Monza supera Firenze, Roma lotta ma cede a Scandicci

Nelle quattro partite giocate oggi in A1 Femminile bella affermazione della squadra di Gaspari, le giallorosse di Saja perdono ma escono dal campo a testa alta. Colpo esterno di Cuneo contro Casalmaggiore, Busto costretta alla rimonta da un'ottima Trento
Monza supera Firenze, Roma lotta ma cede a Scandicci© Legavolley Femminile/Galbiati

ROMA- Dopo i tre anticipi di ieri si sono giocate oggi le restanti quattro partite che hanno chiuso il 10° turno di A1 Femminile. Netta affermazione della Vero Volley Monza contro Il Bisonte Firenze che permette alla squadra di Gaspari di rimanere al terzo posto. La Savino Del Bene Scandicci deve sudare per espugnare in quattro set il Palazzo dello Sport di Roma al cospetto dell’Acqua&Sapone che lotta fino alla fine. Risorge a Cremona la Bosca S.Bernardo Cuneo che si impone contro la Trasporti Pesanti Casalmaggiore. La Delta Despar Trentino rende la vita difficile alla Unet E-Work Busto Arsizio che deve sudare le proverbiali sette camicie per ribaltare un risultato che la vedeva sotto 2-0 e vincere al tie break.

TUTTE LE SFIDE-

VERO VOLLEY MONZA – IL BISONTE FIRENZE-

Quinta vittoria di fila, settima stagionale nella Serie A1 femminile 21-22, per la Vero Volley Monza di Marco Gaspari. A fare le spese della prova senza sbavature delle monzesi, vincenti 3-0 in poco meno di un’ora e mezza nella decima giornata di andata della stagione regolare, è Il Bisonte Firenze, arrivato all’Arena di Monza con la voglia di dare seguito al prezioso successo ottenuto in settimana a Conegliano ma mai veramente in grado di spaventare Danesi e compagne. Difesa costante, muro mostruoso (14 di squadra in tre set) e un servizio continuo e ben eseguito da tutto il gruppo, sono le armi con di cui la Vero Volley stende le toscane, apparse in grado di contrastare le padrone di casa solo nel secondo set, poi risolto da Monza con una fuga decisa nel finale firmata dalle accelerazioni di Stysiak, Davyskiba e Van Hecke. Ad indirizzare la gara dalla parte di Monza nel primo e secondo gioco sono invece i muri di Candi e Danesi, al limite del perfetto nel leggere le offensive di Nwakalor prima ed Enweonwu poi, e la regia favolosa di Orro, apparsa in giornata di grazia sia in fase di impostazione che in difesa. Per Monza, tra le notizie positive in vista della sfida casalinga di Champions League di mercoledì sera contro il Mulhouse, c’è anche il ritorno in campo di Lazovic: per lei anche un punto e tanta fiducia.

Primo Set-Gaspari sceglie Orro in diagonale con Van Hecke, Danesi e Candi centrali, Stysiak e Davyskiba schiacciatrici e Parrocchiale libero. Bellano risponde con Cambi al palleggio, Nwakalor opposto, Belien e Sylves al centro, Sorokaite e Van Gestel bande e Panetoni libero. Punto a punto iniziale con qualche sbavatura da entrambe le parti (2-2), poi break Vero Volley Monza, sull’ottimo turno in battuta di Davyskiba, con il muro di Candi su Van Gestel, l’errore di Nwakalor e l’invasione di Firenze: 6-2 e time-out Bellano. Stysiak martella forte, Danesi la imita bene per due volte dal centro e la Vero Volley, anche molto lucida e precisa in difesa, vola sul 10-4. Van Gestel e Sorokaite, sul buon turno dai nove metri di Belien cercano di scuotere le loro, 12-8, ma il muro di Candi su Nwakalor e l’errore di Sorokaite coincidono con il 14-8 Vero Volley ed il nuovo time-out Firenze. Ancora un muro di Davyskiba su Nwakalor, 15-9, che lascia poi il posto ad Enweonwu, brava ad andare subito a segno insieme a Sylves (ace), 15-11. Due lampi di Candi (muro su Enweonwu ed ace) spingono le rosablù sul 17-11, ma Il Bisonte reagisce prontamente con un ace di Enweonwu dopo l’errore di Candi dai nove metri, 17-13. Nel finale tentativo di reazione delle ospiti con l’ace di Sorokaite e l’accelerazione di Belien, 23-18, ma Monza sfrutta il vantaggio e chiude il set, 25-18, con due giocate di Davyskiba (attacco ed ace), 25-18.

Secondo Set-Stesse interpreti in campo e break Firenze con Sorokaite e Sylves (muro su Stysiak), 3-1. Ace di Sorokaite dopo l’invasione di Stysiak, errore di Van Hecke: fuga Firenze 6-2 e time-out Gaspari. Due errori consecutivi di Nwakalor regalano il meno uno alla Vero Volley (6-5), brava a rimanere incollata con il muro di Candi su Van Gestel, 8-7. Due errori delle padrone di casa agevolano la discesa delle toscane, 10-7, ma con Stysiak e Orro (muro su Sorokaite) è ancora meno uno Monza, 10-9. Stysiak e l’errore di Enweonwu valgono la parità Vero Volley, brava a mettere la freccia e sorpassare con il muro a uno di Danesi su Sylves, 14-13. Fase di equilibrio infinita fino al 19-19, con Stysiak e Candi a spingere per Monza ed Enweonwu e Knollema, entrata per Van Gestel, a rispondere per Firenze. Il muro di Danesi su Knollema dopo la palla out Firenze porta le rosablù sul 21-19 e Bellano chiama time-out. Stysiak col mani e fuori, Enweonwu a risponderle in diagonale, ma sempre monzesi in vantaggio grazie a Davyskiba, 23-21. Lungolinea di Van Hecke a regalare il set, 25-22, alla Vero Volley Monza.

Terzo Set-Knolleva confermata per Van Gestel, Enweonwu per Nwakalor e subito break rosablù con Van Hecke, Davyskiba e Danesi, 5-1. Dopo il time-out di Bellano prosegue la serie positiva della Vero Volley, con il muro di Stysiak su Enweonwu e la palla out di Sorokaite, 7-1. Due belle giocate di Sorokaite spezzano la fuga delle padrone di casa (7-3), ma Danesi dal centro e l’invasione di Cambi coincidono con il nuovo break Monza, 9-3. Filotto di tre punti delle toscane guidato dal turno in battuta di Sorokaite (anche un ace per lei), 9-6, poi però la Vero Volley torna a farsi sentire in attacco e in difesa, volando sul 13-7 con Davyskiba (da sottolineare due difese di Van Hecke e Stysiak). Con pazienza e qualità Il Bisonte si riavvicina, supportato da Enweonwu e Knollema (14-12), ma le lombarde lo mantengono a distanza con l’ottima intuizione offensiva di Stysiak, 17-14. Zakchaiou, dentro per Candi, prende subito le misure alle ospiti con due muri (20-16), poi Lazovic, entrata per Davyskiba, va a bersaglio e Monza scappa sul 22-16. Finale tutto delle padrone di casa, capaci di chiudere set, 25-18, e gara 3-0.

I PROTAGONISTI-

Alessia Orro (Vero Volley Monza)- « Abbiamo giocato bene ma possiamo migliorare ancora tanto. Gradualmente stiamo anche recuperando le assenze, utili a trovare ancora più equilibrio. Stasera siamo state brave nel muro-difesa, dal primo set, poi Firenze è venuta fuori nel secondo, cercando le mani alte del muro e angoli più difficili. Noi però siamo state molto lucide nel non perdere la concentrazione e andare avanti. Sono tre punti importanti ».

Massimo Bellano (Allenatore Il Bisonte Firenze)- « In prima analisi abbiamo trovato una squadra molto organizzata che ci ha aggrediti dal primo pallone non dandoci la possibilità di giocare come avremmo voluto. Noi di contro obiettivamente siamo stati troppo deficitari, soprattutto in contrattacco dove abbiamo fatto numeri scadenti e quindi anche nel momento in cui abbiamo murato e difeso ricreandoci delle occasioni per rimanere nella partita o per allungare, come poteva essere nel secondo set, le abbiamo sprecate e loro dal 20 hanno sempre trovato lo strappo decisivo. Vincono con merito la partita. Adesso tiriamo un attimo il fiato riposando e poi di nuovo in palestra per affrontare, cercando di ripartire da dove oggi abbiamo fatto un po’ meno bene, le ultime due gare di campionato che assumeranno secondo me un’importanza particolare ».

IL TABELLINO-

VERO VOLLEY MONZA – IL BISONTE FIRENZE 3-0 (25-18 25-22 25-17)

VERO VOLLEY MONZA: Danesi 8, Van Hecke 8, Davyskiba 11, Candi 6, Orro 4, Stysiak 13, Parrocchiale (L), Lazovic 2, Zakchaiou 1, Boldini. Non entrate: Gennari (L), Negretti, Moretto, Bole. All. Gaspari.

IL BISONTE FIRENZE: Cambi 1, Sorokaite 13, Sylves 4, Nwakalor 1, Van Gestel 3, Belien 3, Panetoni (L), Enweonwu 10, Knollema 4, Graziani 1, Lapini, Bonciani. Non entrate: Diagne, Golfieri (L). All. Bellano.

ARBITRI: Carcione, Salvati.

NOTE – Spettatori: 725, Durata set: 25′, 28′, 28′; Tot: 81′.

VBC TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE – BOSCA S.BERNARDO CUNEO-

La Bosca S.Bernardo Cuneo fa festa al PalaRadi per la prima volta nella sua storia facendo bottino pieno dopo oltre due ore di gioco (1-3). Trascinate da una Gicquel in formato MVP, autrice di 26 punti con 6 muri, e con altre quattro attaccanti in doppia cifra, le gatte hanno mostrato quel cinismo che fino a ora era mancato nei momenti chiave dei parziali con due set su tre conquistati in volata. Un successo pesante per la classifica e per il morale nella corsa all’ottavo posto che dà accesso ai quarti di Coppa Italia.

Primo Set- Coach Pistola schiera Signorile e Gicquel in diagonale, Kuznetsova e Jasper in banda, Stufi e Squarcini al centro, Spirito libero. Coach Volpini replica con Rahimova opposta a capitan Bechis, Shcherban-Braga schiacciatrici, le ex biancorosse Zambelli e Guidi centrali, Carocci libero. Parte forte la Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore: doppia Braga, Zambelli e attacco out di Kuznetsova per il 4-1. Le padrone di casa allungano con Shcherban e Rahimova e sul 9-5 c’è il primo time out per la panchina ospite. L’ex Guidi e Shcherban scavano ulteriormente il solco. Il tentativo di rimonta della Bosca S.Bernardo Cuneo è firmato Jasper, a segno due volte di fila, e Stufi, ma Rahimova e un attacco out di una Kuznetsova insolitamente fallosa riportano le rosa a distanza di sicurezza (14-8). Sul 15-9 dentro Caruso per Squarcini. La centrale siciliana va subito a segno con la fast, le risponde l’ex Zambelli. Gicquel prima sfonda le mani del muro casalasco, poi trova un punto in parallela e il muro che vale il 16-13 sul quale coach Volpini interrompe il gioco. Sul 17-13 Giovannini rileva Kuznetsova. L’aggancio biancorosso arriva sul turno al servizio di Caruso con Gicquel grande protagonista: 17-17 e nuovo time out per Volpini. Sul primo vantaggio cuneese del set decretato da un errore in attacco di Rahimova dentro Di Maulo e Malual per Bechis e Rahimova. Un’infrazione cuneese ristabilisce la parità (20-20). Dopo il time out richiesto da Pistola sul sorpasso rosa firmato da Braga dentro Zanette e Agrifoglio per Gicquel e Signorile. In un finale di set punto a punto sono le gatte ad avere la meglio: 24-26 e Bosca S.Bernardo Cuneo avanti 0-1 al PalaRadi. Tabellino: 8 Gicquel, 6 Braga, 5 Jasper

Secondo Set- Coach Pistola conferma in campo Caruso per Squarcini. La Bosca S.Bernardo Cuneo prova a scappare (1-4), ma la Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore pareggia i conti con un ace di Braga (5-5). Come nel primo parziale è Gicquel l’attaccante cuneese più in palla: suoi i due punti consecutivi che valgono l’allungo ospite (6-8). Ace di Caruso, muro di Jasper, attacco out di Rahimova e sul 6-11 coach Volpini chiama a colloquio le sue). La Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore non riesce a rientrare e sull’11-16 decretato da un muro di Gicquel è ancora time out per la panchina di casa. L’interruzione sortisce l’effetto sperato e le rosa accorciano fino al 15-17 approfittando di alcuni errori di troppo delle gatte. Dopo il time out richiesto da coach Pistola arriva il 17-18 siglato da un muro di Rahimova su Jasper. Dentro Degradi, al rientro dall’infortunio patito lo scorso 31 ottobre, per Jasper. L’attacco out della schiacciatrice cuneese vale il vantaggio delle padrone di casa; è ancora time out per la panchina ospite. Come nel parziale precedente è un finale di set punto a punto. Braga porta le sue sul 22-20 sul quale arriva il doppio cambio Zanette-Gicquel e Agrifoglio-Signorile. Un primo tempo di Stufi e un muro di Zanette ristabiliscono la parità. Anche questo parziale si decide ai vantaggi: a spuntarla in volata è la Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore con due punti consecutivi di Shcherban: 26-24 (1-1). Tabellino: 7 Shcherban, 5 Stufi, Gicquel, Braga

Terzo Set- Buona partenza della Bosca S.Bernardo Cuneo, che vola sul 2-5. Le gatte allungano con i due muri consecutivi di Caruso e Gicquel (4-8). Sul 7-11 decretato da un’infrazione casalasca arriva il time out per coach Volpini. Cuneesi sempre in controllo senza strafare (11-17). Dopo il nuovo time out per la panchina di casa c’è la reazione ospite con il primo tempo di Guidi e il muro di Braga, ma Jasper con un diagonale profondo e un ristabilisce le distanze (13-19). La neoentrata Malual si fa sentire con un attacco e un muro e coach Pistola interrompe il gioco. Ci pensa Gicquel da seconda linea e Kuznetsova d’astuzia a mettere in ghiaccio il set (15-21). La Bosca S.Bernardo Cuneo chiude i conti con Caruso e Gicquel in evidenza: 17-25 e gatte avanti 1-2 al PalaRadi. Tabellino: 5 Kuznetsova, 4 Braga, Malual, Gicquel, Caruso, Jasper

Quarto Set- Avvio di parziale equilibrato (5-5). La Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore, con Malual ancora in campo per Rahimova, tenta l’allungo ma la Bosca S.Bernardo Cuneo dice no con due muri di Gicquel. È ancora l’opposto cuneese, in gran serata, a firmare il 9-9. Fase equilibrata del set (12-12), poi ci pensa ancora Gicquel a confezionare il break per la Bosca S.Bernardo Cuneo con un attacco e un ace: 15-17 e time out per la panchina di casa. La fast in parallela di Stufi e un colpo d’astuzia di Zanette tengono avanti le gatte (16-19), ma la Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore accorcia subito con pallonetto di Malual e un muro di Braga su Zanette: 19-20 e time out per Pistola. Doppia Malual per l’aggancio rosa sul 21-21. Il sorpasso rosa arriva grazie a due errori biancorossi: 23-22 e nuovo time out per la panchina ospite. Jasper regala alle sue il match ball che Gicquel concretizza con il punto del 23-25: la Bosca S.Bernardo Cuneo espugna il PalaRadi per la prima volta nella sua storia (1-3). Tabellino: 8 Gicquel, 6 Braga, Malual.

I PROTAGONISTI-

Sara Caruso (Bosca S.Bernardo Cuneo)- « Tantissima felicità per questi tre punti d’oro. Dopo gli errori abbiamo saputo voltare pagina subito e questo ha fatto la differenza; la testa ora è già alla sfida con Bergamo, la seconda di tre partite da vincere. A livello personale una serata da ricordare; il grazie va alle mie compagne che mi hanno sempre fatta sentire a mio agio e mi hanno confortata dopo ogni sbaglio ».

IL TABELLINO-

VBC TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE – BOSCA S.BERNARDO CUNEO 1-3 (24-26 26-24 17-25 23-25)

VBC TRASPORTI PESANTI CASALMAGGIORE: Shcherban 13, Guidi 9, Rahimova 6, Braga 20, Zambelli 6, Bechis, Carocci (L), Malual 10, Szucs, Di Maulo, White, Mangani, Ferrara (L). All. Volpini.

BOSCA S.BERNARDO CUNEO: Jasper 14, Stufi 12, Signorile 1, Kuznetsova 14, Squarcini, Gicquel 26, Spirito (L), Caruso 11, Zanette 3, Giovannini, Agrifoglio, Degradi. Non entrate: Gay (L), Sposetti Perissinot. All. Pistola.

ARBITRI: Piperata, Luciani.

NOTE – Spettatori: 1357, Durata set: 32′, 33′, 24′, 32′; Tot: 121′.

ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY CLUB – SAVINO DEL BENE SCANDICCI-

Ad aggiudicarsi il decimo turno stagionale è la corazzata della Savino del Bene Scandicci, che dopo quattro set intensi (1-3 21-25; 23-25; 25-18; 27-29) nei ritmi e nella bella pallavolo espressa in campo, si è imposta a una Acqua & Sapone Roma Volley Club che fino all’ultimo ha saputo tener testa a una avversaria di livello, cedendo sul più bello davanti ai 1.300 spettatori presenti. Non è bastata la forza in attacco di Klimets (22 punti) e il buon gioco difensivo di tutte le giallorosse per affondare la difesa di Castillo, MVP dell’incontro, ribaltare il pronostico e portare a casa l’impresa.

Roma che schiera in avvio di gara Bugg al palleggio, Klimets come opposto, Stigrot e Pamio in banda, Rebora e Cecconello come centrali e Venturi da libero.

Scandicci piazza Malinov palleggiatrice, Lippmann opposto, Natalia e Orthmann in banda, Lubian e Alberti centrali, Castillo libero.

La Savino Del Bene parte forte e si porta avanti dopo il diagonale di Orthmann ed il muro di Natalia (3-5), Scandicci che allunga ulteriormente dopo due punti consecutivi della sua numero 10, che con il monster block porta a + 3 la squadra di coach Barbolini (5-8). Roma si rifà sotto però: Klimets schiaccia, l’attacco di Orthmann è out ed il muro delle capitoline va a segno (10-9).  La Savino Del Bene non si demoralizza e si riporta avanti dopo gli assoli di Lippmann e gli ace di Orthmann (12-14), mentre il punto del 12-15 di Natalia costringe le padrone di casa al primo timeout. Pausa che fa bene alla Acqua & Sapone, perché Klimets accorcia, Ceccorello pure, e l’ace delle padrone di casa vale il 16-16: timeout coach Barbolini. Al rientro la Savino del Bene riparte: Natalia schiaccia, Roma commette invasione, Lippmann la mette giù e l’attacco delle padrone di casa è out (16-20). Savino Del Bene che riesce a tenere a distanza anche nel finale di set le romane, con Lippmann che schiaccia ed il muro di Lubian che dice +4 (19-23). Ed è proprio Lubian che nel finale del parziale prima trova il muro del set point  (20-24), e poi chiude i conti sul 21-25.

Secondo Set-Scandicci che nel secondo set si porta subito avanti sul 3-5 dopo le iniziative di Lippmann, Malinov e Natalia, ma Roma ritrova la quadra e trova la parità grazie al servizio out delle ospiti ed alla schiacciata di Stigrot (5-5). Parità che prosegue fino al 9-9, quando le ragazze di coach Saja trovano il +2 grazie al muro out di Scandicci ed all’errore in attacco di Orthmann (11-9). Roma prova a scappare, Trnkova fa + 3 (13-10), il muro delle toscane non va, Trnkova finalizza ancora, e l’Acqua & Sapone allunga sul 15-10. Scandicci non si scompone, rimette a posto le idee e recupera terreno grazie all’attacco out delle romane ed alla schiacciata di Antropova (16-14), Scandicci che trova successivamente anche il pari grazie all’affondo di Natalia: timeout coach Saja (16-16). Da qui si comincia a lottare veramente punto a punto, con Roma che con Klimets ed il muro vincente fa +2 (19-17), e la Savino Del Bene che con il primo tempo di Alberti e l’ace di Natalia ristabilisce la parità (19-19). Roma ci crede, il servizio di Lippmann è out e l’attacco di Angeloni anche: 23-21 e timeout Savino Del Bene. Coach Barbolini riesce a dare una scossa alle proprie giocatrici e Scandicci pareggia dopo le iniziative di Lubian e Natalia: 23-23 e timeout Roma. In dirittura d’arrivo Scandicci è cinica, Angeloni piazza l’ace e Natalia la mette giù: 23-25 ed altro set messo a referto dalla Savino Del Bene.

Terzo Set-Terzo set che vede Roma subito correre ed andare sul 4-1 grazie a Klimets, ma la Savino Del Bene recupera e con due attacchi di Angeloni si porta a -1 (6-5). Stigrot prova a insistere per le capitoline, Lippmann accorcia le distanze, ma Klimets fa nuovamente +2 (9-7). Scandicci riesce a pareggiare dopo l’invasione di Roma e l’ace di Natalia (11-11), ma in seguito la squadra di coach Saja si riporta avanti trovando  l’appoggio vincente di Stigrot ed il muro out di Scandicci: timeout Savino Del Bene (14-11). Roma ci crede, l’attacco di Scandicci non carbura, Cecconello schiaccia ed il monster block delle padrone di casa vale il 18-13: altro timeout per coach Barbolini. Al rientro in campo è out il servizio di Stigrot, ma Pamio e Klimets riescono ad ampliare ancora il distacco, e dopo la schiacciata out di Alberti il punteggio dice 21-15 Roma. Scandicci prova a ripartire, le capitoline sbagliano al servizio, Natalia schiaccia e Malinov centra l’ace: timeout anche per coach Saja (23-18). In uscita però Roma riesce a chiudere il set con Decortes e Pamio: 25-18 e 1 set a 2.

Quarto Set-Acqua & Sapone Roma che dopo aver ritrovato la fiducia riparte forte anche nel quarto set portandosi subito sul 5-2 dopo il servizio sbagliato da Antropova e la schiacciata di Stigrot: timeout Scandicci.  La Savino Del Bene mischia le carte in tavola, Ana Beatriz accorcia le distanze, Malinov mura e Natalia pareggia (6-6). Roma trova ancora l’allungo: Cecconello schiaccia, Antropova sbaglia e l’ace delle romane vale il +4 (12-8). Lippmann prova a diminuire il gap, Klimets però non ci sta e l’attacco successivo di Trnkova mantiene inalterato il divario di +4 (15-11). Scandicci non demorde, Natalia fa -3 (16-13), l’attacco delle capitoline è out (16-14), e la doppia in palleggio delle padrone di casa porta in seguito a -1 la Savino Del Bene (17-16). Successivamente Roma sbaglia al servizio, coach Saja vuole riorganizzare la propria squadra e chiama timeout sul 19-18. Pausa che sembra servire a Roma che si porta sul 22-19 dopo gli errori in difesa ed in attacco di Scandicci, Scandicci che non si demoralizza però e che tiene mentalmente arrivando al -1 dopo la schiacciata di Ana Beatriz e la palla out di Pamio (22-21). Klimets poi sembra indirizzare il set ancora in favore di Roma (23-21), Pietrini fa di nuovo -1 (23-22), Pamio schiaccia, trova il muro di Scandicci che però è out: set point Roma (24-22). A questo punto la Savino Del Bene dimostra di essere glaciale nel momento clou, e la capitana Malinov prima trova il -1, e poi schiaccia per il 24-24: timeout Roma. Al rientro in campo succede di tutto: Stigrot la mette giù, Natalia pareggia (25-25), l’invasione di Scandicci dà un altro set point a Roma (26-25), Lippmann con la diagonale però pareggia ancora (26-26). Nel finale Pietrini trova il match point con l’appoggio vincente (26-27), Ceccorello non ci sta e dice ancora una volta no (27-27), Lippmann fa la voce grossa, con il muro di Roma che non trattiene (27-28), ed infine è ancora Elena Pietrini a risolvere il quarto set ed il match, piazzando il muro del 27-29.

1-3 Savino Del Bene Scandicci che espugna Roma e che trova la sua settima vittoria in regular season.

I PROTAGONISTI-

Stefano Saja (Allenatore Acqua & Sapone Roma)- « Credo che abbiamo fatto veramente tantissimo per meritarci almeno un punto e purtroppo, per alcuni episodi, non siamo riusciti a portare a casa un risultato che sarebbe stato clamoroso. Abbiamo giocato una partita molto intensa con della grande qualità, concedendo però qualche palla facile a un avversario che non perdona. Il lavoro che le ragazze stanno facendo in palestra si vede, continuano a crescere, a migliore e a mettere in difficoltà anche corazzate come Scandicci ».

Massimo Barbolini (Allenatore Savino Del Bene Scandicci)- « Molto contento del risultato, perchè in questa stagione i tre punti non è mai scontato farli. Sono ancora più contento per come si era messa la partita, perchè eravamo con almeno un piede al tie break. Sono meno contento di come abbiamo giocato, perchè ci manca sempre qualcosa per fare il salto di qualità. Stasera, dopo aver vinto il secondo set in rimonta, dovevamo iniziare meglio la terza frazione. Dobbiamo fare un salto in avanti, magari lavorando di più, ma soprattutto continuando a metter in campo quello su cui lavoriamo, perchè ci stiamo allenando bene. Adesso ci prepariamo per mercoledì e per una partita ancora più difficile ».

IL TABELLINO-

ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY CLUB – SAVINO DEL BENE SCANDICCI 1-3 (21-25 23-25 25-18 27-29)

ACQUA & SAPONE ROMA VOLLEY CLUB: Stigrot 15, Cecconello 8, Klimets 22, Pamio 10, Rebora, Bugg 2, Venturi (L), Trnkova 10, Decortes 1, Avenia. Non entrate: Bucci (L), Arciprete, Papa. All. Saja.

SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Zilio Pereira 23, Alberti 7, Lippmann 15, Orthmann 7, Lubian 5, Malinov 6, Castillo (L), Pietrini 8, Antropova 4, Angeloni 3, Silva Correa 2, Camera. Non entrate: Napodano (L), Bartolini. All. Barbolini.

ARBITRI: Mattei, Brunelli.

NOTE – Spettatori: 1300, Durata set: 25′, 27′, 23′, 35′; Tot: 110′.

DELTA DESPAR TRENTINO – UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO-

E’ riuscita a raddrizzare una serata che era partita decisamente storta la Unet e-work Busto Arsizio che, sotto 2-0 sul campo di Trento, ribalta lo score e vince al tie-break. Gara decisamente dai due volti dunque, con la Delta Despar che, nonostante l’assenza di Piani, ha dato tutto nei primi due parziali, dominati grazie a un’ottima regia di Raskie e dagli spunti offensivi di Rivero e Nizetich. La UYBA, partita con Ungureanu in banda (dal secondo dentro Bosetti), è stata quasi “assente” nei primi due game, ma dal terzo si è ritrovata ed ha ricominciato a proporre il suo gioco. MVP della serata una Lucia Bosetti decisamente ispirata (11 punti, 37% in attacco con 3 muri), top scorer Mingaridi (22 con 3 muri e 2 ace) e Gray (18 con 2 muri e 1 ace). Bella prova di Stevanovic a muro: 5 opposizioni vincenti per lei.

Musso parte con Poulter – Mingardi, Olivotto – Stevanovic, Gray – Ungureanu, Zannoni libero, Bertini risponde con Raskie – Rivero, Furlan – Berti, Nizetich – Piva, Moro libero.

Nel primo set l’avvio è equilibrato (6-6 Mingardi), con Stevanovic che a muro e in attacco prova a dare la scossa (6-7 e 8-10); Rivero e Berti (attacco e muro) non ci stanno (11-12), Gray invade ed è di nuovo parità (12-12). Piva mura il vantaggio e fa chiamare tempo a Musso (13-12), poi attacca il 14-12; sulla battuta di Nizetich la rice bustocca fatica (15-12), poi Mingardi trova cambiopalla (15-13). Berti attacca e fa ace (17-13 ancora tempo Musso), al rientro Olivotto trova cambiopalla ben servita da Poulter (17-14). Piva regala il 17-15, Stevanovic si esalta a muro per il 17-16 e stavolta a chiamare time-out è Bertini. Rivero e Furlan a muro fanno 19-16, la UYBA pasticcia ed è presto 21-17. Il muro e l’attacco di Nizetich valgono il 23-17, Rivero trova il 24-18 e poco dopo chiude 25-18.

A tabellino: Berti 7, Rivero 6, Stevanovic 4

Secondo set: Musso riparte con Bosetti per Ungureanu, ma Rivero parte ancora forte in battuta (4-2) e Trento inizia a sognare. Mingardi riporta sotto le farfalle (5-4), ma il muro di Piva riporta le padrone di casa a +3 (7-4); Mingardi chiude a muro il super scambio che porta al 7-5, ma Rivero fa chiamare time-out a Musso (8-5). Furlan a muro allunga ancora (9-5) e poco dopo in attacco risponde a Gray per il 10-6. Piva fa ace (11-6), poi il muro di Olivotto prova ad accendere la luca (11-8). L’ace di Piva e il muro di Berti portano al 14-8 (ancora tempo Musso), Mingardi tira una bomba e trova  punti fino al 15-10 (dentro Monza per Poulter). Piva sfrutta la ricezione ballerina UYBA per mettere a segno il 17-10, Berti attacca e fa ace (19-11), Rivero mette a terra il 20-11. Stevanovic spezza il filotto di Trento (20-12), Mingardi realizza due ace fino al 20-14 (time-out Bertini) ma poi la UYBA regala il 21-14. Il set è segnato e Trento lo chiude velocemente: la battuta out di Stevanovic regala infiniti set-ball (24-16), Nizetich chiude 25-16.

A tabellino: Rivero, Piva, Furlan e Berti 4 a testa, Mingardi 8

Terzo set: Musso riparte con Poulter e Gray e l’avvio è equilibrato (2-2); Bosetti attacca bene con il mani-out il 4-3 e alza alla perfezione in bagher per Mingardi che pareggia (4-4). Raskie  di prima intenzione risponde a Mingardi 6-5, Mingardi e il muro di Stevanovic rilancano le farfalle (6-7).  Gray prova a entrare in partita (7-9),  Mingardi e il muro di Bosetti fanno 8-11. Nizetich ferma le farfalle (9-11), Rivero trova il -1 (10-11), Berti risponde ad Olivotto (11-12). Bosetti conclude il lungo scambio che porta all’11-13, Stevanovic prova la fuga (11-14). Mingardi forza dai 9 metri e propizia l’11-15 di Bosetti (time-out Trento). Sempre Lucia mura l’11-16, Gray in pipe due volte fa 11-17 e 12-18, poi passa anche da 4 per il 13-19  e il 13-20 (time-out Bertini). Il finale è in discesa, sempre Gray firma il 15-24 e Olivotto chiude 16-15.

A tabellino: Gray 8, Olivotto e Bosetti 4.

Quarto set: l’inizio è ancora equilibrato (2-2 bene Nizetich), poi il muro di Bosetti prova a lanciare le farfalle (2-4); Gray con l’ace fa +3 (2-5), ancora Bosetti si fa vedere (questa volta in attacco) per il 4-6,  mentre Mingardi fa chiamare tempo a Bertini con il diagonale del 4-7. Bosetti è continua da posto 4 (5-9), Stevanovic mura il 5-10, ma poco dopo è stoppata da Furlan (6-10), Bosetti firma l’ace del 7-12. La UYBA ora è concreta e mura (sul servizio della neo entrata Herrera Blanco) con Gray l’8-14. La canadese attacca il 9-16, Poulter realizza l’ace del 9-17, Olivotto e un altro muro di Bosetti portano al 10-19, Mingardi stoppa la neo-entrata Botarelli per il 10-20. Nel finale la UYBA amministra e chiude velocemente 16-25 (ancora in evidenza Bosetti).

A tabellino: Bosetti 7, Mingardi 4

Quinto set: Gray torna a farsi sentire e realizza la doppietta del 2-4, Mingardi mura il 2-5 e fa chiamare time-out a Bertini. La UYBA non si ferma e allunga ancora con Gray (2-6), Trento trova finalmente cambiopalla, ma Mingardi con due attacchi fa girare le squadre sul 4-8. Camilla mette a segno anche il 5-10, ma attacca lungo il 6-10. Il muro di Furlan riporta vicino Trento (7-10), Rivero trova il -2 (8-10) e Musso chiama tempo. Mingardi attacca in rete il 9-10, Stevanovic trova il cambiopalla (9-11); Gray c’è (9-12), così come Rivero (10-12, 11-13). Trento regala gli ultimi due punti con due errori (11-15).

I PROTAGONISTI-

Marco Musso (Allenatore Unet E-Work Busto Arsizio)- « Onestamente sono molto arrabbiato perchè l’approccio sufficiente alle partite mi fa pensare che evidentemente non siamo così pronti per voler essere “grossi”: le squadre che vogliono arrivare lontano si presentano con un altro atteggiamento e le partite le conducono per tutta la durata con un altro atteggiamento: non c’è tempo di aspettare il terzo set per rimettersi in carreggiata. Certo alla fine sono due punti importanti, ma così non dimostriamo di poter confermare quel che abbiamo fatto di buono con le squadre di prima fascia. Nei primi due set Trento ha fatto qualcosa di superiore ai suoi ultimi standard, ma noi non abbiamo fatto niente per contrastarla ».

IL TABELLINO-

DELTA DESPAR TRENTINO – UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO 2-3 (25-18 25-16 16-25 16-25 11-15)

DELTA DESPAR TRENTINO: Piva 13, Furlan 13, Rivero 17, Nizetich 12, Berti 13, Raskie 1, Moro (L), Mason 1, Botarelli 1, Stocco, Rucli. All. Bertini.

 UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO: Ungureanu, Stevanovic 12, Poulter 1, Gray 18, Olivotto 8, Mingardi 22, Zannoni (L), Bosetti 11, Herrera Blanco, Monza, Bressan. Non entrate: Battista, Colombo (L). All. Musso. ARBITRI: Papadopol, Piana.

NOTE – Spettatori: 156, Durata set: 25′, 24′, 25′, 24′, 17′; Tot: 115′.

I RISULTATI-

Prosecco Doc Imoco Volley Conegliano-Bartoccini-Fortinfissi Perugia 3-0 (25-13, 25-23, 25-13) Giocata ieri

Igor Gorgonzola Novara-Megabox Ondulati Del Savio Vallefoglia 3-0 (27-25, 25-16, 25-17) Giocata ieri

Vero Volley Monza-Il Bisonte Firenze 3-0 (25-18, 25-22, 25-17)

Delta Despar Trentino-Unet E-Work Busto Arsizio 2-3 (25-18, 25-16, 16-25, 16-25, 11-15)

Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore-Bosca S.Bernardo Cuneo 1-3 (24-26, 26-24, 17-25, 23-25)

Acqua & Sapone Roma Volley Club-Savino Del Bene Scandicci 1-3 (21-25, 23-25, 25-18, 27-29)

Volley Bergamo 1991-Reale Mutua Fenera Chieri 1-3 (25-23, 20-25, 29-31, 19-25) Giocata ieri

LA CLASSIFICA-

Prosecco Doc Imoco Volley Conegliano 31; Igor Gorgonzola Novara 25; Vero Volley Monza 22; Savino Del Bene Scandicci 20; Unet E-Work Busto Arsizio 20; Reale Mutua Fenera Chieri 19; Il Bisonte Firenze 17; Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore 12; Bosca S.Bernardo Cuneo 11; Volley Bergamo 1991 9; Megabox Ondulati Del Savio Vallefoglia 9; Acqua & Sapone Roma Volley Club 8; Bartoccini-Fortinfissi Perugia 7; Delta Despar Trentino 6.

IL PROSSIMO TURNO- 12/12/2021 Ore 17.00-

Igor Gorgonzola Novara – Delta Despar Trentino

Unet E-Work Busto Arsizio – Acqua & Sapone Roma Volley Club

Reale Mutua Fenera Chieri – Vbc Trasporti Pesanti Casalmaggiore

Bosca S.Bernardo Cuneo – Volley Bergamo 1991 Ore 19:30

Il Bisonte Firenze – Prosecco Doc Imoco Volley Conegliano Si gioca il 20/03/2022  Ore17:00

Bartoccini-Fortinfissi Perugia – Vero Volley Monza Si gioca il 13/12/2021 Ore 20.30

Megabox Ondulati Del Savio Vallefoglia – Savino Del Bene Scandicci Si gioca l’11/12/2021 Ore 20.30

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti