Monza corsara a Scandicci, vincono Perugia e Brescia

Gli ultimi recuperi di A1 Femminile hanno definito il tabellone Play Off. Con la sconfitta di oggi la squadra di Barbolini perde il quarto posto che resta nelle mani di Busto. Le ragazze di Mazzanti battono Trento e sono decime. Colpo di coda della retrocessa formazione di Micoli sul campo di Firenze
Monza corsara a Scandicci, vincono Perugia e Brescia© Saugella Monza
TagsA1 femminileSavino Del BeneSaugella

ROMA- Tre recuperi giocati stasera hanno chiuso la Regular Season di A1 Femminile e dato un volto definitivo alla classifica e al tabellone dei Play Off. Con la vittoria della Saugella Monza sul campo della Savino Del Bene Scandicci la Unet E-Work Busto Arsizio mantiene il quarto posto mentre le toscane partiranno dalla quinta casella. La Bartoccini Perugia batte la Delta Despar Trentino e si prende il decimo posto. Inutile successo della Banca Valsabbina Brescia, già retrocessa, sul campo de Il Bisonte Firenze.

I TRE RECUPERI-

IL BISONTE FIRENZE – BANCA VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA-

Il Bisonte Firenze conclude la sua regular season con un ko contro la già retrocessa Banca Valsabbina Millenium Brescia, chiudendo al nono posto in classifica: l’avversario nel primo turno dei play off sarà Trentino (ottavo) con andata in casa e ritorno in trasferta. Senza Ogoms, Kone e Nwakalor, coach Mencarelli ha fatto debuttare in serie A1 – e subito da titolare – la sedicenne Nausica Acciarri (classe 2004), che ha giocato un match più che onorevole con 7 punti (5 in attacco col 55%, uno in battuta e uno a muro)

Marco Mencarelli non può utilizzare Ogoms (tesserata dopo la data originaria del match), Kone e Nwakalor (riposo precauzionale per entrambe) e parte con Cambi in regia, Enweonwu opposto, Van Gestel e Guerra in banda, Alberti e Acciarri al centro e Panetoni libero, mentre Micoli, privo di Hippe (per lo stesso motivo di Ogoms), risponde con Bechis in palleggio, Nicoletti opposto, Angelina e Jasper schiacciatrici laterali, Berti e Veglia al centro e Parlangeli libero.

L’inizio è equilibrato, con il primo punto della giovane Acciarri che arriva con il primo tempo del 6-5, poi va in battuta Angelina e una sua pipe vale il primo allungo ospite 6-8: la reazione è immediata con un 4-0 firmato Acciarri, Enweonwu, Van Gestel e Guerra con l’ace (10-8), poi Van Gestel risolve due volte sotto rete per il 13-9, e Acciarri trova anche l’ace del 14-9 (quattro punti nel set per lei col 75% in attacco), con conseguente time out per Micoli. Brescia prova la rimonta con Jasper (18-15), Enweonwu risponde con due bombe, poi l’ace di Guerra vale il 21-16 e il secondo time out ospite: Angelina è l’ultima ad arrendersi nella Millenium (22-19), Mencarelli giustamente decide di parlarci su e alla fine è il primo tempo di capitan Alberti a chiudere il primo set (25-20).

Nel secondo set la prima fuga è nuovamente propiziata da Angelina con attacco ed ace (6-9), poi Acciarri trova il suo primo muro su Veglia (che esce per Botezat) e un altro muro di Alberti vale l’8-9: Brescia riallunga col muro di Berti e l’attacco di Angelina (9-13), Mencarelli chiama time out ma Nicoletti trova l’ace del 9-15, poi sul 14-19 entra Venturi in seconda linea per Guerra ed Enweonwu prova a riavvicinare Il Bisonte (16-19). Qui però la Banca Valsabbina alza il livello in difesa, con Nicoletti e Botezat (con l’ace) che ne approfittano per ricreare il + 5 (16-21): Mencarelli spende il time out, ma il gap ormai è troppo ampio e la fast di Berti chiude il secondo parziale 20-25.

Nel terzo Micoli lascia in campo Botezat e Il Bisonte prova a scappare (3-0), ma Brescia rientra subito (3-3) e dopo una fase equilibrata trova anche il break per il 7-9: Enweonwu impatta immediatamente (9-9), le ospiti però difendono alla grande e Nicoletti e Jasper ne approfittano per riallungare sul 12-15, con Mencarelli che chiama time out. Le bisontine non ci stanno e tentano la rimonta con Guerra e l’ace di Alberti (17-18), poi è un altro ace di Cambi a certificare la parità (19-19), con Enweonwu bravissima a tenere il cambio palla (22-22): l’errore di Angelina vale il 23-23, poi l’errore in battuta di Van Gestel consegna il set point alla Banca Valsabbina, e qui è proprio Angelina a trovare il mani-out del 23-25.

Sul 4-4 del quarto Mencarelli inserisce Hashimoto e Lazic per Cambi e Van Gestel, e proprio la svedese trova due grandi attacchi e un ace per il 9-6, che costringe Micoli al time out: Firenze allunga ancora al termine di una lunghissima azione chiusa da Guerra (12-7), poi però sul 13-8 qualcosa si blocca con Brescia che ne approfitta per tornare di nuovo in parità grazie a difesa, turno in battuta di Nicoletti e attacchi di Angelina (13-13). Il time out di Mencarelli è inevitabile, la partita adesso è combattutissima, con le due squadre che si alternano senza mai staccarsi, poi dal 21-20 le ospiti trovano il guizzo per il 21-22 e allora Mencarelli ferma di nuovo il gioco: al rientro Angelina picchia ancora, poi la imita Jasper, mentre l’ultimo punto è firmato nuovamente da Angelina (21-25), giustamente premiata come MVP del match con 24 punti e il 57% in attacco.

I PROTAGONISTI-

Marco Mencarelli (Allenatore Il Bisonte Firenze) – « La sconfitta con Brescia è l’epilogo di un momento molto complicato non solo in gara ma anche in allenamento: ci riesce difficile uscirne e si sta protraendo per troppo tempo semplicemente perché abbiamo sempre una squadra rimaneggiata e non abbiamo continuità. Nausica Acciarri è stata encomiabile e soprattutto estremamente positiva in tutto quello che ha fatto, presente e a tempo con le situazioni, anche se il ritmo era più rapido rispetto a quello al quale è abituata: si vede che si è allenata molte volte con noi e oggi è stata veramente brava. Sapevamo che queste ultime due gare avrebbero compromesso ben poco della nostra stagione, forse questo non ci ha caricati per essere con il sangue agli occhi, ma credo che adesso serva una svolta: abbiamo l’obbligo morale di onorare la stagione e anche quello che nella surrealtà dell’annata siamo riusciti a raccogliere e a fare di buono ».

Giulia Angelina (Banca Valsabbina Millenium Brescia)- « Abbiamo finito bene dopo una stagione molto difficile. Abbiamo giocato finalmente con serenità, senza pressione addosso. L’ennesima sconfitta sarebbe stata un’ulteriore mazzata per questo anno durissimo. Abbiamo fatto fatica tutto il campionato per via di diversi fattori, con la conseguente poca tranquillità in noi stesse, mancando i giusti automatismi. Sicuramente c’è tanto rammarico, specie per i molti tie-break persi. Ora serve un esame di coscienza da parte di tutte in vista dell’anno prossimo. Spiace, poi, anche personalmente, dove non sono mai stata costante a causa degli infortuni. Peccato sia finita ora che iniziavo a star veramente bene ».

IL TABELLINO-

IL BISONTE FIRENZE – BANCA VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA 1-3 (25-20 20-25 23-25 21-25)

IL BISONTE FIRENZE: Guerra 14, Acciarri 8, Enweonwu 21, Van Gestel 8, Alberti 9, Cambi 4, Panetoni (L), Lazic 5, Nwakalor, Lapini (L), Venturi, Hashimoto, Kone. All. Mencarelli.

BANCA VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA: Angelina 26, Veglia 6, Nicoletti 17, Jasper 19, Berti 9, Bechis, Parlangeli (L), Botezat 3, Pericati (L), Cvetnic, Bridi, Biganzoli. All. Micoli.

ARBITRI: Mattei, Frapiccini.

NOTE – Durata set: 22′, 24′, 26′, 27′; Tot: 99′

SAVINO DEL BENE SCANDICCI – SAUGELLA MONZA-

Termina con un sorriso radioso la stagione regolare della Serie A1 femminile 2020-2021 della Saugella Monza. Nel recupero della nona giornata di ritorno, la prima squadra femminile del Consorzio Vero Volley espugna infatti il Palazzetto dello Sport di Scandicci battendo per 3-1 le padrone di casa della Savino Del Bene. Nonostante la matematica certezza del terzo posto in graduatoria, Monza sforna una prova superlativa, esprimendo grande lucidità non solo nel contrattacco e nel muro-difesa, con Meijners e Begic chirurgiche in fase offensiva e Danesi a fare la voce grossa sottorete (7 muri), ma anche al servizio e in difesa, con una Parrocchiale in grande spolvero a volare bene su ogni palla. A partire fortissimo sono però le padrone di casa, animate dalla necessità di dover fare un punto per blindare il quarto posto. Stysiak e Vasileva trascinano le toscane alla conquista di un primo set in equilibrio fino alla metà, risolto poi proprio da alcuni preziosismi delle due giocatrici scandiccesi. Dal secondo parziale in poi, però, è Monza ad iniziare a far vedere i muscoli: Orro orchestra con armonia verso le sue bocche da fuoco, le toscane calano in ricezione e le lombarde prendono fiducia sorpassando nel conteggio dei set, 2-1. Gaspari fa respirare le sue inserendo Davyskiba, Obossa e Squarcini per Meijners, Van Hecke ed Heyrman, ma Monza nel quarto set continua ad essere bella e concreta. E’ proprio Obossa (MVP del match), con le sue giocate in attacco e dei buoni turni in battuta, a spingere la Saugella nel momento più caldo del match, dopo un punto a punto infinito, alla conquista di un confronto che è stato l’antipasto della gara secca dei Quarti di Finale della Coppa Italia, in programma mercoledì pomeriggio a Monza, valido per un posto alla Final Four di Rimini del prossimo weekend.

Gaspari sceglie Orro-Van Hecke, Heyrman e Danesi centrali, Begic e Meijners schiacciatrici, Parrocchiale libero. Scandicci risponde con Malinov in regia e Stysiak opposto, Lubian e Popovic al centro, Vasileva e Courtney in banda e Merlo libero. Punto a punto iniziale (7-7) con scambi lunghi e grande intensità da entrambe le parti. Begic e Danesi spingono per Monza, Vasileva e Stysiak rispondono per le padrone di casa, 11-11. Break Scandicci con un muro a testa di Malinov su Begic e Courtney su Heyrman e Gaspari chiama a raccolta le sue sul 14-11 per le toscane. Alla ripresa del gioco continua la serie positiva della Savino Del Bene: Lubian mura Begic dopo il fallo di seconda linea di Van Hecke e Gaspari inserisce Carraro per Orro e Obossa per Van Hecke, 16-11. La fast di Heyrman spezza il filotto di Scandicci, 16-12, ma un paio di sbavature delle lombarde agevolano la discesa delle toscane, 18-13. Torna in campo la diagonale titolare delle rosablù, poi palla out di Stysiak,, brava poi a rifarsi prontamente, 19-15. L’ace di Meijners tiene in corsa le lombarde, ma un nuovo muro di Vasileva su Van Hecke tiene a distanza Monza, 21-17. La Saugella tenta di reagire con Begic e approfittando dell’errore dai nove metri di Stysiak prima e Vasileva poi, 23-20. Scandicci però gestisce il vantaggio e chiude il primo set con l’attacco vincente di Stysiak, 25-20.

Sestetti confermati nel secondo parziale. Inizio superlativo della Saugella Monza con una scatenata Meijners a suonare la carica, 4-0 e Barbolini chiama la pausa. Alla ripresa del gioco Vasileva va a segno per tre volte rispondendo a Meijners, 5-3. Muro di Danesi su Stysiak, errore di Vasileva, lampo di Van Hecke, primo tempo di Danesi e la Saugella incrementa, 9-3, costringendo Barbolini a fermare il gioco. Malinov tiene in corsa le sue, 12-8, ma due muri di Danesi, su Popovic prima e Stysiak poi, accompagnano le monzesi sul 15-9. Primo tempo di Lubian a tenere in corsa le padrone di casa, ma Van Hecke ed Heyrman spezzano subito il tentativo di rimonta della Savino Del Bene. Due lampi di Stysiak (muro su Meijners e attacco vincente) riportano sotto le padrone di casa (21-18) e Gaspari chiama a raccolta le sue. Giocata di seconda di Orro (22-18), poi errore di Van Hecke (23-20), ma due errori di Stysiak regalano il parziale alla Saugella, 25-20.

Nuovo set ma stesse interpreti in campo. Inizio equilibrato, 3-3, poi più due Monza con l’ace di Danesi dopo l’errore di Vasileva, 5-3. Begic spinge bene per le rosablù, Barbolini chiama la pausa e, al ritorno in campo, Courtney spezza il filotto monzese, 7-5. Meijners trascina la Saugella, brava ad affidarsi anche al muro di Begic su Stysiak e a un errore toscano per allungare 13-8 e Barbolini chiama time-out. Van Hecke e Meijners continuano ad andare a bersaglio, con Scandicci incapace di reagire con continuità, 16-10. Dentro Obossa e Carraro per Van Hecke e Orro tra le fila delle lombarde, con la Savino Del Bene che rosicchia qualche punto con il turno dai nove metri di Lubian, 16-12. La Saugella però è ispirata: Begic, Obossa e Meijners vanno a segno, trainando Monza sul 19-12. Padrone di casa che si fanno sotto con il buon ingresso di Drewniok e Pietrini, ma le lombarde sono determinate e lucide. Van Hecke non sbaglia in attacco, Danesi mura Pietrini ed è 23-17 per le rosablù. Due assoli di Drewniok (anche un ace per lei) tengono vive le speranze di rimonta delle padrone di casa, immediatamente spezzate da due diagonali di Van Hecke, che regala il set alle sue, 25-19.

Gaspari conferma nel quarto set Obossa per Van Hecke, unica novità del set da entrambe le parti. Punto a punto iniziale, proprio con Obossa a schiacciare forte per la Saugella, 3-3. Equilibrio fino al 6-6, con Davyskiba che prende il posto di Meijners, poi arriva il muro di Heyrman su Stysiak ed il diagonale vincente di Obossa, 8-6. Controsorpasso Savino Del Bene 10-8 con tre attacchi vincenti di Vasileva, poi muro di Lubian su Davyskiba e time-out Gaspari, Squarcini dentro per Heyrman e le monzesi inseguono con il muro di Squarcini su Vasileva e grazie alla palla out di Popovic, 14-13. Entra anche Negretti per Parrocchiale: muro di Orro su Vasileva e mani fuori di Obossa a portare la Saugella a meno uno, 16-15. Pallonetto di Davyskiba, muro di Danesi su Stysiak e Monza pareggia i conti, 18-18. Punto a punto fino al 21-21, poi ace di Obossa e time-out Barbolini. Altro ace di Obossa alla ripresa del gioco, che poi sbaglia (23-22 Monza), con l’equilibrio che fa da padrone fino al 29-29. Il muro di Obossa su Stysiak ed il primo tempo di Squarcini regalano il set, 31-29 e la gara, 3-1.

I PROTAGONISTI-

Massimo Barbolini (Allenatore Savino Del Bene Scandicci)- « Noi da oggi dobbiamo vergognarci, non c’è da spendersi in tante analisi tecniche e tattiche. Dobbiamo vergognarci perché spesso abbiamo guardato a quanto succedeva dalle altre parti, stasera abbiamo l’occasione di giocare con una squadra forte che ha fatto tanti cambi e non abbiamo saputo approfittare buttando via una rincorsa molto bella e ci sono poche analisi da fare. L’unica cosa è che mi vergogno molto, non è giusto nei confronti della società e dei tifosi fornire prestazioni simili ».

Anna Danesi (Saugella Monza)- « Siamo una bellissima squadra. Stasera per noi non valeva troppo ma per noi era importante mettere in campo il nostro gioco in vista della gara di mercoledì. Sono contenta perché, tralasciando il primo set, abbiamo espresso davvero una bella pallavolo. In Coppa Italia mi aspetto una Scandicci diversa, visto che arrivano da una scia di risultati positiva. Noi metteremo a posto qualcosa in difesa, provando a replicare la performance di stasera per conquistare il pass per la Final Four ».

IL TABELLINO-

SAVINO DEL BENE SCANDICCI – SAUGELLA MONZA 1-3 (25-20 21-25 19-25 29-31)

SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Courtney 11, Popovic 7, Stysiak 16, Vasileva 17, Lubian 9, Malinov 7, Merlo (L), Drewniok 2, Pietrini 2, Bosetti, Camera. Non entrate: Carocci (L), Samadan, Cecconello. All. Barbolini.

SAUGELLA MONZA: Orro 3, Meijners 16, Danesi 15, Van Hecke 11, Begic 15, Heyrman 7, Parrocchiale (L), Obossa 9, Squarcini 5, Davyskiba 2, Carraro. Non entrate: Orthmann, Negretti (L). All. Gaspari.

ARBITRI: Venturi, Goitre.

NOTE – Durata set: 25′, 29′, 26′, 37′; Tot: 117′.

BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA – DELTA DESPAR TRENTINO-

La Bartoccini Fortinfissi Perugia chiude la regular season con una bella vittoria al PalaBarton contro la Delta Despar Trentino. Nel recupero della quinta giornata di ritorno, rinviata a causa del Covid, le “magliette nere” si impongono in quattro set e concludono al decimo posto in classifica. Adesso la squadra di Mazzanti si tufferà nell’avventura play off.

L’inizio del primo set sorride alla Delta Despar Trentino che scatta 10-13 grazie all’ace di Piani con l’aiuto del nastro. Marcone imita la compagna dai nove metri e Mazzanti chiama il primo time out sul 12-15. Perugia accorcia e con il tabellone che dice 15-17 è Bertini a fermare il gioco. La mossa si rivela azzeccata e la panchina umbra deve rifugiarsi di nuovo nel minuto di sospensione con le avversarie avanti 15-19. Il muro ospite dice no ad Angeloni e il capitano lascia il posto a Carcaces sul 15-20. La partita sale d’intensità: la Bartoccini Fortinfissi si avvicina fino al 18-21 conquistando il punto più bello di tutto il primo set. Trento non sbanda e chiude 21-25 dopo l’errore al servizio di Carcaces.

Il primo allungo del secondo set è della Bartoccini Fortinfissi che mette la testa avanti 4-2 con un muro vincente. Le “magliette nere” sono più determinate sotto rete: sul punteggio di 8-3 coach Bertini non può far altro che chiamare time out. Alla ripresa del gioco, Carcaces continua a forzare dai nove metri, Havelkova le dà manforte e il 10-3 è realtà. Koolhaas consegna il 17-10 alle umbre, costringendo la panchina ospite a chiedere un altro minuto di sospensione. Il muro di Di Iulio porta Perugia avanti 20-11, Trento ha il merito di non mollare e sul 23-18 Mazzanti ferma il gioco. Il vantaggio è rassicurante e Carcaces può chiudere 25-19.

La Delta Despar entra in campo più determinata in avvio di terzo set e dopo pochi minuti il tabellone dice 1-4. Le “magliette nere” non perdono la pazienza e con Ortolani e Havelkova ribaltano la situazione fino al 9-6. Carcaces sale di colpi e sul 16-12 la panchina ospite non può far altro che fermare la partita. Chi non si ferma è la schiacciatrice cubana che, al rientro in campo, mette a segno l’ace del 17-12. Trento continua a faticare più del dovuto: coach Bertini chiama di nuovo time out sul 21-16 per parlare con le proprie ragazze. Havelkova beffa prima il muro e poi realizza l’ace per il 23-16, Melli e Trevisan rosicchiano qualche punticino, ma non possono nulla contro il primo tempo di Koolhaas che vuol dire 25-18 per Perugia.

Il quarto set è un monologo della Bartoccini Fortinfissi. Perugia prova la fuga nelle battute iniziali, l’errore di Melli consegna tre punti di vantaggio alle padrone di casa: 8-5 e primo time out chiesto da Bertini per togliere il ritmo al servizio di Carcaces. Le umbre non alzano il piede all’acceleratore: Ortolani e Havelkova costringono la panchina di Trento a fermare di nuovo il gioco sul 13-7. La Delta Despar molla la presa: il turno di servizio di Di Iulio mette alle corde le avversarie che non trovano contromisure e si arrendono 25-7 dopo l’ennesimo muro vincente di Perugia.

I PROTAGONISTI-

Helena Havelkova (Bartoccini Fortinfissi Perugia)- « In questa stagione per noi ogni punto era prezioso, sono molto contenta del fatto che stiamo crescendo e giocando meglio. I progressi mostrati nelle ultime partite ci saranno utili per i play off. Era importante vincere, più che l’avversario conta come giochiamo noi ».

Ilenia Moro (Delta Despar Trentino)-  « Siamo calate alla distanza, ma bisogna riconoscere che Perugia è un’ottima squadra con tante giocatrici di esperienza. Volevamo vincere perché l’ottavo posto non ci bastava, ma alla fine la stanchezza per i tanti incontri ravvicinati si è fatta sentire. Adesso si volta pagina, ci sono i play off e ho già detto alle ragazze che dobbiamo essere concentrate sulla prossima partita ».

IL TABELLINO-

BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA – DELTA DESPAR TRENTINO 3-1 (21-25 25-19 25-18 25-7)  

BARTOCCINI FORTINFISSI PERUGIA: Koolhaas 11, Di Iulio 3, Havelkova 19, Aelbrecht 6, Ortolani 19, Angeloni 1, Cecchetto (L), Carcaces 17, Mlinar, Casillo. Non entrate: Scarabottini, Agrifoglio, Rumori (L). All. Mazzanti.

DELTA DESPAR TRENTINO: Cumino 1, D’Odorico 5, Furlan 6, Piani 11, Marcone 4, Pizzolato 5, Moro (L), Melli 6, Trevisan 4, Bisio 1, Ricci. Non entrate: Fondriest. All. Bertini.

ARBITRI: Zavater, Carcione.

NOTE – Durata set: 30′, 28′, 25′, 20′; Tot: 103′.

LA CLASSIFICA FINALE DI A1 FEMMINILE-

Imoco Volley Conegliano 72; Igor Gorgonzola Novara 55; Saugella Monza 54; Unet E-Work Busto Arsizio 45; Savino Del Bene Scandicci 45; Reale Mutua Fenera Chieri 44; Bosca S.Bernardo Cuneo 25; Delta Despar Trentino 24; Il Bisonte Firenze 22; Bartoccini Fortinfissi Perugia 22; Vbc E’piu’ Casalmaggiore 22; Zanetti Bergamo 21; Banca Valsabbina Millenium Brescia 17.

IL TABELLONE DEI PLAY OFF SCUDETTO-

(1) Imoco Volley Conegliano – Vinc. (8) Delta Despar Trentino / (9) Il Bisonte Firenze

(4) Unet E-Work Busto Arsizio – Vinc. (5) Savino Del Bene Scandicci / (12) Zanetti Bergamo

(2) Igor Gorgonzola Novara – Vinc. (7) Bosca S.Bernardo Cuneo / (10) Bartoccini Fortinfissi Perugia

(3) Saugella Monza – Vinc. (6) Reale Mutua Fenera Chieri / (11) VBC èpiù Casalmaggiore

IL PROGRAMMA DEGLI OTTAVI DI FINALE -

GARE DI ANDATA (20-21 marzo)

Zanetti Bergamo – Savino Del Bene Scandicci

VBC èpiù Casalmaggiore – Reale Mutua Fenera Chieri

Bartoccini Fortinfissi Perugia – Bosca S.Bernardo Cuneo

Il Bisonte Firenze – Delta Despar Trentino

GARE DI RITORNO (24 marzo)

Savino Del Bene Scandicci – Zanetti Bergamo

Reale Mutua Fenera Chieri – VBC èpiù Casalmaggiore

Bosca S.Bernardo Cuneo – Bartoccini Fortinfissi Perugia

Delta Despar Trentino – Il Bisonte Firenze

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti