Corriere dello Sport

SuperLega

Vedi Tutte
SuperLega

Volley: Superlega, Molfetta punta su Luigi Randazzo

Volley: Superlega, Molfetta punta su Luigi Randazzo

In Puglia arriva uno dei migliori talenti del volley italiano. Il 21enne schiacciatore catanese reduce dall'esperienza a Città di Castello nella passata stagione

 

domenica 12 luglio 2015 10:42

MOLFETTA (BARI)- Uno dei talenti più puri del volley italiano è pronto ad arrivare a Molfetta. Si tratta di Luigi Randazzo, 21enne schiacciatore catanese che arriva a Molfetta dopo l’esperienza a Città di Castello nella passata stagione.

Ben più di una scommessa per la società molfettese, che si assicura un martello capace di conquistare la maglia azzurra ai più alti livelli. Titolare nelle prime partite della World League, in cui ha ben figurato contro l’Australia, rivelandosi spesso decisivo sia in attacco che in battuta, Randazzo fa parte del team che disputerà la FinalSix di World League a Rio de Janeiro dal 15 al 19 luglio.

Non si tratta di una novità per lui, che già la scorsa estate fece parte del gruppo che conquistò la medaglia di bronzo nella World League. Un palmares azzurro che si arricchisce anche di due prestigiosi risultati con la maglia della Nazionale juniores: la medaglia d’oro agli Europei del 2012 e quella di bronzo ai Mondiali del 2013.

A livello di club Randazzo, cresciuto nella Lube Macerata, prima di giocare in prestito a Vibo Valentia e Città di Castello, può già vantare la vittoria della Challenge Cup nel 2011. In quella stagione, ancora sedicenne, esordì con la maglia della Lube, pur continuando a fare la differenza a livello giovanile, come dimostra la vittoria della Junior League nel 2013 e il titolo di Mvp della finale contro Trento.

Nominato miglior giocatore italiano Under 23 nella stagione 2013/2014, Randazzo ha un palmares d’eccezione per un giovane che già è stato capace di conquistare applausi e apprezzamenti. Ora arriva alla Pallavolo Molfetta, per mettere a disposizione dei compagni il talento che tutti gli riconoscono, e al contempo per trovare nella piazza molfettese l’ambiente ideale per spiccare definitivamente il volo.

Una dimostrazione di lungimiranza ed entusiasmo di una società che ha tutta la voglia di continuare a far grandi cose. Lo conferma Randazzo, l’avevano già espresso tutti gli altri.

I PROTAGONISTI-

Marco Bonitta (Allenatore Italia)- « Oggi abbiamo giocato molto bene. I nostri servizi e i nostri muri hanno funzionato a dovere e tutto è stato più facile. Ora abbiamo quattro vittorie in classifica e questo rende concrete le possibilità di qualificarci per la Final Six».
Valentina Arrighetti (Italia)- « Siamo molto soddisfatti del risultato. Il nostro obiettivo è quello di raggiungere la Final Six. Abbiamo battuto forte e questo ci ha aiutato, tutto è andato liscio, senza intoppi. Oggi avevamo meno pressione e questo ci ha permesso di giocare liberamente quindi le cose ci sono riuscite a meraviglia ».

Cristian Cruz (Allenatore Domenicana)-  « L'Italia è una squadra molto buona. Hanno un bel mix di giocatrici giovani ed esperte. Oggi la nostra squadra ha giocato male sia al servizio che in ricezione abbiamo sbagliato molto. Le nostre avversarie hanno letto il nostro gioco e ci hanno sorpreso in ogni occasione della partita ».

Carolina Rondon (Repubblica Dominicana)- « L'Italia ha giocato una buona partita. Non c'è molto altro che si  può dire. Guardando gli aspetti positivi posso dire che comunque, nonostante  la sconfitta, questa gara ci è servita per rifinire gli schemi di gioco ».

Per Approfondire

Commenti