Offs 12 infliggendo una doppia sconfitta all’Arkas Izmir (TUR). È stata quindi battaglia nei Play Offs 6 contro un’altra formazione turca, l’Halkbank Ankara degli italiani Lorenzo Bernardi e Dragan Travica, capace di eliminare la DHL Modena dalla competizione. La vittoria 3-2 all’Eurosuole Forum di Civitanova è stato il preludio di un match di ritorno mozzafiato in Turchia dove i biancorossi, sconfitti al tie break, sono riusciti poi a vincere il decisivo Golden Set 15-17, conquistando l’ambita partecipazione alla Final Four di Krakow, Semifinale che mancava dalla stagione 2008-09.

SEMIFINALE TRENTINO DIATEC - CUCINE LUBE CIVITANOVA-

PRECEDENTI: 48 (28 successi Trento, 20 successi Civitanova)

EX: Osmany Juantorena a Trento dal 2009 al 2013.

Precedenti in questo Campionato: 3 - 2 volte in Regular Season con 1 successo per parte (3-2 per Trento all’andata e 3-0 per Civitanova al ritorno), 1 in Semifinale Del Monte® Coppa Italia (1 successo Trento 2-3)

Precedenti in Champions League: 3 precedenti in Champions League, 1 in Semifinale (4 aprile 2009: 1 successo Trento 3-0), 2 nei PlayOffs 6 (1 successo Civitanova all’andata 3-2 il 22 febbraio 2012, 1 successo Trento al ritorno 3-0 e Golden Set 15-9 l’1 marzo 2012).

I PROTAGONISTI-

Simone Giannelli (Trentino Diatec)- « Trento ha già vinto in Polonia un’edizione della Final Four di Champions League; era il 2010 e io a tredici anni vivevo la mia prima stagione nel mondo della pallavolo giocando in Under 14, ma già ai tempi avevo capito quanto contasse questo trofeo per Trento e la Società. A sei anni di distanza fa un certo effetto vivere da protagonista l’evento; proveremo a riportare a casa la Coppa. Sentiamo forte l’orgoglio di rappresentare la nostra terra e anche l’Italia in Europa. Ci attendono due partite difficilissime a cui arriviamo però senza particolari paure o pressioni perché sappiamo come giocare la nostra pallavolo e lo faremo fino in fondo; la Lube è forte ed esperta ma noi siamo giovani ed intraprendenti ».

Jenia Grebennikov (Cucine Lube Civitanova)- « E' arrivato il momento di affrontare l’avventura nella Final Four della 2016 Champions League. Sarà uno dei momenti più importanti della mia carriera, visto che si tratta della mia prima volta nell’atto conclusivo della massima competizione europea. Dunque, per questo motivo, sarà sicuramente un appuntamento entusiasmante ed una bella emozione. Ci attende la Semifinale contro Trento, una gara dura: dovremo resettare subito la sconfitta con Perugia in Campionato e tuffarci con grande fiducia nell’avventura europea. Abbiamo conquistato il traguardo Final Four con grande grinta e tenacia, perciò scenderemo in campo alla Tauron Arena di Cracovia per dare tutto quello che abbiamo. E sarà stupendo giocare di fronte ad oltre 15 mila spettatori, con tanti tifosi in arrivo dall’Italia a sostenerci ».

PROGRAMMA E ARBITRI-

2016 CEV Champions League, Final Four - Krakow (POL)

1a Semifinale

Sabato 16 aprile, ore 16.30

Zenit Kazan (RUS) - Asseco Resovia Rzeszow (POL)  (Gradinski-Huhtaniska)

2a Semifinale

Sabato 16 aprile, ore 19.30

Trentino Diatec (ITA) - Cucine Lube Civitanova (ITA)  (Collados-Barnstorf)

Finale 3°-4° posto

Domenica 17 aprile, ore 14.45 

Finale 1°-2° posto

Domenica 17 aprile, ore 18.00 

ALBO D’ORO-

COPPA CAMPIONI

(la Coppa Campioni diventa Champions League dal 2000/01)

1960            CSKA Mosca (URSS)

1960/61        Rapid Bucarest (ROM)

1961/62        CSKA Mosca (URSS)

1962/63        Rapid Bucarest (ROM)

1963/64        SC Leipzig (GDR)

1964/65        Rapid Bucarest (ROM)

1965/66        Dinamo Bucarest (ROM)

1966/67        Dinamo Bucarest (ROM)

1967/68        Spartak Brno (CEC)

1968/69        CSKA Sofia (BUL)

1969/70        Burevestnik Alma Ata (URSS)

1970/71        Burevestnik Alma Ata (URSS)

1971/72        Zetor Zbroyovka Brno (CEC)

1972/73        CSKA Mosca (URSS)

1973/74        CSKA Mosca (URSS)

1974/75        CSKA Mosca (URSS)

1975/76        Dukla Liberec (CEC)

1976/77        CSKA Mosca (URSS)

1977/78        Plomien Milowice (POL)

1978/79        Stella Rossa Bratislava (CEC)

1979/80        Klippan CUS Torino

1980/81        Dinamo Bucarest (ROM)

1981/82        CSKA Mosca (URSS)

1982/83        CSKA Mosca (URSS)

1983/84        Santal Parma

1984/85        Santal Parma

1985/86        CSKA Mosca (URSS)

1986/87        CSKA Mosca (URSS)

1987/88        CSKA Mosca (URSS)

1988/89        CSKA Mosca (URSS)

1989/90        Philips Modena

1990/91        CSKA Mosca (C.S.I.)

1991/92        Il Messaggero Ravenna

1992/93        Il Messaggero Ravenna

1993/94        Edilcuoghi Ravenna

1994/95        Sisley Treviso

1995/96        Las Daytona Modena

1996/97        Las Daytona Modena

1997/98        Casa Modena Unibon

1998/99        Sisley Treviso

1999/00        Sisley Treviso

 

ALBO D’ORO CHAMPIONS LEAGUE

2000/01        Paris Volley (FRA)

2001/02        Lube Macerata

2002/03        Lokomotiv Belgorod (RUS)

2003/04        Lokomotiv Belgorod (RUS)

2004/05        Tours (FRA)

2005/06        Sisley Treviso

2006/07        VfB Friedrichshafen (GER)

2007/08        Dinamo Kazan (RUS)

2008/09        Trentino Volley

2009/10        Trentino BetClic

2010/11        Trentino BetClic

2011/12        Zenit Kazan (RUS)

2012/13        Lokomotiv Novosibirsk (RUS)

2013/14        Belogorie Belgorod (RUS)

2014/15        Zenit Kazan (RUS)

 

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti