Juve e Rabiot ai saluti, Paredes può arrivare

Il francese vola verso il Manchester United con il placet della madre-agente. E a centrocampo via libera al tanto atteso rinforzo dal Psg
Juve e Rabiot ai saluti, Paredes può arrivare
4 min
Filippo Bonsignore
TagsParedesRabiotjuve

TORINO - Rabiot ai saluti. C’è il Manchester United sempre più nitido all’orizzonte e la Juve può davvero pensare concretamente di piazzare un colpo in uscita, che garantirebbe ossigeno puro ai conti e anche di risolvere un problema dal punto di vista tecnico, considerato il rendimento sempre troppo altalenante e mai davvero convincente del francese. Dopo gli addii da svincolati di Dybala e Bernardeschi e il mancato riscatto di Morata, ora sta per iniziare la fase di sfoltimento della rosa, partendo proprio dal francese. Adrien, peraltro, è stato considerato tra i cedibili già nelle scorse sessioni di mercato ma senza che la prospettiva si concretizzasse, in particolare per l’ingaggio monstre da 7 milioni a stagione che non ha mai aiutato a trovare potenziali acquirenti. Questa estate c’era stato un sondaggio del Chelsea, che però non si è mai concretizzato in offerte concrete. Ora la prospettiva torna ad essere la Premier League, con maggiori possibilità di successo.

Juve, due ipotesi di formazione con il Sassuolo: Kostic subito titolare?
Guarda la gallery
Juve, due ipotesi di formazione con il Sassuolo: Kostic subito titolare?

Passi avanti

Nelle ultime ore sono stati compiuti importanti passi avanti, soprattutto sul fronte più a rischio, quello della ricerca dell’accordo con il giocatore. Il Manchester United doveva iniziare infatti il confronto con la signora Veronique, la mamma-agente di Rabiot, una controparte storicamente non troppo malleabile. A fare da apripista alla trattativa è stata una telefonata del tecnico dei Red Devils, Ten Hag, ad Adrien. Poi la palla è passata alla dirigenza, che ha allacciato i contatti con la madre del calciatore. Il primo bilancio è confortante; i riscontri sono positivi e lasciano ben sperare. Anche perchè i club hanno già raggiunto un principio di accordo sulla base di 17 milioni più bonus. E questo fattore può rivelarsi importante pure sul fronte del giocatore, che era comunque alla ricerca di una nuova sistemazione e che aveva iniziato la stagione da “separato in casa”, dopo aver saltato per motivi personali la tournée negli Stati Uniti ed essersi allenato con l’Under 23.

Kostic alla Juve, ma prima l'ultimo allenamento con l'Eintracht
Guarda la gallery
Kostic alla Juve, ma prima l'ultimo allenamento con l'Eintracht

La Juve vedrebbe insomma di buonissimo grado la partenza del francese, che consentirebbe di accelerare sull’arrivo di Paredes, il rinforzo tanto atteso per il centrocampo. A favorire l’offensiva bianconera c’è l’accordo già imbastito con il giocatore, così come il fatto che il Paris Saint Germain stia per concludere l’arrivo di Fabian Ruiz dal Napoli. I bianconeri devono trovare ancora invece l’intesa con il club francese, intanto stanno per cedere Rovella al Monza.

La nuova Juve con Milik: la formazione di Allegri
Guarda la gallery
La nuova Juve con Milik: la formazione di Allegri

In campo

Mercato in fermento, insomma, in vista del debutto con il Sassuolo, per il quale, in ogni caso, Rabiot sarebbe indisponibile perché squalificato. Allegri potrebbe già inserire Kostic, già comunque allenato e in condizione visto che aveva iniziato la Bundesliga con l’Eintracht: verosimilmente lo farà a gara in corso. Max dovrà far fronte a ben otto assenze, tra infortuni e squalifiche, e non ha troppi margini di scelta. L’idea base è il 4-3-3, sperimentato per tutta l’estate: Danilo-Bonucci-Bremer-Alex Sandro davanti a Perin; a centrocampo potrebbe toccare a Locatelli in regìa, con Zakaria e Miretti (o Fagioli) mezzali. In attacco, tridente con Di Maria-Vlahovic-Cuadrado (il colombiano è atteso oggi in gruppo alla ripresa), altrimenti potrebbe toccare al giovane argentino Soulé o, appunto, a Kostic. L’alternativa porta al 3-5-2 e quindi ad una difesa a tre con Danilo (o Gatti), Bonucci e Bremer, davanti a Perin, mentre a centrocampo gli esterni potrebbero essere Cuadrado e Alex Sandro (o Kostic) con Zakaria-Locatelli-Miretti (o Fagioli) a centrocampo. Tandem d’attacco? Di Maria-Vlahovic.


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Commenti