Caso Turchia, Uva: "Revoca finale Champions a Istanbul? Valutiamo ma è prematuro"

Le parole del vicepresidente dell'Uefa sulla possibilità di revocare la scelta della città turca per disputare la finalissima della massima competizione europea per club: "E' chiaro che con il comitato esecutivo ed il presidente Ceferin valuteremo le situazioni"

© ANSA

ROMA - E' possibile che in seguito all'invasione della Siria sia revocata la scelta di Istanbul per disputare la finale di Champions League del prossimo 30 maggio? "Revocare una finale è un atto forte. Penso che ora non siamo nemmeno nelle condizioni di discuterne - ha risposto Michele Uva, vicepresidente dell'Uefa, ospite di 'Radio anch'io Sport' - E' chiaro che con il comitato esecutivo ed il presidente Ceferin, valuteremo le situazioni, ma mi sembra assolutamente prematuro parlare di sanzioni a questo livello".

Under, post pro Turchia con la maglia della Roma: bufera sui social
Guarda la gallery
Under, post pro Turchia con la maglia della Roma: bufera sui social

Le parole di Uva sul caso Turchia

Certo è che "il calcio non può far finta di nulla" a proposito di quello che sta succedendo in Siria, ha aggiunto Uva. Il saluto militare dei giocatori turchi dopo la vittoria con l'Albania potrebbe avere ripercussioni? "Lo sport, e soprattutto il calcio che ha una esposizione mediatica mondiale, non può permettersi segni distintivi di natura politica. Certi gesti sono assolutamente da biasimare". Il tipo e l'entità di eventuali sanzioni "dipende molto non solo dai referti del delegato Uefa e dell'arbitro, ma chiaramente dalle immagini televisive e fotografiche - ha spiegato ancora il dirigente - Quella della federazione è una sanzione per responsabilità oggettiva, poi si può passare anche a sanzioni per i singoli giocatori. Ma sono valutazioni che vanno fatte solo dopo aver visto tutto il materiale e questo spetta agli organi inquirenti e giudicanti". Questa sera si gioca Francia-Turchia e all'andata la Marsigliese venne fischiata: "Mi aspetto che sia una bellissima partita perché ha un valore sportivo altissimo - è l'auspicio di Uva - Mi auguro che tutto sia ricompreso in uno spettacolo sportivo straordinario. C'è attenzione dal punto di vista della sicurezza, ma spero che i tifosi dimostrino di amare il calcio e di non sconfinare nell'ambito politico, che è qualcosa che ci fa tremare tutti".

Roma, bufera social su Under
Guarda il video
Roma, bufera social su Under

Da non perdere





Commenti