Volley: Superlega, chiusa la Regular Season, adesso Play Off

Nell'ultima giornata della stagione regolare vincono ancora Perugia e Civitanova e Modena, le prime tre della classifica. Trento perde al tie break ma mantiene il quarto posto
Volley: Superlega, chiusa la Regular Season, adesso Play Off
28 min
TagsSuperLegaSir SafetyBunge

ROMA-Con la chiusura della Regular Season UnipolSai, sono ufficiali le date e gli accoppiamenti del doppio Play Off UnipolSai che assegnerà lo Scudetto 2018 e un posto in Europa per la stagione 2018/19.

Le prime otto della classifica (Sir Safety Conad Perugia, Cucine Lube Civitanova, Azimut Modena, Diatec Trentino, Calzedonia Verona, Revivre Milano, Wixo LPR Piacenza e Bunge Ravenna) sono nell’ordine già in lizza per lo Scudetto, che si assegna in Quarti su 3 gare, e Semifinali e Finale al meglio delle 5 gare.

Definita anche la fase degli Ottavi di Finale ad inaugurare il Play Off Challenge che, assegnando il 5° posto in classifica generale, regala un posto nella 2019 Challenge Cup: Taiwan Excellence Latina, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia, Biosì Indexa Sora e BCC Castellana Grotte si sono classificate nell’ordine dall’11° al 14° posto ed affronteranno una fase di Ottavi al meglio delle 3 gare. Già al turno successivo Kioene Padova e Gi Group Monza, che si sono classificate 9a e 10a.

Nell’ultimo turno Trento prende 1 punto a Monza e vince la volata per il quarto posto con Verona, che batte 3-2 Piacenza. Milano perde al fotofinish con Latina, ma chiude sesta. Sora firma un exploit con Vibo grazie a Petkovic, top scorer della Regular Season con 508 punti, e lascia in coda la BCC.

TUTTE LE SFIDE-

SIR SAFETY CONAD PERUGIA - BUNGE RAVENNA-

Chiude nel migliore dei modi la regular season la Sir Safety Conad Perugia, che sconfigge con un perentorio 3-0 la Bunge Ravenna di fronte ai tremilacinquecento del PalaEvangelisti e si avvia con il passo giusto ai Play Off Scudetto. Saranno proprio i romagnoli di coach Soli (Gara 1 domenica prossima ancora a Perugia) gli avversari dei Block Devils nei Quarti di Finale.

Prova di forza dei ragazzi di Lorenzo Bernardi. Risultato rotondo e netto nell’andamento con il tecnico perugino che, con l’eccezione di Russell, sostituito da Berger, spedisce in campo il sestetto tipo, dando poi spazio durante il match a buona parte della rosa. Difficile trovare il migliore nella metà campo bianconera. Si aggiudica l’Mvp Aleksandar Atanasijevic, che chiude la partita con 18 punti, l’82% in attacco, un ace e 3 muri punto. Sul pezzo anche Zaytsev (17 palloni vincenti, 75% sotto rete e 4 ace anche a 125 Km/h) e Berger (13 punti). Sontuoso De Cecco in regia (il 67% di squadra in attacco parla da solo) e il solito Colaci, puntuale all’appello in difesa. Una prova corale di alto livello quella di Perugia contro una Bunge Ravenna che solo nel terzo set sembra reggere parzialmente l’onda d’urto (15-15) con i colpi di Marechal (migliore dei suoi con 11 palloni vincenti e il 58% in attacco).

Ci riproveranno domenica prossima i romagnoli, Perugia cercherà di bissare prestazione e risultato per cominciare al meglio la corsa al tricolore.

I PROTAGONISTI-

Aleksandar Atanasijevic (Sir Safety Conad Perugia)- « Un’altra bella prova per Perugia. Era importante vincere stasera e ora ritroveremo di nuovo Ravenna nei Play Off. Dobbiamo restare concentrati, ogni partita adesso è decisiva. Quella di domenica sarà importantissima ». 

Santiago Orduna (Bunge Ravenna)- « Perugia ha dimostrato di essere la squadra più forte del Campionato, Fisicamente, specialmente in battuta e a muro, sono superiori a noi. Ora ci dobbiamo preparare bene in vista dei Play Off, per contenerli quando ci aggrediscono in battuta, rischiare e andare spregiudicati in attacco. Non sarà facile, ma ci prepareremo per fare già domenica una gara migliore rispetto a quella di stasera ». 

IL TABELLINO-

SIR SAFETY CONAD PERUGIA - BUNGE RAVENNA 3-0 (25-15, 25-14, 25-19)

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 1, Zaytsev 17, Podrascanin 1, Atanasijevic 18, Berger 13, Anzani 5, Cesarini (L), Colaci (L), Shaw 0, Siirila 0, Della Lunga 0, Ricci 1. N.E. Andric, Russell. All. Bernardi.

BUNGE RAVENNA: Orduna 2, Marechal 11, Diamantini 1, Buchegger 6, Poglajen 8, Vitelli 1, Marchini (L), Gutierrez 1, Pistolesi 0, Goi (L), Georgiev 1. N.E. Raffaelli. All. Soli.

ARBITRI: Braico, Sobrero.

NOTE - durata set: 25', 23', 24'; tot: 72'.

MVP: Aleksandar Atanasijevic (Sir Safety Conad Perugia)

Spettatori: 3.500

REVIVRE MILANO - TAIWAN EXCELLENCE LATINA-

La Revivre Milano conquista il punto che le regala il sesto posto in classifica al termine della Regular Season (Piacenza e Ravenna sono uscite sconfitte dai loro rispettivi match a Perugia e Verona), ma non riesce a regalare la vittoria numero 15 ai propri tifosi al PalaYamamay. La Taiwan Excellence Latina vince con merito l’ultima gara della stagione regolare, iniziata con il minuto di silenzio in ricordo del capitano della Fiorentina Davide Astori e delle due sorelle di Cisterna di Latina Alessia e Martina, dopo un match lungo e combattuto in cui i pontini riescono nel primo set ad annullare uno svantaggio di 3 punti sul 24-21 per la Revivre, a dominare il secondo parziale e a conquistare il quinto e decisivo set dopo il recupero dei padroni di casa, vincenti nel terzo e nel quarto (25-16, 25-22). MVP di serata l’ex di turno Sasha Starovic, che firma 18 punti, 4 muri e 2 ace anche se per Latina Ishikawa e Savani riescono a mettere giù più palloni nell’arco della gara (21 il giapponese, 20 la banda italiana). La Revivre registra i 20 punti di Kevin Klinkenberg, i 19 di Nimir Abde-Aziz e i 14 di Klemen Cebulj, premiato a inizio gara quale UnipolSai MVP di Febbraio.

I PROTAGONISTI- 

Kevin Klinkenberg (Revivre Milano)- « Abbiamo giocato una buona pallavolo per tutta la stagione, ma questa sera abbiamo fatto fatica. Siamo partiti bene nel primo set, ma non siamo riusciti a chiuderlo sul 24-21. Latina è cresciuta mettendoci in difficoltà nel secondo parziale e nel tie-break, mentre noi ci siamo espressi meglio nei due set vinti grazie al muro e alla difesa. Nei Play Off dobbiamo giocare in maniera differente: dovremo fare molto di più per poter impensierire Modena e giocarci la serie con loro ». 

Sasha Starovic (Taiwan Excellence Latina)- « Una vittoria che non dice nulla per la nostra classifica, ma che conta molto per il morale della squadra. Faccio i complimenti a tutti i miei compagni perché eravamo in un momento di difficoltà e stasera abbiamo ottenuto un successo molto importante. Spero che il risultato di oggi ci possa regalare più serenità e convinzione in vista delle prossime gare nei Play Off Challenge ».   

IL TABELLINO-

REVIVRE MILANO - TAIWAN EXCELLENCE LATINA 2-3 (30-32, 18-25, 25-16, 25-22, 10-15)

REVIVRE MILANO: Sbertoli 1, Klinkenberg 20, Averill 7, Abdel-Aziz 19, Cebulj 15, Piano 7, Piccinelli (L), Fanuli (L), Tondo 0, Schott 0, Galassi 2, Perez Rivera 1. N.E. Preti. All. Giani.

TAIWAN EXCELLENCE LATINA: Sottile 5, Ishikawa 21, Rossi 2, Starovic 18, Savani 20, Le Goff 5, De Angelis (L), Shoji (L), Gitto 8. N.E. Corteggiani, Maruotti, Huang, Kovac. All. Di Pinto.

ARBITRI: Puecher, Rapisarda.

NOTE - durata set: 38', 25', 23', 28', 16'; tot: 130'.

MVP: Sasha Starovic (Taiwan Excellence Latina).

Spettatori: 1.773

Incasso: 9.196 euro

CUCINE LUBE CIVITANOVA - BCC CASTELLANA GROTTE-

La Cucine Lube Civitanova chiude la Regular Season della SuperLega Unipolsai battendo la BCC Castellana Grotte in tre set (25-22, 25-16, 25-12), a conclusione di un match ininfluente ai fini della classifica, dato che la formazione Campione d’Italia, abbinata nei Quarti di Finale dei Play Off Scudetto a Piacenza, aveva già blindato domenica scorsa il secondo posto finale.

Tra i pugliesi di Lorizio ampio spazio agli atleti con un minor minutaggio nel corso della stagione. Il tecnico Medei, invece, fa tirare il fiato solo al palleggiatore americano Christenson, a favore del croato Zhukouski.

In avvio di primo set Castellana sorprende grazie a battuta e difesa una Lube impacciata portandosi addirittura sul 17-10, con Cazzaniga (proposto in diagonale con Garnica, 4 punti per lui) e Moreira sugli scudi (4 punti, 67% di positività sulle schiacciate). Poi, a ribaltare la situazione, arriva lo show al servizio di Tsvetan Sokolov (5 ace nel parziale, 8 punti totali). I vice campioni del mondo, aiutati anche dagli errori in attacco degli avversari, piazzano un parziale di 12-0, portandosi in vantaggio 22-17. Chiusura 25-22 con un attacco di seconda intenzione sferrato da Zhukouski. Vano, sul fronte opposto, l’ingresso della diagonale d’attacco Paris-Tzioumakas.

Un tentativo fallito anche nel secondo set, parziale stavolta dominato in lungo e in largo dalla Cucine Lube Civitanova, trascinata fino al massimo vantaggio (20-11) da Sokolov (6 punti, 60% in attacco), e da Juantorena (6 punti, 62%). Decisivo anche nel finale l’italo-cubano (25-16) per il provvisorio 2-0.

Il terzo parziale è un monologo degli uomini di Medei, che sul 9-3 concede il campo anche a Sebastiano Milan (per Sander) e sul 18-8 inserisce Casadei (al posto di Sokolov, Mvp della sfida e autore di 16 punti), abile nel fissare il 3-0 con l’attacco del 25-12. Da sottolineare il dato finale in battuta dei campioni d’Italia: più ace (12) che errori (11).

I PROTAGONISTI- 

Giampaolo Medei (Allenatore cucine Lube Civitanova)- « Abbiamo approcciato la partita in maniera sbagliata, poi per fortuna ci ha pensato Sokolov a mettere le cose a posto. Mi riferisco al primo set. Nel secondo e nel terzo la squadra ha imposto il suo ritmo, sfoderando una prova soddisfacente. Ho avuto l’opportunità di ruotare in campo parecchi elementi della rosa ». 

Giuseppe Lorizio (Allenatore BCC Castellana Grotte)- « La partita è stata un po' lo specchio della nostra stagione. Alla prima difficoltà ci sciogliamo: eravamo avanti 17-10, ma dopo 2-3 errori siamo crollati. E’ un problema psicologico, che ci condiziona sempre ». 

IL TABELLINO- 

CUCINE LUBE CIVITANOVA - BCC CASTELLANA GROTTE 3-0 (25-22, 25-16, 25-12)

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Zhukouski 5, Juantorena 10, Candellaro 7, Sokolov 16, Sander 10, Cester 3, Marchisio 0, Grebennikov (L), Casadei 1, Milan 4. N.E. Kovar, Stankovic, Christenson. All. Medei.

BCC CASTELLANA GROTTE: Garnica 1, Moreira 4, De Togni 5, Cazzaniga 9, Rossatti 7, Ferreira Costa 4, Tzioumakas 2, Paris 0, Cavaccini (L), Canuto 1. N.E. Zauli, Ferraro, Pace, Hebda. All. Lorizio.

ARBITRI: Saltalippi, Frapiccini.

NOTE - durata set: 30', 23', 22'; tot: 75'.

MVP: Tsvetan Sokolov (Cucine Lube Civitanova)

Spettatori 2.385

Incasso: 24.344

BIOSÌ INDEXA SORA - TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA-

Chiude la Regular Season con una vittoria la BioSì Indexa Sora che al PalaGlobo “Luca Polsinelli” tiene a bada la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia prendendosi tutta la posta in quattro set.

Dopo una stagione avida di risultati, Sora riesce a mettersi alle spalle l’ultimo posto e chiude tredicesima. Per il rush finale Rosso e compagni avrebbero voluto salire anche un altro gradino sorpassando proprio la Tonno Callipo, ma a fare la differenza è il quoziente set che oltre a non consentire il sorpasso, impone di giocare in trasferta l’eventuale bella Play Off Challenge.

Subito aggressiva e concentrata la BioSì Indexa. Festa doppia per Dusan Petkovic che oltre a essere l’MVP del match, con i 19 punti messi a segno, raggiunge quota 508 nella classifica di rendimento della SuperLega diventandone a tutti gli effetti miglior realizzatore con ben 50 punti di distanza dal secondo, Paul Buchegger.

Allo starting six coach Mario Barbiero si propone per la battaglia con la diagonale Seganov-Petkovic, i centrali Caneschi e Mattei, i martelli Rosso e Nielsen e Santucci libero. La guida tecnica calabra sceglie di affrontare Sora con Izzo al palleggio, opposto Patch, Costa e Presta al centro, Massari e Felix in posto 4, e Marra libero.

Il braccio caldo di Petkovic apre il match con il 4-0 che Vibo Valentia non recupererà mai in tutto il set- E’ Sora l’unica a segnare break per il 25-19 finale.

Cambia le carte in tavola la guida tecnica vibonese, ma senza ottenere variazioni sul risultato: la BioSì Indexa apre ancora con 4 lunghezze di vantaggio e le tiene strette per tutto il set, firmando 5 ace per il 25-21 del 2-0.

In campo nel terzo set arriva Sora commette qualche errore (17-20), ma non molla (22-23). Gli ospiti sono più determinati e riaprono il match (22-25).

La BioSì Indexa torna a essere quella dei primi due parziali stabilendo subito distanze importanti che i giallorossi riescono a colmare solo sul 20-19. Vibo passa avanti, ma Sora la porta ai vantaggi. L’ace di Mattei infiamma il PalaGlobo e, dopo un’azione concitata, il capitano Mattia Rosso scrive la parola fine sul set 26-24 vincendo la gara 3-1.

I PROTAGONISTI- 

Mario Barbiero (Allenatore BioSì Indexa Sora)- « Concludiamo la regular season con questa bella vittoria in casa, importante per noi nell’ultimo turno di Regular Season. Abbiamo mantenuto livelli di gioco buoni. Sono contento perché non meritavamo di chiudere in coda. Ora pensiamo solo ai Play Off perché inizia per noi un'altra fase molto importante ».

Marcelo Fronckowiak (Allenatore Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia)- « Brava Sora. Ha fatto una gara molto interessante, con due set perfetti. Poi abbiamo trovato la reazione. L'importante ora è pensare ad affrontare nel migliore dei modi i Play Off Challenge ». 

IL TABELLINO- 

BIOSÌ INDEXA SORA - TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA 3-1 (25-19, 25-21, 22-25, 26-24)

BIOSÌ INDEXA SORA: Seganov 2, Rosso 13, Caneschi 7, Petkovic 19, Nielsen 15, Mattei 7, Mauti (L), Santucci (L), Fey 0, Marrazzo 1. N.E. Farina, Duncan-Thibault, Penning, Lucarelli. All. Barbiero.

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Izzo 0, Massari 7, Costa 7, Patch 25, Felix Jr 1, Presta 2, Torchia (L), Verhees 6, Marra (L), Corrado 2, Coscione 3, Domagala 0, Lecat 5. N.E. All. Fronckowiak.

ARBITRI: Luciani, Lot.

NOTE - durata set: 24', 27', 28', 31'; tot: 110'.

MVP: Dusan Pektovic (Biosì Indexa Sora)

SpettatorI: 1.441

GI GROUP MONZA - DIATEC TRENTINO-

Nella sfida con Trento, valida per l’ultima giornata di ritorno della SuperLega UnipolSai 2017-2018, la Gi Group Monza sgambetta al tie break una delle sue bestie nere. Botto e compagni si regalano una serata da ricordare e da non far dimenticare a una Candy Arena sold out (oltre 4000 spettatori presenti).

Dopo un primo set tirato fino alla fine, e vinto dagli ospiti 25-23, Monza tira fuori gli artigli, appoggiandosi a una generosa difesa e a un contrattacco fulminante con Plotnytskyi e Dzavoronok a fare da protagonisti (13 e 17 punti, con 2 ace e 2 muri per il primo e 3 muri per il secondo). Vinto il secondo e il terzo set, con i muri e i servizi di Beretta e Buti (3 e 2 muri a testa, con 2 ace per il primo e 1 per il secondo) a incidere positivamente sull’economia del gioco, la squadra di Falasca non regge la reazione trentina nel quarto, guidata dalle accelerazioni di Lanza, Kovacevic e Vettori (16, 12 e 17 punti) ben serviti dal lucido Giannelli. Con la vittoria in ballo al quinto set e l’entusiasmo del proprio pubblico a supportare ogni giocata, la Gi Group la spunta grazie Finger (MVP della gara, 18 punti, 1 ace, 4 muri, 54% in attacco), che schiaccia a terra palle fondamentali per la vittoria numero nove in Campionato, la prima contro i trentini, qualificati comunque da quarti ai Play Off Scudetto. Monza, invece, attenderà di scendere in campo nei Play Off Challenge con il morale alto e tanti buoni propositi.

I PROTAGONISTI- 

Michal Finger (Gi Group Monza)- « Sono molto felice per la prestazione. Non abbiamo mai mollato, tirando fuori il carattere nei momenti che contavano e dimostrando la nostra qualità. Fossimo riusciti prima a esprimere questa continuità di gioco forse staremmo qui a parlare di un’altra Regular Season, anche se i progressi visti sono la dimostrazione che siamo cresciuti. La stagione è lunga e noi vogliamo vincere il Play Off Challenge ». 

Filippo Lanza (Diatec Trentino)- « Siamo davvero molto contenti per aver centrato il quarto posto, obiettivo del rush finale. Voglio fare i complimenti a tutto lo staff e ai miei compagni, perché non era semplice raggiungerlo. Abbiamo lottato per tutta la stagione con grande determinazione e ora dobbiamo pensare a farlo anche nei Play Off Scudetto. Il fattore campo? Sarà sicuramente un vantaggio. Ora pensiamo a ricaricare le energie, poi ci focalizzeremo sulla Calzedonia Verona, prossima avversaria ».

IL TABELLINO-

GI GROUP MONZA - DIATEC TRENTINO 3-2 (23-25, 25-18, 27-25, 17-25, 15-8)

GI GROUP MONZA: Shoji 3, Plotnytskyi 13, Beretta 10, Finger 18, Dzavoronok 17, Buti 9, Rizzo (L), Brunetti (L), Hirsch 0, Botto 2, Terpin 1, Walsh 0, Arasomwan 0. N.E. Barone. All. Falasca.

DIATEC TRENTINO: Giannelli 8, Kovacevic 12, Kozamernik 6, Vettori 19, Lanza 16, Carbonera 8, Chiappa (L), Hoag 1, De Pandis (L), Zingel 4, Teppan 1, Partenio 0. N.E. Boninfante, Cavuto. All. Lorenzetti.

ARBITRI: Zanussi, Gnani.

NOTE - durata set: 29', 25', 38', 23', 15'; tot: 130'.

MVP: Michal Finger (Gi Group Monza)

Spettatori: 4.026

KIOENE PADOVA - AZIMUT MODENA-

Modena suda ma esce vittoriosa dalla Kioene Arena. Dopo un solo set a senso unico, Padova sfrutta l’ottima giornata di Randazzo e del solito Polo per cercare di chiudere con onore davanti al proprio pubblico. L’Azimut si punta su Urnaut, utilizzando al meglio i cambi disponibili in panchina e ottenendo tre punti importanti, soprattutto per il morale in vista dei Play Off.

Con Premovic dall’inizio in campo al posto di Nelli, la Kioene tiene testa ai modenesi fino al primo break dell’Azimut con Bruno e Ngapeth protagonisti (7-10). Il primo time out discrezionale per i veneti arriva sul 10-14 a firma di Argenta ma da quel momento Padova fatica a recuperare. Il tentativo di rimonta arriva sul finale con Polo a mettere in difficoltà le ricezione avversaria (20-22), però Urnaut chiude con l’ace del 21-25.

Molto combattuto anche l’inizio del secondo set, con Polo e Randazzo tra i più attivi in attacco (10-10). Sul muro del 12-10 di Volpato, coach Stoytchev chiede pausa. Si lotta palla su palla e il primo set ball arriva sulla pipe di Ngapeth (23-24), ma Randazzo ribalta la situazione. A chiudere 26-24 è l’ace di Cirovic.

Nel terzo set Modena parte in quarta (1-5) e l’ace di Urnaut sul 5-10 costringe coach Baldovin al time out. Randazzo pareggia i conti sul 14-14. Coach Stoytchev cambia un po’ di pedine in campo e il 15-18 di Argenta permette all’Azimut di allungare. Sul 20-24 Modena ottiene il primo set ball, ma Randazzo al servizio mette il fiato sul collo agli ospiti con 3 ace su Ngapeth (24-24). Ad avere la meglio, però, sono gli ospiti col muro di Padova su Urnaut che termina fuori (24-26).

E’ ancora Randazzo a picchiare forte in battuta nel quarto set, permettendo alla Kioene di portarsi sul 9-8. Sono molti gli errori al servizio da ambo le parti, ma verso il finale è Bossi ad avere la zampata a muro per staccare 18-20. Il match ball arriva sul servizio out di Randazzo (22-24), mentre a chiudere l’incontro è la diagonale di Ngapeth (23-25).

I PROTAGONISTI- 

Valerio Baldovin (Allenatore Kioene Padova)- « Credo si sia giocato un buon match sotto il profilo tecnico e dell’atteggiamento. Peccato per i troppi errori al servizio, ma lavoreremo su questo nelle prossime settimane per migliorarci in vista dei Play Off Challenge ». 

Radostin Stoytchev (Allenatore Azimut Modena)- « E’ stata una partita abbastanza complicata, soprattutto a livello di concentrazione. Aspettavamo troppo i loro errori senza arrivare a fine set con il giusto atteggiamento. L’importante, però, era il risultato e dovremo farne tesoro per le prossime gare. Ora pensiamo a recuperare gli infortunati ».

IL TABELLINO-

KIOENE PADOVA - AZIMUT MODENA 1-3 (21-25, 26-24, 24-26, 23-25)

KIOENE PADOVA: Travica 1, Cirovic 9, Polo 12, Premovic 17, Randazzo 23, Volpato 9, Bassanello (L), Scanferla (L), Nelli 0, Balaso (L), Peslac 0. N.E. Koprivica, Gozzo, Sperandio. All. Baldovin.

AZIMUT MODENA: Mossa De Rezende 1, Ngapeth E. 16, Bossi 11, Argenta 12, Urnaut 19, Holt 3, Tosi (L), Pinali 2, Rossini (L), Marra 0, Ngapeth S. 0. N.E. Van Garderen, Penchev. All. Stoytchev.

ARBITRI: Saltalippi, Florian.

NOTE - durata set: 24', 25', 28', 27'; tot: 104'.

MVP: Tine Urnaut (Azimut Modena)

Spettatori: 2.844

Incasso: 20.483 euro

CALZEDONIA VERONA - WIXO LPR PIACENZA-

Grande rimonta, bella vittoria, super carattere, due punti pesanti. Di aggettivi ce ne sono un po’. Di cuore ne abbiamo tantissimo. Calzedonia Verona vince al tie break contro Piacenza e rivendica l’andata, quando proprio al tie break ci andò gettando via punti d’oro per chiudere il match. Questa volta il cuore salta l’ostacolo con una rimonta davanti ad oltre 4mila e seicento spettatori. Si chiude al meglio la Regular Season. Ora BluVolley affronterà i Play Off contro Trento: la prima delle tre partite sarà in casa (il calendario dice domenica 11).

Calzedonia sempre alla rincorsa degli ospiti, che danno tutto. Verona gioca con grinta, ma con poca lucidità. Prima del match gli oltre 4.600 spettatori prima cantano l'inno "segnato" con le ragazze della Nazionale sorde, poi rispettano un minuto di silenzio per ricordare Davide Astori, il calciatore della Fiorentina improvvisamente morto a soli 31 anni.. Match sponsor Globo e oltre 500 bambini in sfilata tra i set in diretta Rai.

I primi due set sono sofferti, quasi brutti da vedere. BluVolley raramente in partita e sempre alla rincorsa di Piacenza che mette giù l’80% degli attacchi. Poi si rialzano i ragazzi di Grbic. Maar esce per una distorsione (da valutare l’entità), Manavi è il solito mattatore, Spirito difende l'impossibile alternandosi in ricezione con un Jaeschke pungente. Adesso inizia un nuovo campionato. I Quarti di finale dei Play Off SuperLega UnipolSai si giocheranno al meglio delle tre gare. Avversario Trentino Volley. Prima una settimana intera di allenamenti. Poi ripartirà il tour tra Italia e l’Europa con i match della Semifinale di Cev (il 13 del mese in casa e il 20 in Turchia, Ankara).

I PROTAGONISTI- 

Nikola Grbic (Allenatore Calzedonia Verona)- « Abbiamo disputato una grande partita. Innanzitutto onore a Piacenza perché nei primi due set ha giocato un’ottima pallavolo, mettendo giù l’80% degli attacchi. La reazione dei ragazzi è stata tardiva. Avremmo dovuto rialzare la testa prima anche perché da oggi le partite saranno tutte così e anche peggio ». 

Aimone Alletti (Wixo LPR Piacenza)- « Abbiamo quasi vinto tre a zero per poi perdere tre a due. Ci sono stati episodi invalidanti anche se avremmo comunque dovuto chiuderla prima ».

IL TABELLINO-

CALZEDONIA VERONA - WIXO LPR PIACENZA 3-2 (22-25, 16-25, 31-29, 25-23, 15-13)

CALZEDONIA VERONA: Spirito 1, Jaeschke 17, Pajenk 9, Stern 26, Manavinezhad 8, Birarelli 3, Frigo (L), Pesaresi (L), Marretta 0, Maar 9, Mengozzi 6, Paolucci 0. N.E. Grozdanov. All. Grbic.

WIXO LPR PIACENZA: Baranowicz 5, Clevenot 17, Yosifov 9, Fei 27, Marshall 17, Alletti 11, Giuliani (L), Cottarelli 1, Kody 0, Manià (L), Parodi 0. N.E. Di Martino, Hershko. All. Giuliani.

ARBITRI: Pasquali, Bartolini.

NOTE - durata set: 29', 22', 37', 28', 17'; tot: 133'.

MVP: Toncek Stern (Calzedonia Verona)

Spettatori: 4.628

I RISULTATI-

Gi Group Monza-Diatec Trentino 3-2 (23-25, 25-18, 27-25, 17-25, 15-8);

Kioene Padova-Azimut Modena 1-3 (21-25, 26-24, 24-26, 23-25);

Calzedonia Verona-Wixo LPR Piacenza 3-2 (22-25, 16-25, 31-29, 25-23, 15-13);

Biosì Indexa Sora-Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 3-1 (25-19, 25-21, 22-25, 26-24);

Sir Safety Conad Perugia-Bunge Ravenna 3-0 (25-15, 25-14, 25-19);

Revivre Milano-Taiwan Excellence Latina 2-3 (30-32, 18-25, 25-16, 25-22, 10-15);

Cucine Lube Civitanova-BCC Castellana Grotte 3-0 (25-22, 25-16, 25-12) 

LA CLASSIFICA FINALE DELLA REGULAR SEASON-

Sir Safety Conad Perugia 70, Cucine Lube Civitanova 64, Azimut Modena 60, Diatec Trentino 51, Calzedonia Verona 50, Revivre Milano 44, Wixo LPR Piacenza 42, Bunge Ravenna 41, Kioene Padova 35, Gi Group Monza 28, Taiwan Excellence Latina 25, Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia 13, Biosì Indexa Sora 13, BCC Castellana Grotte 10. -

IL PROGRAMMA DEI QUARTI DI FINALE PLAY OFF SCUDETTO-

Gara 1
Domenica 11 marzo 2018, ore 18.00
(1a) Sir Safety Conad Perugia – (8a) Bunge Ravenna
(4a) Diatec Trentino – (5a) Calzedonia Verona
(2a) Cucine Lube Civitanova – (7a) Wixo LPR Piacenza
(3a) Azimut Modena – (6a) Revivre Milano
Gara 2
Domenica 18 marzo 2018, ore 18.00/18.15
(8a) Bunge Ravenna - (1a) Sir Safety Conad Perugia
(5a) Calzedonia Verona - (4a) Diatec Trentino
(7a) Wixo LPR Piacenza - (2a) Cucine Lube Civitanova
(6a) Revivre Milano - (3a) Azimut Modena
 
Gara 3
Domenica 25 marzo 2018, ore 18.00
(1a) Sir Safety Conad Perugia – (8a) Bunge Ravenna
(4a) Diatec Trentino – (5a) Calzedonia Verona
(2a) Cucine Lube Civitanova – (7a) Wixo LPR Piacenza
(3a) Azimut Modena – (6a) Revivre Milano
IL PROGRAMMA DEGLI OTTAVI PLAY OFF CHALLENGE-

Gara 1

Sabato 10 marzo 2018, ore 20.30
(11a) Taiwan Excellence Latina – (14a) BCC Castellana Grotte  
Domenica 11 marzo 2018, ore 18.00
(12a) Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – (13a) Biosì Indexa Sora  
Gara 2
Domenica 18 marzo 2018, ore 18.00
(13a) Biosì Indexa Sora - (12a) Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia  
Mercoledì 21 marzo, ore 20.30
(14a) BCC Castellana Grotte - (11a) Taiwan Excellence Latina  
Gara 3
Domenica 25 marzo 2018, ore 18.00
(11a) Taiwan Excellence Latina – (14a) BCC Castellana Grotte  
(12a) Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia – (13a) Biosì Indexa Sora  
 
 

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti