Piacenza ferma Perugia, vincono Civitanova e Cisterna

Nelle tre partite domenicali da circoletto rosso la prova degli uomini di Anastasi che superano in rimonta l'ex squadra del tecnico. Non basta il ritorno di Giuliani a Modena all'Eurosole. Per la squadra di Falasca prima vittoria esterna a Taranto
Piacenza ferma Perugia, vincono Civitanova e Cisterna© Legavolley
22 min

ROMA- Protagonista della domenica di Superlega la Gas Sales Bluenergy che al Pala Banca impone la sua legge al cospetto della Sir Susa Vim Perugia a cui non basta vincere il primo set. Il distacco degli uomini di Lorenzetti dalla capolista Trento è ora di sei lunghezze. La Cucine Lube Civitanova non fa sconti nella sfida degli ex ad una Valsa Modena combattiva e convalescente che ha ancora bisogno di qualche settimana per apprendere i nuovi metodi del tecnico Alberto Giuliani subentrato in settimana a Petrella. Preziosa vittoria di Cisterna, la prima fuori casa, sul campo della Gioiella Prisma Taranto. Gli uomini di Falasca possono ora strizzare l’occhio ai Play Off.

LE TRE SFIDE-

CUCINE LUBE CIVITANOVA – VALSA GROUP MODENA-

Spinti dalla carica di un Eurosuole Forum festante, i vice campioni d’Italia, reagiscono al forfait last minute di Zaytsev e prendono la posta piena contro i gialli come all’andata. Nel 6° turno di ritorno della Regular Season, la Cucine Lube Civitanova rovina l’esordio di Alberto Giuliani sulla panchina della Valsa Group Modena infliggendo agli emiliani una sconfitta in tre set (25-21, 27-25, 25-23). Un risultato che soffia sulle vele biancorosse nella caccia al terzo posto e, almeno per il momento, mette al sicuro la quarta posizione. Si fa più delicato, invece, il cammino di Osmany Juantorena e compagni, che per non ritrovarsi fuori dai Play Off Scudetto devono cambiare marcia nelle ultime cinque tappe della stagione regolare.

A fare la differenza il mix di lucidità e precisione dei biancorossi contro una Valsa Group fallosa ma tenace. Palma di MVP per Nikolov (13 punti con 1 ace e 2 block), titolo di top scorer per Lagumdzija (14 punti con 2 ace e 3 muri vincenti). Tra gli ospiti in doppia cifra Juantorena (12 sigilli con 1 ace e 1 muro) e Rinaldi (11 punti con 3 ace). Serata no per  Sapozhkov in attacco (2 i vincenti su 12 tentativi).

Nel primo set Modena parte forte, poi incappa in 12 errori. Dopo un’iniziale svantaggio di tre lunghezze, la Lube trova una maggiore costanza e tocca il +7 (19-12) tamponando l’assalto finale dei rivali dai nove metri. A chiudere è Nikolov a muro (25-21). Nel secondo set, che vede l’uscita dal campo di Sapozhkov e Davyskiba, sostituiti da Pinali e Rinaldi, è Civitanova a guidare a lungo il gioco, ma il parziale è equilibrato grazie al grande lavoro per gli ospiti di Juantorena (6 punti in attacco). Pe i padroni di casa ci pensano Nikolov (7) e Lagumdzija (5) a fornire quantità e qualità nel braccio di ferro finale, come nel caso dei block decisivi realizzati dall’opposto dei marchigiani (27-25). Nel terzo atto gli emiliani partono con una maggiore attenzione e se la giocano con tutte le energie in corpo per riaprire la gara con un ottimo Rinaldi, ma nei momenti clou i biancorossi, trainati da Lagumdzija, sfornano colpi pesanti (25-23).

Marchigiani in campo con De Cecco al palleggio e Lagumdzija opposto, Chinenyeze e Anzani centrali, Nikolov e Bottolo laterali, Balaso libero. In panchina il giovane talento Cremoni, convocato per l'assenza di Zaytsev. Ospiti schierati con l’ex cuciniero Bruno al palleggio, Sapozhkov opposto, al centro Brehme e Sanguinetti, sulla banda Davyskiba e l’ex capitano biancorosso Juantorena, Federici libero.

Premiati prima del match l’ex capitano biancorosso Juantorena da parte della Lube Volley e il libero cuciniero Balaso dallo sponsor del giorno, La Pasta di Camerino.

Modena parte aggressiva e costruisce subito il break gestendo anche un triplo vantaggio fino al pareggio (11-11) di Nikolov, che chiude con un diagonale lo scambio più lungo dall’inizio del set, seguito dal sorpasso targato Chinenyeze, dal muro di Lagumdzija, dall’ace di Anzani e dall’errore dei gialli (15-11). La Lube prende così il pallino del gioco e incrementa il divario da posto 2 (17-12). Gli ospiti cercano di risalire (19-12), Blengini sul 20-14 inserisce Bisotto. Gli emiliani arrivano a -4 (20-16) su ace di Juantorena e dimezzano il divario dai nove metri con Davyskiba (23-21). Il finale parla biancorosso con il muro finale di Nikolov (25-21).

Nel secondo set Civitanova attacco con decisione (9-6). Sul fronte opposto il gigante Sapozhkov fatica a trovare il pallone giusto e lascia il posto a Pinali. Gli uomini di Giuliani, in campo con Rinaldi per Davyskiba, trovano la reazione (9-9), ma è questione di tempo prima del nuovo break biancorosso a muro (12-10). Le manovre di gioco dei cucinieri sono più incisive, ma Modena si rialza dai nove metri centrando il sorpasso con due ace di Rinaldi (15-16). In una fase delicata, Nikolov in attacco e Bottolo al servizio riportano avanti la Lube (18-16) dando la carica ai tifosi per tre giri di ola completa sugli spalti. Si alzano i decibel e si alza in cielo Anzani per il block del 19-17. Sul più bello i cucinieri peccano in lucidità e si ritrovano agganciati (21-21). Modena mette il naso avanti con l’ace di Sanguinetti (21-22), ma il primo tempo di Chinenyeze vale il pari (22-22). Blengini pesca dalla panchina, in banda si schierano Yant e Bisotto. Nel braccio di ferro finale Lagumdzija dà lo strattone del 24-23. Juantorena impatta, Rinaldi firma il sorpasso (24-25). Modena stecca il servizio (25-25). Rientrano Bottolo e Nikolov. I due muri di Lagumdzija chiudono il set (27-25).

Nel terzo atto la Lube deve rincorrere gli avversari come in avvio di primo set, ma l’aggancio arriva sul 9-9 grazie a una bella giocata di Bottolo e un errore ospite. Il punto del vantaggio lo sigla Bottolo (11-10), quello del +2 arriva con il servizio vincente di Lagumdzija (13-11), che viene emulato da Nikolov per il 15-12. Modena torna a farsi sotto grazie al servizio (16-15). Quando il gruppo di Giuliani si illude di impattare a muro per il 18-18, si ritrova sotto per un’infrazione a rete ravvisata dal Video Check (19-17). Il muro di Nikolov fa ripartire la torcida biancorossa (20-17). Nel finale, sull’errore modenese al servizio, la Lube si procura due palle set (24-22). Il match si chiude 25-23 sulla battuta a rete di Brehme.

I PROTAGONISTI-

Simone Anzani (Cucine Lube Civitanova)- « Quella odierna è stata una bella partita, l’abbiamo interpretata al meglio riuscendo a giocarla subito bene con i nostri fondamentali migliori, che sono la battuta e l’attacco. Oggi siamo sempre stati lucidi, e questo è un fattore importante per fare dei progressi. Si sta avvicinando il periodo più importante della stagione, abbiamo tutto nelle nostre mani per mettere a frutto gli sforzi, e se questo è il viatico giusto lo prendiamo e ce lo mettiamo in tasca ».

Giovanni Sanguinetti (Valsa Group Modena)- « Oggi siamo stati meglio in campo rispetto alle ultime prestazioni. Siamo molto rammaricati per alcuni errori che ci hanno impedito di allungare il match, ma dobbiamo continuare sulla strada della crescita. Questa settimana lavoreremo per migliorare quello che abbiamo sbagliato oggi, l’obiettivo è vincere domenica contro Cisterna in una partita importante ».

IL TABELLINO-

CUCINE LUBE CIVITANOVA – VALSA GROUP MODENA 3-0 (25-21, 27-25, 25-23)

CUCINE LUBE CIVITANOVA: De Cecco, Cremoni (L) ne, Chinenyeze 5, Lagumdzija 14, Nikolov 13, Anzani 4, Bisotto, Balaso (L), Diamantini, Yant, Thelle, Motzo ne, Bottolo 6, Larizza ne. All. Blengini.

VALSA GROUP MODENA: Mossa De Rezende 1, Juantorena 12, Brehme 5, Davyskiba 8, Rinaldi 11, Sanguinetti 9, Boninfante, Gollini (L), Sapozhkov 4, Stankovic, Pinali G. 1, Pinali R. ne, Sighinolfi ne, Federici (L). All. Giuliani

ARBITRI: Goitre, Canessa

DURATA SET: 27’, 34’, 30’. Totale: 91’.

MVP: Alex Nikolov (Cucine Lube Civitanova)

Spettatori: 3.287

GAS SALES BLUENERGY PIACENZA – SIR SUSA VIM PERUGIA-

Grande prova di Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza che in poco meno di due ore di gioco batte Sir Susa Vim Perugia, fresca vincitrice della Coppa Italia, in rimonta.

Perso il primo set di fatto senza giocare in attacco, la formazione biancorossa trascinata da un grande Leal in attacco e un ottimo Scanferla in ricezione ha messo all’angolo gli umbri.

Bene la battuta in casa biancorossa in grado di spaccare i set con Romanò autore di cinque ace, bene il muro con nove block in e Simon migliore dei suoi in questo fondamentale e bravo a chiudere con l’80% in attacco. Brizard non ha perso calma e concentrazione dopo un primo set in cui non ha avuto risposte confortanti dai suoi attaccanti eccetto Leal e ha saputo fare rientrare in gara poi tutti i suoi. Terzo posto in classifica consolidato e si è accorciato su Perugia seconda della classe.

In avvio di gara coach Anastasi manda in campo Brizard e Romanò in diagonale, Caneschi e Simon al centro, Lucarelli e Leal alla banda, Scanferla è il libero. La Sir Susa Vim Perugia risponde con Giannelli e Ben Tara in diagonale, Solé e Flavio al centro, Plotnytsyi e Semeniuk alla banda, Colaci è il libero.

Il primo punto è di Leal che ritrova il campo da titolare dopo l’infortunio, subito azioni lunghe grazie alle buone difese delle due squadre, sul 5 pari scatto di Perugia (5-8) con Anastasi a chiamare time out. Dalla linea dei nove metri Romanò piazza due ace che valgono la parità a quota 10 e poi mette in crisi la ricezione ospite, Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza avanti 13-10 con il muro di Leal. Perugia trova la parità a quota 15 con un ace e poi allunga su due errori biancorossi (15-17), Piacenza in difficoltà, tre muri consecutivi subiti porta a 7 le lunghezze di vantaggio degli ospiti (16-23). Dentro Recine per Lucarelli da qualche scambio e quindi Andringa per Romanò, la battuta in rete di Recine manda le squadre al cambio campo.

Lucarelli e Romanò tornano in campo, l’avvio è biancorosso, ace di Leal e sono quattro i punto di vantaggio (7-3), punto di Romanò e subito dopo ace dell’opposto mancino (13-9), Piacenza ha ritrovato colpi e misura, Perugia difende bene ma fatica a chiudere il divario (18-14). Perugia si avvicina, il muro di Ferrera vale il meno due (22-20) con Anastasi a chiamare time out, al rientro in campo errore in attacco di Lucarelli (22-21), il primo di due set point per Piacenza (24-22) arriva sulla battuta out di Russo, chiude in pipe Lucarelli.

Il muro di Simon (6-3) costringe Lorenzetti a chiamare time out e al rientro in campo ace di Leal per il 7-3. Perugia recupera e fa sentire il fiato sul collo ai biancorossi (9-() con Anastasi questa volta a chiamare tempo, muro di Leal e perfetto colpo in attacco dello stesso schiacciatore dopo un gran recupero di Brizard (12-8). Caneschi si esalta, primo tempo perfetto e poi ace (14-9) con Lorenzetti che ricorre al suo secondo time out, Perugia vede scappare via gli avversari (16-10), arriva una serie di battute sbagliate da entrambe le parti (18-13), Scanferla in ricezione e difesa non sbaglia nulla, il diagonale di Lucarelli vale il 19-14 e l’errore in attacco di Russo il più sei (20-14). Piacenza deve solo controllare e lo fa, il primo di otto set point arriva con il muro di Leal (24-16), chiude Leal alla seconda occasione utile.

L’ace di Lucarelli, il secondo da inizio set, vale la parità a quota 8, il braccio di ferro tra le due squadre continua, a quota 12 è ancora parità. Scatto di Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza, Lucarelli, Leal e quindi muro ed è 15-12 con Perugia che chiama il secondo time out. E al rientro in campo ancora un muro biancorosso questa volta di Simon (16-12) che replica subito dopo per il 17-12. L’ottimo turno al servizio di Caneschi si chiude con il punto di Herrera (17-13), Perugia accorcia (18-15) ma i biancorossi ripartono con Leal a fare da mattatore (21-16). C’è da controllare, Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza lo fa, l’ace di Romanò vale il 23-17, il colpo di prima intenzione di Brizard porta sette match ball (24-17), chiude Romanò.

I PROTAGONISTI-

Andrea Anastasi- (Allenatore Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza)- « Una vittoria che ci voleva per tanti motivi non ultimo quello di consolidare il terzo posto in classifica e capire che possiamo giocare alla grande con tutti. Sono contento per i nostri tifosi, nel primo set siamo mancati in attacco e fatto bene in ricezione e battuta, poi siamo cresciuti in tutto. Grande partita di Leal, si è caricato sulle spalle la squadra, aveva bisogno di tempo per tornare ai suoi livelli e oggi lo ha dimostrato, molto bravo anche Scanferla in ricezione. Una vittoria importante, che ci voleva ».

Sebastian Solè (Sir Susa Vim Perugia): “Stasera loro sono stati più bravi sicuramente. Abbiamo avuto un buon approccio alla partita, eravamo venuti a Piacenza con l’obiettivo di vincere. Dopo un buon primo set loro sono cresciuti mettendoci tanta pressione con la battuta e noi siamo un po’ calati. Però, anche nella sconfitta, siamo stati sempre uniti ed insieme e questo è importante. Abbiamo tanto da lavorare e lo sappiamo, lo faremo da martedì per riprendere il cammino”.

IL TABELLINO-

GAS SALES BLUENERGY VOLLEY PIACENZA - SIR SUSA VIM PERUGIA 3-1 (18-25, 25-22, 25-17, 25-18)        

GAS SALES BLUENERGY VOLLEY PIACENZA: Caneschi 8, Romanò 10, Leal 24, Simon 8, Brizard 5, Lucarelli 10, Scanferla (L), Recine 2, Andringa. Ne: Hoffer (L), Gironi, Alonso, Ricci, Dias. All. Anastasi.

SIR SUSA VIM PERUGIA: Giannelli 4, Plotnytskyi 10, Flavio, Ben Tara 14, Semeniuk 10, Solè 6, Colaci (L), Russo 5, Herrera 3, Leon, Ropret, Held 1. Ne: Candellaro, Toscani (L). All. Lorenzetti.   

ARBITRI: Cerra, Cesare

Durata set 27’, 30’, 27’ e 28’; Tot:112’.

MVP: Yoandy Leal (Gas Sales Bluenergy Piacenza)

Spettatori 345

GIOIELLA PRISMA TARANTO – CISTERNA VOLLEY-

Il Cisterna Volley supera 1-3 il Taranto in rimonta e centra la prima vittoria fuori casa di questa stagione. Un risultato importante che conferma il buon momento dei pontini guidati da coach Guillermo Falasca e porta il Cisterna a 22 punti nella classifica del campionato di Superlega.

In avvio di partita coach Guillermo Falasca schiera Michele Baranowicz in cabina di regia opposto a Theo Faure, laterali Jordi Ramon ed Efe Bayram, centrali Daniele Mazzone e Aleksandar Nedeljkovic con Alessandro Piccinelli libero.

Il Cisterna Volley cede il primo set ai vantaggi (26-24) al termine di un parziale ricco di alti e bassi. In avvio i pontini si staccano (7-10) e, con il turno al servizio di Bayram, arriva al 10-13. La partita è viva perché Taranto resta in scia, spinge molto in attacco, e ricuce tutto lo svantaggio impattando sul 17-17 e supera Cisterna con il 19-18 arrivato con l’ace di Suarez che costringe Falasca a ricorrere al time out. Il finale di primo set è giocato praticamente punto a punto: Faure fallisce il servizio (20-19) ma Taranto restituisce il favore (20-20) e sorpassa di nuovo fino al 23-20 con Ramon che attacca fuori una palla molto complicata. Lanza realizza il 24-20 da posto quattro, Mazzone annulla il set point e sfrutta il turno al servizio di Baranowicz per recuperare fino al 24-24 ma tutto questo viene vanificato dal pasticcio dei pontini che gestiscono male una battuta tattica di Jendryk sul 25-24 che di fatto chiude il primo set (26-24).

L’avvio del secondo parziale vede i pontini in campo con l’obiettivo di recuperare quanto perso in avvio di gara (9-4 e 10-5) e l’approccio è molto intenso tanto che con il turno al servizio di Faure il Cisterna arriva fino al 17-9. Falasca chiama il video check, interrompendo il gioco, che legittima l’ace di Peric del 20-12. Il set ormai è in ghiacciaia e il Cisterna lo chiude 17-25 riaprendo la partita. Efe Bayram, con cinque punti totalizzati, è stato il più incisivo in fase offensiva (67%) e ha offerto anche l’86% in ricezione con sei palloni.

Al ritorno in campo, nel terzo spicchio di gara, è Taranto a scappare per prima (8-4), ma Cisterna impatta sul 10-10, poi subisce ancora 12-10 ma recupera e impatta sul 13-13 con l’ace di Faure. Si procede in equilibrio costante (16-16, 18-18, 20-20) e il finale è entusiasmante: Cisterna scappa sul 20-22 e la panchina di Taranto chiama il time-out per rompere l’inerzia dei pontini: Peric mette a terra da posto due il 21-23 ma Taranto recupera (23-23) per poi sbagliare il servizio favorendo la vittoria del set del Cisterna (23-25).

Nel quarto parziale il Cisterna trova il primo strappo dal 10-10 al 14-10 grazie al killer instinct di Nedeljkovic che mura Gutierrez e fa decollare i pontini che poi continuano a spingere arrivando fino al 21-14. Faure da posto due trova il mani-out del 22-16 ma Taranto, pur subendo, resta in coda del Cisterna con l’obiettivo di prolungare ancora il match. Cisterna prova ad alzare la pressione con il servizio (23-19) Taranto risponde con l’ace di Gutierrez (23-20) e Falasca chiama il time-out. Bayram va al servizio sul 24-20 piazzando l’ace che chiude la partita con il servizio vincente che vale i tre punti.

I PROTAGONISTI-

Aimone Alletti (Gioiella Prisma Taranto)- « Non è stata sicuramente la partita che volevamo e che ci aspettavamo. Abbiamo commesso troppi errori soprattutto in battuta, non so quanti adesso di preciso andando a memoria, ma almeno 7 solo con la battuta flop che sono veramente troppi in una partita. Forse era meglio prendersi qualche rischio in meno ma è facile dirlo sempre dopo. Ci dispiace non essere riusciti a mettere in campo quella cattiveria che volevamo e per la quale ci eravamo preparati. Sicuramente hanno fatto molto bene, hanno giocatori importanti a muro, i laterali, gli opposti, come Peric che è entrato dopo e ci ha messo molto in difficoltà. Io forse più che vedere le cose tecniche e tattiche, quello che è mancato dalla parte nostra è stato quel piglio che abbiamo dimostrato di avere in tante occasioni e che oggi non abbiamo dimostrato. Sicuramente abbiamo bisogno di un approccio e un atteggiamento diverso. Poi sicuramente dovremo affrontarla in modo diverso, dovremo riprendere in settimana dalle nostre certezze in battuta, perchè siamo una squadra che sa battere molto bene e contro le squadre del calibro di Civitanova hai bisogno di battere bene in battuta. Dispiace per com’è andata oggi, dispiace per il pubblico, per i tifosi. È una partita, dobbiamo essere bravi adesso a parlarne e poi scrollarcela di dosso per poi ripartire da martedì convinti delle nostre capacità e carichi per affrontare la prossima partita ».

Daniele Mazzone (Cisterna Volley)- «Noi non avevamo ancora mai vinto fuori casa, sapevamo che il nostro servizio poteva essere un fattore, molti di noi hanno spinto con questo fondamentale e siamo felici per questo motivo. Con il muro e con il servizio abbiamo fatto molto bene nel secondo set e poi siamo cresciuti nel corso della partita. La prossima partita sarà uno scontro diretto perché sarà con Modena ed è praticamente uno scontro diretto per accedere ai play-off che ormai, dopo aver centrato la salvezza, sono diventati il nostro obiettivo. Dobbiamo arrivarci con la consapevolezza di poter fare bene ma non dovremo essere troppo rilassati perché questo potrebbe crearci problemi. Taranto? Ha provato a metterci in difficoltà ed è ovvio che doveva essere molto aggressiva perché, contro di noi, cercava punti pesanti per la salvezza».

IL TABELLINO-

GIOIELLA PRISMA TARANTO – CISTERNA VOLLEY 1-3 (26-24, 17-25, 23-25, 20-25)

GIOIELLA PRISMA TARANTO: Trinidad De Haro 1, Gutierrez 20, Gargiulo 10, Russell 10, Lanza 10, Jendryk 7, Luzzi (L), Alletti 0, Rizzo (L), Sala 4, Bonacchi 0, Raffaelli 2. N.E. Ekstrand, Paglialunga. All. Travica.

CISTERNA VOLLEY Baranowicz 2, Ramon 4, Mazzone 6, Faure 20, Bayram 15, Nedeljkovic 12, Piccinelli (L), Rossi 0, Peric 9. N.E. Finauri, Giani, De Santis. All. Falasca.

ARBITRI: Boris, Zanussi.

Durata set: 32′, 24′, 30′, 24′; tot: 110′.

MVP : Michele Baranowicz (Cisterna Volley)

Spettatori : 900

I RISULTATI-

Gas Sales Bluenergy Piacenza-Sir Susa Vim Perugia 3-1 (18-25, 25-22, 25-17, 25-18)

Mint Vero Volley Monza-Itas Trentino 0-3 (12-25, 17-25, 17-25) Giocata ieri;

Cucine Lube Civitanova-Valsa Group Modena 3-0 (25-21, 27-25, 25-23);

Gioiella Prisma Taranto-Cisterna Volley 1-3 (26-24, 17-25, 23-25, 20-25);

Rana Verona-Pallavolo Padova 3-0 (25-19, 25-23, 25-20) 03/02/2024 Giocata ieri;

Allianz Milano-Farmitalia Catania 3-0 (26-24, 25-19, 25-17) Giocata ieri

LA CLASSIFICA-

Itas Trentino 46, Sir Susa Vim Perugia 40, Gas Sales Bluenergy Piacenza 35, Cucine Lube Civitanova 32, Allianz Milano 29, Rana Verona 28, Mint Vero Volley Monza 25, Cisterna Volley 22, Valsa Group Modena 19, Pallavolo Padova 14, Gioiella Prisma Taranto 11, Farmitalia Catania 5.

IL PROSSIMO TURNO- 11/02/2024 Ore: 18.00

Farmitalia Catania-Itas Trentino Si gioca il 10/02/2024 ore 18.30;

Gioiella Prisma Taranto-Cucine Lube Civitanova;

Sir Susa Vim Perugia-Rana Verona Ore 16.00;

Gas Sales Bluenergy Piacenza-Mint Vero Volley Monza Si gioca il 10/02/2024 ore 17.30;

Pallavolo Padova-Allianz Milano;

Valsa Group Modena-Cisterna Volley Ore 19.00


Acquista ora il tuo biglietto! Segui dal vivo la partita.© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti