Roma e Milano vincono fuori, Firenze e Conegliano in casa

La squadra di Cuccarini passa a Trento, quella Gaspari domina a Cuneo. Per le pantere 11a vittoria contro Vallefoglia, le ragazze di Parisi alla fine doma Chieri
Roma e Milano vincono fuori, Firenze e Conegliano in casa
30 min

ROMA-Una domenica praticamente inedita per la Serie A1 Tigotà, con quattro partite giocate alle 17 e nessun posticipo serale, che invece si giocherà domani, lunedì 11 dicembre, con il big match tra Scandicci e Novara alle 20.30. In attesa della sfida che assegnerà il terzo posto, non rallentano la propria corsa la capolista Conegliano e la seconda in classifica Milano, mentre in vista della Coppa Italia importanti le vittorie di Roma e Firenze.

Nessuna sorpresa al Palaverde di Villorba: la Prosecco Doc Imoco Conegliano supera in poco più di un’ora le resistenze della Megabox Ond. Savio Vallefoglia, infilando l’undicesima vittoria da tre punti in altrettante partite in campionato. Degradi (14) e Mingardi (11) provano ad impensierire le pantere, soprattutto nelle fasi iniziali del secondo set, ma senza riuscire a metterle mai in difficoltà. MVP dell’incontro Lanier (8 punti), in doppia cifra Haak (15), Cook (13) e Fahr (11). Copione simile, ma con punteggi ancora più rotondi, nella sfida tra la Honda Olivero S.Bernardo Cuneo e l’Allianz Vero Volley Milano. La squadra di coach Gaspari non commette l’errore della scorsa settimana contro Casalmaggiore e risolve la pratica senza mai soffrire con una grande prestazione di Candi (MVP con 12 punti e 5 muri) e il solito contributo di Egonu (16), mentre nessuna delle gatte supera quota 6 (Haak e Kubik).

Tre punti importantissimi in ottica Coppa Italia per la Roma Volley Club, che non lascia nessun set alle avversarie dell’Itas Trentino, alla decima sconfitta in campionato. Le padrone di casa tengono il ritmo delle giallorosse solamente in alcuni frangenti del primo set, ma ancora una volta calano alla distanza, permettendo ad una super Bechis, MVP dell’incontro, di trovare con puntualità Bici (17 punti e 2 muri) e Rivero (14, 3 ace). Per coach Sinibaldi c’è da registrare il buon ritorno in campo di Angelina (10 punti) e poco altro.

Evita la beffa e si riprende con forza l’ottava posizione in classifica Il Bisonte Firenze, dopo aver trionfato al tie-break nella partita più combattuta della giornata contro la Reale Mutua Fenera Chieri ’76. Le collinari hanno sempre avuto grandi difficoltà a Palazzo Wanny e il trend non è cambiato neanche nella sfida odierna: subito avanti 2-0 le toscane, partite con più mordente e grinta delle avversarie, soprattutto nei punti finali che hanno determinato le due frazioni, terminate 28-26 e 25-23. Tutto sembrava lasciar presagire un’altra gara veloce, ma la squadra di coach Bregoli, dopo la metà del terzo parziale, impone il proprio ritmo alle padrone di casa e rimette in bilico l’incontro, impattando sul 2-2 dopo aver dominato il quarto gioco. Ma ben consapevoli della posta in palio, le ragazze di coach Parisi non hanno deluso il proprio pubblico, vincendo la sfida grazie ad una super Alsmeier da 27 punti ed MVP e al solito contributo di Ishikawa (17). Non bastano a Chieri i 46 punti del duo Grobelna-Skinner e i 14 blocks vincenti fatti segnare a referto (4 Gray, 3 Zakchaiou).

TUTTE LE SFIDE-

ITAS TRENTINO - ROMA VOLLEY CLUB-

È un’ottima Roma Volley Club a conquistare con merito lo scontro valido per l’undicesimo turno di regular season: contro l’Itas Trentino di coach Sinibaldi, le capitoline si impongono per 3-0 (22-25; 20-25; 14-25), trascinate da una super Bechis, MVP del match, e da una prestazione corale di altissimo livello.

La squadra di coach Cuccarini è stata brava nel trovare la giusta chiave per portarsi in vantaggio sin dall’avvio della disputa. Il primo set di Roma è stata infatti la rappresentazione dell’ottimo percorso condotto dal gruppo capitolino fin qui con Trento che più volte ha provato a ribaltare l’inerzia della contesa, senza però riuscire a contenere la martellante prestazione offensiva di tutto il reparto di attacco capitolino (22-25). Le resistenze avversarie giungono in ritardo e a corrente alternata.

Sopra di un set a zero, Roma ipotrca la vittoria nella seconda frazione (20-25) e domina nella terza (14-25), con tutte le Wolves a festeggiare il sesto successo stagionale. A Trento non bastano la forza di Angelina, tornata a pieno regime dopo lo stop prolungato causa infortunio, né la prestazione difensiva di Parlangeli per arginare la determinazione di Rivero e compagne. Miglior marcatrice delle capitoline a fine gara è Bici con 17 punti, di cui 2 muri.

Una partita condotta in maniera impeccabile dalla squadra di coach Cuccarini, che si gode la netta vittoria in trasferta e sale così a quota 16 punti, mantenendo la settima piazza in classifica.

I PROTAGONISTI-

Marco Sinibaldi (Allenatore Itas Trentino)- «Spiace per questa situazione, era una partita in cui i punti in palio erano davvero importanti ma Roma è stata migliore e più aggressiva rispetto a noi; in questo momento la classifica ci costringe a giocare con una grande pressione addosso e in questa occasione si è visto come la spensieratezza di Roma abbia invece fatto la differenza. Le abbiamo provate davvero tutte per tentare di mutare l’inerzia della sfida con diciotto cambi in tre set, ma non è stato sufficiente. Sono felice per la prestazione di Angelina che ha dimostrato di essere pienamente recuperata e di poterci dare un contributo importantissimo in attacco».

Marta Bechis (Roma Volley Club)-« Siamo molto contente. Sono stati per noi tre punti che desideravamo tanto, che abbiamo ricercato e che continuiamo a ricercare in tutte le partite. Dovevamo essere concrete in questa partita e lo siamo state. Trento sicuramente ci ha dato filo da torcere perché non cedeva mai. Soprattutto nei primi due set ha sempre cercato di rimontare. Però devo dire che sono molto orgogliosa della mia squadra perché davvero non ha mai mollato, nonostante non fossimo arrivate nelle migliori condizioni fisiche. Siamo proprio soddisfatti perché è stato un risultato di squadra, da noi giocatrici fino al fondamentale supporto dello staff tecnico. Ripeto, sono veramente contenta ed orgogliosa di questi tre punti ».

IL TABELLINO-

ITAS TRENTINO – ROMA VOLLEY CLUB 0-3 (22-25, 20-25, 14-25)

ITAS TRENTINO: Shcherban 2, Michieletto 4, Guiducci 0, Moretto 2, DeHoog 8, Olivotto 9, Parlangeli (L); Mason 5, Marconato 0, Zago 3, Angelina 10, Acosta 0. N.e.: Gates, Mistretta (L). All. Marco Sinibaldi.

ROMA VOLLEY CLUB: Bechis 2, Bici 17, Melli 7, Ana Beatriz 7, Rivero 14, Rucli 6, Ferrara (L); Valoppi 0, Schwan 0. N.e.: Madan, Ciarrocchi, Muzi. All. Giuseppe Cuccarini.

ARBITRI: Papadopol, Rossi

Durata Set: 27’, 27’, 24’; tot. 84’.

Mvp: Marta Bechis (Roma Volley)

Spettatori: 880.

HONDA OLIVERO S.BERNARDO CUNEO - ALLIANZ VERO VOLLEY-

Sesta vittoria consecutiva in Serie A1 Tigotà per l’Allianz Vero Volley che, al Palazzo dello sport di Cuneo, ha sconfitto a domicilio la Honda Olivero S.Bernardo Cuneo nell’undicesima giornata di campionato. La squadra ammiraglia femminile del Consorzio ha vinto con un netto 0-3 (18-25; 15-25; 14-25). Dopo un primo set in cui le due compagini sono state a lungo in parità, la Vero Volley ha spinto nel secondo e terzo set per portare a casa i tre punti fondamentali per consolidare la seconda posizione in classifica. Qualche modifica per coach Gaspari nel sestetto iniziale rispetto alla formazione tipo delle ultime giornate, con Prandi – Egonu come diagonale palleggiatore opposto, coppia di schiacciatrici composta da Sylla e Daalderop, Candi-Rettke come centrali e Castillo libero.

Candi impatta bene il match con il muro che regala all’Allianz Vero Volley Milano il primo vantaggio della partita (1-0). Sylla e ancora Candi a muro, la squadra ospite tenta l’allungo ma Cuneo riprende l’inerzia del set (3-3). Candi spinge in battuta trovando l’ace del +3 (3-6). Serie di botta e risposta tra le due formazioni, con Milano brava a mantenere le tre lunghezze di distanza (5-8). Egonu mette a segno la diagonale, Sylla è brava a trovare il mani-out ma Cuneo è attenta a minimizzare gli errori fino a tornare in partita con il contro-parziale portandosi fino al -2 (10-12). Tocco di seconda di Prandi che lascia i due punti di vantaggio a Milano (13-15). Cuneo riesce a recuperare e trovare il pareggio sul 15-15: time-out per coach Gaspari. Sostanziale equilibrio in questa fase, con nessuna delle due compagini che riescono a prendere il largo (17-17). Milano allunga sul 17-19 e coach Bellano si affida alla prima sospensione tecnica dell’incontro. La squadra ospite riesce a portarsi sul +3 e poi ad allungare ulteriormente grazie al muro di Candi (18-22), prima del secondo time-out chiamato da Cuneo. La Vero Volley spinge ulteriormente, entra anche Malual subito prima di chiudere il parziale grazie a due belle diagonali di Egonu: 18-25.

Immediato doppio vantaggio per l’Allianz Vero Volley Milano (0-2), con Candi efficace a muro. Le ragazze di Gaspari attaccano bene il secondo set, giocando aggressive e allungando subito fino a trovare il +5 (0-5). Cuneo trova il punto della bandiera, ma le ospiti riprendono subito l’inerzia del gioco (1-7), costringendo Bellano a chiedere la sospensione tecnica. Egonu trova la diagonale strettissima al ritorno in campo, Candi si fa vedere anche in difesa e Milano vola sul +8 (9-1). La Vero Volley continua a spingere, incrementando il vantaggio grazie anche al bel primo tempo di Rettke (13-4): secondo time-out Cuneo. Due ace in rapida successione – prima Daalderop e poi Rettke -, con Milano a mettere 11 lunghezze di distacco tra le due squadre (16-5). Cuneo tenta di rientrare in partita trovando un mini-break, ma troppo tardi per impensierire la squadra ospite ormai sul 9-21. Le piemontesi spingono molto, ma il set è ormai compromesso con Milano che chiude il secondo parziale 15-25 con l’ultimo pallone messo a terra da Egonu.

Sylla colpisce subito con il lungolinea dello 0-1 in apertura del terzo gioco. Cuneo non ha intenzione di fare sconti alla Vero Volley, ma le ragazze di Gaspari mettono in campo tutta la determinazione e un’ottima correlazione muro-difesa che incanalano il set sui giusti binari (3-6). Le piemontesi ricuciono lo svantaggio pareggiando i conti (7-7), prima della fast di Rettke per il nuovo vantaggio meneghino (7-8). Sylla con la diagonale vincente, grande solidità a muro con Candi-Daalderop e nuovamente Sylla (questa volta con un ace) danno a Milano il vantaggio di 4 punti (10-14): time-out Cuneo. Le piemontesi forzano per cercare di rientrare, ma lo svantaggio si fa sempre più importante (10-16) e Bellano ferma nuovamente il gioco. Secondo ace nel set per Sylla, primo tempo di Candi: +9 Vero Volley (11-20). La partita è virtualmente ai titoli di coda con le padrone di casa che, come nel secondo set, si fanno vedere sul finale ma con il parziale già indirizzato a favore di Milano (13-24). L’ultimo punto del match è di Sylla (14-25), che regala all’Allianz Vero Volley Milano una merita vittoria.

MVP del match, per la prima volta in stagione, Sonia Candi, autrice di una partita solidissima in attacco, con 12 punti messi a referto con 5 muri e un ace. Top scorer dell’incontro Paola Egonu con 16 palloni messi a terra.

I PROTAGONISTI-

Massimo Bellano (Allenatore Honda Olivero S.Bernardo Cuneo)- « Secondo me se c’è una cosa che non ha funzionato è l’attacco, lì abbiamo fatto molta fatica, ma in ricezione le abbiamo tenute basse, quindi vuol dire che in battuta abbiamo fatto un buon lavoro. Il loro attacco, che ha tante uscite e qualità l’abbiamo contenuto bene, poi bisogna mettere palla a terra e questo stasera e nell’ultimo periodo lo stiamo facendo con poca qualità . questo è quindi l’aspetto più importante. Anche in ricezione, tolto dei momenti di black out dovuti secondo me alla frustrazione di non riuscire a mettere la palla a terra, abbiamo giocato con buon ordine. Ripeto, secondo me dobbiamo lavorare molto sull’attacco e le scelte dei colpi e andare un po’ più libere come facevamo una ventina di giorni fa, altrimenti diventa difficile giocare con queste squadre, e non solo con queste. Io alleno questo gruppo d tanto tempo e ci sono state situazioni come il primo set a Trento o il secondo a Roma dove siamo spariti dal campo in maniera ingiustificabile. Qui secondo me stasera siamo stati presenti in tutti i set, ma in attacco abbiamo subito troppo la qualità dei loro muri, dovevamo sfidarli di più e meglio. Se non si riesce a mettere la palla a terra con continuità, squadre come questa ti danno una possibilità, forse anche la seconda, ma alla terza non ci arrivi mai ».

Sonia Candi (Allianz Vero Volley Milano)- « Quella di oggi è stata una vittoria molto importante, su di un campo in cui poteva essere molto difficile portare a casa i tre punti. Siamo state brave ad aggredire la partita, soprattutto nel secondo e terzo set, rimanendo concentrate in ogni momento. Sono felice del nostro gioco, abbiamo spinto dall’inizio alla fine: ora testa alla prossima partita con Firenze ».

IL TABELLINO-

HONDA OLIVERO S.BERNARDO CUNEO – ALLIANZ VERO VOLLEY MILANO 0-3 (18-25; 15-25; 14-25) 

HONDA OLIVERO S.BERNARDO CUNEO: Scola 1, Ferrario (L), Sylves 5, Stigrot 5, Adelusi 4, Kubik 6, Enweonwu 2, Signorile, Hall 2, Scogniamillo (L), Haak 6, Molinaro. Non entrate: Thior, Tanase. All. Bellano

ALLIANZ VERO VOLLEY MILANO: Malual, Prandi 2, Rettke 8, Sylla 7, Egonu 16, Daalderop 7, Candi 12, Castillo (L). Non entrate: Cazaute, Heyrman, Folie (L), Orro, Pusic, Bajema. All. Gaspari.

ARBITRI: Carcione, Cruccolini

Durata set: 25′, 23′, 22′ ; Tot: 71′

MVP: Sonia Candi (Allianz Vero Volley Milano)

Spettatori: 2180

PROSECCO DOC IMOCO CONEGLIANO - MEGABOX OND. SAVIO- VALLEFOGLIA-

Inarrestabile Prosecco Doc Conegliano che conquista contro la Megabox Vallefoglia l’11° successo consecutivo. Una vittoria netta per 3-3-0 (25-18,25-20,25-17 ) contro un’avversaria che si è arresa allo strapotere tecnico della squadra di Santarelli.

In campo la Prosecco DOC Imoco di coach Santarelli di fronte ai suoi caldissimi tifosi hanno rispettato le consegne e il pronostico, mettendo a segno contro Vallefoglia l’undicesima vittoria in altrettanti match di Campionato e confermando così imbattibilità stagionale e primato in classifica.

Il sestetto di partenza delle campionesse d’Italia vede stasera Wolosz in regia e Haak opposto, al centro Lubian-Fahr, Lanier e Robinson Cook schiacciatrici, libero De Gennaro. Coach Pistola schiera Dijkema con Mingardi opposto, Mancini e Aleksic al centro, schiacciatrici Degradi e Kosheleva, libero Panetoni.

Il primo set è molto equilibrato nella fase iniziale, Mingardi e compagne vanno all’arrembaggio e restano agganciate fino all’11-11. Wolosz e compagne dopo aver lasciato sfogare le avversarie iniziano a fare sul serio, toccando a muro e facendo vedere la loro proverbiale applicazione in difesa, complice la giornata propizia di Monica de Gennaro. Il primo break è di Khalia Lanier (13-11), poi si scatena Isabelle Haak che approfitta di una grande pressione in battuta delle sue compagne per trovare i contrattacchi del 16-13. Ancora Lanier a segno per un ulteriore allungo (19-14) che spiana la strada a una chiusura senza particolari problemi da parte di Haak (6 punti nel set con il 62% in attacco) e compagne che, nonostante i tentativi di reagire della Megabox con Mingardi (5 punti nel set), conquistano il primo parziale per 25-18.

Anche il sec0ondo set dopo una prima fase combattuta vede la Prosecco DOC Imoco iniziare la suga sull’ 11-8, protagoniste Haak e Fahr. Il muro gialloblù tocca tutti i palloni ed è facile per capitan Wolosz smarcare le sue attaccanti in fase break: una Lanier sempre più efficace ed integrata nei meccanismi di attacco gialloblù va a segno in pallonetto, poi la stessa regista polacca va a segno in prima persona con l’ace del 13-8 che infiamma il Palaverde. Time out di coach Pistola.

Ancora Mingardi con la consueta grinta prova a reagire con colpi pregevoli in attacco, poi Kosheleva la aiuta e Vallefoglia resta in scia (15-11). Il gioco si fa più vario, Marina Lubian trova soluzioni vincenti in fast, ma un’ottima Degradi (6 punti con l’80% nel set) tiene le marchigiane a -4. Le battute di Mingardi si fanno sentire e nel finale Vallefoglia arriva pericolosamente a -2 (21-19), prima di cedere sotto i colpi delle “solite” Haak (7 punti anche nel secondo set, top scorer con 15 alla fine) e Lanier. 25-20 con il punto finale in pipe di Robinson Cook ed è 2-0 per la Prosecco DOC Imoco Volley.

Senza storia il terzo set, le Pantere ruggiscono fin dall’inizio (7-4), Monica De Gennaro non fa cadere un pallone e il pubblico si spella le mani per le difese gialloblù. In evidenza sia in seconda linea che nella fase d’attacco, la schiacciatrice USA Khalia Lanier (sarà MVP del match), poi arriva una spallata importante anche da Fahr (11 punti alla fine) e Robinson Cook (doppietta, chiuderà con 13 punti) e il vantaggio si dilata (15-7). Nel finale spazio anche al doppio cambio con Bugg e Piani, brave a non far scendere il livello (c’è anche Bardaro per il giro dietro), la Prosecco DOC Imoco vuole chiudere in fretta e  non lascia scampo a Dijkema e compagne, nonostante le incursioni di Degradi (14 punti) e Mingardi (11). Le ultime azioni fanno esplodere il pubblico del Palaverde dopo un paio di difese-monstre di De Gennaro e i colpi vincenti di Lubian e Piani che ciude in diagonale per il 25-17, l’undicesima vittoria consecutiva della squadra di coach Santarelli, sempre più salda in vetta alla SerieA1 Tigotà.

I PROTAGONISTI-

Khalia Lanier (Prosecco Doc Imoco Conegliano)- « Giocare con questa squadra e queste campionesse è facile, mi sto integrando bene nel gioco e le cose stanno andando bene, sono molto soddisfatta. Oggi abbiamo dato continuità alla nostra striscia vincente con un'altra buona partita, ora dobbiamo continuare così per queste ultime gare di dicembre perchè vogliamo chiudere bene la prima parte di stagione. Abbiamo due settimane senza coppe per prepararci bene poi dopo la pausa in primavera avremo gli appuntamenti più importanti e lì vogliamo vedere i frutti del nostro lavoro ».

Laura Dijkema (Megabox Ond. Savio Vallefoglia)-  « Ci abbiamo provato, ma non è il Palaverde il palasport dove è facile fare punti, quindi prendiamo lezione da questa partita e guardiamo avanti al nostro campionato. Qualcosa di buono oggi abbiamo provato a metterlo in campo, ma quando loro spingono così c'è poco da fare. Ora concentriamoci sulle prossime partite perchè vogliamo fare punti per risalire la china ».

IL TABELLINO-

PROSECCO DOC IMOCO CONEGLIANO-MEGABOX VALLEFOGLIA 3-0 (25-18,25-20,25-17 )

PROSECCO DOC IMOCO: Wolosz 4, Haak 15, Squarcini, Lubian 6, De Kruijf n.e., De Gennaro, Gennari n.e., Fahr 11, Robinson Cook 13, Lanier 8, Bardaro, Piani 2, Bugg, Plummer ne. All.Santarelli

MEGABOX VALLEFOGLIA: Dijkema, Degradi 14, Aleksic 2, Mingardi 11, Gardini ne, Mancini 1, Panetoni, Giovannini 1,  Kosheleva 4, Grosse Scharmann ne, Cesarini, Cecconello 2. All. Pistola.

ARBITRI: Canessa e Pasin
Durata set: 22′,24′,23′

MVP: Khalia  Lanier (Prosecco Doc Conegliano)

Spettatori: 3.380

IL BISONTE FIRENZE - REALE MUTUA FENERA CHIERI '76-

Il Bisonte torna alla vittoria, e lo fa al termine di una partita soffertissima contro la quinta forza del campionato, la Reale Mutua Fenera Chieri: se c’è una cosa che alle bisontine non manca, quella è sicuramente il cuore, grazie al quale hanno recuperato e vinto il primo set dal 21-24 per le ospiti per poi riuscire a giocare un super tie break dopo una rimonta subita da 2-0 a 2-2 che avrebbe fiaccato chiunque. I due punti conquistati permettono a Firenze di riportarsi all’ottavo posto a due giornate dalla fine del girone d’andata, con la qualificazione alla Coppa Italia ancora assolutamente possibile, ma soprattutto restituiscono entusiasmo alla squadra, che oggi si è appoggiata soprattutto ad Alsmeier, ancora MVP come contro Busto: dopo tre set stellari, con 24 punti messi a terra, anche lei è stata coinvolta nel black out generale del quarto, ma nel tie break ha reagito alla grande, mettendo giù il pallone decisivo e chiudendo col 45% in attacco e due muri, rendendo vani i 25 punti di Grobelna per Chieri.

Coach Parisi, senza l’indisponibile Cesé Montalvo, schiera Battistoni in palleggio, Kraiduba opposto, Ishikawa e Alsmeier in banda, Graziani e Mazzaro al centro e Leonardi nel ruolo di libero, mentre Bregoli, privo di Weitzel, risponde con Malinov in regia, Grobelna opposto, Skinner e Kingdon in posto quattro, Zakchaiou e Gray al centro e Spirito libero.

Ottimo inizio de Il Bisonte, con due attacchi di Ishikawa per il 3-0, poi sul muro di Battistoni su Zakchaiou del 6-2 Bregoli ferma subito il gioco: ancora Ishikawa da seconda linea aumenta il vantaggio sul 10-5, Kraiduba firma il mani-out del 12-6 e allora Bregoli spende anche il suo secondo time out, poi sul 15-10 arriva il doppio cambio con Anthouli e Morello per Malinov e Grobelna, ma Graziani spinge forte a muro e in battuta per il 17-10. Sul 18-13 Bregoli chiude il doppio cambio e Chieri prova a riavvicinarsi con l’ace di Malinov (18-14), poi la battuta di Gray infastidisce la ricezione del bisontine e sul 20-17 di Zakchaiou è Parisi a chiamare time out: due muri di Skinner e Zakchaiou valgono il 20-19, poi Kraiduba infila il mani out del 21-19 e subito dopo arriva il doppio cambio con Agrifoglio e Lazic per Kraiduba e Battistoni, ma Skinner è scatenata e impatta sul 21-21, con Parisi che ferma di nuovo il gioco. Dopo un altro muro di Zakchaiou entra Stivrins per Graziani, ma l’attacco di Grobelna e l’errore di Lazic valgono il 21-24, con Parisi che chiude il doppio cambio: qui succede l’incredibile, col muro di Stivrins e il doppio attacco di Alsmeier che pareggiano i conti (24-24), prima di un pazzesco finale in cui Ribechi (entrata in battuta nella rotazione precedente al posto di Mazzaro) non può uscire per i cambi esauriti, e in cui una stupefacente Alsmeier (11 punti nel set) annulla un altro set point (25-25) e poi chiude i conti con attacco e muro del 27-25.

Nel secondo set rimane in campo Stivrins, e Firenze prova il break ancora con Alsmeier (10-8), con Bregoli che inserisce Anthouli per Grobelna e Il Bisonte che continua a spingere, tanto che sul 13-10 di Ishikawa Bregoli è costretto a chiamare time out: la chiacchierata fa bene perché la Fenera rientra subito e sorpassa (13-14) con due muri di Kingdon e Zakchaiou, tanto che adesso è Parisi a dover fermare il gioco, poi sul 15-16 entra Morello per Malinov ma Il Bisonte trova un nuovo break con Alsmeier e l’errore di Anthouli (18-16). Bregoli chiude il doppio cambio e poi deve spendere un altro time out dopo un’invasione del suo muro (19-16), la sua squadra torna ad avvicinarsi con l’errore di Ishikawa (21-20), ma la stessa giapponese reagisce subito e trova due super attacchi (23-20), anche se l’ace di Skinner riapre i giochi (23-22) e Parisi decide di parlarci su: al rientro Skinner sbaglia la battuta (24-22), poi Grobelna annulla il primo set point, ma sull’attacco di Kraiduba Chieri commette invasione per il 25-23.

Il Bisonte prova a tenere l’inerzia e sale subito 5-3 con l’inesauribile Alsmeier, Bregoli chiama time out ma Ishikawa trova l’ace del 6-3, poi arriva la reazione di Chieri che pareggia sull’8-8 col muro di Gray e sorpassa con l’ace di Kingdon (9-10): adesso si gioca punto a punto ma sul tocco a rete di Gray del 13-15 Parisi è costretto a chiamare time out, con la sua squadra che reagisce e impatta subito col lungolinea di Kraiduba (15-15), per poi riallungare con Mazzaro e Alsmeier (17-15) e provocare l’immediato time out di Bregoli. Il mani-out di Grobelna vale l’immediata parità (17-17), la belga ci mette anche il muro del 18-19 e poi continua a spingere (nove punti nel set) con i due attacchi del 19-21, con Parisi che risponde col time out: sul 20-22 c’è il doppio cambio con Agrifoglio e Lazic per Kraiduba e Battistoni, sul 21-23 Bregoli risponde con Anthouli e Morello per Malinov e Grobelna, ma un errore in attacco e un muro di Zakchaiou riaprono la partita (21-25).

Adesso l’inerzia è dalla parte di Chieri che con un ace fortunato di Grobelna sale subito 1-4, poi sull’errore di Kraiduba del 3-7 Parisi è obbligato a chiamare time out, ma la crisi continua e le ospiti salgono sul 5-12 con l’ace di Kingdon e il muro di Grobelna, con Parisi che ferma di nuovo il gioco: sul 5-13 entra Lazic per Ishikawa, Il Bisonte prova a reagire proprio con Lazic (11-17), poi il muro di Stivrins vale il 13-18, ma Grobelna (altri otto punti nel parziale) ci mette di nuovo una pezza (14-21) e alla fine è Malinov a chiudere 17-25.

Nel tie break un paio di errori di Chieri restituiscono entusiasmo a Il Bisonte (4-2) e giustamente Bregoli decide di parlarci su, con la sua squadra che reagisce subito e impatta col muro di Malinov (4-4): Stivrins risponde col monster block del 6-4 (il quinto della sua partita), Grobelna chiude un punto lunghissimo per il 7-7, ma Alsmeier e Kraiduba riallungano (9-7) e Bregoli ferma di nuovo il gioco. Kraiduba trova il diagonale dell’11-8, Mazzaro conferma il cambio palla (12-9), poi il videocheck valuta out di pochi millimetri l’attacco di Skinner (13-10), ma sull’errore in battuta di Kraiduba Parisi chiama time out (13-11): al rientro Ishikawa trova il mani-out che vale il match point, e poi è Alsmeier a mettere il punto esclamativo sulla sua straordinaria prestazione firmando il definitivo 15-11.

 I PROTAGONISTI-

Carlo Parisi (Allenatore Il Bisonte Firenze)- « Ci aspettavamo una partita così e i primi due set non ci hanno illuso, perchè sapevamo che dovevamo soffrire e infatti abbiamo sofferto: conosciamo i nostri punti forti e i nostri punti deboli, sappiamo che dobbiamo mantenere le nostre caratteristiche anche nei momenti di difficoltà, ma quello che dico sempre è che la squadra deve crederci e giocare fino alla fine. Bisogna fare i complimenti alle ragazze per come hanno giocato questa gara: abbiamo avuto alti e bassi, ma alla fine il quinto set lo abbiamo giocato bene. Portiamo a casa due punti, volevamo muovere la classifica con una vittoria e ce l’abbiamo fatta, quindi dobbiamo essere contenti del risultato ».

Ofelia Malinov (Reale Mutua Fenera Chieri '76)- « Siamo partite con tanta difficoltà a fare le nostre cose, merito di Firenze perché ci ha messo in difficoltà col suo gioco veloce, e anche noi abbiamo commesso molti errori. Siamo state brave a rientrare in partita. Ci sono tante cose positive ma anche tante cose da rivedere da cui ripartire. E' stata una bella partita. Peccato non essere riusciti a portarla a casa ».

IL TABELLINO-

IL BISONTE FIRENZE - REALE MUTUA FENERA CHIERI '76 3-2 (28-26 25-23 21-25 17-25 15-11)

IL BISONTE FIRENZE: Alsmeier 27, Mazzaro 8, Kraiduba 11, Ishikawa 17, Graziani 2, Battistoni 4, Leonardi (L), Stivrins 10, Lazic 4, Agrifoglio, Ribechi. Non entrate: Acciarri. All. Parisi.

REALE MUTUA FENERA CHIERI '76: Kingdon Rishel 16, Gray 8, Grobelna 25, Skinner 21, Zakchaiou 14, Malinov 4, Spirito (L), Anthouli 1, Morello. Non entrate: Kone, Rolando (L), Papa, Omoruyi. All. Bregoli. ARBITRI: Curto, Zanussi.

Durata set: 32', 29', 28', 24', 20'; Tot: 133'.

MVP: Lina Alsmeier (Il Bisonte Firenze)

Spettatori: 926

I RISULTATI-

Prosecco Doc Imoco Conegliano - Megabox Ond. Savio Vallefoglia 3-0 (25-18, 25-20, 25-17);

Savino Del Bene Scandicci - Igor Gorgonzola Novara Si gioca domani ore 20.30

Trasportipesanti Casalmaggiore - Wash4green Pinerolo 0-3 (18-25, 23-25, 21-25) Giocata ieri;

Uyba Volley Busto Arsizio - Volley Bergamo 1991 3-1 (25-27, 25-15, 26-24, 25-22) Giocata ieri;

Il Bisonte Firenze - Reale Mutua Fenera Chieri '76 3-2 (28-26, 25-23, 21-25, 17-25, 15-11);

Honda Olivero S.Bernardo Cuneo - Allianz Vero Volley Milano 0-3 (18-25, 15-25, 14-25);

Itas Trentino - Roma Volley Club 0-3 (22-25, 20-25, 14-25).

LA CLASSIFICA-

Prosecco Doc Imoco Conegliano 33, Allianz Vero Volley Milano 28, Igor Gorgonzola Novara 24, Savino Del Bene Scandicci 24, Reale Mutua Fenera Chieri '76 19, Wash4green Pinerolo 17, Roma Volley Club 16, Il Bisonte Firenze 14, Megabox Ond. Savio Vallefoglia 13, Uyba Volley Busto Arsizio 11, Honda Olivero S.Bernardo Cuneo 10, Trasportipesanti Casalmaggiore 9, Volley Bergamo 1991 8, Itas Trentino 2.

Una partita in meno Savino Del Bene Scandicci, Igor Gorgonzola Novara

IL PROSSIMO TURNO-

Sabato 16 dicembre 2023, ore 18.00

Roma Volley Club - Savino Del Bene Scandicci

Sabato 16 dicembre 2023, ore 20.30

Megabox Ond. Savio Vallefoglia - Trasportipesanti Casalmaggiore

Volley Bergamo 1991 - Igor Gorgonzola Novara

Domenica 17 dicembre 2023, ore 17.00

Wash4green Pinerolo - Prosecco Doc Imoco Conegliano

Il Bisonte Firenze - Allianz Vero Volley Milano

Domenica 17 dicembre 2023, ore 19.30

Reale Mutua Fenera Chieri '76 - Honda Olivero S.Bernardo Cuneo

Domenica 17 dicembre 2023, ore 20.30

Uyba Volley Busto Arsizio - Itas Trentino


Acquista ora il tuo biglietto! Segui dal vivo la partita.© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti