Lazio, si scalda la pista Insigne: l'alternativa è in Argentina

Biancocelesti a caccia di un'ala per gennaio e l'ex pupillo di Sarri cerca diliberarsi dal Toronto, piace Pierotti del Colon: tutti i dettagli
3 min
Daniele Rindone

ROMA - Gennaio non è mai stato un mese di mercato fruttuoso per la Lazio, chissà se lo sarà il prossimo. Ci sono delle intenzioni, da confermare. L’idea di rintracciare un’ala in più esiste, se è concretizzabile si capirà in piena fiera. È caccia ad un attaccante esterno con caratteristiche diverse dagli attuali, può essere utile a Sarri. Zaccagni non ha mai brillato come l’anno scorso. Isaksen è in crescita, ma Felipe è in ribasso e Pedro gioca per di più part-time. Stanno mancando imprevedibilità, dribbling e gol. Mau sente la mancanza di un’ala che sappia saltare l’uomo e garantire movimenti diversi quando si incontrano squadre da attaccare alle spalle. Il diesse Fabiani proverà ad accontentarlo anche se non partirà Pedro e non lo farà, ha detto chiaramente che rimarrà fino a giugno. 

Mercato Lazio, occasione Insigne per gennaio

Fabiani farà il possibile, ma dipenderà dalle offerte che si presenteranno. Una, si sa, può essere Lorenzo Insigne, ma solo se il Toronto lo presterà a costo zero. Ha 32 anni e un contratto da 11 milioni tra cifra fissa (7,5) e legata al marketing. In caso di prestito il giocatore dovrebbe rinunciare ad una parte dello stipendio che gli spetterebbe fino a giugno, una grossa fetta dovrebbe coprirla il club canadese, il resto la Lazio. Non è un’operazione semplice. Insigne è a Napoli, vi rimarrà fino a Capodanno. Si è affidato alla You First, stessa scuderia che cura gli interessi di Luis Alberto, per tornare in Europa, meglio se in Italia. Ripete che a Toronto si trova bene, non può compromettere il rapporto con la sua società. La You First proverà anche a trovare un accordo di risoluzione. Il contratto milionario pesa pure per il Toronto, arrivato ultimo in campionato.

Lazio a caccia di un'ala, le piste in Argentina

Ci sono piste che portano in Argentina. È stato seguito Santiago Pierotti del Colon, ala classe 2001, argentino con passaporto italiano. È in scadenza nel dicembre 2024. È alto 1,89, è destro. Gioca anche come punta nel 3-5-2. Nell’ultimo giorno del mercato estivo era spuntato il nome di Cesar Huerta, ala messicana. Classe 2000, ha 22 anni. È un’ala sinistra, è sotto contratto con il Pumas fino al 2025. Ha segnato 8 gol in 15 partite nella Liga MX Apertura. È extracomunitario. Dall’Inghilterra era rimbalzato il nome di Gnonto, in rotta con il Leeds.

Caso Vecino e non solo: la situazione in mediana

Il mercato di gennaio andrà valutato ancora di più se il caso Vecino non rientrerà. La società, per il reintegro, ha disposto che il giocatore debba chiedere scusa a Sarri. Lo strappo è nato dopo un diverbio con l’allenatore. Se finirà sul mercato, la Lazio dovrà rintracciare un altro centrocampista. Kamada, a gennaio, andrà in Coppa d’Asia, per quanto stia facendo numero. In uscita c’è anche Basic e la società era intenzionata a cederlo e rimpiazzarlo. In difesa tutto era legato all’eventuale partenza di Gila, oggi imprescindibile, immaginiamo anche a gennaio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti