Calciomercato Juve, Pellegrini saluta. La situazione Demiral

Movimenti in difesa, oggi incontro: niente riscatto, possibile l’acquisto a 15 milioni
Calciomercato Juve, Pellegrini saluta. La situazione Demiral
3 min
Filippo Bonsignore
TagsjuveCalciomercato

Juve e Atalanta: i due club si incontreranno e cercheranno di trovare la quadratura del cerchio sulla vicenda del centrale turco, reduce da una stagione in prestito (oneroso, a 3 milioni) alla Dea. Gli accordi della scorsa estate prevedevano un diritto di riscatto a 21 milioni in favore dei nerazzurri, che però hanno deciso di non esercitare questa opzione. Formalmente, così, Merih deve tornare alla Juve ma di passaggio perché alla Continassa non viene ritenuto centrale nel progetto tecnico di Max Allegri, nonostante il fresco addio di capitan Chiellini e il timore di perdere un altro leader come De Ligt, nel mirino di tutte le grandi d’Europa. 

Continuità

Il turco vuole giocare con continuità, non essere il primo ricambio dei titolari, e questo è uno dei fattori che ha spinto già un anno fa la Juve a cederlo; il pensiero del giocatore non è cambiato e quindi ora si dovrà trovare una soluzione. La prima soluzione porta nuovamente a Bergamo. La Dea intende parlare con i bianconeri per provare a rinegoziare l’intesa di un anno fa: d’altra parte, Demiral è stato un punto fermo della difesa a tre di Gasperini (42 presenze tra campionato e coppe) e quindi, nel caso si riuscisse a ridurre l’ammontare dell’investimento, la dirigenza nerazzurra potrebbe pensare di riacquistarlo. Su che basi si ragiona? Un massimo di 14-15 milioni, per poi passare la palla a Gasp e valutare se confermare Merih in rosa oppure attendere eventualmente qualche offerta sostanziosa per realizzare un margine di guadagno. La prospettiva potrebbe anche convenire alla Juve, che aveva già pregustato il riscatto dell’Atalanta e invece si trova con 21 milioni in meno in arrivo (più i potenziali bonus che avrebbero portato l’affare a sfiorare i 30 milioni). Un incasso certo, quindi, potrebbe garantire risorse da reinvestire sul mercato ed evitare ulteriori ricerche di acquirenti. Altra questione sarebbe poi integrare il reparto centrali con un’altra pedina: al momento, in rosa ci sono Bonucci, De Ligt, Rugani e Gatti; probabile che si aggiunga un quinto centrale per riempire il vuoto lasciato da Chiellini. La questione si farebbe più complicata se ci fossero sorprese dal mercato sul fronte De Ligt. Allora sì che il restyling della difesa dovrebbe essere più profondo e ingente. 

Pellegrini out

C’è movimento pure sulle fasce. De Sciglio ha appena rinnovato fino al 2025 e si attende semplicemente l’ufficialità; sarà il jolly per la destra (dove ci sono Danilo e Cuadrado) e la sinistra, dove resterà soltanto Alex Sandro, a meno di novità pure sul suo conto visto che è tra i sacrificabili. Luca Pellegrini, infatti, è in uscita: vuole giocare e si sta cercando una soluzione che possa soddisfare tutti.


Commenti