Il Chelsea e il microonde per riscaldare le... scarpe

Ecco il metodo piuttosto singolare che i Blues utilizzano per rendere i propri scarpini più morbidi. Scopri di più
Il Chelsea e il microonde per riscaldare le... scarpe© EPA
TagschelseaMicroondescarpe

Il Chelsea non si separa mai dal suo... microonde. Sì, proprio così. Nello spogliatoio del Blues non manca mai un forno a microonde, che viene utilizzato per riscaldare le scarpe e renderle più morbide. Un metodo di certo stravagante e piuttosto singolare che aiuta i calciatori ad indossare gli scarpini, sempre più aderenti al piede. Tuchel e i suoi calciatori non vi rinunciano nemmeno in trasferta.

Chelsea, ecco a cosa serve il microonde

Un membro dello staff ha rivelato: "Le scarpe da calcio moderne sono pull-on con una pelle molto più aderente che fa affidamento su un effetto di compressione per rimanere attaccati. Quindi quando fa freddo possono essere piuttosto resistenti, piuttosto rigidi e scomodi da indossare almeno per la prima volta. I giocatori mettono le scarpe nel microonde per un minuto o due e il timer suona quando sono abbastanza morbidi. In realtà è uno strumento prezioso che si aggiunge alla loro attrezzatura. Non si tratta di coccolarli, piuttosto di ottenere il meglio dagli scarpini, mettendo i giocatori a proprio agio in modo che possano esprimersi al meglio il più rapidamente possibile". Il Chelsea, società sempre all'avanguardia, tiene molto ai propri calciatori, tanto da impiegare i propri chef all'interno dello stadio pronti a cucinare subito dopo la fine di un match per permettere ai giocatori di rigenerarsi dopo le tante energie spese durante la partita. La squadra di Tuchel domani, domenica 28 febbraio, ospiterà il Manchester United. Occhio a non dimenticare il microonde. 

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti