Fiorentina

Vedi Tutte
Fiorentina

Serie A Fiorentina, Astori punta l'Inter: «La prova del nove»

Serie A Fiorentina, Astori punta l'Inter: «La prova del nove»
© SESTINI MASSIMO

Il difensore: «Io e miei compagni intendiamo ancora dimostrare di poter competere per le zone alte»

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 19 aprile 2017 17:15

FIRENZE - "Vogliamo assolutamente ripartire contro l'Inter per una questione di prestigio, di classifica e perché lo dobbiamo ai nostri tifosi. La partita di sabato sarà la prova del nove". Davide Astori prova a scuotere la Fiorentina reduce dal ko interno con l'Empoli che ha agitato l'ambiente e assottigliato ancor di più le già flebili speranze europee. "È stata un'annata particolare per noi - ha aggiunto il difensore viola a margine dell'iniziativa #Tifapulito oggi allo stadio insieme a società, Comune di Firenze e all'azienda Worwerk Folletto, sponsor della Fiorentina -. Sappiamo che sabato affronteremo una squadra molto forte però io e miei compagni intendiamo ancora dimostrare di poter competere per le zone alte quindi vogliamo fare una grande prestazione anche per sdebitarci con i nostri tifosi: erano tanti l'altro giorno contro l'Empoli e sono sicuro che saranno numerosi anche sabato prossimo".

FIORENTINA, TESORETTO DA 50 MILIONI

SENZA KALINIC - Insomma, la parola d'ordine è ripartire anche se la sconfitta nel derby toscano ha complicato una situazione già delicata per la squadra di Sousa, acuita pure dall'espulsione a match concluso di Kalinic per proteste verso l'arbitro Mazzoleni, artefice insieme ai suoi collaboratori di una direzione fortemente contestata dalla Fiorentina. Proteste che sono costate all'attaccante croato due giornate di squalifica anche se i legali del club viola sono al lavoro per un possibile ricorso. Nel frattempo però è sicura l'assenza di Kalinic contro i nerazzurri: "Proprio il cartellino rosso a Nikola è la cosa che più mi è dispiaciuta al di là di quanto accaduto sabato scorso - ha proseguito Astori - Se abbiamo avuto spiegazioni? Non era il caso di chiederle e comunque loro per tutelarsi non si sono espressi. Non dimentichiamo però che gli arbitri sono uomini ma lo siamo pure noi giocatori". Il difensore della Fiorentina e della Nazionale è favorevole all'utilizzo sempre più massiccio della tecnologia: "Gli errori ci possono stare e fanno parte del gioco come le polemiche però con la tecnologia si potrebbe fare un ulteriore passo. Penso all'amichevole Italia-Francia giocata l'anno scorso a Bari: la moviola era spenta però abbiamo tratto lo stesso dei benefici considerando che non ci è stato assegnato un rigore che non c'era". Intanto la Fiorentina prosegue la preparazione: tra gli obiettivi recuperare Gonzalo Rodríguez assente nell'ultima gara per una botta rimediata in allenamento.

Articoli correlati

Commenti