Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Il VAR pronto al debutto in Champions League
© LaPresse
Champions League
0

Il VAR pronto al debutto in Champions League

I primi ottavi di finale sono Roma-Porto e Manchester United-PSG: sono i battesimi del Video Assistant Referee in Europa

ROMA – Il Video Assistant Referee è pronto al suo debutto in Champions League. Dagli ottavi di finale in poi, Il VAR controllerà costantemente errori chiari ed evidenti relativi alle seguenti quattro situazioni di gioco in grado di cambiare le partite: gol, incidenti in area di rigore, cartellini rossi, scambi di identità. 

ESORDIO EUROPEO – Le prime due partite in programma in cui il direttore di gara sarà coadiuvato dal VAR sono Roma-Porto e Manchester United-PSG. I test tecnologici effettuati sono risultati positivi e la formazione degli arbitri è pronta: d’ora in poi ci sarà la moviola in campo europeo. Per tutta l’edizione 2018-19 della Champions League sarà utilizzato il Video Assistant Referee. 

Casillas, Champions all'italiana


NON SOLO CHAMPIONS LEAGUE Il Comitato Esecutivo UEFA ha deciso di usare il VAR nella finale di UEFA Europa League 2019, nelle Finals di UEFA Nations League 2019 e nella fase finale dei Campionati Europei UEFA Under 21. Come deciso durante la riunione di settembre del Comitato Esecutivo UEFA, il VAR sarà usato nella UEFA Champions League 2019/20 (dagli spareggi in poi) e in Supercoppa UEFA 2019. La UEFA prevede inoltre di estendere l'uso del VAR alla fase finale di UEFA EURO 2020, alla UEFA Europa League 2020/21 (dalla fase a gironi in poi) e nelle Finals della UEFA Nations League 2021. 

Le 5 storie principali degli ottavi di Champions


Vedi tutte le news di Champions League

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti