Corriere dello Sport

Coppe volley

Vedi Tutte
Coppe volley

Volley, Coppa Italia A2, vincono Filottrano, Pesaro, Legnano e Trento

Volley, Coppa Italia A2, vincono Filottrano, Pesaro, Legnano e Trento
© Delta Informatica

Disputata l'andata dei quarti di finale. Rispettati in tre partite su quattro i valori espressi dal campionato. Unica eccezione il successo della Delta Informatica che in casa ha superato 3-0 la Lilliput Settimo Torinese

 

mercoledì 18 gennaio 2017 21:52

ROMA-Nell’andata dei quarti di finale di Coppa Italia di serie A2 rispettati i valori espressi dal campionato al termine del girone di andata, con le squadre più forti impegnate in trasferta, quelle con il miglior ranking, vittoriose in tre partite su quattro. Unica eccezione il successo della Delta Informatica Trentino, quinta al termine della prima fase del torneo, che ha superato 3-0 Settimo Torinese (quarta). Per il resto Filottrano, dominatrice assoluta fino ad oggi della categoria, vittoriosa con il massimo punteggio a Palmi, secondo successo in tre giorni di Legnano su Soverato e netta affermazione di Pesaro sul campo di Chieri.

LE QUATTRO SFIDE-

GOLEM SOFTWARE PALMI – LARDINI FILOTTRANO-
La Lardini vince con il massimo scarto a Palmi e si assicura un buon vantaggio in vista della gara di ritorno al PalaBaldinelli (martedì 24, ore 20:30) che determinerà l’accesso alla semifinale della coppa Italia di A2. La formazione filottranese, priva della febbricitante Vanzurova, fa bottino pieno, con una positiva prova di squadra, prendendo dal finale di prima frazione il comando della partita e trovando risorse importanti al servizio, in difesa e a muro: ben 14 quelli punto, 6 di Mazzaro e 5 di Scuka.

Coach Bellano lancia Tosi in diagonale a Bosio nello starting-six, Mazzaro risponde al muro di Zanette (2-4) in un avvio di primo set in cui la Golem Software (che rinuncia a Caracuta e Casillo) prova a fare l’andatura (8-6, 15-12), approfittando anche di qualche sbavatura filottranese. Con un break di 5-1 la Lardini azzera il ritardo (16-17), ma deve tornare a rincorrere (19-17). Galazzo, appena entrata, cerca Cogliandro che mette giù i palloni della parità (19-19), poi è la stessa alzatrice ad attaccare di seconda per il nuovo vantaggio filottranese (19-20). Scuka (7 punti nel set) e il muro di Mazzaro lanciano la Lardini (20-23) che chiude al secondo set-point con la stessa centrale.

Filottrano lavora bene in attacco dopo ricezione positiva e scatta con impeto dai blocchi del secondo set: Bosio manda a bersaglio Cogliandro, Scuka e Tosi (1-4), le lunghe leve di Mazzaro fanno male sia in attacco che a muro (3-8). Il servizio filottranese tiene in apprensione la ricezione calabrese e quando la Golem Software prova a tornare sotto (12-13) è la premiata ditta Mazzaro-Scuka a determinare la nuova fuga a muro (12-17). La squadra di Bellano gestisce senza affanni lo scarto e con il muro di Bosio e la fast di Cogliandro si porta sul 2-0.

Feliziani e Negrini fanno un ottimo lavoro in difesa e la sola Zanette riesce a dare continuità all’azione offensiva (7-6). La Lardini piazza due break importanti nella prima parte della terza frazione, il secondo (4-0), chiuso dall’ace di Cogliandro, lancia di fatto la formazione filottranese (10-14). Bosio lavora bene con le centrali (27 punti in due), il muro tocca ogni attacco di Palmi, la Lardini prende il largo (15-21) e chiude in tre set.

IL TABELLINO-

GOLEM SOFTWARE PALMI – LARDINI FILOTTRANO 0-3 (22-25, 18-25, 18-25)

GOLEM SOFTWARE PALMI: Lestini 7, Tomaselli 1, Zanette 18, Quiligotti, Barbagallo (L), Vietti 2, Guidi 6, Moretti 8. All. Giangrossi.

LARDINI FILOTTRANO: Tosi 4, Bosio 2, Galazzo 1, Feliziani (L), Negrini 3, Mazzaro 13, Cogliandro 14, Scuka 17. Non entrate Marangon, Rita, Cappelli. All. Bellano.

ARBITRI: Vecchione, Autuori.

NOTE – durata set: 26′, 22′, 22′; tot: 70′.

DELTA INFORMATICA TRENTINO – LILLIPUT SETTIMO TORINESE-

Una Delta Informatica Trentino impeccabile non dà scampo alla Lilliput Settimo Torinese, superando in tre set le piemontesi nel match d’andata dei quarti di finale di Coppa Italia. Tra sette giorni, in Piemonte, alle gialloblù di Ivan Iosi sarà dunque sufficiente aggiudicarsi un set per strappare il pass per le semifinali. Una vittoria di cuore, carattere e personalità, ottenuta nonostante le assenze di Aricò (infortunata) e Kijakova (virus influenzale): così come era accaduto domenica in campionato con Mondovì, le grandi protagoniste anche oggi sono state le cosiddette seconde linee, da Michieletto ad Antonucci, questa sera premiata con il titolo di mvp del match. Per l’opposto borghigiano 12 punti personali con 2 muri e 2 ace a referto, sugli scudi anche Michieletto (13 punti con 2 ace, 2 muri e il 35% a rete) e tutte le altre giocatrici del sestetto trentino, abili a reagire dopo un avvio complicato e a dominare con sicurezza la seconda e la terza frazione andate in scena al Sanbàpolis.

Primo set in salita per Trento che si ritrova a -4 complice il positivo turno al servizio di Akrari e i tre errori consecutivi in attacco di Fondriest (3-7). Con qualche minuto di ritardo la Delta Informatica entra mentalmente in partita e la sfida si fa decisamente più equilibrata ed interessante. Nonostante un servizio poco incisivo e molto falloso, il sestetto di Iosi riesce a non perdere ulteriore terreno dalle torinesi, aggrappandosi alle giocate di un’ispiratissima Sofia Rebora: suo il muro del 12-15 su Biganzoli, suoi i due attacchi al centro che spingono Trento fino al 15-17. Settimo Torinese prende nuovamente il largo approfittando dei troppi errori al servizio delle gialloblù, spingendosi fino al 21-24 e guadagnandosi tre set point. Nel momento di maggior difficoltà la Delta Informatica ha il merito di crederci fino all’ultimo e con Coppi al servizio piazza una rimonta incredibile: l’attacco di Michieletto e il muro di Rebora spaventano le piemontesi (24-24), agganciate e sorpassate di slancio dopo l’errore di Akrari e un altro muro trentino, questa volta firmato da Antonucci sulla neo entrata Bisio (26-24).

Dopo un primo set complicato l’avvio di secondo parziale è tutto nel segno di Silvia Fondriest: la roveretana si esalta a muro e va a segno anche in fast, lanciando Trento sul 7-3. Venco prova ad invertire la rotta affidando la regia a Malvicini, ma il sistema muro-difesa di casa mette la museruola a tutte le attaccanti della Lilliput (11-5). Sembra tutto facile per il sestetto di Iosi che giunge indisturbato fino al 16-11: Venco le prova tutte, getta nella mischia anche Kone e la mossa si rivela indovinata perché Settimo Torinese torna ad essere aggressivo in attacco e a muro, sfiorando la parità sul 17-16. Tutto da rifare per Trento che beneficia di qualche omaggio torinese (tanti gli errori in battuta) e trova una Zardo determinante e spettacolare in difesa, assoluta protagonista del nuovo allungo trentino (22-19). Va al servizio Michieletto che aggiusta finalmente la mira e firma i due ace che spediscono le gialloblù sul 2-0 (25-19).

Venco rilancia Cumino in cabina di regia e conferma Bisio e Kone nel sestetto piemontese ma anche la prima fase della terza frazione sorride alle gialloblù, avanti 10-5 con Antonucci sugli scudi in attacco e attenta anche a muro. La reazione di Settimo Torinese dura un istante (11-9) perché la seconda parte del set si tinge rapidamente di gialloblù con il terzetto di palla alta Coppi, Michieletto e Antonucci implacabili nel trascinare la Delta Informatica ad un rapidissimo 25-13 finale.

IL TABELLINO-

DELTA INFORMATICA TRENTINO – LILLIPUT SETTIMO TORINESE 3-0 (26-24, 25-19, 25-13)

DELTA INFORMATICA TRENTINO: Michieletto 13, Fondriest 7, Zardo (L), Moncada 3, Antonucci 12, Rebora 5, Coppi 13. Non entrate Bogatec, Kijakova, Bortoli. All. Iosi.
LILLIPUT SETTIMO TORINESE: Joly Jessica 1, Bisio 4, Fiore 6, Malvicini 3, Midriano 4, Cumino, Parlangeli (L), Biganzoli 4, Kone 3, Akrari 9. Non entrate De Stefani, Vilcu, Cortelazzo. All. Venco.

ARBITRI: Marotta, Licchelli.

NOTE – durata set: 29′, 24′, 22′; tot: 75′.

FENERA CHIERI – MYCICERO PESARO

 Andata dei quarti di finale di Coppa Italia amara per il Fenera Chieri ’76: in poco più di un’ora la myCicero Pesaro sbanca il PalaPininfarina con un netto 0-3. Il risultato non ammette repliche. La squadra di Bertini (nelle cui file c’è l’ex Tonello, schierata titolare al centro) si mostra superiore in tutti i fondamentali e sotto qualunque punto di vista, mentre le biancoblù di Guidetti soltanto in alcuni tratti del primo e del terzo set riescono a mettere alle avversarie la pressione necessaria per reggere il confronto. L’incontro di ritorno si giocherà mercoledì 25 gennaio (ore 20.30) a Pesaro. Per passare il turno Serena e compagne dovranno vincere 0-3 e aggiudicarsi il golden set di spareggio.

Quella di questa sera è stata l’ultima partita del Fenera Chieri ’76 al PalaPininfarina di Santena: il prossimo impegno casalingo è fissato al PalaMaddalene di Chieri. L’appuntamento è fissato per domenica 29 gennaio, proprio contro la myCicero Pesaro.

La cronaca. Primo set. Avvio problematico per il Fenera Chieri ’76 che fa molta fatica a chiudere gli scambi e impiega tutta la prima rotazione per realizzare il primo punto “proprio”, quello del 6-10 messo a terra da Leggs: prima, soltanto errori al servizio o in attacco delle ospiti. Continuando a beneficiare di diversi errori di Pesaro le biancoblù tornano a contatto sul turno di battuta di Caneva (12-13). Segue una fase di punto a punto spezzata sul 14-15 da Tonello. Coach Guidetti inserisce Armando ed Errichiello per Nenkovska e Vingaretti, quindi chiama time-out: da 14-19 le chieresi risalgono a 17-19 e questa volta è Bertini a fermare il gioco. Nel finale la partita sale di qualità. Kiosi giganteggia (chiuderà il set con 8 punti e il 78% di efficacia), dall’altra parte sono Leggs, Nenkovska e Mezzi a tenere le biancoblù a contatto ma alla fine Degradi porta al giro di campo sul 23-25.

L’inizio del secondo set ricalca in parte quello del primo, con la myCicero Pesaro che difende tutto e il Fenera Chieri ’76 che non riesce a mettere il pallone a terra, ma con la differenza che questa volta la squadra di Bertini non fa regali. Morale, il punteggio cresce rapidamente a favore delle marchigiane con passaggi a 1-6, 2-12 e 13-16. Coach Guidetti esaurisce i time out e si gioca le carte Provaroni, Armando ed Errichiello, senza riuscire a cambiare l’inerzia della partita. Sul 7-24 Errichiello e Provaroni annullano due palle set, quindi è Bussoli a realizzare il 9-25.

Terzo set. Per la prima volta nel match a inizio set il Fenera Chieri ’76 si trova avanti di 2 punti grazie a Leggs e Mezzi. Segue una fase molto equilibrata che le biancoblù spezzano sul 9-9 salendo a 12-9 (muro di Leggs). Bertini ferma il gioco e alla ripresa Pesaro capovolge il punteggio in 12-14. Di lì in avanti la myCicero non si fa più riprendere e con un ritmo molto regolare chiude set e partita sul 21-25. Il punto conclusivo è di Di Iulio con una giocata di seconda.

I PROTAGONISTI-

Gianfranco Cumino (II allenatore Fenera Chieri)- « Sapevamo di andare incontro a una partita contro una squadra ben attrezzata e sulla carta più forte di noi. Abbiamo cercato di iniziare bene ma appena abbiamo mollato un po’ al servizio ci siamo scoraggiati vedendo che loro stavano difendendo tutto, oltre ad attaccare come sapevamo sono capaci di fare. Contro squadre così non puoi permetterti di farlo: se non giochi al 110%, è tutto in salita ».

Matteo Bertini (Allenatore myCicero Pesaro)- « Sono molto soddisfatto della prestazione della squadra. Abbiamo espresso un’energia e una positività che non si vedeva da un po’. Vorrei elogiare chi finora ha giocato meno a cominciare da Tonello, che ha disputato tutta la partita, per poi passare a Rimoldi e Pamio che hanno creato il break, in nostro favore, nella terza frazione e il giusto impatto della Bussoli che ha chiuso il secondo parziale. Nel complesso si è visto il lavoro che svolgiamo in palestra: in questo periodo abbiamo lavorato sulla precisione e i risultati si sono visti. A questa manifestazione teniamo particolarmente – conclude il coach rossoblù – e sono molto contento per la vittoria ».

IL TABELLINO-

FENERA CHIERI – MYCICERO PESARO 0-3 (23-25, 9-25, 21-25)

FENERA CHIERI: Bresciani (L), Mezzi 3, Leggs 7, Errichiello 3, Provaroni 3, Serena 5, Nenkovska 10, Armando, Caneva 6, Vingaretti. Non entrate Scapati, Tasca. All. Guidetti.

MYCICERO PESARO: Degradi 10, Olivotto 8, Ghilardi (L), Gamba, Kiosi 13, Di Iulio 3, Bussoli 1, Santini 9, Pamio 2, Rimoldi, Tonello 10. Non entrate Mastrodicasa. All. Bertini.

ARBITRI: Spinnicchia, Di Blasi.

NOTE – durata set: 26′, 20′, 25′; tot: 71′.

VOLLEY SOVERATO – SAB GRIMA LEGNANO-

Passa la Sab Grima Legnano al “Pala Scoppa”” superando il Volley Soverato per tre set a uno nell’andata dei quarti di finale di Coppa Italia, ipotecando così il passaggio al prossimo turno. Al Soverato di Saja servirà, infatti, nel match di ritorno in programma mercoledì prossimo in Lombardia, vincere per tre a zero oppure tre set a uno e giocarsi il tutto al “golden set”. Le biancorosse non hanno avuto un positivo approccio alla gara, andando subito sotto di quattro punti che, alla fine, si sono rivelati decisivi per la vittoria del set da parte delle giallonere. Troppi errori nella compagine di casa, con tanti servizi ospiti giudicati fuori e invece finiti dentro il campo. Delusione tra il pubblico che sperava di vincere per giocarsi al meglio il ritorno. Passiamo alla partita.

Il Volley Soverato rispetto alla gara di campionato cambia il libero, schierano Giorgia Caforio mentre il resto del sestetto vede la palleggiatrice Demichelis con opposto Manfredini, al centro la coppia Bertone e Travaglini, in banda Zanotto e la bulgara Karakasheva; dall’altra parte Andrea Pistola schiera Sara De Lellis in regia con Mingardi opposto, al centro Furlan e Facchinetti, schiacciatrici Grigolo e Coneo mentre il libero è Paris.

Partono meglio le ospiti di coach Pistola che si portano sullo 0-4 con Soverato che in questa fase iniziale del match ha difficoltà a mettere la palla a terra; primi due punti delle calabresi ma la Sab allunga sul punteggio di 4-8 e più avanti si porta sul 9-13 con i tifosi del Soverato che sostengono a gran voce la loro squadra in difficoltà. Ace di Grigolo per Legnano e coach Saja chiama il primo time out dell’incontro, mentre intanto entra Bisconti per Zanotto nelle locali sul punteggio di 11-17 per le lombarde. Si chiude il cambio con Zanotto nuovamente dentro sul 15-19 per Legnano; Soverato ci crede e si avvicina alle avversarie adesso distanti tre lunghezze, 16-19. Nuovamente a più cinque la squadra di coach Pistola con il Soverato che tenta il tutto per tutto ma le ospiti si trovano a due lunghezze dal set, 18-23. Accorciano Travaglini e compagne e coach Pistola chiama il suo primo time out, 20-23. Al rientro sono quattro i set point per le giallonere che sprecano i primi due. Entra Gennari in battuta sul 22-24 e piazza un ace costringendo al time out Legnano sul 23-24. Al rientro in campo chiudono le ospiti 23/25.

Parte meglio il Soverato nel secondo set e sul 4-2 Legnano chiama subito time out. Poco dopo sono avanti le ospiti 5-6 ma le calabresi ribaltano nuovamente il punteggio 8-6. Mini break delle ioniche del presidente Matozzo che sul 10-10 piazzano un sei a zero allungando 16-10 con Legnano che opta per mandare in campo Kosareva al posto di Coneo. Spinge adesso la squadra di Saja che appare più convinta e con un bel punto di Manfredini si porta sul 19-13 ma la Sab Grima è sempre pronta a reagire. Le calabresi non abbassano la guardia e continuano il loro gioco e Travaglini dal centro porta a 22-15 il punteggio; Legnano ha una reazione e riduce il distacco con time out per Soverato sul 22-18. Al rientro altri due punti delle ospiti riavvicinano le due squadre, 22-20 ma Mingardi sbaglia il servizio e Soverato và 23-20. Fasi decisive del secondo set con le squadre divise da due punti, 23-21. Erroraccio delle locali e nuovo time out con Legnano ad un punto, 23-22. Karakasheva guadagna due palle set; attacco di Mingardi e prima possibilità sfumata per le calabresi che chiudono con Manfredini 25/23.

Avvio equilibrato di terzo set, il punteggio vede calabresi e lombarde sul 6-6 ma c’è subito il mini break di Legnano che si porta avanti 6-9; coach Saja chiama tempo con la squadra sempre distante di tre lunghezze, 10-13. Squadre nuovamente in campo con Soverato che si riavvicina, 12-13 ma le lombarde ristabiliscono le distanze 12-15. Le due squadre rispondono punto su punto ma è sempre la compagine dell’ex De Lellis ad avere tre punti in più, 16-19 con Soverato che non molla e cerca di ricucire lo strappo. Allunga decisamente la Sab Grima e Saja ricorre al time out sul 18-22. Al rientro sono ben sei le palle set per Legnano; Soverato annulla le prime due e coach Pistola chiama time out, ma al rientro in campo Coneo e compagne chiudono il parziale 21/25.

Anche nel quarto set partono meglio le ragazze di Pistola con Saja costretto subito al time out sul punteggio di 2-5; tre errori consecutivi delle giallonere riportano il punteggio in parità, 5-5, ma presto Grigolo e compagne guadagnano un buon margine portandosi sul 10-13. Black out elettrico e gara sospesa per una ventina di minuti. Alla ripresa, allunga ancora la compagine ospite che si porta sul punteggio di 11-17 ed intravede la vittoria; il Soverato non riesce a ritrovarsi e cede alle avversarie il set per 14/25. Una sconfitta pesante che compromette il cammino in Coppa Italia anche se la settimana prossima la gara in quel di Castellanza andrà sempre giocata. Di certo, ci vorrà una grande prestazione da parte delle calabresi se vorranno tentare l’impresa. Intanto, pensiero rivolto al prossimo impegno in campionato quando domenica sempre al “Pala Scoppa” Manfredini e compagne riceveranno la visita del Fenera Chieri.

IL TABELLINO-

VOLLEY SOVERATO – SAB GRIMA LEGNANO 1-3 (23-25, 25-23, 21-25, 14-25)

VOLLEY SOVERATO: Travaglini 5, Caforio (L), Caravello, Bertone 14, Demichelis 3, Zanotto 4, Manfredini 18, Gennari 1, Karakasheva 10, Bisconti. Non entrate Vujko. All. Saja.

SAB GRIMA LEGNANO: Paris (L), Furlan 11, Muzi, Mingardi 23, Coneo 8, Grigolo 18, Facchinetti 13, Kosareva 2, Bossi, De Lellis 3. Non entrate Figini, Mazzotti. All. Pistola.

ARBITRI: Moratti, Carcione.

NOTE – durata set: 23′, 26′, 23′, 40′; tot: 112′.

IL TABELLONE-

(1) Lardini Filottrano – (8) Golem Software Palmi
(4) Lilliput Settimo Torinese – (5) Delta Informatica Trentino
(2) myCicero Pesaro – (7) Fenera Chieri
(3) SAB Grima Legnano – (6) Volley Soverato

I RISULTATI DEI QUARTI DI FINALE – GARE DI ANDATA-

Mercoledì 18 gennaio, ore 19.30
Golem Software Palmi – Lardini Filottrano 0-3 (22-25, 18-25, 18-25)
Mercoledì 18 gennaio, ore 20.30
Delta Informatica Trentino – Lilliput Settimo Torinese 3-0 (26-24, 25-19, 25-13)
Fenera Chieri – myCicero Pesaro 0-3 (23-25, 9-25, 21-25)
Volley Soverato – SAB Grima Legnano 1-3 (23-25, 25-23, 21-25, 14-25)

PROGRAMMA E ARBITRI DELLE GARE DI RITORNO-

Martedì 24 gennaio, ore 20.30
Lardini Filottrano – Golem Software Palmi (Traversa-Jacobacci)
Mercoledì 25 gennaio, ore 20.30
Lilliput Settimo Torinese – Delta Informatica Trentino (De Sensi-Bassan)
myCicero Pesaro – Fenera Chieri (Sessolo-Piubelli)
SAB Grima Legnano – Volley Soverato (Pozzi-Pristerà)

Articoli correlati

Commenti