Corriere dello Sport

SuperLega

Vedi Tutte
SuperLega

Volley: Superlega, Perugia doma Trento e pareggia i conti

Volley: Superlega, Perugia doma Trento e pareggia i conti
© Legavolley

Vittoria per 3-1 (30-28, 20-25, 25-19, 25-22) di Zaytsev e compagni davanti al pubblico amico che fa 1-1 nella serie di Semifinale. Appuntamento al 9 aprile per gara 3

Sullo stesso argomento

 

sabato 25 marzo 2017 20:11

PERUGIA- Prova di orgoglio e di forza della Sir Safety Perugia che in Gara 2 delle semifinali Play Off, in un PalaEvangelisti gremito, pareggia i conti con Trento riuscendo a sopperire all’assenza di Russell (sotituito da Berger) con una prova collettiva di altissimo spessore. Vinto il primo set dopo lunga lotta Zaytsev e soci si sono dovuti inchinare al ritorno degli uomini di Lorenzetti che, grazie soprattutto a Stokr, hanno pareggiato i conti.

Sull’ 1-1 però la squadra di Bernardi ha preso in mano le redini di gioco grazie ad una efficace prestazione in ricezione e a muro, finalizzata in attacco da un Atanasijevic (MVP del match ed autore di 22 punti) in serata di grazia. Le due sfidanti si ritroveranno di fronte il prossimo 9 aprile a Trento per Gara 3.

LA CRONACA DEL MATCH-

Bernardi dà fiducia a Berger nel sestetto di partenza della Sir Safety Conad, mettendolo in diagonale a Zaytsev; Birarelli, Podrascanin, De Cecco, Atanasijevic e Bari gli altri cinque titolari.

Lo starting six della Diatec Trentino ricalca perfettamente quello presentato in campo da Lorenzetti sei giorni prima al PalaTrento: Gianelli agisce in regia, Stokr nel ruolo di opposto, Urnaut e Lanza in posto 4, Solé e Van de Voorde al centro, Colaci libero. Senza Russell (infortunatosi seriamente in settimana), Lorenzo L’impatto sul match degli ospiti è ottimo, specialmente a muro, fondamentale in cui si esalta Solé: Trento tiene l’iniziale vantaggio di 5-3, grazie ad una buona continuità nella fase di cambiopalla (9-7, 12-10) e poi accelera ulteriormente capitalizzando un errore di Atanasijevic, che concede il +3 (15-12). I gialloblù arrivano al massimo vantaggio (18-14) con una ricostruita di Solé, ma poi subiscono il controbreak firmato da Zaytsev e Atanasijevic che rimettono in bilico l’andamento del set (22-21 e poi 23-23). Allo sprint la spunta Perugia che annulla tre palle set e poi alla quarta chiude approfittando di un errore di Solé e poi di un muro di Podrascanin su Urnaut per il 28-30 che manda le squadre al cambio di campo.
La Diatec Trentino non subisce il colpo e riparte di slancio nel secondo set, in cui ben presto Lorenzetti alterna Daniele Mazzone a Solé; proprio il centrale torinese firma i punti che consentono agli ospiti di accelerare da 11-11 a 15-12 con anche un ace diretto. Bernardi chiama time out e i suoi sfiorano la parità con Zaytsev al servizio (15-14). Trento fiuta il pericolo e riparte con Stokr (18-14), ben spalleggiato in questo caso da Lanza, che con i suoi attacchi difende il cospicuo vantaggio sino in fondo (23-19). L’1-1 arriva sul 25-20 con un attacco di Van de Voorde.
Perugia si scuote in avvio di terzo parziale, sfruttando al massimo qualche errore diretto degli avversari. Gli attacchi out di Stokr e Urnaut proiettano gli umbri sul +3 (7-10), costringendo Lorenzetti ad interrompere il gioco. Con Solé, di nuovo in campo al posto di Mazzone da inizio set, in attacco i gialloblù si riportano immediatamente in carreggiata (10-10) ma è una situazione instabile perché Perugia con Atanasijevic riaccelera (12-15). Lorenzetti rigetta nella mischia Daniele Mazzone (stavolta per Van de Voorde), ma stavolta l’avvicendamento non porta i frutti desiderati perché Perugia difende il vantaggio (15-19, 19-23) e chiude agevolmente con un errore a rete di Lanza (19-25).
La Diatec Trentino non si arrende e nel quarto parziale trova immediatamente la risposta che le serviva; con Lanza al servizio (un ace diretto) si porta sul 8-4, approfittando di una pausa in ricezione degli avversari. Perugia prova a risalire la china con Buti e Podrascanin; arriva sino al 12-11, poi Stokr ricomincia il suo show in attacco permettendo ai gialloblù di conservare due lunghezze di vantaggi (18-16). Perugia serra il ritmo in fase di break point e con Zaytsev (attacco e muro) ribalta la situazione (19-21). E’ lo strappo decisivo perché poi Perugia chiude i conti su 22-25.

I PROTAGONISTI-

Ivan Zaytsev (Sir Safety Conad Perugia)- « Diciamo che la metafora perfetta di stasera è: se non ci metti il cuore non farlo per niente. E noi abbiamo giocato con il cuore prendendoci una grandissima vittoria. Nel primo set loro sono partiti forte, sono stati sempre avanti, ma noi non abbiamo mai mollato, abbiamo recuperato e vinto di squadra. Certamente abbiamo qualcosina da migliorare, ad esempio in battuta abbiamo sbagliato tantissimo. Ma nessuno ha mollato un centimetro e ci siamo conquistati una partita che rimette in equilibrio la serie ». 

Simone Giannelli (Diatec Trentino)- «  Nel primo set abbiamo sprecato qualcosa quando abbiamo avuto la palla per chiudere. Poi loro hanno giocato un po’ meglio. Noi dobbiamo migliorare in fase break perché abbiamo avuto alcune occasioni e non le abbiamo sfruttate. La Serie resta combattuta. Non pensavamo di venire qua a Perugia e vincere 3-0 facile. Sappiamo che ci sono anche gli altri, ora ci proviamo in casa nostra ».

IL TABELLINO-

SIR SAFETY CONAD PERUGIA - DIATEC TRENTINO 3-1 (30-28, 20-25, 25-19, 25-22)

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 0, Zaytsev 10, Podrascanin 9, Atanasijevic 22, Berger 11, Birarelli 3, Della Lunga 0, Tosi (L), Mitic 0, Bari (L), Buti 6. N.E. Chernokozhev, Franceschini, Paris. All. Bernardi.

DIATEC TRENTINO: Giannelli 4, Urnaut 8, Solé 12, Stokr 16, Lanza 7, Van De Voorde 8, Nelli 2, Colaci (L), Chiappa (L), Mazzone T. 1, Mazzone D. 4. N.E. Blasi, Burgsthaler. All. Lorenzetti.

ARBITRI: Pasquali, Bartolini.

NOTE - durata set: 38', 26', 27', 29'; tot: 120'.

Articoli correlati

Commenti