Caso plusvalenze: deferite Juve, Napoli e altre 9 società

La procura federale della Figc contesta illeciti contabili a tutti i club e a 61 persone
Caso plusvalenze: deferite Juve, Napoli e altre 9 società© EPA
3 min

ROMA - Il procuratore della Figc ha deferito al Tribunale Federale Nazionale la Juventus, il Napoli e altre 9 società (Sampdoria, Pro Vercelli, Genoa, Parma, Pisa, Empoli, Chievo Verona, Novara, Delfino Pescara 1936) "per avere contabilizzato plusvalenze e diritti alle prestazioni dei calciatori per valori eccedenti quelli consentiti in misura da incidere sui requisiti federali per il rilascio della Licenza Nazionale". Assieme ai club sono state deferite anche 61 persone fisiche che a vario titolo hanno ricoperto l’incarico di consigliere di amministrazione o di dirigente dotato dei poteri di rappresentanza. L'inchiesta e' quella che la Procura della Figc ha iniziato nei mesi scorsi - e chiusa il 21 febbraio - in seguito alla segnalazione della Covisoc (l'organismo di controllo sulle società di calcio) riguardo la "valutazione degli effetti di trasferimenti dei diritti alle prestazioni di calciatori sui bilanci e alla contabilizzazione di plusvalenze". Argomenti sono la violazione dell'articolo 31, comma 1, e articoli 6 e 4 del Codice di Giustizia Sportiva, ovvero in materia gestionale ed economica.

Caso plusvalenze: la Sampdoria deferita dalla Procura

Caso plusvalenze: le carte della Juve che stanno cercando i pm

Il comunicato della Figc

Nel comunicato della Federcalcio, si legge nel dettaglio, è contestato, "a titolo di responsabilità propria, ai sensi dell’art. 31 comma 1 del Codice di Giustizia Sportiva, per avere contabilizzato nelle Relazioni finanziarie plusvalenze e diritti alle prestazioni dei calciatori per valori eccedenti quelli consentiti dai principi contabili in misura tale da incidere significativamente, per alcune delle predette Società, sui requisiti federali per il rilascio della Licenza Nazionale, violando in tal modo anche l’art. 31 comma 2 del Codice di Giustizia Sportiva. Le stesse Società sono state deferite a titolo di responsabilità diretta, ai sensi dell’art. art. 6, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva, per gli atti e comportamenti posti in essere da propri soggetti apicali dotati di potere di rappresentanza e per responsabilità oggettiva, ai sensi dell’art. art. 6, comma 2, del Codice di Giustizia Sportiva, per gli atti e comportamenti posti in essere da soggetti apicali non dotati di poteri di rappresentanza. Con le predette società sono state deferite anche 61 persone fisiche che a vario titolo hanno ricoperto l’incarico di consigliere di amministrazione o di dirigente dotato dei poteri di rappresentanza".


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti