Haaland, la Juve fa l'offerta a Raiola

Le big d'Europa in fila per l'attaccante del Salisburgo, il club bianconero si muove
Haaland, la Juve fa l'offerta a Raiola© Getty Images
Alfredo Pedullà

Il prezzo di saldo è una specie di “clausola Raiola” che abbatte la valutazione di Erling Brant Haaland. Non i 70- 80 milioni che sarebbero serviti per il classe 2000 astro nascente del Salisburgo ma una cifra vicina ai 30 milioni, tenendo conto delle commissioni. In fondo, se tutto sarà confermato, un affarone. Anche perché i numeri sono numeri, il ragazzo norvegese del Salisburgo ha già portato a casa 28 palloni: 16 gol in campionato (più 6 assist), 8 in Champions e 4 in Coppa d’Austria. Se queste sono le premesse, esistono tutte le condizioni possibili e immaginabili per sfondare il muro dei 50 quando sarà maggio e dovremo tirare le somme.

La Lazio stende la Juve 3-1 e sui social impazzano i post ironici
Guarda la gallery
La Lazio stende la Juve 3-1 e sui social impazzano i post ironici

L'offerta Juve ad Haaland: tre milioni a stagione

La Juve si è materializzata recentemente con una proposta a Mino Raiola. Tre milioni di ingaggio a stagione, più eventuali bonus e tutte le condizioni giuste per arrivare a un’intesa. Il particolare che fa la differenza: è vero che la Juve vuole collezionare campioni per rendere sempre più sensibile l’obiettivo Champions, ma è anche vero che puntare sui giovani più bravi in giro per il mondo è una necessità, una storia scritta da sempre. Higuain ha un contratto in scadenza nel 2021, Mandzukic è separato in casa da agosto e molto presto andrà via, normale che in attacco ci sia la necessità di tenere accesi i riflettori. Oltretutto il Salisburgo, memorizzata la clausola che è una tagliola, ha l’esigenza di trovare una soluzione in grado di mettere tutti d’accordo.

Leggi l'articolo completo sul Corriere dello Sport-Stadio

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti