Liverpool-Roma, caso Sean Cox: Simone Mastrelli condannato a tre anni e mezzo

Il tifoso romanista, che ha ammesso di aver aggredito il sostenitore dei Reds, dovrà scontare la pena in carcere
Liverpool-Roma, caso Sean Cox: Simone Mastrelli condannato a tre anni e mezzo
TagsLiverpoolRoma

ROMA - Si è chiuso il caso relativo all'aggressione di Sean Cox, tifoso del Liverpool, da parte di Simone Mastrelli, sostenitore della Roma protagonista degli scontri fuori lo stadio di Anfield in occasione della sfida di Champions League tra i Reds e i giallorossi del 24 aprile 2018. Mastrelli - come scrive l'edizione britannica di Sky Sport News - è stato condannato a tre anni e mezzo di carcere dopo essersi dichiarato colpevole dell'assalto di Cox fuori lo stadio dopo la partita.

Roma, Daspo per 14 tifosi per gli incidenti in semifinale di Champions

Scontri prima di Liverpool-Roma, Lombardi non colpevole per le lesioni a Cox?

IL CASO - Il 53enne Cox ha subito un grave trauma cranico ed è rimasto per quattro settimane e mezzo in un'unità neurologica specializzata dopo gli incidenti dello scorso aprile nei pressi di Anfield. Mastrelli è stato arrestato in Italia a gennaio e poi estradato in Inghilterra. Un altro tifoso della Roma, il 21enne Filippo Lombardi, è stato condannato lo scorso anno a tre anni di reclusione per violazioni dell'ordine pubblico in relazione agli incidenti di quel giorno, ma è stato scagionato dal suo coinvolgimento nell'aggressione a Cox. Anche un terzo tifoso giallorosso, il 29enne Daniele Sciusco, ha ammesso di aver partecipato agli incidenti ed è stato condannato a due anni e mezzo di prigione.

Klopp: "La maglia su Sean Cox? Gesto di grande rispetto"
Guarda il video
Klopp: "La maglia su Sean Cox? Gesto di grande rispetto"

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti