Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Volley: A2 Maschile, ora è ufficiale: la Scarabeo rinuncia
A2 maschile
0

Volley: A2 Maschile, ora è ufficiale: la Scarabeo rinuncia

La Junior Volley, nell'impossibilità di giocare a Civita Castellana e dopo tre anni di pellegrinaggio in altri Comuni, ha deciso di ripartire dalla Serie B

CIVITA CASTELLANA (VITERBO)-Decisione dolorosa e sofferta però inevitabile. La Scarabeo Roma rinuncia al prossimo campionato di A2 maschile. La società di Civita Castellana, dopo tre anni nel secondo torneo nazionale, è stata costretta a ripartire dal basso soprattutto per mancanza di un impianto di gioco mettendo anche in bacheca la Del Monte Coppa Italia di A2, vinta dopo un’appassionante   finale contro Bergamo nel gennaio scorso a Bari.

Tre sono stati i comuni in cui la Junior Volley ha giocato, cambiando campo di gara di anno in anno, come un apolide, portando la seria A prima a Monterotondo, poi a Montefiascone e infine a Roma nella stagione appena trascorsa. Doveroso dirlo, ogni comune ha aperto le braccia e accolto con entusiasmo il grande volley che gli è stato proposto. Quella del nomadismo non è stata certo una volontà della dirigenza, ma una sorta di esilio forzato, conseguente alle mancate risposte di un’Amministrazione Comunale che non ha saputo valorizzare appieno una sua eccellenza sportiva.  Una società di pallavolo   che ha fatto conoscere e portato in alto   il nome e i colori di Civita Castellana in tutti i principali palazzetti italiani.  Anni di promesse, proclami in piazza, progetti predisposti a spese della società ma nulla è stato fatto da questa Amministrazione Comunale neanche per adeguare il vecchio impianto agli standard della A2 e consentire agli appassionati civitonici di assistere alle gare interne della loro squadra.

La dirigenza rossoblù, nell’annata appena conclusa, ha provato a riportare   la serie A in una Roma pallavolisticamente orfana da anni: ed ecco la Scarabeo GCF Roma condurre tutta la Regular Season da prima in classifica, esaltare il pubblico laziale, conquistare le pagine delle più importanti testate nazionali sportive, riportare appassionati e famiglie al Pala Tiziano capitolino e alzare al cielo una Coppa Italia storica al Pala Florio di Bari nel gennaio scorso. Questo positivo bilancio dell’annata romana aveva indotto nella dirigenza della Junior Volley la speranza di avere finalmente trovato una definitiva soluzione ai problemi del campo di gara al Palazzetto dello Sport di viale Tiziano a Roma.

L’ultimo Palazzetto che ha ospitato le partite interne dei civitonici è stato quello di Viale Tiziano di Roma che, per decisione dell’Amministrazione Comunale, dovrà restare chiuso un paio di stagioni per improrogabili lavori di restauro.

In alternativa è stato proposto di spostare il campo di gara in un padiglione della Nuova Fiera di Roma, vicino l’Aeroporto di Fiumicino, una soluzione chiaramente impraticabile per la Junior Volley per la logistica e per i costi.

La prospettiva di cambiare per il quarto anno la sede di gara ha quindi costretto la dirigenza della Junior Volley a fare un passo indietro e, con grande rammarico, a rinunciare all’iscrizione al nuovo Campionato di A2. Una decisione ovviamente non semplice, sofferta ma lucida e consapevole, da parte di chi nulla deve dimostrare sul piano delle capacità organizzative e tecniche dati gli eccellenti risultati raggiunti in soli tre anni di A2.   Non difenderà la sua Coppa Italia la Junior Volley, non lotterà per altri ambiziosi traguardi verso la Superlega, ma ricomincerà a ricostruire dalla serie B la sua nuova storia sportiva, restituendo ai tifosi locali il piacere di tifare per la squadra della propria città nel Palazzetto dedicato al mai dimenticato Pino Smargiassi.

La dirigenza della Junior  Volley, nelle persona della Presidente Maria Luisa Agostinelli, in questo difficile momento, ha voluto ringraziare pubblicamente gli sponsor, tutti i giocatori, i tecnici  Spanakis, Pastore, Beltrame, il Direttore Sportivo Sacripanti, l’ufficio stampa Migliosi e Torcivia e tutti gli altri dirigenti e  collaboratori che hanno contribuito  con professionalità ed entusiasmo a far sì che una piccola realtà di provincia come la nostra si sia potuta affermare contro compagini molto più blasonate in tutti i palazzetti d’Italia.

Questo è un “A” Rivederci. Una nuova stagione comincerà tra qualche mese, il passato è già futuro. Come scrive  il poeta Pablo Neruda  « Nascere non basta. È per rinascere che siamo nati. Ogni giorno »,  e così sarà anche per la Junior Volley che adesso fa un passo indietro per farne tre in avanti quando avrà a disposizione un impianto cittadino idoneo per la serie A, come testimonia la sua storia, breve ma ricca di traguardi prestigiosi.

Vedi tutte le news di A2 maschile

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti