Asensio, il Milan sfida la Juve: Maldini chiama Ancelotti

Il mancino “scoperto” da Nadal non rinnova con i Blancos e si scatena l’assalto delle migliori squadre europee: Pioli ha già pronta la soluzione tattica ideale ma Allegri reagisce
Asensio, il Milan sfida la Juve: Maldini chiama Ancelotti
6 min
Davide Palliggiano
TagsAsensioMaldiniAncelotti

Paolo chiama Carlo e gli chiede di Marco. Una storia che parte dall’Italia e arriva dritta in Spagna, dove c’è fermento per il Mondiale e i talenti di Luis Enrique faranno di tutto, in estate, per trovare una squadra che dia loro spazio e visibilità. Stavolta Maldini non dovrà volare a Ibiza per convincere Theo Hernandez, ma probabilmente sempre alle Baleari, sull’isola di Maiorca, per spiegare il progetto Milan a un giocatore che nel Real Madrid è passato dall’avere un ruolo importante a uno marginale. Nella cavalcata per la vittoria dell’ultima Champions League, Marco Asensio ha giocato solo due volte da titolare. Discorso diverso in campionato, dove è partito dal 1’ per la metà delle gare (19). È sulla sua necessità di un ritorno al ruolo di protagonista che il Milan s’è fatto sotto. La trattativa è cominciata con una telefonata di Maldini ad Ancelotti: «Carlo, ti dispiacerebbe?». E Carletto, da signore qual è, gli ha fatto capire che non ne farebbe un dramma. Il Real Madrid, in quel ruolo, ha Rodrygo, ha scoperto Valverde e potrebbe anche spostare Vinicius, semmai Hazard dovesse tornare quel fenomeno di qualche anno fa sulla fascia sinistra.  

Asensio, scadenza 2023

Il Real ha provato a offrire ad Asensio il rinnovo del contratto, ma senza troppa convinzione. Deve cederlo, perché è in scadenza nel 2023 e non può perdere a parametro zero un giocatore di indiscutibile valore. A 26 anni, il maiorchino è ancora nel pieno della carriera, ha avuto un brutto infortunio nel luglio del 2019 (crociato e menisco), ma ora è sano, sta bene, l’ha dimostrato quest’anno nella Liga (10 gol), meno in Champions, dove l’unica rete che ha segnato, di assoluta bellezza, è stata quella del 2-0 all’Inter nella fase a gironi al Bernabeu. A un anno dalla scadenza del contratto, dunque, il Real sa che non può chiedere più di 30-35 milioni di euro. Una cifra che in Premier possono spendere a occhi chiusi: proprio negli ultimi giorni l’Arsenal si accodato al Manchester United, destinazione affascinante dove Marco ritroverebbe i suoi ex compagni Varane e Cristiano Ronaldo. Al Milan, invece, troverebbe una soluzione tattica ideale. Pioli può schierarlo dove quest’anno si sono alternati Saelemaekers e Junior Messias: a destra, col piede invertito, pronto a servire cross per Giroud o chi per lui con quel magnifico mancino che si ritrova.  

Luis Enrique, Asensio e il bambino invasore: il gesto che ha commosso la Spagna VIDEO
Guarda il video
Luis Enrique, Asensio e il bambino invasore: il gesto che ha commosso la Spagna VIDEO

Juve, non solo Milan

Maldini ora dovrà trattare con José Angel Sanchez, direttore generale del Real Madrid, e sondare la disponibilità del giocatore, impegnato fino a ieri sera con la Spagna in Nations League. La concorrenza è spietata, perché al di là dello United c’è la Juventus. Le italiane, a differenza dei Red Devils, gli possono garantire la vetrina della Champions, fattore non da poco in ottica Mondiale. Allegri lo stima e se lo ricorda bene. Fu lo spagnolo a mettere la parola fine sulla finale del 2017 a Cardiff (4-1). Con Chiesa a sinistra, Asensio a destra e Vlahovic al centro, quello dei bianconeri sarebbe un attacco stellare.

Calciomercato, gli obiettivi delle sette big di Serie A
Guarda la gallery
Calciomercato, gli obiettivi delle sette big di Serie A

Garanzia Nadal

La svolta nella carriera di Marco è avvenuta nel 2014. Nato e cresciuto a Maiorca, dove da ragazzino si è messo in mostra attirando l’attenzione di diversi club. Il Barcellona, che l’aveva praticamente in tasca, e il Real Madrid, che però era un po’ meno convinto che il suo fosse un profilo adatto. Fu l’indecisione dei blaugrana e una telefonata di Rafa Nadal a Florentino Perez a convincere i Blancos a investire circa 4 milioni per assicurarselo. “Mallorquin” come lui e fan sfegatato del Real, Nadal, oltre a essere il tennista con più Slam vinti nella storia, s’è dimostrato anche un discreto talent scout: «Mi vide giocare e disse al presidente che nel Maiorca c’era un ragazzino molto interessante» ha poi raccontato a distanza di anni Asensio. A quel punto, Florentino si convinse e la trattativa durò pochissimo. Visita al Bernabeu, un tour per la Ciudad Deportiva di Valdebebas e la firma del contratto, prima di concludere la stagione a Maiorca e poi passare in prestito per un anno all’Espanyol. Dall’estate del 2016, è in pianta stabile alla Casa Blanca, un posto che non si lascia mai volentieri. Ancelotti, però, non gli può garantire il posto fisso e il Real non può perderlo a zero la prossima stagione. Tocca quindi a Maldini, o eventualmente ad Allegri, convincerlo a trasferirsi a Milano o a Torino. Non sarà la “Garanzia Nadal”, ma avrà la certezza di essere al centro del progetto. Roba non da poco nell’anno del Mondiale

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti