Play Off 5° Posto: Verona strapazza Padova

Successo netto, per 3-0 (25-19, 25-20, 25-22), della squadra di Stoytchev in assoluto controllo del match dall'inizio alla fine
Play Off 5° Posto: Verona strapazza Padova© Kioene Padova
TagsPlay Off 5 PostoNBVKioene

VERONANbv Verona esplosiva, una vittoria in tre set che piega la Kioene Padova e regala ai gialloblù punti e tanta, tanta carica per questa pool sempre più emozionante. I gialloblù sono travolgenti, freddi quando occorre, sempre sul pezzo in ricezione. Dopo Ravenna, una conferma, una crescita.

Verona in campo con Spirito-Jensen, Zingel-Aguenier, Kaziyski-Magalini. Partenza di fuoco dei gialloblù, trascinati da Kaziyski sul 4-1. Verona conduce, pallonetto di Magalini e poi muro di Kaziyski, si va sull’11-6 e, scambio dopo scambio, la partita si accende. Sul 16-15, complice qualche esitazione difensiva di troppo, coach Stoytchev chiama il time-out per ricaricare i suoi. Risponde bene Zingel con un bel primo tempo, la NBV riaccende i motori e va al set ball con Spirito al servizio. Una palla annullata, poi l’attacco di Aguenier chiude i conti.

Alla ripresa è una guerra fin dai primi scambi, il secondo parziale. Ace sul filo del rasoio per Spirito, che vale il 6-3, poi Padova dà del filo da torcere alla difesa gialloblù, e torna a contatto. Il turno in battuta di Merlo sancisce il pari, finalmente Magalini riesce a forzare il cambio palla con un attacco di potenza, l’ace di Aguenier porta al 16-13, girano bene tutti i fondamentali per i gialloblù, l’ace di Milan però tiene aperti i conti. Gli ultimi punti sono una lotta, set point Verona che si porta avanti di due.

Nel terzo set parte un po’ meglio la Kioene Padova, nel terzo set, ma con due punti di Kaziyski i gialloblù si riportano sul 4-4. Zingel martella dal centro, Verona prova nuovamente a prendere il largo, Padova però innalza decisamente le sue percentuali in attacco e riagguanta il pari sul 12-12. Due punti consecutivi di Magalini danno ossigeno ai gialloblù, poi è la volta di Asparuh di fare il suo ingresso in campo e battezzare il suo tabellino personale. Grandissimo lavoro del muro, e si va sul 21-16 prima che la Kioene trovi un pericoloso break di tre punti. Con grande sangue freddo la Nbv reagisce e manda Zingel al servizio, gran punto del subentrato Zanotti, ed ecco il match point, con la prima chance fallita e poi il mani-out di Jensen che chiude il match.

I PROTAGONISTI-

Radostin Stoytchev (Allenatore NBV Verona)- « Oggi è stata una partita diversa, sotto controllo sin dall’inizio, partenza buona, sempre con quattro punti di vantaggio, abbiamo giocato lucidi e tranquilli nel primo set, bene in ricezione per tutta la partita, livello molto alto, e cambio palla abbastanza fluido. Nel secondo set qualche errore di troppo al servizio, ma ci siamo messi a posto, mi piacerebbe vedere un lavoro ancora migliore a muro, ma la partita è stata sempre sotto controllo ».

Jacopo Cuttini(Allenatore Kioene Padova)- « Sapevamo che sarebbe stata una partita difficilissima. Le configurazioni dei sestetti cambiano ogni tre giorni, so che non è semplice ma è l’occasione per dare spazio a tutti. La NBV ci ha messo in difficoltà al servizio mentre noi abbiamo fatto maggiormente fatica. I ragazzi però hanno combattuto come sempre e questo è l’atteggiamento che mi piace ».

IL TABELLINO-

NBV VERONA – KIOENE PADOVA 3-0 (25-19, 25-20, 25-22)

NBV VERONA: Spirito 3, Kaziyski 15, Aguenier 7, Jensen 11, Magalini 11, Zingel 10, Donati (L), Asparuhov 2, Bonami (L), Peslac 0, Zanotti 1. N.E. Caneschi. All. Stoytchev.

KIOENE PADOVA: Tusch 3, Wlodarczyk 7, Fusaro 6, Casaro 12, Merlo 4, Volpato 4, Danani La Fuente (L), Milan 6, Ferrato 0, Gottardo (L), Canella 1, Vitelli 1. N.E. Bottolo, Stern. All. Cuttini.

ARBITRI: Lot, Zanussi.

NOTE – durata set: 23′, 24′, 26′; tot: 73′.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti