Volley: SuperLega, comandano Modena e Ravenna

Primo turno infrasettimanale della stagione quello giocato stasera sui sei campi della SuperLega. A punteggio pieno rimangono solo le formazioni di Lorenzetti e Kantor

© Legavolley

ROMA – La terza giornata della SuperLega si chiude con due sole squadre a punteggio pieno. Si tratta di Modena, che in casa ha battuto 3-0 Monza, e di Ravenna, capace di infilare il terzo successo consecutivo superando 3-1 Città di Castello. Crolla Molfetta, che finora aveva mantenuto l'imbattibilità, sotto i colpi di Trento, che centra il terzo successo in altrettante gare e si conferma al secondo posto della classifica. Dopo il turno di stop di domenica scorsa, i campioni d'Italia di Macerata sono tornati in campo e hanno rifilato un secco 3-0 a Padova. Per Perugia, invece, arriva il primo successo stagionale, 3-0 in casa di Latina. Tre punti anche per Piacenza, che in casa supera nettamente Verona. 

TUTTE LE PARTITE-

CUCINE LUBE BANCA MARCHE TREIA - TONAZZO PADOVA 3-0 (25-15, 25-18, 25-22) - CUCINE LUBE BANCA MARCHE TREIA: Henno (L), Parodi 8, Stankovic 7, Sabbi 16, Bonacic 2, Shumov 5, Kurek 14, Baranowicz 1. Non entrati Fei, Paparoni, Kovar, Monopoli. All. Giuliani. TONAZZO PADOVA: Mattei 5, Orduna 2, Giannotti 10, Balaso (L), Gozzo 5, Volpato 2, Garghella 2, Aguillard 2, Quiroga 13. Non entrati Vianello, Rosso, Beccaro. All. Baldovin. ARBITRI: Satanassi, Pasquali. NOTE - Spettatori 1800, incasso 6900, durata set: 22', 22', 24'; tot: 68'.

 

Tutto secondo copione al Palasport Fontescodella di Macerata, dove i Campioni d’Italia della Cucine Lube Banca Marche Treia, tornati in campo dopo il turno di riposo osservato domenica scorsa, battono la neo promossa Padova in tre set e poco più di un’ora di gioco (25-15, 25-18, 25-22) conquistando la terza vittoria stagionale in altrettante gare disputate, Supercoppa compresa.

Gara a senso unico, dominata dai cucinieri che hanno dovuto sudare soltanto nel terzo set, in cui ha trovato spazio in campo anche il giovane martello cileno Dusan Bonacic (per l’ottimo Kurek), all’esordio assoluto alla pari del centrale Shumov, schierato titolare con Stankovic vista l’indisponibilità di Podrascanin, fermato da una contusione al pollice della mano destra rimediata nell’ultima allenamento prima della partita. Padova, con Mattia Rosso in panca ma inutilizzabile, dal 7-10 infila tre muri consecutivi trovando la parità e anche il 12-10 a proprio favore (Quiroga trascinatore, 13 punti finali), prima di inginocchiarsi nuovamente dinanzi alle bordate in battuta e in attacco di Giulio Sabbi (top scorer della gara con 16 punti, 62% in attacco e 3 muri). Finisce 25-22 dopo un errore in attacco dei veneti.

Nel set d’apertura invece, chiuso 25-15 con un attacco out di Giannotti, biancorossi autoritari sin dall’inizio con il servizio (3 ace) e con le schiacciate in banda (55% di positività in attacco contro il 29% della Tonazzo), dove spicca soprattutto Parodi (MVP della partita), autore di 5 punti con l’80% di efficienza.

E più o meno identica è stata anche la trama del secondo parziale: 6-3 per i veneti, poi è il muro a sancire la parità (6-6), quindi Baranowicz (tocco vincente di seconda intenzione) a lanciare la fuga (8-6 Lube) verso quello che sarà il definitivo 25-18 per la Cucine Lube Banca Marche, granitica a muro (7-1 nel computo dei vincenti, 3 di Kurek che attacca con l’80%). Con questa sconfitta la Tonazzo resta ancora a quota zero in graduatoria.

 Alberto Giuliani (Allenatore Cucine Lube Banca Marche Treia): « Una buona vittoria, ottenuta senza grossi patemi. Bene così perché in questo periodo è importante anche dosare le energie, visto che ci attende un periodo molto tosto. Sono contento degli esordi di Bonacic e Shumov, anche se l’augurio è naturalmente di riavere al più presto l’intera rosa a disposizione. Adesso mirino puntato sulla sfida di domenica contro Ravenna, poi penseremo anche alla Champions League ».

Valerio Baldovin (Allenatore Tonazzo Padova): « Purtroppo non abbiamo avuto la continuità necessaria per impensierire la Lube. Certo oggi un po’ di rammarico c’è perché potevamo osare di più nelle occasioni che ci si sono presentate ».

ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO - EXPRIVIA NELDIRITTO MOLFETTA 3-0 (25-18, 25-19, 25-19) - ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO: Kaziyski 10, Birarelli 7, Zygadlo 1, Nemec 12, Thei, Giannelli, Lanza 15, Solé 11, Colaci (L), Fedrizzi. Non entrati Nelli, Mazzone, Burgsthaler. All. Stoytchev. EXPRIVIA NELDIRITTO MOLFETTA: Candellaro 2, Noda Blanco 9, Sket 8, Del Vecchio 1, Spirito, Romiti (L), Kooistra 12, Bossi 1, Blagojevic 4, Hierrezuelo 3, Piscopo 5. Non entrati Puliti, Porcelli. All. Di Pinto. ARBITRI: Puecher, Zanussi. NOTE - Spettatori 2100, incasso 15000, durata set: 23', 29', 25'; tot: 77'.

La ENERGY T.I. Diatec Trentino continua la sua marcia spedita in SuperLega UnipolSai 2014/15 superando anche l’esame Exprivia Neldiritto, sino a stasera a punteggio pieno in Campionato. La corsa dei pugliesi in classifica è stata sbarrata dal muro e dall’attacco dei gialloblù, bravi a confermare l’intensità proposta nelle precedenti due partite per imporre un 3-0 che proietta la Trentino Volley ancora più in alto. Il posto attualmente occupato dalla squadra di Stoytchev non è però figlio della casualità: anche stasera Kaziyski e compagni hanno saputo sbagliare pochissimo (1 solo errore azione) e non dilapidare mai i vantaggi costruitisi nella seconda parte di ogni set; Molfetta ha cercato di replicare con l’ex Kooistra e Noda Blanco  ma forse le sono mancate le energie fisiche e tecniche per replicare ai padroni di casa. Mvp del match Filippo Lanza, nuovamente best scorer gialloblù con 15 punti, un muro e 3 ace oltre al 50% a rete.

 Martin Nemec (ENERGY T.I. Diatec Trentino): « Sono tre punti importanti arrivati al termine di una prestazione simile, per intensità, a quella messa in atto domenica sera a Perugia. La nostra corsa prosegue positivamente, ma sarebbe sbagliato guardare più in là dei tre punti conquistati. Pensiamo ad una partita alla volta, felici però di averle sin qui vinte tutte. Il successo odierno con Molfetta fa morale e classifica » .

Marco Cosimo Piscopo (Exprivia Neldiritto Molfetta): “Questa sera non siamo scesi in campo con la giusta aggressività che ci aveva contraddistinto nelle prime due partite. Non abbiamo attaccato con determinazione e la prestazione alla fine si è dimostrata deludente. E’ un peccato perché Trento non era irresistibile oggi. Ha commesso molti errori e c’era sicuramente l’opportunità di centrare il colpo. Magari non saremmo riusciti a vincere ma potevamo comunque ambire a portare a casa un punto. Un peccato ma ora dobbiamo impegnarci per ritrovare quel carattere che ci ha permesso di iniziare nel migliore dei modi il campionato”.

TOP VOLLEY LATINA - SIR SAFETY PERUGIA 0-3 (21-25, 25-27, 23-25) - TOP VOLLEY LATINA: Manià (L), Rauwerdink 2, Sottile 2, Skrimov 8, Tailli, Van De Voorde 5, Rossi 3, Starovic 15, Semenzato, Urnaut 14. Non entrati Ferenciac, Pellegrino. All. Blengini. SIR SAFETY PERUGIA: Buti 6, Fromm 12, De Cecco 5, Beretta 5, Atanasijevic 21, Fanuli (L), Sunder, Maruotti 12. Non entrati Paolucci, Giovi, Barone, Tzioumakas, Vujevic. All. Grbic. ARBITRI: Tanasi, Ravallese. NOTE - Spettatori 800, incasso 3100, durata set: 27', 31', 32'; tot: 90'.

La Top Volley si sveglia al secondo set e gioca punto a punto contro un’ottima Sir Safety Perugia. Sono gli umbri ad aggiudicarsi l’intera posta in palio al termine di una gara molto spettacolare e bene giocata dalle due formazioni.

Parte subito bene la Sir Safety che si porta con due ace (Atanasijevic e De Cecco) sul 3-7, allunga con il muro (Buti e Beretta) e un altro ace (Fromm) 7-14, un muro di Van de Voorde e Urnaut accorciano sull’11-15, ma gli ospiti ancora con il muro (Beretta) vanno sul 12-19. Sul servizio di Sottile (un ace) Latina firma quattro punti per il 21-24, ma Maruotti chiude il set 21-25. Blengini conferma Skrimov, s’inizia a suon di ace (Fromm e 2 di Skrimov) 5-3, Buti a muro pareggia i conti sul 5-5 e poi 16-16, doppio break umbro per il 16-18 ma un ace di Starovic riporta la parità sul 18-18. Ancora Buti a muro per il 19-21 gli risponde Skrimov 23-23, si va ai vantaggi sbloccati da Maruotti sul 25-27. Terzo set con Atanasijevi che con due ace e un muro di De Cecco porta gli ospiti sullo 0-4. Con un “filotto” di quattro punti con Starovic e Skrimov i pontini si riportano in parità (11-11) ma gli umbri riescono subito ad riallungare 13-17, nel finale Urnaut riapre il set sul 22-23 ma Anatanasijevic (MVP del match) chiude la gara sul 23-25

Andrea Semenzato (Top Volley Latina): « Ci siamo svegliati tardi, abbiamo iniziato giocando dal secondo set. Nel punto a punto soffriamo ancora un po’ ma siamo in crescita. Dalle prossime gare possiamo migliorare ».

Nikola Grbic (Allenatore Sir Safety Perugia):  « Ci voleva questa vittoria. Abbiamo avuto qualche problema alla vigilia, ma stiamo lavorando bene. Oggi c’è voluta una grande calma per vincere su un campo difficile come quello di Latina. Siamo riusciti a uscirne fuori con una buona gara. Ci vuole calma e pazienza ma sono fiducioso ».

COPRA ARDELIA PIACENZA - CALZEDONIA VERONA 3-0 (25-22, 25-13, 25-21) - COPRA ARDELIA PIACENZA: Alletti 1, Le Roux 14, Vermiglio 1, Papi 7, Da Silva Pedreira Junior (L), Massari 1, Zlatanov 16, Ostapenko 8, Tencati, Kohut 6. Non entrati Marra, Ter Horst, Rodrigues Tavares. All. Radici. CALZEDONIA VERONA: Zingel 4, Coscione 2, Pesaresi (L), Gitto, Gasparini 12, Deroo 10, White, Bellei 2, Sander 5, Anzani 5. Non entrati Blasi, Centomo, Borgogno. All. Giani. ARBITRI: Cesare, Cipolla. NOTE - Spettatori 2800, incasso 15000, durata set: 24', 24', 27'; tot: 75'.

Nonostante i problemi societari (sottolineati dalla rabbia dei Lupi Biancorossi che prima del fischio d’inizio espongono la loro protesta silenziosa circondando il campo da striscioni) la Copra Ardelia mette un punto definitivo al brutto esordio casalingo di dieci giorni fa. Quella che scende in campo per la terza giornata di Campionato è una squadra cambiata rispetto alla prova incolore della sfida con Ravenna.

Piacenza centra il primo netto successo della stagione portando nelle casse emiliane altri 3 punti d’oro in grado di dare ancora più consapevolezza e voglia di crescere alla formazione emiliana.

Hristo Zlatanov e compagni da metà del primo parziale si dimostrano agguerriti e con la giusta cattiveria capace di bloccare, dopo poco l’avvio della seconda frazione, gli scaligeri che soffrono particolarmente il muro (11 a fine gara) degli uomini di coach Radici. Gli emiliani crescono sotto tutti i punti di vista sottolineando soprattutto una ricezione alle stelle: 56% di positività con un Mario Jr (90% a fine gara) da applausi in grado di recuperare e difendere l’impossibile. Vermiglio mette in campo una regia lucida, brillante e veloce che favorisce l’opposto francese Le Roux (14 punti di cui 4 muri) ma in primis il capitano di mille battaglie, Hristo Zlatanov: per lui 16 punti (di cui 1 ace e 1 muro) e la nomina, meritatissima, di MVP a fine gara.

Promosso a pieni voti anche Papi (7 punti, 55% ricezione, 54% attacco) presente e in grado di trovare sempre una soluzione nei momenti negativi del confronto.

 Andrea Radici (Allenatore Copra Ardelia Piacenza): « Questa sera abbiamo giocato contro un avversario ostico e con grandi qualità. Sono soddisfatto di questa prestazione, devo fare un  plauso particolare a Zlatanov che è stato il collante di tutte le situazioni e si è meritato l’MVP. Questa Copra è una squadra giovane che non si pone obiettivi ma comunque ha il dovere di giocare ogni singola gara al meglio delle sue possibilità ».

Mitja Gasparini (Calzedonia Verona): « Non siamo riusciti a risolvere le situazioni di palla alta, non siamo riusciti a trovare le giuste soluzioni ai problemi in cui siamo incappati nel corso dei parziali. Questa in sintesi è la chiave della nostra partita ».

MODENA VOLLEY - VERO VOLLEY MONZA 3-0 (25-15, 25-15, 25-16) - MODENA VOLLEY: Mossa De Rezende 4, Rossini (L), Ngapeth 10, Piano 11, Verhees 5, Kovacevic 11, Vettori 15. Non entrati Sala, Petric, Boninfante, Casadei, Donadio. All. Lorenzetti. VERO VOLLEY MONZA: Elia 1, Gotsev 8, Tiberti, Galliani 2, Padura Diaz 1, De Pandis (L), Jovovic 1, Vigil Gonzalez 1, Botto 5, Wang 12, Bonetti. Non entrati Procopio, Quesque. All. Vacondio. ARBITRI: Braico, Rapisarda. NOTE – Spettatori 2592 - durata set: 22', 24', 21'; tot: 67'.

Parte forte Modena con Lorenzetti che dà un turno di riposo a Petric e schiera Kovacevic ed N’Gapeth in posto 4. I gialli partono forte: ottimo muro di N’Gapeth, 2 a 0 e poi Verhees per il 3-0, segue l’ace di Matteo Piano. Grandissima diagonale di Kovacevic per il 6-3 dei gialli, segue muro di Verhees, per il 7-3. Buono poi il primo tempo del bulgaro di Monza Gotsev. Il punteggio va sull’11-5 con Modena padrona del set, si va al time out tecnico sul 12-6. Splendido il 16-8 di Modena di Luca Vettori con un pallonetto spinto. Dopo l’ace di Gotsev è Vettori a portare il match sul 19 a 13 e poi sempre l’opposto sfodera un muro a uno su Bonetti. Ottimo il 15-21 di Botto con una bella parallela. E’ il doppio ace di Piano a portare i canarini sul 24-15, Vettori chiude il set con un pallonetto. Anche il secondo set parte con l’ace di Piano, il 2-2 è del cinese Wang. Ottimo Jovovic per il 5- 5 con Monza che è nel match. Bellissima azione per il 7-6 chiuso con un muro gialloblu, Piano perfetto. Buon break di Monza che arriva al 12-10 con Botto, sono poi N’Gapeth e l’ace di Vettori a riportare avanti Modena 13 a 10. N’Gapeth chiude il 19 a 14 con un attacco dopo bella difesa di Rossini, poi Modena mette il sigillo col 22- 14, poi è l’ace di Bruninho a sigillare il 24-14. E’ Kovacevic a chiudere il set ancora con un 25-15. Parte con un grande equilibrio il terzo parziale ed è Wang con un attacco out a far scattare Modena sul 5-4. E’ Vettori a mettere a terra il pallone del 9- 6, l’opposto parmense da continuità ad una prestazione di alto livello., la squadra di coach Vacondio continua ad essere in difficoltà. Splendida difesa di Galliani, poi e Kovacevic a chiudere il 10 a 8. Si va al time out tecnico sul 12-9. Pallonetto di Kovacevic che sigilla il 16 a 12 per i gialloblu. Servizio out di Botto ed è 19-16., è Poi N’Gapeth a stampare il 21- 16. Muro a uno di Pieter Verhees per il 23- 16 Modena, padrona del match ormai, che si chiude sul 25- 16.

MVP: Luca Vettori

Angelo Lorenzetti (Allenatore Modena Volley): « Tutte le gare vanno approcciate nel modo giusto e stasera partire così forte ci ha dato una grande spinta. Vogliamo vivere insieme alla gente del PalaPanini, farli affezionare a noi come noi siamo affezionati a questo pubblico incredibile, vivere le gare in casa è qualcosa di speciale e lo deve essere sempre di più. Ringrazio il prof Vacondio per le belle parole spese nei nostri confronti, dobbiamo migliorare, ma la strada è quella giusta ».

Oreste Vacondio (Allenatore Vero Volley Monza): « Sapevo che Modena era molto forte, certo non mi aspettavo una batosta come questa. Loro hanno iniziato fortissimo e quei 4 muri a 1 nel primo set ci hanno messo in ginocchio. Ora dobbiamo ripartire, io so bene che possiamo dare molto di più, complimenti comunque alla squadra di Lorenzetti, che si è dimostrata fortissima ».

ALTOTEVERE CITTÀ DI CASTELLO-SANSEPOLCRO - CMC RAVENNA 1-3 (20-25, 25-22, 18-25, 19-25) - ALTOTEVERE CITTÀ DI CASTELLO-SANSEPOLCRO: Teppan 2, Corvetta 1, Kaszap 1, Baroti 14, Tosi (L), Della Lunga 11, Aganits 10, Maric, Randazzo 11, Mazzone 11. Non entrati Franceschini, Lensi, Dolfo. All. Montagnani. CMC RAVENNA: Mengozzi 15, Cavanna, Toniutti 3, Gabriele 1, Jeliazkov, Koumentakis 13, Goi (L), Zanatta Buiatti 16, Cester 9, Bari (L), Cebulj 17. Non entrati Ricci, Patriarca. All. Kantor. ARBITRI: Pol, Florian. NOTE: Spettatori 1000 - durata set: 28', 29', 29', 33'; tot: 119'.

Ravenna si conferma capolista imbattuta, vincendo in quattro set sul campo dell’Altotevere. Nel primo set la partenza di Ravenna è bruciante (3-7 e time out Montagnani) e segna tutta la frazione. L’Altotevere cerca di riavvicinarsi agli ospiti che si dimostrano concentrati e precisi in ogni fondamentale; al time out tecnico la CMC è nettamente in vantaggio (5-12). Un momento di trance agonistica di Baroti, attacco e due aces, riporta i biancorossi nel set (8-13) costringendo Kantor al time out. Della Lunga accorcia ancora, sempre dalla zona uno (11-15) ma la battuta di Renan è ancora vincente (11-18). I padroni di casa sono costretti alla resa in questo primo set dal punto di Koumentakis (20-25). Secondo set equilibrato in avvio (6-6), allunga la CMC con Mengozzi (7-10). Rispondono Baroti e Mazzone (12-12) poi ancora Koumentakis porta avanti Ravenna (12-14). Baroti e Mazzone sorpassano (19-18) e il finale è biancorosso (25-22). Punto a punto nei primi frangenti di terzo set (5-5), la CMC va avanti con Koumentakis e Renan (6-8). I padroni di casa non ci stanno e pareggiano (13-13) ma sono di nuovo sorpassati (17-21) e da quel momento è un monologo di Ravenna (18-25). Nel quarto set è ancora la CMC a partire meglio (3-6) aiutata anche dal video check che inverte una chiamata arbitrale. Dal 7-11 Ravenna vola sull’11-18 (altra chiamata del video check favorevole alla CMC) e mantiene il vantaggio fino alla fine della gara, nonostante l’estremo tentativo di recupero altotiberino. MVP: Stefano Mengozzi (CMC RAVENNA)

Dore Della Lunga (Altotevere Città Di Castello-Sansepolcro): « Peccato perché avevamo riaperto la partita nel secondo set, dopo un primo negativo. Ce la potevamo giocare di più ma Ravenna in questo momento è più forte e ha dimostrato che lotterà per altri obiettivi rispetto ai nostri. Sappiamo di dover guardare avanti e di giocare ogni partita al meglio ».

Enrico Cester (CMC Ravenna):« La prestazione è stata positiva, abbiamo giocato bene, siamo al terzo successo e quindi è un’ulteriore conferma del buon lavoro svolto. Speriamo che questo sia il nostro effettivo livello: la prova del nove l’avremo domenica con la Lube ».

RISULTATI -

Altotevere Città di Castello-Sansepolcro-CMC Ravenna 1-3 (20-25, 25-22, 18-25, 19-25)

Cucine Lube Banca Marche Treia-Tonazzo Padova 3-0 (25-15, 25-18, 25-22)

Copra Ardelia Piacenza-Calzedonia Verona 3-0 (25-22, 25-13, 25-21)

Top Volley Latina-Sir Safety Perugia 0-3 (21-25, 25-27, 23-25) D

Modena Volley-Vero Volley Monza 3-0 (25-15, 25-15, 25-16)

Energy T.I. Diatec Trentino-Exprivia Neldiritto Molfetta 3-0 (25-18, 25-19, 25-19)

Riposa: Revivre Milano

CLASSIFICA -

Modena Volley 9, CMC Ravenna 9, Energy T.I. Diatec Trentino 8, Cucine Lube Banca Marche Treia 6, Copra Ardelia Piacenza 6, Exprivia Neldiritto Molfetta 6, Sir Safety Perugia 4, Calzedonia Verona 3, Top Volley Latina 3, Altotevere Città di Castello-Sansepolcro 0, Vero Volley Monza 0, Revivre Milano 0, Tonazzo Padova 0.  Note: 1 Incontro in meno: Cucine Lube Banca Marche Treia, Altotevere Città di Castello-Sansepolcro, Revivre Milano.

PROSSIMO TURNO E ARBITRI 4^GIORNATA D’ANDATA-

Sabato 1 novembre 2014, ore 17.30

Altotevere Città di Castello-Sansepolcro - Copra Ardelia Piacenza  Diretta RAI Sport 1

Diretta streaming su www.raisport.rai.it

(Bartolini-Longo)

Addetto al Video Check: Saccone  Segnapunti Referto Elettronico: Tramba

Sabato 1 novembre 2014, ore 20.30

Calzedonia Verona - Energy T.I. Diatec Trentino  Diretta Lega Volley Channel

(Sobrero-Simbari)

Addetto al Video Check: Tassini  Segnapunti Referto Elettronico: Ferrari

Domenica 2 novembre 2014, ore 18.00

Al Forum di Assago: Revivre Milano - Modena Volley  Diretta RAI Sport 1

Diretta streaming su www.raisport.rai.it

(Vagni-Santi)

Addetto al Video Check: Buonaccino D’Addiego  Segnapunti Referto Elettronico: Codari

Tonazzo Padova - Sir Safety Perugia  Diretta Lega Volley Channel

(Rapisarda-Lot)

Addetto al Video Check: Giudica  Segnapunti Referto Elettronico: Spiga

CMC Ravenna - Cucine Lube Banca Marche Treia  Diretta Lega Volley Channel

(La Micela-Goitre)

Addetto al Video Check: Laghi  Segnapunti Referto Elettronico: Fusetti

Exprivia Neldiritto Molfetta - Top Volley Latina  Diretta Lega Volley Channel

(Gnani-Satanassi)

Addetto al Video Check: Mastronicola  Segnapunti Referto Elettronico: Fanizzi

Turno di riposo: Vero Volley Monza

Commenti