Corriere dello Sport

A2 femminile

Vedi Tutte
A2 femminile

Volley: A2 Femminile, negli anticipi serali vincono Mondovì e Chieri

Volley: A2 Femminile, negli anticipi serali vincono Mondovì e Chieri

Per la formazione di Secchi il successo è maturato in trasferta sul campo di Ravenna mentre quella di Delmati ha superato fra le mura amiche, in rimonta, la Delta Informatica Trentino

Sullo stesso argomento

 

sabato 14 ottobre 2017 22:22

ROMA- Nei due anticipi giocati in serata del campionato di A2 femminile si registrano i successi delle due piemontesi Fenera Chieri ed LPM Bam Mondovì.

Per la formazione di Secchi il successo è maturato in trasferta sul campo di Ravenna mentre quella di Delmati ha superato fra le mura amiche, in rimonta, la Delta Informatica Trentino.

LE DUE SFIDE-

OLIMPIA TEODORA RAVENNA – FENERA CHIERI-

Se non è stata la serata perfetta, ci andiamo vicini. Il Fenera Chieri ’76 centra una splendida vittoria in casa della Conad Olimpia Teodora Ravenna imponendosi in modo meritato e inequivocabile: 1-3. Il punteggio addirittura poteva essere più netto se non fosse stato per un secondo set perso ai vantaggi 30-28 dopo aver rimontato da 17-12 e fallito due palle set.
Con progressi sia sul piano del gioco sia su quello dell’atteggiamento rispetto alla gara con Olbia, la squadra di Luca Secchi interpreta la partita con il giusto piglio e mette in difficoltà il sestetto romagnolo nei suoi punti di forza. Nell’eccellente prova collettiva delle biancoblù spicca Manfredini, miglior realizzatrice (27 punti), trascinatrice e strepitosa anche per continuità.
Il Fenera Chieri ’76 vince 19-25 un primo set in bilico fino al 15-15, poi conquistato con crescente autorevolezza. Il secondo parziale vede le chieresi quasi sempre indietro fino alla parità agguantata sul 22-22; ai vantaggi Ravenna concretizza la quarta palla set con l’ace di Panetoni aiutato sul nastro, mentre Chieri può recriminare per i troppi errori in battuta. Il terzo set sul 3-1 per le padrone di casa gira nettamente a favore del Fenera che va via e s’impone 14-25; da segnalare qui l’ottimo debutto in A2 di Sandrone. Il quarto set è lottato soltanto nelle fasi iniziali, quindi De Lellis e compagne allungano e chiudono 17-25 con punto conclusivo di Angelina.

I PROTAGONISTI-

Luca Secchi (Allenatore Fenera Chieri)- « Una partita sicuramente ben giocata da parte di entrambe le squadre. Noi siamo stati molti bravi a recuperare in quasi tutti i parziali quando ci siamo trovati con piccoli svantaggi, per prendere poi il largo nella seconda parte del set. Nel secondo set loro state più meritevoli di noi che abbiamo sprecato un pelino troppo, gli altri set li abbiamo interpretati a portati a casa con buona convinzione e un buon ordine tattico ».

IL TABELLINO-

OLIMPIA TEODORA RAVENNA – FENERA CHIERI 1-3 (19-25 30-28 14-25 17-25)

OLIMPIA TEODORA RAVENNA: Bacchi 14, Torcolacci 4, Kajalina 10, D’Odorico 17, Menghi 10, Scacchetti 3, Paris (L). Non entrate: Panetoni 1, Vallicelli, Ceroni, Neriotti, Aluigi, Drapelli. All. Angelini.

FENERA CHIERI: Akrari 11, Manfredini 25, Perinelli 9, Lualdi 12, De Lellis 1, Angelina 21, Bresciani (L). Non entrate: Salvi, Sandrone, Colombano, Moretto, Mezzi. All. Secchi.

ARBITRI: Mattei, Rossetti.

NOTE – Durata set: 24′, 33′, 22′, 23 ; Tot: 102′.

LPM BAM MONDOVI’ – DELTA INFORMATICA TRENTINO-

La LPM Mondovì onora al meglio la prima in casa del campionato battendo 3-1 la Delta Informatica Trentino al termine di un match che ha visto le piemontesi giocare una partita di buon livello tecnico ed agonistico mentre la formazione di Negro non è riuscita a confermarsi dopo l’ottima prestazione offerta al nel turno di apertura contro Cuneo. Decisivo il terzetto di palla alta cuneese, a tratti imprendibile per il sistema muro-difesa trentino: bravissima Bici, top scorer con 23 punti personali, ma altrettanto bene si sono espresse le laterali Biganzoli e Rivero. In casa gialloblù non sono bastati i 17 punti di Kiosi, la discreta prova al centro della rete di Moretto (53% in attacco e 3 muri) e il positivo ingresso di Michieletto (69% in ricezione e 57% in attacco).

Davide Delmati, orfano dell’ex Sofia Rebora, risponde con Demichelis al palleggio, Bici opposto, Biganzoli e Rivero laterali, Sciolla e Tonello al centro della rete e Agostino libero.
Negro invece si affida allo starting six annunciato alla vigilia, con Moncada al palleggio, Kiosi opposto, Dekany e Fiesoli in posto-4, Fondriest e Moretto al centro della rete e Zardo libero. Il primo set è tutto di marca trentina perché dopo un errore in fast di Fondriest sono le gialloblù a prendere il largo approfittando di due errori consecutivi di un’imprecisa Bici, dell’ace di Moncada e del gran muro di Kiosi su Biganzoli (7-10). L’intesa tra Moncada e Moretto funziona a meraviglia, il muro della Delta Informatica fa ottima guardia (9-12) e l’ace di Kiosi lancia le gialloblù sul 10-14. I due time out ravvicinati richiesti da Delmati non sortiscono gli effetti sperati (10-17, errore di Rivero) , Bici non ingrana e senza particolari difficoltà il sestetto di Nicola Negro corre spedito verso la vittoria del set, con Dekany e Kiosi implacabili in attacco (17-25).
La reazione piemontese non si fa attendere e dopo il cambio il campo la Lpm parte più determinata aggrappandosi al suo terminale principale, l’opposto Bici (5-3). Il lungo linea vincente di Kiosi regala a Trento il sorpasso (7-8) ma è un fuoco di paglia perché il gioco delle gialloblù non è così fluido come nel primo parziale: Mondovì è abile ad approfittarne, torna avanti con il muro di Tonello su Kiosi (12-11) e allunga con l’ace di Biganzoli (13-11). La solita Kiosi riporta in carreggiata la Delta Informatica (13-13) ma il nuovo break è ancora di marca casalinga con il perfetto lungo linea di Bici (17-15). Trento fatica mentre Bici non si fa pregare (22-18), Negro ricorre all’ultimo time out discrezionale del set e si gioca la carta Fucka (per Fondriest) ma è tardi per provare a riaprire una frazione ormai segnata (25-20).
La terza frazione si apre sulla falsariga del set precedente con Bici, Rivero e Tonello assolute protagoniste (6-2). Negro inserisce dapprima Fucka per Fondriest e poco dopo pure Michieletto per Fiesoli: con il nuovo assetto Trento fatica a rientrare in partita, quanto meno fino al 12-6 firmato da Biganzoli. Con pazienza e disciplina, però, le gialloblù riescono a risollevarsi da una situazione non semplice e approfittando di alcuni errori in attacco delle padrone di casa si rimettono in carreggiata, trovando l’insperata parità con un’ottima Michieletto e con l’attacco di Dekany (19-19). Sul più bello, però, Biganzoli estrae dal cilindro due diagonali consecutivi da posto-4 che rispediscono avanti le cuneesi (21-19), la neo entrata Carraro firma l’ace della nuova parità (21-21) ma è l’ultimo sussulto gialloblù perché lo sprint finale premia la Lpm che chiude 25-23 con l’errore di Dekany e il diagonale vincente di Rivero.
La Delta Informatica prova a reagire ma dopo un avvio punto a punto (7-7) Bici e Rivero scavano il solco anche nel quarto set (13-10). Mondovì perde la centrale Tonello per infortunio (dentro Camperi) ma non si scompone e grazie ad un’attentissima difesa e a qualche omaggio di troppo delle gialloblù, poco precise al servizio, mantiene a debita distanza Trento (19-14). Rivero continua a picchiare fortissimo (21-16), la Delta Informatica fatica invece con le sue bocche da fuoco principali: strada in discesa per Mondovì che giunge indisturbata fino al 24-18. Trento ha però un sussulto firmato Moretto e Dekany (24-22), la centrale ex Marignano si ripete murando Rivero ma all’ultimo tentativo la Lpm può festeggiare (25-23).

IL TABELLINO-

LPM BAM MONDOVI’ – DELTA INFORMATICA TRENTINO 3-1 (17-25 25-20 25-23 25-23) LPM BAM MONDOVI’: Bici 24, Rivero 17, Mazzotti, Tonello 11, Demichelis, Sciolla 2, Agostino (L), Biganzoli 16, Costamagna, Camperi. Non entrate: Rebora, Rolando. All. Delmati.

DELTA INFORMATICA TRENTINO: Carraro 1, Michieletto 8, Fondriest 3, Moro, Fucka, Kiosi 17, Zardo (L), Dekany 13, Moretto 12, Fiesoli 6, Moncada 3. Non entrate: Antonucci. All. Negro. ARBITRI: Stancati, Cavicchi

NOTE – Durata set: 25′, 26′, 33′, 33 ; Tot: 117′.

Articoli correlati

Commenti