VNL: l'Italia chiude in bellezza superando la Thailandia

Le azzurre chiudono la week di Sofia superando 3-0 (25-20; 25-14; 25-14) le asiatiche. Egonu mattatrice con 24 punti
VNL: l'Italia chiude in bellezza superando la Thailandia
7 min
TagsVNLItaliaThailandia

SOFIA (BULGARIA)- L’Italia cala il poker di vittorie anche nella week 3 di Volleyball Nations League. Dopo i successi su Polonia, Corea del Sud e Bulgaria, le azzurre hanno regolato anche la Thailandia 3-0 (25-20; 25-14; 25-14) al termine di una partita ben giocata sin dalle prime battute con Egonu e Danesi grandi protagoniste. Quattro su quattro a Sofia, ottavo successo consecutivo, vittoria numero dieci in VNL, è questo il bilancio delle azzurre in vista delle Finals in programma ad Ankara dal 13 al 17 luglio. E in attesa della sfida tra USA e Germania, l’Italia chiuderà la fase eliminatoria davanti a Giappone, Serbia, Turchia e Cina (e con ancora in bilico l’ottavo posto) ma con la Turchia che prenderà comunque la posizione 1 (in quanto paese ospitante delle Finals). Le azzurre rientreranno nella mattinata di domani in Italia dove riposeranno fino a giovedì 7 luglio per poi ritrovarsi in collegiale presso il Centro di preparazione olimpica Giulio Onesti di Roma.

 Contro la Thailandia l’Italia è partita con Orro in palleggio, Sylla e Pietrini schiacciatrici, Danesi e Chirichella al centro, Egonu opposto e Monica De Gennaro libero. La partita è stata divertente sin dai primi scambi: Chirichella ha aperto le danze seguita a ruota da Kaewkalay, Egonu e Pimpichaya (2-2). Il gioco senza riferimenti e veloce della Thailandia ha causato qualche problema alle azzurre che però azione dopo azione hanno preso ritmo trovando con Egonu, Danesi e i primi squilli di Pietrini la slancio per il primo minibreak del match (12-10). Una volta messe le marce alte, le azzurre non si sono più fermate iniziando a pungere con continuità con Egonu, Sylla ed anche al centro con una solida Chirichella (16-12). La Thailandia ha provato a restare aggrappata al set ma prima Sylla e Chirichella in attacco e poi Pietrini con un bel muro, hanno inferto l’ultimo strappo al set poi chiuso da un attacco di prepotenza di Paola Egonu per l’Italia (25-20).

L’entusiasmo e la voglia di rivalsa delle thailandesi non hanno intimorito l’Italia in avvio di secondo parziale: sull’1-3 Thailandia Egonu ha ammutolito il match centrando con un attacco oltre i 100 km/h il libero Suppatra (costretta al cambio per riprendersi). Il colpo dell’opposto azzurra ha di fatto dato il là alla fuga italiana (12-6) che ha spezzato in due il parziale poi dominato dalle azzurre anche grazie al contributo di Sylla e di un muro che ha impedito più volte alla Thailandia delle generose Pimpichaya e Kaewkalay di superare la rete. L’Italia non ha rallentato e con la solita Egonu e una Danesi perfetta a muro nonostante il gioco imprevedibile delle thailandesi e preziosa in attacco al centro, ha chiuso i conti anche nel secondo parziale in maniera agevole (25-14).

La musica non è cambiata nel terzo set: Danesi al centro e Pietrini ed Egonu in banda hanno continuato a martellare il campo di una Thailandia che, nonostante i cambi e i timeout del CT Sriwacharamaytakul, ha visto l’Italia scappare via subito (13-6).  Il forcing azzurro fatto di difese, muri, palloni sporchi ripuliti dalla regia di Orro ed attaccati con forza da Egonu, Sylla e Pietrini ha mandato completamente fuori ritmo la Thailandia costretta alla resa finale con il netto punteggio di 25-14.

I PROTAGONISTI-

Davide Mazzanti (Allenatore Italia)– « Partita di grande qualità dove tutta la squadra si è mossa con ordine durante i timeout ho detto alle ragazze che mandare fuori giri la Thailandia non è una cosa da poco anzi direi che nella nostra storia non era mai successo. Abbiamo fatto un super lavoro con approccio giusto e determinazione. Portarle fuori ritmo e averle indotte in errore da ancora più valore a quanto fatto con muro-difesa. Abbiamo gestito bene le forze in questa Pool che era un obiettivo di questa settimana quasi pari ai risultati ed ora arriviamo alle Finals con grande consapevolezza e questo è importante. A tal proposito voglio fare un grosso in bocca al lupo alle ragazze che hanno fatto parte di questo gruppo nelle prime due settimane e che domani giocheranno per l’oro ai Giochi del Mediterraneo, perché anche grazie al loro contributo adesso siamo alle Finals e in questo stato di forma. Siamo un gruppo e tutte sono cresciute facendo esperienza e dando una grossa mano a chi ha giocato dopo ed ora andrà alle finali ».

Anna Danesi (Italia)– « Dal punto di vista personale ho impiegato un po’ a carburare anche se contro la Thailandia non è mai semplice poi però giocando di squadra siamo uscite fuori giocando un’ottima partita. Loro giocano una pallavolo molto veloce ed imprevedibile e lasciarle a 14 nei set significa che abbiamo fatto un ottimo lavoro difendendo bene ed attaccando altrettanto. Adesso dobbiamo voltare pagina, vogliamo sognare in vista delle Finals dove potremo incontrare squadre mai affrontate finora. Però prima lavoreremo una volta in Italia per crescere ulteri ormente e poi andremo a giocarci le nostre chance ad Ankara ».

Alessia Orro (Italia) – « Ci siamo divertite tantissimo contro delle avversarie per niente semplici da affrontare con il loro gioco rapido. Abbiamo fatto bene in muro-difesa e giocato una bella pallavolo divertendoci molto. Questi risultati dicono che siamo forti ma sono certa che anche senza tante vittorie le altre avrebbero guardato a noi come una grande squadra. Adesso però andiamo alle Finals con un pizzico di emozione ma con ancora qualche giorno per migliorare e lavorare. Fisicamente il mio ginocchio sta rispondendo molto bene e non immaginavo di es sere già a questo punto. Dal punto di vista tecnico devo ancora migliorare, ho commesso delle sbavature su cui voglio lavorare e che spero che con il passare dei giorni in gruppo saranno superate. Però in generale sono felice di come giochiamo di squadra e per questo ringrazio le mie compagne per come hanno lottato su ogni pallone ».

IL TABELLINO- 

ITALIA – THAILANDIA 3-0 (25-20; 25-14; 25-14)

ITALIA: Pietrini 11, Danesi 9, Egonu 24, Sylla 8, Chirichella 7, Orro 3, De Gennaro (Libero), Fersino. N.E. Lubian, Gennari, Bonifacio, Degradi, Malinov e Nwakalor. All. Mazzanti

THAILANDIA: Chatchu-On 10, Kaewkalaya 2, Pimpichaya 9, Ajcharaporn 4, Hattaya 4, Pornpung, Sasipapron 1, Sutadta, Sirima. N.E.: Tichaya, Kannika, Tathdao e Wipawee. All. Sriwacharamaytakul

ARBITRI: Akrinci Erdal (Tur) e Adler Laszlo (Hun)

Durata: 23’, 20’, 22’

Spettatori: 150

Italia: a 7, bs 7, m 6, et 5.

Thailandia: a 3, bs 0, m 0, et 8.

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti