Inter, la scelta di Zhang dopo il flop Champions: zero colpi, solo tagli

A gennaio il club dovrà sfoltire, autorizzate pure le cessioni a titolo temporaneo
Inter, la scelta di Zhang dopo il flop Champions: zero colpi, solo tagli© Inter via Getty Images

MILANO – Una rosa ricca e abbondante per affrontare una stagione intasata ed evitare di ritrovarsi con gli uomini contati, come accaduto l’anno scorso e non solo. Ecco com’era uscita l’Inter dall’ultimo mercato. Beh, dopo nemmeno 3 mesi, i nerazzurri si ritrovano fuori dall’Europa e in corsa in sole due competizioni, campionato e Coppa Italia. Insomma, la realtà è che ora quell’organico è sovradimensionato, con il concreto rischio che diversi elementi (anche pesanti) possano finire fuori dalle rotazioni. Attenzione, è vero che fino a metà febbraio si andrà avanti comunque con i 3 impegni a settimana, almeno per chi arriverà in semifinale di Coppa Italia, ma poi? Quando ricominceranno Champions ed Europa League, l’Inter sarà in campo solo nel week-end. E, a quel punto, le anche abbondanti rotazioni effettuate da Conte in queste settimane saranno solo un ricordo.

L' Inter di Antonio Conte è fuori dalla Champions League, il web si scatena fra ironie e sfottò
Guarda la gallery
L' Inter di Antonio Conte è fuori dalla Champions League, il web si scatena fra ironie e sfottò

Il nodo del monte ingaggi

Significa che a gennaio si dovrà sfoltire. Qualcuno era già in partenza, come Vecino, Nainggolan e ovviamente Eriksen, ridotto a giocare solo gli ultimi spiccioli di gara. A questo punto, c’è da credere che non ci si fermerà qui. Potrebbe partire un difensore, ma anche Pinamonti, che il tecnico non ritiene pronto e che, senza Europa, non è nemmeno più utile per la lista Uefa. Intanto, non ci sarà più il veto sui prestiti. A patto che comportino una riduzione del monte ingaggi - aspetto divenuto ancora più fondamentale adesso che sono venuti a mancare una parte dei ricavi legati alle Coppe -, verranno autorizzate pure le cessioni a titolo temporaneo. E, come già emerso, sarà determinante trovare l’incastro giusto per mettere in piedi qualche scambio. Insomma, non sarà una sessione facile per il tandem Marotta-Ausilio, che dovrà subire pure le pressioni di Conte per almeno un paio di innesti. L’allenatore leccese, infatti, Champions o non Champions, continua a ritenere che a centrocampo manchi un Kantè, ovvero un mediano con caratteristiche di rottura, e che là davanti ci vorrebbe sempre un vero vice-Lukaku.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti